zerocalcare-spiega-per-bene-la-cancel-culture
Zerocalcare
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
4 ore

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
7 ore

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
8 ore

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Cinema
9 ore

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022
Società
11 ore

Linguaggio di genere: alla Srf segni speciali solo per giovani

Formulazioni quali "Parlamentarier:innen" e "Politiker:innen" saranno usate solo laddove ci si rivolga a un pubblico giovane, più abituato al linguaggio di genere
Musica
14 ore

Addio a Joey Jordison, co-fondatore degli Slipknot

Nel 2013, batterista e band presero strade diverse. Dopo la separazione, Jordison annunciò di avere un disturbo del sistema nervoso
Cinema
14 ore

Da Universal 400 milioni di dollari per un nuovo 'Esorcista'

Ellen Burstyn, candidata all'Oscar nel 1973, torna nel ruolo di Chris MacNeil. Non è un remake, piuttosto un seguito. E nessuno ha chiamato Linda Blair...
LongLake Festival
14 ore

Zappa Quartet, Through Sound, Broggini & Friends. E anche Dante

Da stasera con la BandaDante, spettacolo-omaggio al Sommo Poeta, fino a una domenica primo agosto di classica e musica irish
Ticino Musica
15 ore

Il 'Concerto al tramonto', la prima di Massagno (e il resto)

Venticinquesima edizione al rush finale: Animato Kwartet a Monte Carasso; a Massagno l'omaggio a Sofia Gubaidulina
Spettacoli
1 gior

Maybe a concert: Raissa Avilés aprirà la stagione del Sociale

Aperta la prevendita per il concerto che si terrà il prossimo 25 settembre a Bellinzona
Spettacoli
1 gior

Addio a Gianni Nazzaro, cantò l'amore negli anni 70

Tra le sue hit Quanto è bella lei. La rivalità con Ranieri
Scienze
1 gior

Clima, record di caldo dovuti alla velocità dei mutamenti

È quanto indica uno studio del Politecnico di Zurigo. La terra si riscalda molto rapidamente, i precedenti primati cadranno con maggior frequenza.
Culture
2 gior

Associazione Nel, una rassegna per rinascere

La nuova proposta si aprirà a fine agosto con la rassegna di videoarte Illuminating, poi incontri e attività in collaborazione con LongLake Festival e L’Ideatorio
Spettacoli
2 gior

Venezia: madri coraggio e tanta politica alla Mostra

Il cartellone di Venezia 78 presentato dal direttore artistico Alberto Barbera. Fuori concorso ‘Ariaferma’ di Leonardo Di Costanzo, coprodotto da Amka
Spettacoli
2 gior

Locarno74, il primo Kids Award a Mamoru Hosoda

Un nuovo premio al Festival: il Locarno Kids Award la Mobiliare sarà consegnato il 9 agosto al maestro dell'animazione giapponese
Teatro San Materno
2 gior

Leo Pusterla, là dove tutto è (ri)cominciato

Il 4 luglio 2020, con papà Fabio, la prima uscita dal lockdown. Il 28 luglio alle 18.30, nello stesso posto, Terry Blue in duo per un elettronico 'Only To Be There'
Cinema
3 gior

Omaggio a Villi Hermann al San Giò Verona Video Festival

Dopo le Giornale cinematografiche di Soletta, una selezione dei film della Imagofilm Lugano sarà proiettata anche durante la rassegna veronese
Ticino Musica
3 gior

Anna Talácková: 'Il flauto è la risposta a tutti i miei dubbi'

A colloquio con la flautista ceca. Il suo recital, martedì 27 luglio nell’Aula Magna del Conservatorio con la collaborazione della pianista Marta Cencini
Ceresio Estate
3 gior

Trio Torrello, un viaggio musicale con Hermann Hesse

Giovedì 29 luglio alle ore 20.30 a Montagnola, Valentina Londino alla voce, Tommaso Maria Maggiolini al flauto e Nicolas Mottini al pianoforte
Ticino Musica
3 gior

Adrian Oetiker per due giganti dell'Ottocento

Il pianista svizzero in Conservatorio lunedì 26 luglio alle 21, per suonare Schubert e Liszt: 'Molto diversi tra di loro, ma con somiglianze affascinanti'
Cinema
4 gior

L'Africa trionfa ancora a Friburgo: vince 'La Nuit des Rois'

Il 35esimo Festival internazionale del film di Friburgo (Fiff) incorona la fiaba ivoriana di Philippe Lacôte
Culture
23.05.2021 - 17:320

Zerocalcare spiega per bene la ‘cancel culture’

Ma soprattutto spiega che la 'dittatura del politically correct' è una balla, e come fare per cercare di essere costruttivi. Lo fa coi ‘disegnetti’, e senza spocchia

“Se tutti i giorni ti ripetono che viviamo nella dittatura del politicamente corretto, alla fine ci credi. A capo di questa dittatura c’è il feroce August@ Arcobalet, dispotic* unicorn* Lgbtq”. Giornalisti, intellettuali, artisti hanno pensato per mesi a come smontare la polemica iperconservatrice sulla cancel culture, ovvero la tendenza a escludere dal dibattito pubblico chi scriva o dica cose ritenute discriminatorie. Poi è arrivato il fumettista Zerocalcare e coi suoi “disegnetti” – così li chiama lui – ha colto tutto quello che c’era da cogliere. Una trentina scarsa di tavole pubblicate venerdì da Internazionale col titolo ‘La dittatura immaginaria’, per ricordare anche ai più distratti i punti salienti della questione.

Il primo è che dalle nostre parti – lui pensa all’Italia, ma il Ticino in questo le somiglia fin troppo – è ben difficile parlare di ‘cultura della cancellazione’. Non è vero che “non si può più dire niente”, come ripetono politici e opinionisti col tono scorbutico degli umarell davanti ai cantieri: se così fosse non avremmo una leadership composta (anche) da chi fa a gara a spararla più grossa. Matteo Salvini non incasserebbe comparsate e like scaricando gli annegati nel Mediterraneo “sulla coscienza dei buonisti”, né il Mattino insisterebbe con l’ammiccamento xenofobo dei “finti rifugiati con lo smartphone”. Ed è un esempio tra mille. Che poi costoro facciano liberamente le povere vittime del “politicamente corretto, frutto del dominante pensiero unico” – come berciava domenica il megafono leghista – basta a dimostrare quanto poco unico sia oggi il pensiero (con buona pace anche della sinistra, quando lamenta il “pensiero unico neoliberista”).

‘Non si può più dire niente’: mica vero

D’altronde, prosegue Zerocalcare, “niente tira di più di dire che non si può più dire niente”. Col paradosso che chi se ne lamenta “lo fa attraverso tutti i possibili canali mainstream, in un coro di consenso unanime”. Il fumetto non ci si sofferma, ma questa è di solito la meta di un percorso visto e rivisto, come nel caso del famigerato bacio a Biancaneve. Queste le tappe: i media americani più reazionari isolano una voce delirante ma assolutamente minoritaria del campo progressista (in questo caso, le due giornaliste del San Francisco Gate che pongono dubbi sul consenso della povera comatosa al principe); quell’opinione è falsamente presentata come dominante e destinata a imbavagliare la maggioranza silenziosa; i media italofoni – per un misto di sciatteria, inadeguatezza culturale e gusto infantile per la polemica – ripetono a pappagallo le stesse cose; ci cascano perfino i progressisti, spunta fuori un Enrico Mentana a paragonare cancel culture e roghi nazisti dei libri; alla fine il lettore distratto, che d’altronde nella vita ha altro da fare, si convince che davvero ormai si voglia censurare tutto, anche le fiabe. Ai tempi supplementari qualcuno prova a dire che no, “non è un cazzo vero” (cit.), ma nel frattempo sarà partita un’altra giostra polemica – appena ieri quella sulla serie tv ‘Friends’ “troppo bianca” – basata sullo stesso meccanismo a molla.

Il lavoro di Zerocalcare però va oltre, non rimane asserragliato nella casamatta progressista. Spiega cioè che sebbene una critica non sia sempre un tentativo di cancellare il prossimo, il rischio dell’eccesso esiste eccome. Chi lo nega – aggiungiamo noi – rischia di cadere in una rappresentazione tanto manichea quanto quella di certi reazionari: in America molti processi sommari hanno davvero portato alla messa al bando di artisti e personaggi pubblici. Altri interventi nel dibattito pubblico aspirano sì a difendere le minoranze e sfidare certi pregiudizi, ma si esauriscono in una sorta di indignazione autocompiaciuta e vittimista. C’entra anche la dinamica dei social, nella quale il giudizio sommario diventa un modo per dipingersi e perfino sentirsi migliori del prossimo: così rischiamo tutti di diventare “i Santi Licheri della morale pubblica” (il riferimento è al giudice dei finti processi trasmessi per decenni da Mediaset). Certe posture non contribuiscono all’evoluzione dei costumi e della sensibilità collettiva, rischiano di delegittimare i compagni di viaggio e cadono nella stessa trappola di chi difende acriticamente i ’bei tempi antichi’, magari in nome di tradizioni brutali o inventate.

Per ricostruire su queste macerie Calcare parte da una considerazione apparentemente banale, ma spesso oscurata dal nostro solipsismo sociale: “Senza il confronto con gli altri ci possiamo fare solo le pippe”, e prima di intervenire “uno si dovrebbe farequesta domanda: ‘sta cosa che sto facendo, aiuta le lotte?” “Aiutare la lotta” è la sintesi proposta da Zerocalcare, chiaramente di sinistra, ma tale da oltrepassare il suo mondo di centri sociali romani, l’eterna lotta tra ‘fasci’ e ‘zecche’. Nella consapevolezza, più forte di ogni polemica, che “sono gli automatismi, i ‘si fa così perché si è sempre fatto così, che nutrono lo status quo. Che fanno da tappo a ogni possibile cambiamento, in un momento della storia in cui c’è un sacco di gente che si è stufata di stare dalla parte sbagliata di quel tappo”. 

Il ‘fumettaro’

Da Rebibbia con candore

Zerocalcare, all’anagrafe Michele Rech, è nato nel 1983 e la sua parlata da borgataro romano dissimula une delle intelligenze (auto)critiche più fini d’Italia. Formatosi nei centri sociali della sinistra alternativa – costantemente perseguitati dai fascisti di Casapound, e a volte pure dalla polizia – ha pubblicato il suo primo libro nel 2011: si intitola ‘La profezia dell’armadillo’ e inaugura una lunga serie nella quale si intrecciano vita di tutti i giorni, lotta politica e animali fantastici. Tra le altre opere vanno ricordati almeno ‘Un polpo alla gola’, ‘Macerie prime’ e ‘La scuola di pizze in faccia del professor Calcare’, ma alla fine son tutti belli. Incluso il più ‘difficile’ ‘Kobane Calling’, reportage dal Rojava e accorata difesa dell’esperimento politico curdo (quello che una parte della sua stessa sinistra ritiene pericoloso separatismo). Ha realizzato anche dei cortometraggi animati visibili sulla sua pagina Facebook e su YouTube, e ora sta preparando una serie tv per Netflix. Ha sceneggiato il film tratto dal fumetto ‘La profezia dell’armadillo’, presentato al festival del cinema di Venezia. Perseguitato dall‘insonnia, ma anche dal successo: “Il fatto che mi legga tanta gente, a me che per natura mi faccio un sacco di pippe mentali, mi condiziona un sacco”, ha detto a ‘Vanity Fair’. “Mi pongo il problema di essere più comprensibile, didascalico, non dare per scontato che le persone sappiano già di che cosa sto parlando, non lasciare ambiguità. Ci sono invece degli aspetti che non voglio siano toccati dall’idea che mi leggono in 100mila. Per esempio il non retrocedere dalle mie posizioni politiche. Ci sono persone che mi scrivono: ‘Se la pensi così non ti leggerò mai più’. Pazienza. Non posso tradire me stesso e la mia comunità di appartenenza”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved