Slovacchia
Spagna
18:00
 
Svezia
Polonia
18:00
 
GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
DJOKOVIC N./HERRERA C.
17:05
 
GOLUBIC V. (SUI)
2
BENCIC B. (SUI)
0
fine
(6-4 : 6-4)
tra-moncalieri-e-basilea-sotto-le-stesse-stelle-del-jazz
Italian&Swiss Jazz Festival (grafica ufficiale di Giorgia Molinari)
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno Film Festival
1 ora

Animazione italiana per i 50 anni di Festival in Piazza Grande

Il 12 agosto, 'Yaya e Lennie - The Walking Liberty', nuovo film del pluripremiato Alessandro Rak, è tra le prime mondiali scelte per festeggiare la ricorrenza
Culture
5 ore

Pro Helvetia: 'Pari opportunità ancora lontane nella cultura'

Le donne sono 'nettamente sottorappresentate, sia a livello di direzione strategica e artistica che sui palcoscenici e nelle esposizioni'.
Cinema
7 ore

Sfigato, vessato, e adesso anche restaurato: torna Fantozzi

Grazie al lavoro della Cineteca di Bologna, il primo episodio diretto da Luciano Salce tornerà sul grande schermo
Teatro San Materno
7 ore

Gran finale con Loibner e Rajoub, ghironda e sassofoni

Domenica 27 giugno alle 17 ad Ascona s'incontrano la vecchia musica europea s’incontra con la tradizione musicale araba
Musica
7 ore

Trio Los Locos, il sudamerica al Teatro di Banco

‘Il sole del Sur’ è la proposta di domenica 27 giugno a Bedigliora: sul palco, Manuele Colacci, Miguel Jimenez e Gregorio Di Trapani
LongLake Festival
7 ore

Blues to Bop Bonsai da Battiston a Kirk Fletcher a Max Prandi

Live show e anche masterclass: raffica di concerti da giovedì 24 giugno in poi per la versione ridotta dello storico appuntamento luganese.
Musica
8 ore

‘Le brutte intenzioni, la maleducazione’: il giudice vs Morgan

‘Illecita la deformazione del testo letterario di 'Sincero', dice il Tribunale di Milano: l’artista ‘cessi future associazioni al testo di Bugo modificato’
Cinema
20 ore

Nastri d'argento al femminile: 5 premi a 'Le sorelle Macaluso'

Cinque premi a ‘'Le sorelle Macaluso' di Emma Dante, che si aggiunge al già annunciato ‘Miss Marx’ di Susanna Nicchiarelli, Nastro dell'anno.
Culture
22 ore

L’indotto culturale ticinese vale milioni

Presentato il rapporto del Bak sull’impatto economico del settore culturale: ogni franco investito ne valeva, prima della pandemia, 2,58
Culture
1 gior

'Fare fuoco': Daniele Garbuglia alla Casa della Letteratura

Online e su YouTube, giovedì 24 giugno alle 18.30. A interrogare lo scrittore sulla sua produzione letteraria sarà Fulvio Panzeri
Cinema
1 gior

Cannes: a Marco Bellocchio la Palma d'oro alla carriera

'Ha rivoluzionato l'ordine stabilito', dice Pierre Lescure, presidente; 'Onorarlo è inevitabile, un gioco da ragazzi', gli fa eco Thierry Frémaux, delegato generale
Arte
1 gior

C'è una balena in riva al Ceresio, ed è bene ascoltarla

Al Parco Ciani, fino al 12 ottobre, 'Echoes - a voice from uncharted waters' di Mathias Gmachl, ovvero l'impatto delle nostre azioni sull'ambiente
Spettacoli
1 gior

A Locarno l’energia 'affettuosa e anarchica' di John Landis

Il direttore Giona A. Nazzaro ci racconta il Pardo d'onore Manor al regista di 'Animal House', 'Una poltrona per due' e 'The Blues Brothers'
Scienze
2 gior

La notte aiuta gli alberi a crescere

Lo dimostra uno studio dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (Wsl). Fra le cause, l'umidità più alta dell'aria nelle ore buie
Società
2 gior

Era Richard Stolley, fondò People e scovò il filmato di JFK

Fu il giornalista che rintracciò Abraham Zapruder, sarto immigrato di origine ucraina che aveva catturato con la sua videocamera 8 mm le immagini dell'attentato
Museo delle dogane
2 gior

Storie di uomini e di ramina, là dove tutto è accaduto

A Cantine di Gandria la mostra 'Un confine tra povertà e persecuzioni’, contrabbandieri e profughi al confine italo-svizzero durante la Seconda guerra mondiale
Festival Ticino Doc
2 gior

Tre giorni di Osi tra Mendrisio, Bellinzona e Stabio

Il 23, 24 e 25 giugno, sotto la direzione di Alessandro Calcagnile, su musiche di Boccherini, de Sarasate, Čajkovskij, Neruda e Haydn
Libri
2 gior

Premio Stresa Narrativa, targa speciale per Begoña Feijoo Fariña

Nel giorno della comunicazione dei 5 finalisti, dalla giuria dei critici un riconoscimento a ‘Per una fetta di mela secca’, edito da Gabriele Capelli Mendrisio.
Evento
07.05.2021 - 14:420
Aggiornamento : 15:55

Tra Moncalieri e Basilea, sotto le stesse stelle del jazz

Giovani e special guest nel primo Italian&Swiss Jazz Festival. Dal 10 al 16 maggio, full immersion per sei giovani italiani e svizzeri in live streaming

Si chiama, non a caso, Italian&Swiss Jazz Festival, perché – detta col piemontese Paolo Conte (e un motivo, al di là della libera interpretazione, c’è) – unisce Svizzera e Italia sotto le stesse stelle del jazz. È una prima edizione e prende il via lunedì 10 maggio dal Jazz Campus di Basilea per concludersi (anche) in streaming domenica 16 maggio alle 16 con un concerto finale, fruibile online in forma gratuita. Protagonisti di questo primo Italian&Swiss Jazz Festival sono sei giovani jazzisti italiani provenienti dall’Italia e dalla Svizzera, con la partecipazione di omologhi professionisti italiani, da tempo sulla scena nazionale e internazionale.

Prima di parlare di jazz, però, il contesto. L’evento nasce dalla collaborazione fra Consolato d’Italia in Basilea e Comites di Basilea, con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia in Svizzera e il finanziamento del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale della Repubblica italiana (Maeci). Il Console d’Italia in Basilea, Pietro Maria Paolucci: «L'11 dicembre 2019, alla Farnesina, ha preso ufficialmente il via la seconda edizione di ‘Air – Artisti in residenza’, progetto ideato da Midj (Associazione Musicisti Italiani di Jazz), realizzato con il sostegno della Siae e con la collaborazione del Maeci. Questa iniziativa, anche grazie alla partecipazione di Europe Jazz Network, nasceva con l’obiettivo di promuovere il jazz italiano all’estero attraverso la creazione di una rete di residenze per giovani musicisti presso le Ambasciate, i Consolati e gli Istituti di Cultura nel mondo». E il ‘collante’ è rappresentato dal Comites di Basilea, illustrato dalla sua presidente, Nella Sempio: «I Comites sono organismi rappresentativi della nostra collettività nel mondo, eletti direttamente dagli italiani residenti all’estero e istituiti della Repubblica italiana nel 1985. Sono la loro voce e la loro rappresentanza, in ogni senso. Sono presidi di libertà, partecipazione e condivisione delle nostre comunità migranti. Favoriscono in primis l’integrazione sociale, culturale, professionale e linguistica nel Paese ospitante, nel nostro caso la Svizzera, e un importante ruolo lo hanno anche nella promozione della cultura e della lingua italiana all’estero e nella promozione delle pari opportunità».

Idea e organizzazione del festival sono stati affidati dal Comites al suo gruppo giovanile interno, il Gir (Giovani in Rete), qui rappresentato da Marianna Sica: «Guardando agli ultimi dati dell’emigrazione italiana nel mondo, dei molti che lasciano il Paese per esigenze stringenti di lavoro, i giovani sono parte cospicua. Dare spazio di espressione, creare canali internazionali di scambio e visibilità e quindi occasioni concrete è anche il messaggio che questo Festival vuole dare. Non dimentichiamo che per gli effetti della pandemia, il comparto dell’arte e della cultura, soprattutto per quanto concerne lo spettacolo dal vivo, ha pagato uno scotto importante. Ripartire con la musica, trasmettendo un messaggio anche di speranza e incoraggiamento, è quanto mai importante ora».

L'ensemble

Tornando all’aspetto prettamente musicale. Il gemellaggio, ancor prima che italo-svizzero, coinvolge due precisi posti nel mondo: Basilea e Moncalieri. Perché Ugo Viola, direttore artistico del neonato festival basilese, è anche il direttore artistico del più adulto Moncalieri Jazz Festival da ventiquattro edizioni. «Si va da Moncalieri a Basilea – ci spiega Viola – perché abbiamo già ospitato in Italia, anni addietro, giovani musicisti del Jazz Campus di Basilea, in occasione di uno scambio patrocinato dal Consolato. Da lì è nata una forte intesa italo-svizzera». Che in questo modo diventa ufficiale: «Il linguaggio musicale è universale, quale cosa migliore se non saldare quest’arte attraverso il confine», con una full immersion di una settimana «a chilometri zero» durante la quale Viola affiderà al compositore e direttore musicale Andrea Ravizza otto brani inediti composti per l’occasione, a uso e consumo del sestetto di giovani che si verrà a formare e relativi special guest: ovvero Claudio Chiara, sassofonista dell’orchestra di Paolo Conte, il trombettista Fulvio Chiara e Attilio Berni, sassofonista, direttore di un Museo del sassofono da 700 esemplari.

In occasione del suo atto finale di domenica 16 maggio, il festival si comporrà anche di arte (la mostra virtuale delle opere pittoriche di Alfredo Laviano dedicate al jazz), del live drawing di Giorgia Molinari (autrice della grafica ufficiale della manifestazione) e, nell'arco della settimana, di workshop: quello di Bernardino Fantini dedicato all’improvvisazione, quello di Adriano Bassanini sul business del musicista, e quello di Viola sul ruolo del direttore artistico: «Per parlare, per esempio, di come un artista si deve proporre a una rassegna». Detto per sommi capi: «Se è un festival di sola musica dixieland e io faccio free jazz, forse non è il caso di proporsi».

Ascoltarsi

Facciamo i nomi degli italiani: dalla più giovane, la 22enne Carmen Lina Ferrante; e poi Vittorio Vicari, trombettista e contrabbassista qui soltanto nella prima veste, e Fabio Gioacchino, giovane pianista già con esperienze europee. E facciamo i nomi dei residenti in Svizzera: Lucio Marelli (batteria), Francesco Losavio (contrabbasso) e Gianni Gagliardi (sax, flauto, clarinetto). Intorno ad essi, secondo i progetti di Viola, nasce l’idea di un nuovo ensemble chiamato proprio Italian&Swiss Jazz, da proporre in Europa. «Moncalieri Jazz li ospiterà il prossimo autunno, e così accadrà a Zurigo e Bruxelles». In Piemonte, in particolare, gli italo-svizzeri saranno in cartellone con Fabrizio Bosso: «Dico sempre che i giovani devono ascoltare i grandi, ma anche che i grandi devono ascoltare i giovani, perché da lì nascono belle simbiosi» (l'intero evento è frubilie sulla pagina facebook dedicata e sui canali YouTube di Consolato, Comites e Radio One Five, media-partner del progetto).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved