betty-vittori-sua-maesta-maria-elisabetta
Betty Vittori (foto: Diana Bovoloni)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
4 ore

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
7 ore

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
7 ore

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Cinema
8 ore

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022
Società
10 ore

Linguaggio di genere: alla Srf segni speciali solo per giovani

Formulazioni quali "Parlamentarier:innen" e "Politiker:innen" saranno usate solo laddove ci si rivolga a un pubblico giovane, più abituato al linguaggio di genere
Musica
13 ore

Addio a Joey Jordison, co-fondatore degli Slipknot

Nel 2013, batterista e band presero strade diverse. Dopo la separazione, Jordison annunciò di avere un disturbo del sistema nervoso
Cinema
13 ore

Da Universal 400 milioni di dollari per un nuovo 'Esorcista'

Ellen Burstyn, candidata all'Oscar nel 1973, torna nel ruolo di Chris MacNeil. Non è un remake, piuttosto un seguito. E nessuno ha chiamato Linda Blair...
LongLake Festival
14 ore

Zappa Quartet, Through Sound, Broggini & Friends. E anche Dante

Da stasera con la BandaDante, spettacolo-omaggio al Sommo Poeta, fino a una domenica primo agosto di classica e musica irish
Ticino Musica
14 ore

Il 'Concerto al tramonto', la prima di Massagno (e il resto)

Venticinquesima edizione al rush finale: Animato Kwartet a Monte Carasso; a Massagno l'omaggio a Sofia Gubaidulina
Spettacoli
1 gior

Maybe a concert: Raissa Avilés aprirà la stagione del Sociale

Aperta la prevendita per il concerto che si terrà il prossimo 25 settembre a Bellinzona
Spettacoli
1 gior

Addio a Gianni Nazzaro, cantò l'amore negli anni 70

Tra le sue hit Quanto è bella lei. La rivalità con Ranieri
Scienze
1 gior

Clima, record di caldo dovuti alla velocità dei mutamenti

È quanto indica uno studio del Politecnico di Zurigo. La terra si riscalda molto rapidamente, i precedenti primati cadranno con maggior frequenza.
Culture
2 gior

Associazione Nel, una rassegna per rinascere

La nuova proposta si aprirà a fine agosto con la rassegna di videoarte Illuminating, poi incontri e attività in collaborazione con LongLake Festival e L’Ideatorio
Spettacoli
2 gior

Venezia: madri coraggio e tanta politica alla Mostra

Il cartellone di Venezia 78 presentato dal direttore artistico Alberto Barbera. Fuori concorso ‘Ariaferma’ di Leonardo Di Costanzo, coprodotto da Amka
Spettacoli
2 gior

Locarno74, il primo Kids Award a Mamoru Hosoda

Un nuovo premio al Festival: il Locarno Kids Award la Mobiliare sarà consegnato il 9 agosto al maestro dell'animazione giapponese
Teatro San Materno
2 gior

Leo Pusterla, là dove tutto è (ri)cominciato

Il 4 luglio 2020, con papà Fabio, la prima uscita dal lockdown. Il 28 luglio alle 18.30, nello stesso posto, Terry Blue in duo per un elettronico 'Only To Be There'
Cinema
3 gior

Omaggio a Villi Hermann al San Giò Verona Video Festival

Dopo le Giornale cinematografiche di Soletta, una selezione dei film della Imagofilm Lugano sarà proiettata anche durante la rassegna veronese
Ticino Musica
3 gior

Anna Talácková: 'Il flauto è la risposta a tutti i miei dubbi'

A colloquio con la flautista ceca. Il suo recital, martedì 27 luglio nell’Aula Magna del Conservatorio con la collaborazione della pianista Marta Cencini
Ceresio Estate
3 gior

Trio Torrello, un viaggio musicale con Hermann Hesse

Giovedì 29 luglio alle ore 20.30 a Montagnola, Valentina Londino alla voce, Tommaso Maria Maggiolini al flauto e Nicolas Mottini al pianoforte
Ticino Musica
3 gior

Adrian Oetiker per due giganti dell'Ottocento

Il pianista svizzero in Conservatorio lunedì 26 luglio alle 21, per suonare Schubert e Liszt: 'Molto diversi tra di loro, ma con somiglianze affascinanti'
Cinema
4 gior

L'Africa trionfa ancora a Friburgo: vince 'La Nuit des Rois'

Il 35esimo Festival internazionale del film di Friburgo (Fiff) incorona la fiaba ivoriana di Philippe Lacôte
Figli delle stelle
4 gior

David Crosby, finché c'è tempo

David Crosby, ‘For Free’ (Three Blind Mice, Inc.) - ★★★★★ - Dalla botta di vita al trapasso, un superbo volo a planare (con amici)
Culture
4 gior

Môtiers, 'Art en plein air' parla anche ticinese

Ivo Soldini e Marta Margnetti tra gli espositori della mostra di sculture all’aperto più famosa in Svizzera, aperta sino al 20 settembre
Libri
4 gior

'E poi saremo salvi', vite vissute in bilico

Attraverso gli occhi della piccola Aida, la storia di una famiglia di rifugiati bosniaci: è il libro d'esordio di Alessandra Carati, Premio Viareggio Rèpaci
Spettacoli
5 gior

'L'anno che verrà', Servillo-Girotto-Mangalavite suonano Dalla

Dal vivo sabato 24 luglio alle 21 nell'Agorà del Lac per la stagione en plein air
Culture
5 gior

A Carmelo Rifici il Premio Radicondoli per il teatro

Assegnato a Maestri che si sono distinti nel donare esperienza e saperi attraverso il loro operato. La consegna domenica 25 luglio al Radicondoli Festival 2021
Spettacoli
5 gior

La Francia piange Jean-Yves Lafesse, re dello scherzo tv

Viene considerato tra i precursori delle gag con telecamera nascosta e degli scherzi telefonici. Iniziò negli anni 80 con l'avvento delle radio libere.
Libri
5 gior

Obama-Springsteen, dal podcast al libro

'Renegades: Born in the Usa' esce in contemporanea mondiale il 26 ottobre 2021, con immagini e racconti esclusivi di vita
Spettacoli
5 gior

Se sarà richiesta la vaccinazione, Eric Clapton non suonerà

Slowhand, che ha parlato della sua pessima esperienza con AstraZeneca, reagisce alle direttive di Boris Johnson: 'Mi riservo di poter cancellare gli show'
Musica
5 gior

Chiara Dubey si ritrova in 'Stranger'

È la canzone ufficiale del Floating Notes Festival di San Bernardino, dov'è attesa dal vivo domani, sabato 24 luglio. Ma è soprattutto riscoprire se stessi.
Musica
5 gior

Amy, sono già dieci anni

Ricorre oggi l'anniversario della morte di Amy Winehouse: oggi avrebbe 37 anni.
Culture
6 gior

I bambini del mondo disegnano il loro patrimonio culturale

Sono novecento i disegni esposti virtualmente da martedì scorso. L'iniziativa, in collaborazione con l'Unesco, ha coinvolto bimbi e adolescenti dai quattro continenti
Gallery
Musec
6 gior

Sono quattro i giovani vincitori di Unpublished Photo 21

Assegnati i premi per giovani fotografi UP21. Le loro opere saranno esposte al Musec dal 23 settembre 2021 al 21 febbraio 2022
Musica
6 gior

'Side-Eye NYC (V1.IV)', a settembre il nuovo Pat Metheny

Con relativo tour 2022: tra la date chilometricamente più vicine, quelle del 12 maggio a Milano, Teatro degli Arcimboldi, e del 13 maggio a Zurigo, Volkshaus
Arte
6 gior

'Corona Call', i 15 premiati in mostra a Locarno

In via della Gallinazza 10 e Piazzetta dei Capitani 3, dal 30 luglio al 22 agosto, il frutto del contest lanciato da Visarte Svizzera durante il lockdown.
Biblioteca cantonale
6 gior

Yari Bernasconi e Andrea Fazioli a Chilometro Zero

Giovedì 29 luglio alle 19, i due autori presentano il libro ‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli Editore)
Locarno Film Festival
6 gior

Leopard Club Award a Kasia Smutniak

Le sarà consegnato il 6 agosto in Piazza Grande; il giorno dopo, incontro col pubblico in Rotonda e, al Palacinema, la proiezione di ‘Nelle tue mani’ di Del Monte
Spettacoli
6 gior

Cannes: la vittoria di 'Titane' fa invecchiare Nanni Moretti

Causa dell'invecchiamento, la Palma d'Oro data a un film, dice il regista, “in cui la protagonista rimane incinta di una Cadillac”. Ma il meglio è nei commenti.
Lac en plein air
6 gior

Sotto la stella (nera) del jazz: Giovanni Falzone suona Bowie

Questa sera alle 21, nell'Agorà, la 'Blackstar Suite' del trombettista e compositore italiano, ispirata al testamento musicale dell'artista britannico.
Jazz
23.04.2021 - 09:230
Aggiornamento : 12:18

Betty Vittori, Sua Maestà ‘Maria Elisabetta’

Singer-songwriter, artista vera: di musica e di vita con una tra le più belle voci italiane di sempre, in un disco 'tutti in studio, come ai bei tempi' (flashback...)

Su Wikipedia non c’è la definizione esatta di ‘artista di culto’. Senza scomodare il Sacro, restando a quel bellissimo campo che è il Profano, artista di culto è colei che a un certo punto della carriera può anche sparire dai riflettori ma quando torna (‘Border Life’, 2010) tutti si ricordano chi è. Una artista di culto – cambiamo in un più generico ‘artista vera’ – è coerente, non ti delude mai e quando la intervisti sei tu a uscirne migliore di prima. Betty Vittori, una delle più belle voci italiane, è tornata con un nuovo disco dal titolo assai regale: ‘Maria Elisabetta’. «Si chiama come me. È stato un po’ faticoso accettare questo nome un po’ altisonante, ma alla fine ho pensato che dal punto di vista musicale questo disco sia ciò che meglio mi rappresenta oggi». E anche perché è stata sua madre a chiamarla Maria Elisabetta. «E quindi lo accettiamo».

Uscito dalle orecchie analogiche di Stefano Castagna, che lo ha prodotto e ha ‘imposto’ il titolo, in ‘Maria Elisabetta’ Betty Vittori è accompagnata da Felice Cosmo (pianoforte, tastiere), Federica Zanotti (batteria), Simone Massaron (chitarre) e Fiorenzo Delegà (basso). Apre la splendida ‘If I Could Tell You’, seguono il Vittori-style di ‘Saturday Morning’, un singolone chiamato ‘Rise’ e 2 minuti e 19 secondi intitolati ‘Rain’ che finiscono troppo presto. E molto altro. «Abbiamo lavorato in analogico, cercando di tornare alle radici del suono, perché il digitale un po’ raffredda gli umori. Stefano ha fatto incetta di strumenti, strumentini, riverberi, cose un po’ vintage, e mi ha messo davanti al naso due bellissimi microfoni. C’è anche improvvisazione, estemporaneità che abbiamo voluto tenere, perché è sempre bello incidere un po’ live». ‘Maria Elisabetta’ è un lavoro «pre-pandemico, registrato alla vecchia, tutti insieme ogni giorno in studio, e chi veniva da fuori ha dormito in zona. È stato come tornare ai bei tempi della musica». Tempi che tornano in ‘Angel’, ultima traccia del disco ‘Flying Foxes’ (1985), che sul nuovo album, alla traccia 4, (ri)vede Franco Cristaldi al basso e all’acustica…

Volpini

(Flashback 1) Cantautrice, autrice, vocalist, vocal coach, Betty Vittori è stata anche la voce solista della band (di culto) Volpini Volanti, o Flying Foxes, con – il nucleo – Franco Cristaldi (basso) e Beppe e Piero Cazzago (chitarra e batteria, detti ‘I Gemelli’, in quanto gemelli). Nati come band di supporto di Alberto Fortis (con l’aggiunta di Rossana ‘Roxi’ Casale), lanciati da Carlo Massarini nel format Rai ‘Mister Fantasy’, i Volpini divennero a metà anni 80 una piccola Wrecking Crew, quella manciata di session men che da Los Angeles suonò gran parte delle hit internazionali degli anni 60 e 70. A differenza dei Gemelli, per i quali, a distanza di un anno l’uno dall’altro, la vita ha deciso diversamente (Bagnolo Mella, nel Bresciano, dedica loro un parco), Betty, in qualche modo, continua a fare parte dei Volpini: «Abbiamo iniziato nei postacci, fino all’incontro con Alberto Fortis e Claudio Fabi (padre di Niccolò, ndr), al tempo suo produttore e più tardi anche nostro. Ci sentiamo poco, ma quando ci sentiamo è sempre speciale, sono cose che non si possono dimenticare, che restano per tutta la vita, che ti segnano per sempre. Tante date insieme, tanto tempo insieme, come quello trascorso a registrare a Londra».

Londra significa Abbey Road Studios, l’album ‘Fragole infinite’, la dedica di Alberto Fortis a John Lennon due anni dopo Mark David Chapman: «Fu un’esperienza catartica, forse perché sono stata una fan dei Beatles sin da piccolina e quindi entrare nel tempio fu qualcosa di onirico». Davanti a un microfono Neumann di cui non ricorda il modello esatto, ma dentro ci cantò Lennon, «io e Rossana iniziammo a fare i cori in piena notte. Ho una fotografia bellissima in cui siamo entrambe con un dito nell’orecchio e guardiamo in alto, perché la sala regia è rialzata rispetto a quella di ripresa, e alle nostre spalle c’è l’orologio che segna la mezzanotte in punto. Spesso uscivo da quello studio e andavo in quello vicino, nel quale c’era uno Steinway color ciliegio, che per me era come una calamita».

‘Maria Elisabetta’ contiene un omaggio a Tony Levin (‘Fragile As A Song’), uno a Paul Weller (‘The Cranes Are Back’) e uno alla categoria delle vocalist, alla quale Betty è appartenuta quando i Volpini erano backing band per altri nomi. La premessa: «In Italia si dice ‘corista’, che sembra sempre una specie di declassamento, e invece per fare il ‘corista’ devi essere preparato, attento. È un lavoro faticoso e io ho avuto maestri bravissimi: Rossana Casale, Giulia Fasolino, Lalla Francia, Lola Farahday, Silvio Pozzoli, Naimi Hackett. In quel periodo ero l’ultima arrivata e mi hanno presa tutti sottobraccio, sono sempre stati sempre molto gentili con me». Il tributo alla categoria, si diceva. S’intitola ‘Wild Child’ ed è un brano di Valerie Carter, colei che ispirò ‘Valerie’ a Steve Winwood, ma anche la vocalist per James Taylor e altri immortali: «Ho scoperto che non c’è più andando a cercare il pezzo. Quel disco fu la colonna sonora di un’estate trascorsa in Grecia. Ascoltavo lei e Chaka Khan, ‘I’m Every Woman’ usciva dai portoncini di tutti i bar dell’isola». L’estate, a proposito...

‘Magia’ (maschile, locale)

(Flashback 2). Dopo averlo schiaffeggiato più volte, una giovane Isabella Ferrari bacia un giovane Massimo Ciavarro (s'intravvedono lingue) sulle note di ‘Shadow Dancing’ (Bigazzi-Piccolo), lentone alla Moroder che non sarebbe stonato in ‘Flashdance’. È la scena clou di ‘Chewingum’, teenage movie italiano del 1984. Rete 4, in una notte insonne, ce ne ha da poco regalata una performance. Di quel passaggio tv – «Ero una bambina, con quelle spalline anni Ottanta terribili!» – Betty non ricorda granché. Dell’incisione di ‘Shadow Dancing’ invece sì: «Noi Volpini stavamo provando al Teatro Carcano. Accompagnavamo Giorgio Gaber, Ornella Vanoni, Gino Paoli e tanti altri. Claudio Fabi mi fece scappare dalle prove per registrare al Logic Studio, dove tutti mi stavano aspettando; il problema fu che due sere prima io e i Volpini avevamo suonato ‘pesantemente’ in un locale di Milano che si chiamava ‘Magia’, e non ero proprio a posto con la voce. Ma, fortunatamente, tutto andò bene». Il Magia era un locale dal quale al tempo transitavano tutti. Anche gli Elii: «Ci scambiavamo le serate, noi andavamo a sentire loro e viceversa. Quando ci servì un tastierista per la tournée in Germania pensammo a Sergio Conforti (Rocco Tanica, ndr), ma la scelta poi ricadde su Vittorio Cosma, che adesso con gli Elii ci suona». Tutto torna. «Una sera, al Magia, io e i Volpini ci portammo pure Jaco Pastorius: ci chiamarono da un locale vicino a casa nostra, ci dissero: “Ragazzi! Venite! C’è Pastorius!”; uscimmo di casa e da lì lo portammo al Magia. Beppe, Piero e Franco suonarono con lui, io rimasi sulla mia seggiolina, ipnotizzata…».

Gavetta svizzera

Siamo in viaggio, viaggiamo. «In quegli anni c'era forse più rispetto nei confronti della musica e delle persone che la facevano. Forse c’era meno preparazione, oggi i musicisti nascono già tali, vanno a scuola, fanno cose strepitose; al tempo ti dovevi sudare ogni nota per mancanza di mezzi, di scuole, a parte i conservatori, un po’ ortodossi. Noi invece eravamo dei pazzi che si buttavano nella musica a pesce e ci provavano perché era una cosa che veniva da dentro, irrefrenabile. Lo studio è arrivato dopo». Tanti anni fa Sante Palumbo, tastierista dei Perigeo, band del prog italiano, le disse di non studiare, di «seguire il flusso, di ascoltare il mio strumento, di dargli corda. E per un bel pezzo l’ho fatto. Poi lo studio è arrivato, perché hai bisogno di approfondire. Ma quel consiglio è stato molto utile, perché impari a conoscere aspetti di te che, viceversa, faresti fatica a percepire. Ma c’è comunque tanta gente brava in giro oggi. Manca forse lo zoccolo della gavetta, l’aver patito la fame, tirato la cinghia».

Gavetta che per Betty è passata anche dalla Svizzera: «Ai tempi delle orchestre ho suonato a Friburgo, Berna, Zurigo e Locarno. E poi ci sono tornata coi Volpini, di supporto a Eric Burdon». Per i Flying Foxes la Svizzera fu il trampolino di lancio per la Germania: «In Svizzera ci scoprì Mister Bioleck (Alfred Franz Maria Biolek, vivente, storico conduttore televisivo tedesco, ndr), che ci invitò nel suo programma ‘Mensch Meyer’ e la nostra etichetta, attorno al passaggio tv, ci costruì una piccola tournée». Colonia, Francoforte, Monaco di Baviera, Magonza, e Hannover, ospiti del programma tv ‘Ohne Filter’, dove è passata la storia della musica e dove «la settimana prima aveva cantato Whitney Houston e la sera in cui toccò a noi, Yoko Ono». Ma i Flying Foxes, partiti per un altro locale subito dopo le registrazioni, non ebbero la fortuna di sentirla cantare (è un eufemismo, ndr). Dovremmo chiederle anche di ‘Tears & Joy’, l’album del 1991 che, se mai un giorno verrà pubblicato, porterà come sottotitolo ‘The Lost Tapes’: “Una copia del disco, concluso e pronto per la stampa, è in un cassetto di un appartamento a Madrid; un'altra copia è in un cassetto di una casa di Sirmione”, recita la sua biografia (ndr: chiedere a Betty Vittori di farsi fare una copia). 

Facciamo i nomi?

Abbiamo lasciato i nomi per ultimi. Oltre a Fortis, Betty Vittori vocalist è nei dischi di Vecchioni, Raf, Mannoia, Mina, Zucchero (“Du du du”), Ramazzotti, Vanoni, Ruggeri, Gaber, Paoli, Locasciulli, Morandi, Brian Auger, Rossana Casale («Una delle mie amiche più care»), Niccolò Fabi, Mauro Pagani, Pfm. Siamo noi a fare i nomi, perché nell’epoca dell’ostentazione i nomi sono l’ultima delle cose che Betty ti farà. A meno che non glieli chiedi: «Che dire, non è nella mia indole. Si suona, si vive insieme, si fanno belle cose, chi vuole ascoltare ascolta, senza imposizioni. Nella mia vita c’è posto per tante cose, so che nel momento in cui mi accorgerò che la voce non tiene più non avrò bisogno dello psicologo. Perché non ho concentrato tutta la mia vita sulla musica, anche se la musica è la mia vita». La musica che ci riporta al lago e a ‘Maria Elisabetta’...

“Mi chiamo Betty Vittori e sono nata e cresciuta così, tra le reti dei pescatori, le vanghe nell’orto e quell’idea di bellezza assoluta che costringe a guardare con occhi più profondi”, dice il breve video di presentazione. Detto di persona: «Sirmione è il luogo in cui sono nata, al tempo in cui sono nata. La ricordo come fosse ieri anche grazie a mia madre, donna forte e romantica che mi portava in bicicletta ai giardini del centro storico dove in primavera esplodevano le ginestre e dove mio zio appoggiava il cavalletto e dipingeva uliveti. Noi siamo le nostre radici. Le mie sono particolarmente aeree, ma le porto con me. Dopo tanti anni ho imparato a vivere da sola e ho capito che è una condizione che in questo momento amo. Ma non c’è mestizia nella mia solitudine. La mia casa, la mia terrazza, sono piene di fiori». (www.bettyvittori.it)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved