betty-vittori-sua-maesta-maria-elisabetta
Betty Vittori (foto: Diana Bovoloni)
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
3 ore

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
5 ore

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
7 ore

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
7 ore

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
8 ore

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
9 ore

Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana

Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Culture
9 ore

Spider-Man, compie 60 anni il più giovane dei supereroi Marvel

Creato nell’agosto del 1962 da Stan Lee, con la collaborazione geniale del disegnatore Steve Ditko, ha ritrovato nuova gloria al cinema con Sam Raimi
Spettacoli
10 ore

L’India rifà ‘Forrest Gump’, e c’è chi grida al boicottaggio

Centinaia di integralisti riuniti davanti ai cinema hanno cercato di impedire l’accesso al pubblico nell’Uttar Pradesh: ‘Ridicolizzate le divinità indù’
Locarno 75
12 ore

Zsuzsi Bánkuti è la nuova responsabile di Open Doors

Dalla guida ad interim a quella in prima persona: ‘Non vedo l’ora di scoprire e promuovere nuovi talenti provenienti da questa vibrante regione’
Spettacoli
13 ore

Anne Heche senza speranza: ‘È cerebralmente morta’

A una settimana dal terribile incidente, l’annuncio della famiglia. ‘Donerà gli organi’
Open Doors
14 ore

L’epopea dei profughi cubani che incrina il mito rivoluzionario

‘La opcíon cero’ di Marcel Beltràn è una testimonianza cruda dell’esodo dall’Isola delle Grandi Antille. ‘Una storia reale che non dà risposte’.
Culture
15 ore

È morto il fumettista Sempè, ‘padre’ del Piccolo Nicolas

Creò il celebre personaggio con René Goscinny, uno dei padri di ‘Asterix’. Firmò copertine del New Yorker e di Paris Match: tutta la Francia lo piange
Locarno 75
17 ore

Il sesso, i sessi, in concorso

Valentin Merz e ‘De noche los gatos son pardos’, premio LGBT (se ci fosse), e ‘Piaffe’, fiction d’esordio di Ann Oren
L’intervista
20 ore

La confessione di Costa-Gavras

L’esordio noir, il film politico, la crisi greca, i silenzi di ‘Amen’. E il Collège in cui insegna a leggere il cinema. Il Pardo alla carriera si racconta
Locarno 75
1 gior

Canta in Piazza la lotta femminile di Annie Colère

Il film di Lenoir, in Piazza oggi, racconta le battaglie delle donne per il diritto all’aborto: una storia che invita alla rivolta cosciente e civile
Locarno 75
1 gior

Piazza Grande di venerdì: Bataclan e ‘Imitation of Life’

Prima della proiezione dei due film, verrà consegnato il Pardo d’onore Manor alla regista statunitense Kelly Reichardt
Spettacoli
1 gior

Steve Martin dice addio alla carriera di attore

L‘attore ha alle spalle quasi 60 anni di carriera. Attualmente è impegnato nella serie televisiva ‘Only Murders in the Building’
Sostiene Morace
1 gior

Ma col domenicale in pausa estiva, io con chi faccio polemica?

Mancano gli affondi sulla ‘kultura’ e lo sperpero di soldi pubblici del Festival. Ma restando al cinema, quant’è bello ‘Last Dance’
Chilometro zero
1 gior

Una matinée dedicata al tema della toponomastica al femminile

L’appuntamento è proposto nel solco della rassegna Chilometro zero, lunedì 22 agosto, alle 9, in Biblioteca cantonale a Lugano
Prix au Public
1 gior

Lattina di Feldi con pezzi di sottotitoli

Sfilate di direttori artistici, il tormentone sul Ceneri, le donne che non sudano (e altre storie locarnesi)
Piazza Grande
1 gior

Il Pardo alla carriera a Costa-Gavras, poi ‘Annie Colère’

È il programma di questa sera, che dalla storia di Annie porta al noir d’esordio del grande regista, che ritira il suo premio
In Concorso
1 gior

Immagini dell’immondizia e di un’umanità persa

‘Matter Out of Place’ dell’austriaco Nikolaus Geyrhalter vs ‘Regra 34’ della brasiliana Julia Murat: emozioni contrastanti
Estate giallo-nera
1 gior

Borges, raccontare l’infamia per amore del coraggio

‘Storia universale dell’infamia’, sette storie di Jorge Luis Borges, che di scrivere racconti aveva tanta paura
Locarno 75
1 gior

La normalità non binaria dell’adolescente Robin

A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
Locarno 75
1 gior

Non sapeva di sognare, Piazza Grande è un sogno che s’avvera

La regista Caterina Mona ci parla di ‘Semret’, suo primo lungometraggio proiettato mercoledì sera a Locarno. ‘Sentivo che era un film necessario’
L’intervista
1 gior

Suoni e visioni di Laurie Anderson

Così è motivato il Vision Award ritirato ieri in Piazza: ‘Niente nella musica, nel teatro, nel cinema, nella danza e nella videoarte sarà più lo stesso’
Locarno 75
2 gior

‘Semret’, in Piazza il peso dello stupro

Caterina Mona merita un applauso tutto suo per un film sincero, capace di dire dell’oggi, dei migranti che fatichiamo a vedere, apprezzare, custodire.
Moda
2 gior

Addio a Issey Miyake, il ‘sarto del vento’

Aveva 84 anni. Era anche conosciuto per aver disegnato il dolcevita nero indossato dal fondatore di Apple, Steve Jobs
Spettacoli
2 gior

I Golden Globes tornano su Nbc nel 2023

Dopo lo scandalo sulla diversità e lo stop della messa in onda quest’anno
Locarno 75
2 gior

Per finire, tutti i film premiati nelle sale del Festival

In speciali proiezioni ad accesso gratuito, domenica 14 agosto il palmarès ‘in omaggio’
Culture
2 gior

È morto l’illustratore Raymond Briggs

Fra i più amati dai bimbi, celebre il suo Pupazzo di neve. Tra le sue opere, anche la denuncia alla guerra
Culture
2 gior

Myanmar e Ucraina: Film Festival diritti umani, i primi titoli

Dal 19 al 23 ottobre a Lugano, i primi titoli: il pluripremiato ‘Myanmar Diaries’, di un collettivo birmano, e ‘Klondike’ di Maryna El Gorbach
Locarno 75
2 gior

‘Sermone ai pesci’ è il canto di un’umanità sconfitta

Il film di Baydarov è fra le proposte di oggi in Concorso insieme a ‘Serviam - Ich will dienen’, dove si calpestano i sentimenti dei personaggi
Culture
2 gior

A proposito di Robert Walser

Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
2 gior

Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’

Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Locarno 75
3 gior

Fuori concorso una ‘Candy Land’ senza sconti

Crudele e spietato, diversi spettatori hanno lasciato la sala durante la proiezione. Ma il limite è la poca originalità registica
Musica
3 gior

Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul

Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
3 gior

In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’

Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
3 gior

In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno

Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Jazz
23.04.2021 - 09:23
Aggiornamento: 12:18

Betty Vittori, Sua Maestà ‘Maria Elisabetta’

Singer-songwriter, artista vera: di musica e di vita con una tra le più belle voci italiane di sempre, in un disco 'tutti in studio, come ai bei tempi' (flashback...)

Su Wikipedia non c’è la definizione esatta di ‘artista di culto’. Senza scomodare il Sacro, restando a quel bellissimo campo che è il Profano, artista di culto è colei che a un certo punto della carriera può anche sparire dai riflettori ma quando torna (‘Border Life’, 2010) tutti si ricordano chi è. Una artista di culto – cambiamo in un più generico ‘artista vera’ – è coerente, non ti delude mai e quando la intervisti sei tu a uscirne migliore di prima. Betty Vittori, una delle più belle voci italiane, è tornata con un nuovo disco dal titolo assai regale: ‘Maria Elisabetta’. «Si chiama come me. È stato un po’ faticoso accettare questo nome un po’ altisonante, ma alla fine ho pensato che dal punto di vista musicale questo disco sia ciò che meglio mi rappresenta oggi». E anche perché è stata sua madre a chiamarla Maria Elisabetta. «E quindi lo accettiamo».

Uscito dalle orecchie analogiche di Stefano Castagna, che lo ha prodotto e ha ‘imposto’ il titolo, in ‘Maria Elisabetta’ Betty Vittori è accompagnata da Felice Cosmo (pianoforte, tastiere), Federica Zanotti (batteria), Simone Massaron (chitarre) e Fiorenzo Delegà (basso). Apre la splendida ‘If I Could Tell You’, seguono il Vittori-style di ‘Saturday Morning’, un singolone chiamato ‘Rise’ e 2 minuti e 19 secondi intitolati ‘Rain’ che finiscono troppo presto. E molto altro. «Abbiamo lavorato in analogico, cercando di tornare alle radici del suono, perché il digitale un po’ raffredda gli umori. Stefano ha fatto incetta di strumenti, strumentini, riverberi, cose un po’ vintage, e mi ha messo davanti al naso due bellissimi microfoni. C’è anche improvvisazione, estemporaneità che abbiamo voluto tenere, perché è sempre bello incidere un po’ live». ‘Maria Elisabetta’ è un lavoro «pre-pandemico, registrato alla vecchia, tutti insieme ogni giorno in studio, e chi veniva da fuori ha dormito in zona. È stato come tornare ai bei tempi della musica». Tempi che tornano in ‘Angel’, ultima traccia del disco ‘Flying Foxes’ (1985), che sul nuovo album, alla traccia 4, (ri)vede Franco Cristaldi al basso e all’acustica…

Volpini

(Flashback 1) Cantautrice, autrice, vocalist, vocal coach, Betty Vittori è stata anche la voce solista della band (di culto) Volpini Volanti, o Flying Foxes, con – il nucleo – Franco Cristaldi (basso) e Beppe e Piero Cazzago (chitarra e batteria, detti ‘I Gemelli’, in quanto gemelli). Nati come band di supporto di Alberto Fortis (con l’aggiunta di Rossana ‘Roxi’ Casale), lanciati da Carlo Massarini nel format Rai ‘Mister Fantasy’, i Volpini divennero a metà anni 80 una piccola Wrecking Crew, quella manciata di session men che da Los Angeles suonò gran parte delle hit internazionali degli anni 60 e 70. A differenza dei Gemelli, per i quali, a distanza di un anno l’uno dall’altro, la vita ha deciso diversamente (Bagnolo Mella, nel Bresciano, dedica loro un parco), Betty, in qualche modo, continua a fare parte dei Volpini: «Abbiamo iniziato nei postacci, fino all’incontro con Alberto Fortis e Claudio Fabi (padre di Niccolò, ndr), al tempo suo produttore e più tardi anche nostro. Ci sentiamo poco, ma quando ci sentiamo è sempre speciale, sono cose che non si possono dimenticare, che restano per tutta la vita, che ti segnano per sempre. Tante date insieme, tanto tempo insieme, come quello trascorso a registrare a Londra».

Londra significa Abbey Road Studios, l’album ‘Fragole infinite’, la dedica di Alberto Fortis a John Lennon due anni dopo Mark David Chapman: «Fu un’esperienza catartica, forse perché sono stata una fan dei Beatles sin da piccolina e quindi entrare nel tempio fu qualcosa di onirico». Davanti a un microfono Neumann di cui non ricorda il modello esatto, ma dentro ci cantò Lennon, «io e Rossana iniziammo a fare i cori in piena notte. Ho una fotografia bellissima in cui siamo entrambe con un dito nell’orecchio e guardiamo in alto, perché la sala regia è rialzata rispetto a quella di ripresa, e alle nostre spalle c’è l’orologio che segna la mezzanotte in punto. Spesso uscivo da quello studio e andavo in quello vicino, nel quale c’era uno Steinway color ciliegio, che per me era come una calamita».

‘Maria Elisabetta’ contiene un omaggio a Tony Levin (‘Fragile As A Song’), uno a Paul Weller (‘The Cranes Are Back’) e uno alla categoria delle vocalist, alla quale Betty è appartenuta quando i Volpini erano backing band per altri nomi. La premessa: «In Italia si dice ‘corista’, che sembra sempre una specie di declassamento, e invece per fare il ‘corista’ devi essere preparato, attento. È un lavoro faticoso e io ho avuto maestri bravissimi: Rossana Casale, Giulia Fasolino, Lalla Francia, Lola Farahday, Silvio Pozzoli, Naimi Hackett. In quel periodo ero l’ultima arrivata e mi hanno presa tutti sottobraccio, sono sempre stati sempre molto gentili con me». Il tributo alla categoria, si diceva. S’intitola ‘Wild Child’ ed è un brano di Valerie Carter, colei che ispirò ‘Valerie’ a Steve Winwood, ma anche la vocalist per James Taylor e altri immortali: «Ho scoperto che non c’è più andando a cercare il pezzo. Quel disco fu la colonna sonora di un’estate trascorsa in Grecia. Ascoltavo lei e Chaka Khan, ‘I’m Every Woman’ usciva dai portoncini di tutti i bar dell’isola». L’estate, a proposito...

‘Magia’ (maschile, locale)

(Flashback 2). Dopo averlo schiaffeggiato più volte, una giovane Isabella Ferrari bacia un giovane Massimo Ciavarro (s'intravvedono lingue) sulle note di ‘Shadow Dancing’ (Bigazzi-Piccolo), lentone alla Moroder che non sarebbe stonato in ‘Flashdance’. È la scena clou di ‘Chewingum’, teenage movie italiano del 1984. Rete 4, in una notte insonne, ce ne ha da poco regalata una performance. Di quel passaggio tv – «Ero una bambina, con quelle spalline anni Ottanta terribili!» – Betty non ricorda granché. Dell’incisione di ‘Shadow Dancing’ invece sì: «Noi Volpini stavamo provando al Teatro Carcano. Accompagnavamo Giorgio Gaber, Ornella Vanoni, Gino Paoli e tanti altri. Claudio Fabi mi fece scappare dalle prove per registrare al Logic Studio, dove tutti mi stavano aspettando; il problema fu che due sere prima io e i Volpini avevamo suonato ‘pesantemente’ in un locale di Milano che si chiamava ‘Magia’, e non ero proprio a posto con la voce. Ma, fortunatamente, tutto andò bene». Il Magia era un locale dal quale al tempo transitavano tutti. Anche gli Elii: «Ci scambiavamo le serate, noi andavamo a sentire loro e viceversa. Quando ci servì un tastierista per la tournée in Germania pensammo a Sergio Conforti (Rocco Tanica, ndr), ma la scelta poi ricadde su Vittorio Cosma, che adesso con gli Elii ci suona». Tutto torna. «Una sera, al Magia, io e i Volpini ci portammo pure Jaco Pastorius: ci chiamarono da un locale vicino a casa nostra, ci dissero: “Ragazzi! Venite! C’è Pastorius!”; uscimmo di casa e da lì lo portammo al Magia. Beppe, Piero e Franco suonarono con lui, io rimasi sulla mia seggiolina, ipnotizzata…».

Gavetta svizzera

Siamo in viaggio, viaggiamo. «In quegli anni c'era forse più rispetto nei confronti della musica e delle persone che la facevano. Forse c’era meno preparazione, oggi i musicisti nascono già tali, vanno a scuola, fanno cose strepitose; al tempo ti dovevi sudare ogni nota per mancanza di mezzi, di scuole, a parte i conservatori, un po’ ortodossi. Noi invece eravamo dei pazzi che si buttavano nella musica a pesce e ci provavano perché era una cosa che veniva da dentro, irrefrenabile. Lo studio è arrivato dopo». Tanti anni fa Sante Palumbo, tastierista dei Perigeo, band del prog italiano, le disse di non studiare, di «seguire il flusso, di ascoltare il mio strumento, di dargli corda. E per un bel pezzo l’ho fatto. Poi lo studio è arrivato, perché hai bisogno di approfondire. Ma quel consiglio è stato molto utile, perché impari a conoscere aspetti di te che, viceversa, faresti fatica a percepire. Ma c’è comunque tanta gente brava in giro oggi. Manca forse lo zoccolo della gavetta, l’aver patito la fame, tirato la cinghia».

Gavetta che per Betty è passata anche dalla Svizzera: «Ai tempi delle orchestre ho suonato a Friburgo, Berna, Zurigo e Locarno. E poi ci sono tornata coi Volpini, di supporto a Eric Burdon». Per i Flying Foxes la Svizzera fu il trampolino di lancio per la Germania: «In Svizzera ci scoprì Mister Bioleck (Alfred Franz Maria Biolek, vivente, storico conduttore televisivo tedesco, ndr), che ci invitò nel suo programma ‘Mensch Meyer’ e la nostra etichetta, attorno al passaggio tv, ci costruì una piccola tournée». Colonia, Francoforte, Monaco di Baviera, Magonza, e Hannover, ospiti del programma tv ‘Ohne Filter’, dove è passata la storia della musica e dove «la settimana prima aveva cantato Whitney Houston e la sera in cui toccò a noi, Yoko Ono». Ma i Flying Foxes, partiti per un altro locale subito dopo le registrazioni, non ebbero la fortuna di sentirla cantare (è un eufemismo, ndr). Dovremmo chiederle anche di ‘Tears & Joy’, l’album del 1991 che, se mai un giorno verrà pubblicato, porterà come sottotitolo ‘The Lost Tapes’: “Una copia del disco, concluso e pronto per la stampa, è in un cassetto di un appartamento a Madrid; un'altra copia è in un cassetto di una casa di Sirmione”, recita la sua biografia (ndr: chiedere a Betty Vittori di farsi fare una copia). 

Facciamo i nomi?

Abbiamo lasciato i nomi per ultimi. Oltre a Fortis, Betty Vittori vocalist è nei dischi di Vecchioni, Raf, Mannoia, Mina, Zucchero (“Du du du”), Ramazzotti, Vanoni, Ruggeri, Gaber, Paoli, Locasciulli, Morandi, Brian Auger, Rossana Casale («Una delle mie amiche più care»), Niccolò Fabi, Mauro Pagani, Pfm. Siamo noi a fare i nomi, perché nell’epoca dell’ostentazione i nomi sono l’ultima delle cose che Betty ti farà. A meno che non glieli chiedi: «Che dire, non è nella mia indole. Si suona, si vive insieme, si fanno belle cose, chi vuole ascoltare ascolta, senza imposizioni. Nella mia vita c’è posto per tante cose, so che nel momento in cui mi accorgerò che la voce non tiene più non avrò bisogno dello psicologo. Perché non ho concentrato tutta la mia vita sulla musica, anche se la musica è la mia vita». La musica che ci riporta al lago e a ‘Maria Elisabetta’...

“Mi chiamo Betty Vittori e sono nata e cresciuta così, tra le reti dei pescatori, le vanghe nell’orto e quell’idea di bellezza assoluta che costringe a guardare con occhi più profondi”, dice il breve video di presentazione. Detto di persona: «Sirmione è il luogo in cui sono nata, al tempo in cui sono nata. La ricordo come fosse ieri anche grazie a mia madre, donna forte e romantica che mi portava in bicicletta ai giardini del centro storico dove in primavera esplodevano le ginestre e dove mio zio appoggiava il cavalletto e dipingeva uliveti. Noi siamo le nostre radici. Le mie sono particolarmente aeree, ma le porto con me. Dopo tanti anni ho imparato a vivere da sola e ho capito che è una condizione che in questo momento amo. Ma non c’è mestizia nella mia solitudine. La mia casa, la mia terrazza, sono piene di fiori». (www.bettyvittori.it)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
betty vittori flying foxes maria elisabetta sirmione volpini volanti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved