Slovacchia
Spagna
18:00
 
Svezia
Polonia
18:00
 
GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
DJOKOVIC N./HERRERA C.
17:05
 
GOLUBIC V. (SUI)
1
BENCIC B. (SUI)
0
2 set
(6-4 : 6-4)
l-inguaribile-vivacita-di-narrazione-e-di-stile
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno Film Festival
58 min

Animazione italiana per i 50 anni di Festival in Piazza Grande

Il 12 agosto, 'Yaya e Lennie - The Walking Liberty', nuovo film del pluripremiato Alessandro Rak, è tra le prime mondiali scelte per festeggiare la ricorrenza
Culture
5 ore

Pro Helvetia: 'Pari opportunità ancora lontane nella cultura'

Le donne sono 'nettamente sottorappresentate, sia a livello di direzione strategica e artistica che sui palcoscenici e nelle esposizioni'.
Cinema
7 ore

Sfigato, vessato, e adesso anche restaurato: torna Fantozzi

Grazie al lavoro della Cineteca di Bologna, il primo episodio diretto da Luciano Salce tornerà sul grande schermo
Teatro San Materno
7 ore

Gran finale con Loibner e Rajoub, ghironda e sassofoni

Domenica 27 giugno alle 17 ad Ascona s'incontrano la vecchia musica europea s’incontra con la tradizione musicale araba
Musica
7 ore

Trio Los Locos, il sudamerica al Teatro di Banco

‘Il sole del Sur’ è la proposta di domenica 27 giugno a Bedigliora: sul palco, Manuele Colacci, Miguel Jimenez e Gregorio Di Trapani
LongLake Festival
7 ore

Blues to Bop Bonsai da Battiston a Kirk Fletcher a Max Prandi

Live show e anche masterclass: raffica di concerti da giovedì 24 giugno in poi per la versione ridotta dello storico appuntamento luganese.
Musica
8 ore

‘Le brutte intenzioni, la maleducazione’: il giudice vs Morgan

‘Illecita la deformazione del testo letterario di 'Sincero', dice il Tribunale di Milano: l’artista ‘cessi future associazioni al testo di Bugo modificato’
Cinema
20 ore

Nastri d'argento al femminile: 5 premi a 'Le sorelle Macaluso'

Cinque premi a ‘'Le sorelle Macaluso' di Emma Dante, che si aggiunge al già annunciato ‘Miss Marx’ di Susanna Nicchiarelli, Nastro dell'anno.
Culture
22 ore

L’indotto culturale ticinese vale milioni

Presentato il rapporto del Bak sull’impatto economico del settore culturale: ogni franco investito ne valeva, prima della pandemia, 2,58
Culture
08.05.2021 - 13:220

‘L’inguaribile’ vivacità di narrazione e di stile

Un marito, una moglie, due figlie, una separazione, un club per scambisti, una morte sospetta: Tommaso Soldini si diverte e diverte con il suo romanzo

In partenza parrebbe una normalissima vicenda, con un marito, due figlie, Veronica e Ifigenìa, e una moglie, Gemma, che decide di liberarsi del marito, il giornalista Michele Incassa. Ne derivano trattative di divorzio e conseguenti pratiche di ormai tristemente normale amministrazione. Però la faccenda non è così semplice, è anzi in sè complessa ... E poi si introduce un’altra storia, che coinvolge Michele (Miché) per il suo lavoro e cioè la figura sinistra del neonazista Roby Ratter, con i suoi loschissimi affari da cronaca nera, e la presenza della di lui moglie Penelope. E non mancano certo altre faccende e personaggi, come Giorgia o Ismaela, nei loro rapporti con il protagonista. Ma soprattutto eccoci al riapparire di Gemma in un club per scambisti, il Petite Princesse, dove lo stesso Michele si infila con ulteriori vicende, più o meno surreali.

Ma Tommaso Soldini, nel romanzo ‘L’inguaribile’ (Marcos y Marcos, p.320), va ben oltre i fatti che si intrecciano (datati negli anni 2024 e 2025), e si muove secondo varie linee interne. Introduce, intanto, regolarmente, una densissima serie di dettagli narrativi, di situazioni concrete che allargano la pagina e le storie con estro insolito (c’è persino un match di boxe…) e capacità di condurre in direzioni ulteriori la sua trama, rendendola articolatissima e centrifuga. E sul piano della scrittura imposta una dimensione che si potrebbe ancora definire sperimentale, a volte spezzando la linearità della frase (della parola stessa), oppure abolendo le iniziali dei luoghi citati (Ondra, Enezia, Endrisio, Rovenza, Amargue), altre volte ancora (spessissimo) collocando come note a piè di pagina spiegazioni o commenti relativi alla narrazione stessa.

Diciamo, insomma, che a prevalere è una vivacità intellettuale, di narrazione e di stile, che rende il percorso inquieto e insieme brillante, imprevedibile e utilmente ricco di continui scarti o sovrapposizioni, che fanno di ‘L’inguaribile’ un testo di eccentrica originalità. A volte bizzarra, ma non gratuita, con tratti, se vogliamo, barocchi e comunque molto lontani dalle tendenze a un certo conformismo di comodo di non poca narrativa contemporanea.

Il lettore avrà poi modo di scegliere, nell’ampio ventaglio di circostanze proposte, le zone a lui più congeniali o che sapranno coinvolgerlo, fermo restando che l’identità dei vari personaggi in risalto appare nitida ma opportunamente sfaccettata, in un contesto di sensibile attenzione a tanti aspetti, anche involontariamente comici, del nostro tempo.

Poeta e saggista, oltre che narratore, Soldini, nella sua fantasia sbrigliata si diverte e diverte, pur senza nulla concedere al lettore per facilitarlo banalmente. E soprattutto sa bene che la scrittura narrativa non si fonda essenzialmente sul gioco della trama (che pure c’è, nell’Inguaribile), ma sulla combinazione assortita delle visioni che attraversano la mente dello scrittore arrivando poi sulla pagina e in questo creando una forma di comunicazione per nostra fortuna non superficiale.

© Regiopress, All rights reserved