COB Jackets
2
PIT Penguins
3
3. tempo
(2-2 : 0-0 : 0-1)
CAR Hurricanes
5
NY Rangers
3
3. tempo
(2-0 : 3-1 : 0-2)
NY Islanders
2
ARI Coyotes
0
2. tempo
(2-0 : 0-0)
Detroit Red Wings
3
DAL Stars
3
2. tempo
(1-1 : 2-2)
CHI Blackhawks
0
MIN Wild
3
1. tempo
(0-3)
ANA Ducks
TB Lightning
04:00
 
Seattle Kraken
STL Blues
04:00
 
VAN Canucks
FLO Panthers
04:00
 
betty-vittori-sua-maesta-maria-elisabetta
Betty Vittori (foto: Diana Bovoloni)
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
5 ore

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
5 ore

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
5 ore

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
Teatro Sociale
7 ore

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
9 ore

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
Cinema
10 ore

Disney al lavoro su live-action degli ‘Aristogatti’

Non si sa se in sala o in streaming. Sceneggiatura affidata a Will Gluck, regista di ‘Peter Rabbit’, e Keith Bunin di ‘Onward’
Cinema
11 ore

Nel 2024 See-1, primo studio cinematografico spaziale in orbita

Accordo tra Axiom Space e Space Entertainment Enterprise, società dei produttori che stanno organizzando le riprese in orbita del film di Tom Cruise
Scienze
15 ore

Omicron è più dura a morire: vive fino a 8 giorni nell’ambiente

Uno studio svela una peculiarità della variante che potrebbe aiutare a spiegarne la rapida diffusione: resiste all’esterno più a lungo delle altre
Cinema
15 ore

‘Atlas’ di Niccolò Castelli distribuito in Germania e Austria

Matilda De Angelis, nel frattempo, premiata come miglior attrice al festival indiano di Jaipur 2022, dove il film ha vinto per miglior suono e montaggio
Spettacoli
17 ore

È morto Meat Loaf

La trilogia milionaria di ‘Bat Out of Hell’, il Grammy per ‘I’d do anything for Love’, indimenticato Eddie nel ‘Rocky Horror Picture Show’. Aveva 74 anni
Animali
18 ore

Ora è chiaro come le balenottere mangino senza strozzarsi

È grazie a un salvifico ‘tappo’ carnoso che va a chiudere e proteggere le vie respiratorie, scoperto dall’Università della British Columbia, Canada
Musica
21 ore

Rettore-Ditonellapiaga, una questione spudoratamente ‘Chimica’

No-vax, suore, Lucio Dalla, muri da abbattere e parità: nella conferenza di presentazione del duetto sanremese è Rettore show
Musica
1 gior

Addio a Elza Soares, la cantante brasiliana del millennio

Così la definì Bbc Radio. Per il Rolling Stone, tra le cento più grandi voci della musica brasiliana. Si è spenta a 91 anni a Rio de Janeiro
Festival di Sanremo
1 gior

Sanremo: i duetti del venerdì, da De André a... Britney Spears

In un range che va da ‘Nella mia ora di libertà’ (ospite Capossela) a ‘Baby One More Time’ (sic), a tema ’60, ’70, ’80 e ’90
Culture
1 gior

A ‘Storie’ le ragioni del respingimento di Liliana Segre

La vicenda è al centro del documentario di Ruben Rossello prodotto dalla Rsi, in programma domenica 23 gennaio
Culture
1 gior

Referendum Lex Netflix, ‘una pugnalata alle spalle’

Lo sostiene cinésuisse, secondo cui combattere la revisione della legge sul cinema è un attacco alla cultura e all’economia della Svizzera
Cinema
1 gior

Addio Camillo Milli, presidente della Longobarda e Megadirettore

Formatosi con Strehler, poi a fianco di Fo, è stato uno dei protagonisti della commedia italiana. Recitò ne ‘Il marchese del Grillo’ di Monicelli
Culture
1 gior

La cultura ticinese nel cinema svizzero ha un nuovo alleato

Presentato alle Giornate di Soletta un fondo nazionale per sostenere i film legati al Sud delle Alpi. Ne abbiamo parlato col regista Niccolò Castelli.
Locarno Film Festival
1 gior

Locarno75, la Retrospettiva è dedicata a Douglas Sirk

Una rilettura del regista tedesco a 35 anni dalla sua scomparsa avvenuta in Ticino. A colloquio con Roberto Turigliatto, co-curatore della retrospettiva
Scienze
1 gior

La resistenza agli antibiotici uccide 1,2 mln di persone l’anno

Il rapporto è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet
Culture
1 gior

Usi, una storia lunga tre secoli

Intervista a Pietro Montorfani, autore con Mauro Baranzini di un libro sulla storia dell’Università della Svizzera italiana
Teatro Sociale
1 gior

‘Volar cantando’, Rossana Taddei alle radici del suo folklore

Sabato 22 gennaio il nuovo spettacolo, celebrazione dei 15 anni di sodalizio con Gustavo Etchenique e momento di riscoperta di nuovi classici
Spettacoli
1 gior

La Santippe di Lella Costa, una santa vedova Socrate

Al Teatro Sociale l’attrice italiana ha ripreso il monologo di Franca Valeri dedicato “alla moglie più insopportabile dell’Antichità”
Spettacoli
2 gior

Sfogliando ‘Se questo è un uomo’ a teatro

Magnifica prova di Valter Malosti, martedì scorso al Lac, nel portare in scena il testo di Primo Levi
Spettacoli
2 gior

L’attore francese Gaspard Ulliel è morto in un incidente di sci

Aveva 37 anni. Noto per aver interpretato Yves Saint Laurent e lo psichiatra cannibale di ‘ Hannibal Lecter - Le origini del male’ e
Società
2 gior

Addio a André Leon Talley, gigante nero della moda

A lungo direttore creativo di ‘Vogue’, Leon Talley aveva 73 anni. Suo il servizio che reinterpretava Via col vento con Naomi Campbell
Conservatorio
2 gior

Scuola di Musica del Csi, Concerto di Gala è in presenza

Nell’Aula Magna del Conservatorio della Svizzera italiana venerdì 28 gennaio alle 19, anche in streaming
Culture
2 gior

Eventi letterari, Premio Filippini alla casa editrice Diogenes

Nel suo settantesimo anniversario, l’editore zurighese indipendente riceverà il riconoscimento intitolato a Enrico Filippini
Società
2 gior

Addio a André Leon Talley, ‘gigante nero’ della moda

A lungo direttore creativo di Vogue, aveva avuto un ruolo chiave nell’aprire il mondo della moda a stilisti e modelle di colore
Cinema
2 gior

Festival ticinese del film non commerciale, concorso aperto

In attesa del 27 marzo, data del festival, il termine per l’invio dei filmati è martedì primo febbraio. La partecipazione è gratuita
Cinema
2 gior

Anche Totò e ‘Star Wars’ tra i 42 film preferiti da Fellini

Accanto ad Antonioni, Kurosawa, Bergman, Rossellini, Kubrick e Hitchcock. La ‘playlist’ del maestro in un documento originale custodito da Cineteca Rimini
Musica
2 gior

Fasolis sul podio del Maggio Musicale Fiorentino con Cherubini

È il debutto per il leader dei Barocchisti. Sabato 22 gennaio va in scena ‘Lo sposo di tre e marito di nessuna’, mai rappresentata a Firenze
Spettacoli
2 gior

A Morcote ci sono i Beatles sul tetto

Domenica 30 gennaio al via la nuova stagione allo Spazio Garavello 7 con ‘The Beatles’ rooftop concert’ affidato ai ticinesi Nowhere Land
Jazz in Bess
2 gior

Boggini-Boltro poi Andrina Bollinger per Suisse Diagonales

Aperto da un local hero insieme a un grande della tomba, il terzo e ultimo appuntamento luganese è in programma sabato 22 gennaio dalle 20.30
Archeologia
2 gior

Un anfiteatro romano scoperto a Kaiseraugst

La struttura muraria a forma di anello sarà mantenuta. È il secondo anfiteatro romano in Argovia e il terzo nella città romana di Augusta Raurica
Musica nel Mendrisiotto
2 gior

‘Dentro la musica’, per avvicinare pubblico e interpreti

A Mendrisio, martedì 25 gennaio con Claude Hauri e Daniel Moos; venerdì 28 con Veronika Miecznikovski, Milo Ferrazzini e Andrea Jermini
Archeologia
3 gior

Scoperta in Arabia Saudita una rete stradale dell’età del Bronzo

Metteva in collegamento le oasi ed era circondata da monumenti funebri, circa 17’800. Risalirebbe a 4’500 anni fa
Streaming
3 gior

‘Pam e Tommy’, quando il sex tape diventa serie (su Disney+)

Dal 2 febbraio la serie hot su Pamela Anderson e Tommy Lee, storia di un video amatoriale diventato di dominio pubblico. Era la fine dei Novanta...
Culture
3 gior

India: Birjiu, guru della danza tradizionale, morto a 83 anni

Ha reso famoso nel mondo lo stile kathak. Fatale un attacco cardiaco mentre si stava esercitando con il figlio. Era noto col soprannome di Maharaj
Jazz
23.04.2021 - 09:230
Aggiornamento : 12:18

Betty Vittori, Sua Maestà ‘Maria Elisabetta’

Singer-songwriter, artista vera: di musica e di vita con una tra le più belle voci italiane di sempre, in un disco 'tutti in studio, come ai bei tempi' (flashback...)

Su Wikipedia non c’è la definizione esatta di ‘artista di culto’. Senza scomodare il Sacro, restando a quel bellissimo campo che è il Profano, artista di culto è colei che a un certo punto della carriera può anche sparire dai riflettori ma quando torna (‘Border Life’, 2010) tutti si ricordano chi è. Una artista di culto – cambiamo in un più generico ‘artista vera’ – è coerente, non ti delude mai e quando la intervisti sei tu a uscirne migliore di prima. Betty Vittori, una delle più belle voci italiane, è tornata con un nuovo disco dal titolo assai regale: ‘Maria Elisabetta’. «Si chiama come me. È stato un po’ faticoso accettare questo nome un po’ altisonante, ma alla fine ho pensato che dal punto di vista musicale questo disco sia ciò che meglio mi rappresenta oggi». E anche perché è stata sua madre a chiamarla Maria Elisabetta. «E quindi lo accettiamo».

Uscito dalle orecchie analogiche di Stefano Castagna, che lo ha prodotto e ha ‘imposto’ il titolo, in ‘Maria Elisabetta’ Betty Vittori è accompagnata da Felice Cosmo (pianoforte, tastiere), Federica Zanotti (batteria), Simone Massaron (chitarre) e Fiorenzo Delegà (basso). Apre la splendida ‘If I Could Tell You’, seguono il Vittori-style di ‘Saturday Morning’, un singolone chiamato ‘Rise’ e 2 minuti e 19 secondi intitolati ‘Rain’ che finiscono troppo presto. E molto altro. «Abbiamo lavorato in analogico, cercando di tornare alle radici del suono, perché il digitale un po’ raffredda gli umori. Stefano ha fatto incetta di strumenti, strumentini, riverberi, cose un po’ vintage, e mi ha messo davanti al naso due bellissimi microfoni. C’è anche improvvisazione, estemporaneità che abbiamo voluto tenere, perché è sempre bello incidere un po’ live». ‘Maria Elisabetta’ è un lavoro «pre-pandemico, registrato alla vecchia, tutti insieme ogni giorno in studio, e chi veniva da fuori ha dormito in zona. È stato come tornare ai bei tempi della musica». Tempi che tornano in ‘Angel’, ultima traccia del disco ‘Flying Foxes’ (1985), che sul nuovo album, alla traccia 4, (ri)vede Franco Cristaldi al basso e all’acustica…

Volpini

(Flashback 1) Cantautrice, autrice, vocalist, vocal coach, Betty Vittori è stata anche la voce solista della band (di culto) Volpini Volanti, o Flying Foxes, con – il nucleo – Franco Cristaldi (basso) e Beppe e Piero Cazzago (chitarra e batteria, detti ‘I Gemelli’, in quanto gemelli). Nati come band di supporto di Alberto Fortis (con l’aggiunta di Rossana ‘Roxi’ Casale), lanciati da Carlo Massarini nel format Rai ‘Mister Fantasy’, i Volpini divennero a metà anni 80 una piccola Wrecking Crew, quella manciata di session men che da Los Angeles suonò gran parte delle hit internazionali degli anni 60 e 70. A differenza dei Gemelli, per i quali, a distanza di un anno l’uno dall’altro, la vita ha deciso diversamente (Bagnolo Mella, nel Bresciano, dedica loro un parco), Betty, in qualche modo, continua a fare parte dei Volpini: «Abbiamo iniziato nei postacci, fino all’incontro con Alberto Fortis e Claudio Fabi (padre di Niccolò, ndr), al tempo suo produttore e più tardi anche nostro. Ci sentiamo poco, ma quando ci sentiamo è sempre speciale, sono cose che non si possono dimenticare, che restano per tutta la vita, che ti segnano per sempre. Tante date insieme, tanto tempo insieme, come quello trascorso a registrare a Londra».

Londra significa Abbey Road Studios, l’album ‘Fragole infinite’, la dedica di Alberto Fortis a John Lennon due anni dopo Mark David Chapman: «Fu un’esperienza catartica, forse perché sono stata una fan dei Beatles sin da piccolina e quindi entrare nel tempio fu qualcosa di onirico». Davanti a un microfono Neumann di cui non ricorda il modello esatto, ma dentro ci cantò Lennon, «io e Rossana iniziammo a fare i cori in piena notte. Ho una fotografia bellissima in cui siamo entrambe con un dito nell’orecchio e guardiamo in alto, perché la sala regia è rialzata rispetto a quella di ripresa, e alle nostre spalle c’è l’orologio che segna la mezzanotte in punto. Spesso uscivo da quello studio e andavo in quello vicino, nel quale c’era uno Steinway color ciliegio, che per me era come una calamita».

‘Maria Elisabetta’ contiene un omaggio a Tony Levin (‘Fragile As A Song’), uno a Paul Weller (‘The Cranes Are Back’) e uno alla categoria delle vocalist, alla quale Betty è appartenuta quando i Volpini erano backing band per altri nomi. La premessa: «In Italia si dice ‘corista’, che sembra sempre una specie di declassamento, e invece per fare il ‘corista’ devi essere preparato, attento. È un lavoro faticoso e io ho avuto maestri bravissimi: Rossana Casale, Giulia Fasolino, Lalla Francia, Lola Farahday, Silvio Pozzoli, Naimi Hackett. In quel periodo ero l’ultima arrivata e mi hanno presa tutti sottobraccio, sono sempre stati sempre molto gentili con me». Il tributo alla categoria, si diceva. S’intitola ‘Wild Child’ ed è un brano di Valerie Carter, colei che ispirò ‘Valerie’ a Steve Winwood, ma anche la vocalist per James Taylor e altri immortali: «Ho scoperto che non c’è più andando a cercare il pezzo. Quel disco fu la colonna sonora di un’estate trascorsa in Grecia. Ascoltavo lei e Chaka Khan, ‘I’m Every Woman’ usciva dai portoncini di tutti i bar dell’isola». L’estate, a proposito...

‘Magia’ (maschile, locale)

(Flashback 2). Dopo averlo schiaffeggiato più volte, una giovane Isabella Ferrari bacia un giovane Massimo Ciavarro (s'intravvedono lingue) sulle note di ‘Shadow Dancing’ (Bigazzi-Piccolo), lentone alla Moroder che non sarebbe stonato in ‘Flashdance’. È la scena clou di ‘Chewingum’, teenage movie italiano del 1984. Rete 4, in una notte insonne, ce ne ha da poco regalata una performance. Di quel passaggio tv – «Ero una bambina, con quelle spalline anni Ottanta terribili!» – Betty non ricorda granché. Dell’incisione di ‘Shadow Dancing’ invece sì: «Noi Volpini stavamo provando al Teatro Carcano. Accompagnavamo Giorgio Gaber, Ornella Vanoni, Gino Paoli e tanti altri. Claudio Fabi mi fece scappare dalle prove per registrare al Logic Studio, dove tutti mi stavano aspettando; il problema fu che due sere prima io e i Volpini avevamo suonato ‘pesantemente’ in un locale di Milano che si chiamava ‘Magia’, e non ero proprio a posto con la voce. Ma, fortunatamente, tutto andò bene». Il Magia era un locale dal quale al tempo transitavano tutti. Anche gli Elii: «Ci scambiavamo le serate, noi andavamo a sentire loro e viceversa. Quando ci servì un tastierista per la tournée in Germania pensammo a Sergio Conforti (Rocco Tanica, ndr), ma la scelta poi ricadde su Vittorio Cosma, che adesso con gli Elii ci suona». Tutto torna. «Una sera, al Magia, io e i Volpini ci portammo pure Jaco Pastorius: ci chiamarono da un locale vicino a casa nostra, ci dissero: “Ragazzi! Venite! C’è Pastorius!”; uscimmo di casa e da lì lo portammo al Magia. Beppe, Piero e Franco suonarono con lui, io rimasi sulla mia seggiolina, ipnotizzata…».

Gavetta svizzera

Siamo in viaggio, viaggiamo. «In quegli anni c'era forse più rispetto nei confronti della musica e delle persone che la facevano. Forse c’era meno preparazione, oggi i musicisti nascono già tali, vanno a scuola, fanno cose strepitose; al tempo ti dovevi sudare ogni nota per mancanza di mezzi, di scuole, a parte i conservatori, un po’ ortodossi. Noi invece eravamo dei pazzi che si buttavano nella musica a pesce e ci provavano perché era una cosa che veniva da dentro, irrefrenabile. Lo studio è arrivato dopo». Tanti anni fa Sante Palumbo, tastierista dei Perigeo, band del prog italiano, le disse di non studiare, di «seguire il flusso, di ascoltare il mio strumento, di dargli corda. E per un bel pezzo l’ho fatto. Poi lo studio è arrivato, perché hai bisogno di approfondire. Ma quel consiglio è stato molto utile, perché impari a conoscere aspetti di te che, viceversa, faresti fatica a percepire. Ma c’è comunque tanta gente brava in giro oggi. Manca forse lo zoccolo della gavetta, l’aver patito la fame, tirato la cinghia».

Gavetta che per Betty è passata anche dalla Svizzera: «Ai tempi delle orchestre ho suonato a Friburgo, Berna, Zurigo e Locarno. E poi ci sono tornata coi Volpini, di supporto a Eric Burdon». Per i Flying Foxes la Svizzera fu il trampolino di lancio per la Germania: «In Svizzera ci scoprì Mister Bioleck (Alfred Franz Maria Biolek, vivente, storico conduttore televisivo tedesco, ndr), che ci invitò nel suo programma ‘Mensch Meyer’ e la nostra etichetta, attorno al passaggio tv, ci costruì una piccola tournée». Colonia, Francoforte, Monaco di Baviera, Magonza, e Hannover, ospiti del programma tv ‘Ohne Filter’, dove è passata la storia della musica e dove «la settimana prima aveva cantato Whitney Houston e la sera in cui toccò a noi, Yoko Ono». Ma i Flying Foxes, partiti per un altro locale subito dopo le registrazioni, non ebbero la fortuna di sentirla cantare (è un eufemismo, ndr). Dovremmo chiederle anche di ‘Tears & Joy’, l’album del 1991 che, se mai un giorno verrà pubblicato, porterà come sottotitolo ‘The Lost Tapes’: “Una copia del disco, concluso e pronto per la stampa, è in un cassetto di un appartamento a Madrid; un'altra copia è in un cassetto di una casa di Sirmione”, recita la sua biografia (ndr: chiedere a Betty Vittori di farsi fare una copia). 

Facciamo i nomi?

Abbiamo lasciato i nomi per ultimi. Oltre a Fortis, Betty Vittori vocalist è nei dischi di Vecchioni, Raf, Mannoia, Mina, Zucchero (“Du du du”), Ramazzotti, Vanoni, Ruggeri, Gaber, Paoli, Locasciulli, Morandi, Brian Auger, Rossana Casale («Una delle mie amiche più care»), Niccolò Fabi, Mauro Pagani, Pfm. Siamo noi a fare i nomi, perché nell’epoca dell’ostentazione i nomi sono l’ultima delle cose che Betty ti farà. A meno che non glieli chiedi: «Che dire, non è nella mia indole. Si suona, si vive insieme, si fanno belle cose, chi vuole ascoltare ascolta, senza imposizioni. Nella mia vita c’è posto per tante cose, so che nel momento in cui mi accorgerò che la voce non tiene più non avrò bisogno dello psicologo. Perché non ho concentrato tutta la mia vita sulla musica, anche se la musica è la mia vita». La musica che ci riporta al lago e a ‘Maria Elisabetta’...

“Mi chiamo Betty Vittori e sono nata e cresciuta così, tra le reti dei pescatori, le vanghe nell’orto e quell’idea di bellezza assoluta che costringe a guardare con occhi più profondi”, dice il breve video di presentazione. Detto di persona: «Sirmione è il luogo in cui sono nata, al tempo in cui sono nata. La ricordo come fosse ieri anche grazie a mia madre, donna forte e romantica che mi portava in bicicletta ai giardini del centro storico dove in primavera esplodevano le ginestre e dove mio zio appoggiava il cavalletto e dipingeva uliveti. Noi siamo le nostre radici. Le mie sono particolarmente aeree, ma le porto con me. Dopo tanti anni ho imparato a vivere da sola e ho capito che è una condizione che in questo momento amo. Ma non c’è mestizia nella mia solitudine. La mia casa, la mia terrazza, sono piene di fiori». (www.bettyvittori.it)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved