vendo-catalogo-mie-canzoni-astenersi-perditempo
Paul Simon vende il proprio catalogo a Sony Music Publishing: ‘Sono felice che siano i custodi della mia musica per i decenni a venire’ (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro
11 ore

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
14 ore

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
15 ore

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
16 ore

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
17 ore

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Teatro
19 ore

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia
Scienze
1 gior

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
1 gior

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
1 gior

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
1 gior

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
2 gior

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
Spettacoli
2 gior

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
2 gior

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
2 gior

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
2 gior

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
2 gior

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
2 gior

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
3 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
3 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
3 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
3 gior

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
Spettacoli
3 gior

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
3 gior

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
3 gior

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
4 gior

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Arte
4 gior

Thomas Hoepker, protagonista di una mostra e un film

La Bildhalle di Zurigo dedica al fotografo Magnum una retrospettiva. E domani esce nelle sale svizzerotedesche il documentario di Nahuel Lopez.
Spettacoli
4 gior

James Bond, il prossimo film può attendere

La produttrice dei film dell’agente 007, Barbara Broccoli, ha annunciato che nessun nuovo lungometraggio verrà girato prima di due anni
Arte
4 gior

È morto Sam Gilliam, famoso per le sue tele drappeggiate

L’artista 88enne era nato in Mississippi, partecipò ad Art Basel e fu il primo afroamericano a rappresentare gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia
Culture
4 gior

Alborghetti racconta i suoi ‘Corpuscoli di Krause’ al Ciani

L’incontro dedicato alla raccolta poetica del Premio svizzero di letteratura si svolgerà venerdì 1° luglio, alle 18, nell’ambito di Chilometro Zero
Spettacoli
4 gior

Osi Brass sull’alpe Foppa per la prima data di ‘be connected’

L’Orchestra della Svizzera italiana lancia una nuova rassegna in luoghi e modalità inediti. Domenica 3 luglio è la data inaugurale.
Arte
4 gior

La presidenza dell’Associazione dei musei svizzeri ad Haensler

La direttrice del Museo Villa dei Cedri di Bellinzona è stata nominata all’unanimità dall’assemblea generale. Entrerà in carica il prossimo 1° agosto.
Società
4 gior

I dimenticati della pandemia al centro del Premio Carla Agustoni

Il concorso di quest’anno è aperto ai lavori dei giornalisti della stampa scritta. Il termine di consegna è il 31 agosto 2022.
Spettacoli
4 gior

Johannes ‘il progressista’ Brahms al Montebello Festival

La 16esima edizione della manifestazione internazionale della musica da camera omaggia il compositore a 125 anni dalla sua morte. Dal 5 al 15 luglio.
Musica
laR
 
10.04.2021 - 18:45

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

(Prologo) New York, Cbs Television Studios, anno 2009. «Che tipo è Michael Jackson?», chiede David Letterman a Paul McCartney. L’uomo che scrisse ‘Yesterday’ pensando alle uova strapazzate, scevro da implicazioni moralistiche derivanti dalla fresca morte del Re del Pop (titolo che si presterebbe a essere discusso), risponde: «Un tizio simpatico. Un giorno mi telefonò: “Hi, I’m Michael (imitandone il tono bambinesco, ndr), ti andrebbe di fare qualche hit?”. Gli dissi di sì. Venne a casa mia e facemmo due dischi insieme. Una volta mi chiese anche qualche consiglio di lavoro e io gli suggerii di occuparsi di edizioni, perché è un’attività molto redditizia. Lui rispose: “Intendi le tue, di edizioni?”. Pensavo scherzasse». Di lì a poco, il 10 agosto del 1985, Michael Jackson avrebbe acquistato dall’australiana Atv ben 251 canzoni dei Beatles più altri 4mila brani e una libreria di effetti sonori per la cifra di 47,5 milioni di dollari. «Fu una cosa un po’ losca», dice Sir Paul a Letterman, confessando che lui e Michelino non si sarebbero più visti così spesso come nei giorni di ‘Say, Say, Say’, pur restando Michelino «persona amabile ed estremamente talentuosa. Una grande perdita».


'L'uomo che si è comprato il mondo' (Billboard)

‘La musica ha più valore di oro e petrolio’

Anno 2021, Londra, il Telegraph: “Non mi dispiacerebbe possedere il catalogo dei Beatles”. È una delle più ambiziose dichiarazioni rilasciate alla stampa dal canadese-americano Merck Mercuriadis. Ma è da tempo che il 57enne neo-magnate dell’editoria musicale, già manager di Beyoncé, Elton John, Iron Maiden, Morrissey e Pet Shop Boys va raccontando il suo sogno. Chi, in fondo, non vorrebbe godere dei proventi derivanti dallo sfruttamento commerciale delle canzoni dei Fab Four? Chi non vorrebbe passare all’incasso a ogni ricorrenza funebre dell’ex Beatle morto ammazzato (John), morto ammalato (George), ancora in vita (Ringo e Paul), a ogni decennale di tutto, da ‘Please Please Me’ a ‘Let It Be’, a ogni rigurgito della Swingin’ London?

Mercuriadis, folgorato sulla via della musica nel 1975 da un concerto dei Kiss (capita), è il fondatore dell’Hipgnosis Songs Fund che sta acquistando i cataloghi di molti grandi della musica. E di annoverare tra i suoi – a oggi, giorno più giorno meno – attuali 57mila titoli anche ‘Yesterday’ con tutte le sue implicazioni avicole e tutto il resto scritto dai quattro di Liverpool, il co-founder di Hipgnosis andrebbe fiero. Come i fratelli Jake ed Elwood Blues, Mercuriadis vide la luce nel 2016 mentre si occupava di mantenere attraente la carriera di Nile Rodgers, l’uomo che ancora ci fa cantare “Freak out, le freak c’est Chic”, ma anche l’uomo capace di fondare un proprio suono, il suono Neil Rodgers, applicato a Bowie, Madonna, Duran Duran, Al Jarreau, Depeche Mode e Max Pezzali (o Pèzzali, l’uomo che cambia gli accenti). Mentre Mercuriadis lavorava nell’ombra, la luce illuminava Rodgers, il compositore “alla base del totem”, dice lui a MusicWeek, ultimo anello (il compositore) di una catena che non si chiude.

Il Mercuriadis pensiero, per punti essenziali: 1. “La musica ha più valore dell’oro e del petrolio”; 2. “Se prendiamo una canzone come ‘Sweet Dreams’ degli Eurythmics o ‘Livin’ On A Prayer’ dei Bon Jovi, stiamo parlando di quattro decadi d’introiti garantiti”; 3. “Le canzoni di successo sono un investimento stabile perché le loro entrate non sono influenzate dalle fluttuazioni dell’economia”; 4. “Se le persone vivono una bella vita, di norma ne fanno una colonna sonora”; (e, allo stesso modo) 5. “Confrontate a quello che stanno sperimentando in questi giorni, cercheranno rifugio o evasione nelle grandi canzoni”; 6. “La musica è sempre stata consumata, e ha sempre generato profitti”.

Da Cicciolina a David Crosby

Non è mai abbastanza noto, nemmeno a chi fa questo mestiere, quali e quanto fondamentali siano le implicazioni editoriali in campo musicale, quale sia il vantaggio rappresentato dal detenere (‘possedere’ è verbo che meglio ne definisce l’onnipotenza) le edizioni di una canzone, quali i pericoli per l’artista nell’affidare ad altre braccia le proprie creature (le canzoni, è noto, sono ‘piezz’e core’ come i figli, soprattutto se l’autore non ha figli). Con la giusta autostima, infatti, si può firmare un contratto editoriale per scrivere canzoni convinti che un giorno a cantarle sarà Barbra Streisand e invece, quando quel giorno arriverà, a cantarle potrebbe essere Cicciolina. Che non è certo il peggiore dei mali, visto che nell’album ‘Ilona Staller’, anno 1979, l’attrice ungherese canta ‘Cavallina a cavallo’ scritta addirittura da Ennio Morricone (è tutto vero). Non è nemmeno il peggiore dei mali, pensando agli incassi Siae, avere scritto ‘Muscolo rosso’, album di Cicciolina uscito nel 1988 e il cui autore è Jay Horus, pseudonimo di Paolo Rustichelli, uno che ha suonato con Miles Davis e Carlos Santana.


David Crosby: 'In un momento come questo in cui non possiamo lavorare, l’accordo con Iag è una benedizione per me e la mia famiglia' (Keystone)

Cicciolina – i cui vinili sono peraltro oggetto di quotazioni stratosferiche – compare in questo articolo per stemperare i toni sì, ma anche a dimostrazione di cosa significhi, in quanto autore, essere soggetto a un contratto editoriale. Cicciolina spiega anche la risposta di David Crosby a chi in rete si è lamentato con lui per le ultime scelte professionali: “E adesso mi tocca ascoltare la musica dei grandi di sottofondo alla pubblicità”, gli scrive il fan; e la risposta del membro di Crosby Stills Nash & Young (CSN&Y), fresco di vendita del proprio catalogo all’Iconic Artists Group (Iag) di Irving Azoff, è: “Se avessimo ancora la possibilità di essere retribuiti per i dischi e per suonare dal vivo, non avremmo mai venduto la nostra musica”. Dichiarazione realistica, quella di Crosby, ancor più se presa nel suo insieme: “In un momento come questo in cui non possiamo lavorare, l’accordo con Iag è una benedizione per me e la mia famiglia”. Quella di Crosby – due volte nella Rock and Roll Hall of Fame, con CSN&Y e con i Byrds – era una vendita annunciata. Nei giorni degli accordi multimilionari tra Bob Dylan e la Universal e tra Lindsey Buckingham e Hipgnosis, l’artista twittava: “Non lavoro e lo streaming mi ha rubato tutto quello che avevo. Ho un mutuo da pagare, non ho altre opzioni se non quella di vendere. Immagino che per gli altri sia lo stesso”. E in risposta a chi gli augurava di portare a casa quanto Dylan, l’artista rispondeva di non farsi illusioni (l’accordo di Crosby, così come per Dylan, è secretato).

‘Burger Of Gold’

Con un salto artistico che va da Cicciolina a Neil Young, a dimostrazione che la musica è un linguaggio davvero universale (a volte anche troppo), torniamo a Mercuriadis, che ha rassicurato i fan del rocker canadese: “Non ci sarà mai un ‘Burger Of Gold’”, dove ‘Burger Of Gold’ è un’ipotetica versione per fast food di ‘Heart Of Gold’, storia di cercatori d’oro contenuta su ‘Harvest’ che Hipgnosis potrebbe cedere alla multinazionale con la emme gialla per farci uno spot, per esempio, sui cercatori di gadget all’interno degli Happy Meal. E invece, “tutti continueremo ad ascoltare le canzoni di Neil negli stessi contesti in cui le abbiamo sempre ascoltate”, garantisce il magnate. “Ho comprato in mio primo album di Neil Young quando avevo sette anni, ‘Harvest’ mi ha fatto compagnia, conosco intimamente ogni nota, ogni parola, ogni pausa e ogni silenzio. La musica di Neil Young – che ora è sua, per metà – è stata la mia compagna di vita”.


Merck Mercuriadis: 'Continueremo ad ascoltare le canzoni di Neil Young negli stessi contesti in cui le abbiamo sempre ascoltate' (Nella foto Keystone, Neil Young)

Tra gli ultimi acquisti della Hipgnosis Songs Fund Limited c’è l’intero catalogo – 259 canzoni e le royalties derivanti dalla produzione dei film ‘8 Mile’ e ‘Get Rich Or Die Tryin’ – di Jimmy Iovine, con Lennon in ‘Walls And Bridges’ e ‘Rock & Roll’, con Springsteen in ‘Born To Run’ e ‘Darkness On The Edge Of Town’, con Patty Smith in ‘Easter’ (l’album di ‘Because The Night’), con Tom Petty & The Heartbreakers in ‘Damn The Torpedoes’, coi Dire Straits in ‘Making Movies’, con gli U2 in ‘Under A Blood Red Sky’ e dietro le carriere di Tupac, Dr Dre ed Eminem. Risale allo scorso 18 marzo, invece, l’acquisto per 10 milioni di dollari del catalogo di Carole Bayer Sager, autrice di ‘A Groovy Kind Of Love’ (simile ad ‘Agnese dolce Agnese’ di Ivan Graziani, causa poi vinta da Muzio Clementi, 1752-1832) e ‘Arthur’s Theme’.

‘You Can Call Me Mac’

Non ascolteremo ‘Burger Of Gold’, ed è un bene. Ma, insieme ai sandwich, potremmo ascoltare ‘You Can Call Me Mac’, parafrasando una delle hit dell’album ‘Graceland’: cosa succederà a Paul Simon – 79 anni, un discutibile lifting e un inarrivabile buon gusto nello scrivere canzoni – che ha appena venduto le sue canzoni a Sony Music Publishing? I presupposti per un utilizzo rispettoso di alcune delle pagine più nobili del canzoniere americano ci sono tutti: “Ho cominciato la mia carriera a Columbia/Sony Records – ha comunicato il singer songwriter congiuntamente all’annuncio di Sony – e mi sembra la naturale estensione lavorare con la divisione editoriale. Sono felice che siano i custodi delle mie canzoni per i decenni a venire”. Quelli in cui lui non ci sarà più, ma le sue canzoni sì. E per i milioni venuti (si parla di centinaia, come per Dylan, ma anche qui gli atti sono secretati), Sony Publishing per bocca del Ceo Jon Platt parla di “un incredibile onore”.

Rallegriamoci, dunque: ci sono buone probabilità che ‘The Boxer’ non accompagnerà mai lo spot di un cibo per cani, ‘The Sound Of Silence’ la nuova pubblicità di Amplifon e ‘Bridge Over Troubled Water’ quella del ponte sullo stretto di Messina.

Leggi anche:

Hipgnosis acquista anche le canzoni di Shakira

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
hipgnosis mercuriadis neil young paul simon
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved