zerocalcare-spiega-per-bene-la-cancel-culture
Zerocalcare
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
11 ore

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
15 ore

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
16 ore

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
19 ore

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
1 gior

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
Spettacoli
1 gior

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
1 gior

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
1 gior

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
1 gior

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
1 gior

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
1 gior

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
2 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
2 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
2 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
2 gior

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
Spettacoli
2 gior

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
2 gior

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
2 gior

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
3 gior

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Arte
3 gior

Thomas Hoepker, protagonista di una mostra e un film

La Bildhalle di Zurigo dedica al fotografo Magnum una retrospettiva. E domani esce nelle sale svizzerotedesche il documentario di Nahuel Lopez.
Spettacoli
3 gior

James Bond, il prossimo film può attendere

La produttrice dei film dell’agente 007, Barbara Broccoli, ha annunciato che nessun nuovo lungometraggio verrà girato prima di due anni
23.05.2021 - 17:32

Zerocalcare spiega per bene la ‘cancel culture’

Ma soprattutto spiega che la 'dittatura del politically correct' è una balla, e come fare per cercare di essere costruttivi. Lo fa coi ‘disegnetti’, e senza spocchia

“Se tutti i giorni ti ripetono che viviamo nella dittatura del politicamente corretto, alla fine ci credi. A capo di questa dittatura c’è il feroce August@ Arcobalet, dispotic* unicorn* Lgbtq”. Giornalisti, intellettuali, artisti hanno pensato per mesi a come smontare la polemica iperconservatrice sulla cancel culture, ovvero la tendenza a escludere dal dibattito pubblico chi scriva o dica cose ritenute discriminatorie. Poi è arrivato il fumettista Zerocalcare e coi suoi “disegnetti” – così li chiama lui – ha colto tutto quello che c’era da cogliere. Una trentina scarsa di tavole pubblicate venerdì da Internazionale col titolo ‘La dittatura immaginaria’, per ricordare anche ai più distratti i punti salienti della questione.

Il primo è che dalle nostre parti – lui pensa all’Italia, ma il Ticino in questo le somiglia fin troppo – è ben difficile parlare di ‘cultura della cancellazione’. Non è vero che “non si può più dire niente”, come ripetono politici e opinionisti col tono scorbutico degli umarell davanti ai cantieri: se così fosse non avremmo una leadership composta (anche) da chi fa a gara a spararla più grossa. Matteo Salvini non incasserebbe comparsate e like scaricando gli annegati nel Mediterraneo “sulla coscienza dei buonisti”, né il Mattino insisterebbe con l’ammiccamento xenofobo dei “finti rifugiati con lo smartphone”. Ed è un esempio tra mille. Che poi costoro facciano liberamente le povere vittime del “politicamente corretto, frutto del dominante pensiero unico” – come berciava domenica il megafono leghista – basta a dimostrare quanto poco unico sia oggi il pensiero (con buona pace anche della sinistra, quando lamenta il “pensiero unico neoliberista”).

‘Non si può più dire niente’: mica vero

D’altronde, prosegue Zerocalcare, “niente tira di più di dire che non si può più dire niente”. Col paradosso che chi se ne lamenta “lo fa attraverso tutti i possibili canali mainstream, in un coro di consenso unanime”. Il fumetto non ci si sofferma, ma questa è di solito la meta di un percorso visto e rivisto, come nel caso del famigerato bacio a Biancaneve. Queste le tappe: i media americani più reazionari isolano una voce delirante ma assolutamente minoritaria del campo progressista (in questo caso, le due giornaliste del San Francisco Gate che pongono dubbi sul consenso della povera comatosa al principe); quell’opinione è falsamente presentata come dominante e destinata a imbavagliare la maggioranza silenziosa; i media italofoni – per un misto di sciatteria, inadeguatezza culturale e gusto infantile per la polemica – ripetono a pappagallo le stesse cose; ci cascano perfino i progressisti, spunta fuori un Enrico Mentana a paragonare cancel culture e roghi nazisti dei libri; alla fine il lettore distratto, che d’altronde nella vita ha altro da fare, si convince che davvero ormai si voglia censurare tutto, anche le fiabe. Ai tempi supplementari qualcuno prova a dire che no, “non è un cazzo vero” (cit.), ma nel frattempo sarà partita un’altra giostra polemica – appena ieri quella sulla serie tv ‘Friends’ “troppo bianca” – basata sullo stesso meccanismo a molla.

Il lavoro di Zerocalcare però va oltre, non rimane asserragliato nella casamatta progressista. Spiega cioè che sebbene una critica non sia sempre un tentativo di cancellare il prossimo, il rischio dell’eccesso esiste eccome. Chi lo nega – aggiungiamo noi – rischia di cadere in una rappresentazione tanto manichea quanto quella di certi reazionari: in America molti processi sommari hanno davvero portato alla messa al bando di artisti e personaggi pubblici. Altri interventi nel dibattito pubblico aspirano sì a difendere le minoranze e sfidare certi pregiudizi, ma si esauriscono in una sorta di indignazione autocompiaciuta e vittimista. C’entra anche la dinamica dei social, nella quale il giudizio sommario diventa un modo per dipingersi e perfino sentirsi migliori del prossimo: così rischiamo tutti di diventare “i Santi Licheri della morale pubblica” (il riferimento è al giudice dei finti processi trasmessi per decenni da Mediaset). Certe posture non contribuiscono all’evoluzione dei costumi e della sensibilità collettiva, rischiano di delegittimare i compagni di viaggio e cadono nella stessa trappola di chi difende acriticamente i ’bei tempi antichi’, magari in nome di tradizioni brutali o inventate.

Per ricostruire su queste macerie Calcare parte da una considerazione apparentemente banale, ma spesso oscurata dal nostro solipsismo sociale: “Senza il confronto con gli altri ci possiamo fare solo le pippe”, e prima di intervenire “uno si dovrebbe farequesta domanda: ‘sta cosa che sto facendo, aiuta le lotte?” “Aiutare la lotta” è la sintesi proposta da Zerocalcare, chiaramente di sinistra, ma tale da oltrepassare il suo mondo di centri sociali romani, l’eterna lotta tra ‘fasci’ e ‘zecche’. Nella consapevolezza, più forte di ogni polemica, che “sono gli automatismi, i ‘si fa così perché si è sempre fatto così, che nutrono lo status quo. Che fanno da tappo a ogni possibile cambiamento, in un momento della storia in cui c’è un sacco di gente che si è stufata di stare dalla parte sbagliata di quel tappo”. 

Il ‘fumettaro’

Da Rebibbia con candore

Zerocalcare, all’anagrafe Michele Rech, è nato nel 1983 e la sua parlata da borgataro romano dissimula une delle intelligenze (auto)critiche più fini d’Italia. Formatosi nei centri sociali della sinistra alternativa – costantemente perseguitati dai fascisti di Casapound, e a volte pure dalla polizia – ha pubblicato il suo primo libro nel 2011: si intitola ‘La profezia dell’armadillo’ e inaugura una lunga serie nella quale si intrecciano vita di tutti i giorni, lotta politica e animali fantastici. Tra le altre opere vanno ricordati almeno ‘Un polpo alla gola’, ‘Macerie prime’ e ‘La scuola di pizze in faccia del professor Calcare’, ma alla fine son tutti belli. Incluso il più ‘difficile’ ‘Kobane Calling’, reportage dal Rojava e accorata difesa dell’esperimento politico curdo (quello che una parte della sua stessa sinistra ritiene pericoloso separatismo). Ha realizzato anche dei cortometraggi animati visibili sulla sua pagina Facebook e su YouTube, e ora sta preparando una serie tv per Netflix. Ha sceneggiato il film tratto dal fumetto ‘La profezia dell’armadillo’, presentato al festival del cinema di Venezia. Perseguitato dall‘insonnia, ma anche dal successo: “Il fatto che mi legga tanta gente, a me che per natura mi faccio un sacco di pippe mentali, mi condiziona un sacco”, ha detto a ‘Vanity Fair’. “Mi pongo il problema di essere più comprensibile, didascalico, non dare per scontato che le persone sappiano già di che cosa sto parlando, non lasciare ambiguità. Ci sono invece degli aspetti che non voglio siano toccati dall’idea che mi leggono in 100mila. Per esempio il non retrocedere dalle mie posizioni politiche. Ci sono persone che mi scrivono: ‘Se la pensi così non ti leggerò mai più’. Pazienza. Non posso tradire me stesso e la mia comunità di appartenenza”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cancel culture polemica zerocalcare
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved