GOLUBIC V./TEICHMANN J.
KICHENOK L./OSTAPENKO J.
03:30
 
NJ Devils
1
ARI Coyotes
3
2. tempo
(1-0 : 0-3)
NY Rangers
2
TOR Leafs
3
2. tempo
(1-3 : 1-0)
microcosmi-decorare-fare-comunita-episodio-3
Il centro PROGR di Berna (foto Martin Bichsel)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
6 ore

Sfogliando ‘Se questo è un uomo’ a teatro

Magnifica prova di Valter Malosti, martedì scorso al Lac, nel portare in scena il testo di Primo Levi
Spettacoli
6 ore

L’attore francese Gaspard Ulliel è morto in un incidente di sci

Aveva 37 anni. Noto per aver interpretato Yves Saint Laurent e lo psichiatra cannibale di ‘ Hannibal Lecter - Le origini del male’ e
Società
7 ore

Addio a André Leon Talley, gigante nero della moda

A lungo direttore creativo di ‘Vogue’, Leon Talley aveva 73 anni. Suo il servizio che reinterpretava Via col vento con Naomi Campbell
Conservatorio
7 ore

Scuola di Musica del Csi, Concerto di Gala è in presenza

Nell’Aula Magna del Conservatorio della Svizzera italiana venerdì 28 gennaio alle 19, anche in streaming
Culture
8 ore

Eventi letterari, Premio Filippini alla casa editrice Diogenes

Nel suo settantesimo anniversario, l’editore zurighese indipendente riceverà il riconoscimento intitolato a Enrico Filippini
Società
9 ore

Addio a André Leon Talley, ‘gigante nero’ della moda

A lungo direttore creativo di Vogue, aveva avuto un ruolo chiave nell’aprire il mondo della moda a stilisti e modelle di colore
Cinema
9 ore

Festival ticinese del film non commerciale, concorso aperto

In attesa del 27 marzo, data del festival, il termine per l’invio dei filmati è martedì primo febbraio. La partecipazione è gratuita
Cinema
11 ore

Anche Totò e ‘Star Wars’ tra i 42 film preferiti da Fellini

Accanto ad Antonioni, Kurosawa, Bergman, Rossellini, Kubrick e Hitchcock. La ‘playlist’ del maestro in un documento originale custodito da Cineteca Rimini
Musica
11 ore

Fasolis sul podio del Maggio Musicale Fiorentino con Cherubini

È il debutto per il leader dei Barocchisti. Sabato 22 gennaio va in scena ‘Lo sposo di tre e marito di nessuna’, mai rappresentata a Firenze
Spettacoli
12 ore

A Morcote ci sono i Beatles sul tetto

Domenica 30 gennaio al via la nuova stagione allo Spazio Garavello 7 con ‘The Beatles’ rooftop concert’ affidato ai ticinesi Nowhere Land
Jazz in Bess
12 ore

Boggini-Boltro poi Andrina Bollinger per Suisse Diagonales

Aperto da un local hero insieme a un grande della tomba, il terzo e ultimo appuntamento luganese è in programma sabato 22 gennaio dalle 20.30
Archeologia
13 ore

Un anfiteatro romano scoperto a Kaiseraugst

La struttura muraria a forma di anello sarà mantenuta. È il secondo anfiteatro romano in Argovia e il terzo nella città romana di Augusta Raurica
Musica nel Mendrisiotto
16 ore

‘Dentro la musica’, per avvicinare pubblico e interpreti

A Mendrisio, martedì 25 gennaio con Claude Hauri e Daniel Moos; venerdì 28 con Veronika Miecznikovski, Milo Ferrazzini e Andrea Jermini
Archeologia
1 gior

Scoperta in Arabia Saudita una rete stradale dell’età del Bronzo

Metteva in collegamento le oasi ed era circondata da monumenti funebri, circa 17’800. Risalirebbe a 4’500 anni fa
Streaming
1 gior

‘Pam e Tommy’, quando il sex tape diventa serie (su Disney+)

Dal 2 febbraio la serie hot su Pamela Anderson e Tommy Lee, storia di un video amatoriale diventato di dominio pubblico. Era la fine dei Novanta...
Culture
1 gior

India: Birjiu, guru della danza tradizionale, morto a 83 anni

Ha reso famoso nel mondo lo stile kathak. Fatale un attacco cardiaco mentre si stava esercitando con il figlio. Era noto col soprannome di Maharaj
Spettacoli
1 gior

Eurovision, il 25 gennaio il sorteggio delle semifinali

Passaggio di testimone fra Rotterdam e Torino e composizione del cartellone delle prime due serate, che vedranno 36 Paesi competere in due semifinali
Culture
1 gior

‘Nelle vene della terra’ con Martignoni rinviato in primavera

Tratto dalla coreografia di Tiziana Arnaboldi, con le poesie di Alberto Nessi, era previsto per domenica 23 gennaio alle 17
Culture
1 gior

Posizionarsi nella giungla digitale e produrre un podcast

È il titolo del corso organizzato da A*dS - Autrici ed autori della Svizzera, destinato a scrittori e operatori del mondo dell’editoria (e non solo)
16.05.2021 - 13:450

Microcosmi. Decorare, fare comunità (episodio 3)

Sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio nelle persone: un masso che ricorda Rocky, un centro culturale e artistico a Berna

a cura de laRegione

A ogni stadio dell’età, decorare è mettere in funzione una nuova possibilità nel confronto con il reale. Vengono decorati sassi, vasi, portoni, oggetti sbiaditi.

Il costruito diventa altro da sé; sentiamo sotto le nostre mani il contatto con la materia che un minimo di cura solleva dalla dimenticanza. Celebriamo fin da piccoli in un flusso di immagini il nostro rapporto col mondo, una costruzione abitativa che agisce sulle cose circostanti; è l’energia della mano, la visione che incorpora l’oggetto fino a farne una pittura che si stacca dal suo motivo originale, producendo un effetto inverso, tessitura, trasformazione. L’arte del decoro attraversa i secoli, veste luoghi sacri, si sviluppa in calici, cofanetti, paramenti, materia che riveste e adorna. È il desiderio di ampliare la nostra memoria visiva, un abbandono alla presenza estetica dei colori e delle forme. Vediamo allora su un soffitto leggere foglie verdi e argentate, distanti e vicine, tinte a cui siamo debitori di qualche incontro nel paesaggio, unità del piccolo e del grande.

Decorare è un gesto personale, unico, concentra trasparenza e opacità della nostra vita, eppure questo modo di fare, toccare, esprimere, riguarda tutti, diventa realtà comunitaria. Nell’epoca dei miti d’oggi, descritti con attenzione e analisi critica da Roland Barthes, sono gli oggetti della modernità a essere meta di decorazioni. Dalle lavatrici alle macchine, al mondo che passa dalla meccanica all’elettronica per cui ci troviamo immersi nelle funzioni della ripetizione e del controllo. Allora, si fa avanti l’idea di lasciare un segno. Comunità, non è un carattere unitario, è la singolarità di uomini e donne in un processo avviato e tentato, come detto da Jean-Luc Nancy, in vista di un’esistenza condivisa.

Rocky

All’apice di un sentiero che si snoda tra diversi pungitopi attraversati dal canto della nocciolaia, sul frammento di un masso erratico a pochi centimetri dalla discesa, leggiamo il nome, ‘Rocky, 2002 – 2019’ con vicino il disegno di una piccola zampa. Pensiamo all’affetto provato per un cane che non c’è più e che sopravvive nel ricordo di un uomo o di una donna legati al posto. L’iscrizione, si fa pubblica, tocca ognuno di noi memore della perdita di un animale caro, un sentimento comune vissuto secondo la nostra storia personale. Il passato si fa presente, ecco allora la foto della mia Lola vicino alla sua cuccia, i giochi fatti insieme, le corse.

Adesso il silenzio aumenta d’intensità, si fa largo in ogni punto del bosco, penetrando in noi. Torno in un momento ai versi di Eliot. “Dove ritroveremo la parola, dove risuonerà/La parola?”. Dopo un po’ la discesa, intanto pensiamo a quante volte l’animale sarà passato di qui, in compagnia, annusando festoso il terreno, girandosi ogni tanto all’indietro, cercando un volto noto, fidato, tra i molti della sua vita.

PROGR, Berna

Tra febbraio e marzo 2021, presso la Domus Poetica di Bellinzona, si è svolta la proposta culturale ‘Il Giardino segreto ’, letture, video, musica, dalle finestre aperte della sede. Peter Aerschmann, videomaker presente all’iniziativa con i suoi lavori, è uno degli artisti fondatori del PROGR di Berna. Anna Allenbach, traduttrice, ha visitato da pochi giorni il centro, incontrando Aerschmann. Le chiedo le sue impressioni.

Cos’è, PROGR? “Un progetto artistico, culturale, dentro un gigantesco edificio a U, con un’ala est e un’ala ovest. Al centro, la Turnhalle, palestra adibita a sala concerti, con bar. Nel mezzo, un cortile con qualche ippocastano, molto popolato quando il tempo è bello”. Un po’ di storia? “Fino al 2004 il PROGR è stato un pre-ginnasio. La città pensava di farne un museo d’arte contemporanea, ma il progetto è fallito; essendo un edificio di grandi proporzioni hanno pensato di mettere la struttura a disposizione di artisti e operatori culturali chiedendo un affitto modesto”. E dopo? “Passati due anni, la città annuncia di volerlo vendere per farne un centro medico. Peter, uno dei molti artisti che popolavano gli atelier, alla conferenza stampa di presentazione viene a sapere che il terreno sarebbe rimasto alla città e l’edificio venduto per 2,4 milioni, prevedendo lavori di ristrutturazione per un importo di 20 milioni”. Cosa fa, allora? “Contatta gli artisti, crea l’associazione ‘ProPROGR’. Si trattava di acquistare l’edifico alle stesse condizioni, operando minime ristrutturazioni. In poche settimane presentano un progetto finanziario, organizzativo e di ristrutturazione. In seguito, i cittadini vengono chiamati a una consultazione per scegliere tra PROGR - Fondazione d’arte, il Centro medico o la non vendita dell’edificio. PROGR passa con il 66% dei voti”.

Il ruolo della fondazione? “Subaffitta gli spazi esistenti. Al piano terra si trovano due gallerie d’arte, una della città al momento in forse, e una sala concerti. Due bar e qualche ufficio. Al primo piano, nella parte centrale una grande sala affittata per eventi, corsi di ballo, conferenze. All’ultimo, due appartamenti per residenze d’artista, uno legato alla città, l’altro gestito da un’associazione”.

Cosa pensi della struttura? “Offre grandi opportunità, un agglomerato di creatività che trova qui uno spazio. Un polo dove ci si incontra, si va ai vernissage, ai concerti o a bere qualcosa. Una realtà dinamica con più sfaccettature”. Un valore condiviso. “L’edificio lo rappresenta, è potente. Un punto d’incontro al centro della città, alla sera frequentato dai giovani per i concerti, con un’età media tra sedici e trent’anni”. Ci sono aspetti critici? “La Turnhalle, oggi gestita da un’associazione che affitta gli spazi, con dei ricavi, vede tra due anni la scadenza del contratto; la fondazione vorrebbe gestirla per avere delle entrate. Questo ha creato un certo conflitto. Inoltre, Peter ha come obiettivo l’aumento dell’offerta culturale, in senso complessivo. Poi, la Stadtgallerie, della città, legata a una residenza, è oggetto di possibile chiusura. Lo sforzo della fondazione è quello di evitarla. Harald Szeemann, l’aveva gestita negli anni Sessanta in altra sede. Attualmente, PROGR ospita circa duecento artisti”.

L’idea di spazi collettivi, comunità di pratiche, nasce da un dialogo serrato tra il sé e gli altri dentro spazi visibili, riconosciuti. Spazi che diventano luoghi, dove un supplemento di libertà e autonomia, di sentimento, sviluppa il tema del linguaggio nella sua espressione neocomunitaria. Pratiche, nel segno di Michel Foucault, dove persona e comunità, ‘si formano e si trasformano’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved