vendo-catalogo-mie-canzoni-astenersi-perditempo
Paul Simon vende il proprio catalogo a Sony Music Publishing: ‘Sono felice che siano i custodi della mia musica per i decenni a venire’ (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
6 ore

L’originale riscrittura di Mattia Insolia

Il deserto affettivo dei fratelli Acquicella, protagonisti del romanzo d’esordio di Insolia, e il modello di Niccolò Ammaniti
Culture
7 ore

Premio svizzero del libro per bambini a Martin Panchaud

L’illustratore e autore ginevrino ha vinto con il romanzo a fumetti ‘Il colore delle cose’
Culture
7 ore

Microcosmi. Decorare, fare comunità (episodio 3)

Sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio nelle persone: un masso che ricorda Rocky, un centro culturale e artistico a Berna
Cinema
1 gior

'Padrenostro', anni di piombo e d'amicizia

Storia di Valerio, di papà Alfonso (il Favino Coppa Volpi a Venezia 77) e di un amico, forse, non immaginario: in sala dal 15 maggio il film di Claudio Noce
Spettacoli
1 gior

I settant'anni di Baglioni, in questa storia che è la nostra

Per Ennio Morricone, ‘Audio Bagliori’, soprannome di un cantastorie che domenica 16 maggio compie settant'anni, non necessariamente tutti d'amore
Rete Due
2 gior

Vallon-Michel-Rossy, un sabato 'Tra jazz e nuove musiche'

Per la rassegna di Rete Due, all'Auditorio Stelio Molo di Lugano-Besso, sabato 15 maggio alle 21, tra composizioni proprie, libere improvvisazioni e 'classici'
Spettacoli
2 gior

Al Sociale il teatro prende vita partendo da un libro

Da lunedì a Bellinzona la performance senza attore ‘Book is a book is a book’ di Trickster-p
Culture
2 gior

'Plume de paon' ad Anita Capaul di Chasa Editura Rumantscha

Lo ha deciso la XIX assemblea generale dell'associazione professionale svizzera delle autrici e dei traduttori editoriali. Il premio A*dS è alla nona edizione
Musica nel Mendrisiotto
2 gior

A Mendrisio il Trio des Alpes suona Smetana

Martedì 18 maggio alle 14 nella Sala Musica nel Mendrisiotto, ‘Dentro la musica’, il Trio in sol minore per pianoforte op. 15 del compositore boemo
Scienze
2 gior

Ricercatori dell'Eth scoprono il 'tallone d'Achille' del Covid

La scoperta potrebbe portare allo sviluppo di un farmaco in grado di attaccare tutte le varianti del virus
Arte
2 gior

'Donna seduta vicino a una finestra', Picasso da 103 milioni

Venduto da Christie's a New York dopo 19 minuti di battaglia tra collezionisti. Quasi raddoppiata la stima iniziale.
Musica
2 gior

Un anno dopo, a Minusio si ascolta la world-trance dei Lolomis

La band francese, attesa nella primavera del 2020 e fermata dalla pandemia, arriva all'Oratorio San Giovanni Bosco venerdì 21 maggio con l'album ‘Red Sonja’
Culture
2 gior

Il Teatro di Banco riparte con Giulia Fonti

Il 22 maggio, inaugurazione della Nicchia a cura della pittrice ticinese. In aggiunta, il duo Torre-Nartoni. A giugno Vasco Merciadri e Camilla Battaglia
Spettacoli
3 gior

‘Un altro giro’, al cinema arriva un po’ di alcol

Il film del danese Thomas Vinterberg, vincitore dell'Oscar per la miglior opera in lingua straniera, è nelle sale
Spettacoli
3 gior

David di Donatello, sette premi per ‘Volevo solo nascondermi’

Ai premi del cinema italiano Checco Zalone supera Laura Pausini per la statuetta per la miglior canzone originale
Spettacoli
3 gior

‘Sweat’, tre giorni nella vita di una influencer

Nei cinema il ritratto di una motivatrice del fitness e star di Instagram, ma il film del regista Magnus von Horn convince solo in parte
Cinema
3 gior

‘Rifkin’s Festival’, quell'europeo di Woody Allen

Uscito nel settembre del 2020, bloccato dalla pandemia, ironico omaggio a ‘quando il cinema era arte’: è nelle sale ticinesi ‘Rifkin's Festival'
Culture
5 gior

Pro Helvetia: sostenuti oltre 4mila progetti in 105 paesi nel 2020

Nonostante la pandemia, la fondazione svizzera per la cultura ha sostenuto numerosi progetti investendo oltre l'80% del budget
Società
5 gior

Il re degli Ottomila si sposa per la terza volta

L'alpinista italiano Reinhold Messner, 77 anni, convola a nozze a maggio con la compagna di 35 anni più giovane
Video
Culture
5 gior

Ruba un'opera d'arte armato di motosega elettrica

Nessun furto spettacolare, ma una performance di Aldo Giannotti avvenuta al Museo di arte moderna di Bologna
Spettacoli
6 gior

La Nbc non trasmetterà più i Golden Globe nel 2022

La decisione è stata presa alla luce delle polemiche che hanno investito la Hollywood Foreign Press Association che ogni anno assegna le statuette
Spettacoli
6 gior

Le storie che curano di Finzi Pasca e Pablo Gershanik

Dalla città ideale di La Plata alla dittatura argentina, abbiamo assistito alle prove del nuovo spettacolo della Compagnia Finzi Pasca
Culture
6 gior

Giornata internazionale dei musei, in Svizzera è #museumkick

Appendice online tutta svizzera all'interno dell'evento mondiale: cittadini e musei sono invitati a usare l'hashtag per dare vita al 'movimento museale'
Archeologia
6 gior

I neanderthaliani, ottant'anni dopo

Tanti ne sono passati dal primo cranio scoperto nel '39. E mentre al Circeo (Latina) spuntano altri nove nostri antenati, a Ercolano si scoprono nuove identità...
Jazz in Bess
1 sett

La 'Foresta' di Ivano Torre in solo, un'anteprima

Mercoledì 12 maggio alle 21, set unico per il suo concerto per batteria, lamofono, campane, e voce
Spettacoli
1 sett

‘Totò, Napoli e dintorni’, un viaggio tra poesia e musica

Ad Arbedo, domenica 16 maggio alle 17, con l'attore partenopeo Jano Di Gennaro e il quintetto Bonomi-Urbani-Bottelli-Cavinato-Cantoni
Cinema
1 sett

Toronto premia 'Ostrov - Lost Island', documentario svizzero

Svetlana Rodina e Laurent Stoop raccontano l'ambiente di una comunità di pescatori sul Mar Caspio. Con questa vittoria sono in gara per gli Oscar 2022.
Arte
1 sett

Christie's batte all'asta 'Testa di orso' di Leonardo

È uno dei rari disegni in mani private. È stimato fra 9 e oltre 13 milioni di euro. Quadrata, 7 centimetri per lato, reca la firma del genio rinascimentale
Cinema
1 sett

Golden Globe, Netflix e Amazon mollano Hollywood Foreign Press

L'organizzazione che assegna i premi sotto accusa dopo inchiesta giornalistica: nessun giornalista nero, regali dagli studios e 'sessismo', dice Scarlett Johansson.
Archeologia
1 sett

Dopo 80 anni, altri uomini di Neanderthal scoperti al Circeo

Sono nove, e insieme a essi vi sono resti di animali. Nel febbraio del '39, nel sito in provincia di Latina di grandissima importanza, fu rinvenuto un primo cranio.
Spettacoli
1 sett

Addio a Tawny Kitaen, da Whitesnake a Hercules

Attrice e volto del pop anni Ottanta, era apparsa nel video di ‘Here I Go Again’ e aveva recitato con Tom Hanks in ‘Bachelor Party’
Culture
1 sett

Tra le pagine di Trickster-p in Biblioteca

Incontro con Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl martedì 11 maggio alle 18.30 a Bellinzona, aspettando ‘Book is a Book is a Book’, al Sociale del 17 al 19 maggio.
Tecnologie
1 sett

Radioamatori, c'era una volta il social network

Gli unici a non essere tagliati fuori quando tutto si ferma, i primi a essere d'aiuto, dal terremoto dell'Aquila al Monte Lema. In Ticino sono in 350.
Musica
10.04.2021 - 18:450

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...

(Prologo) New York, Cbs Television Studios, anno 2009. «Che tipo è Michael Jackson?», chiede David Letterman a Paul McCartney. L’uomo che scrisse ‘Yesterday’ pensando alle uova strapazzate, scevro da implicazioni moralistiche derivanti dalla fresca morte del Re del Pop (titolo che si presterebbe a essere discusso), risponde: «Un tizio simpatico. Un giorno mi telefonò: “Hi, I’m Michael (imitandone il tono bambinesco, ndr), ti andrebbe di fare qualche hit?”. Gli dissi di sì. Venne a casa mia e facemmo due dischi insieme. Una volta mi chiese anche qualche consiglio di lavoro e io gli suggerii di occuparsi di edizioni, perché è un’attività molto redditizia. Lui rispose: “Intendi le tue, di edizioni?”. Pensavo scherzasse». Di lì a poco, il 10 agosto del 1985, Michael Jackson avrebbe acquistato dall’australiana Atv ben 251 canzoni dei Beatles più altri 4mila brani e una libreria di effetti sonori per la cifra di 47,5 milioni di dollari. «Fu una cosa un po’ losca», dice Sir Paul a Letterman, confessando che lui e Michelino non si sarebbero più visti così spesso come nei giorni di ‘Say, Say, Say’, pur restando Michelino «persona amabile ed estremamente talentuosa. Una grande perdita».


'L'uomo che si è comprato il mondo' (Billboard)

‘La musica ha più valore di oro e petrolio’

Anno 2021, Londra, il Telegraph: “Non mi dispiacerebbe possedere il catalogo dei Beatles”. È una delle più ambiziose dichiarazioni rilasciate alla stampa dal canadese-americano Merck Mercuriadis. Ma è da tempo che il 57enne neo-magnate dell’editoria musicale, già manager di Beyoncé, Elton John, Iron Maiden, Morrissey e Pet Shop Boys va raccontando il suo sogno. Chi, in fondo, non vorrebbe godere dei proventi derivanti dallo sfruttamento commerciale delle canzoni dei Fab Four? Chi non vorrebbe passare all’incasso a ogni ricorrenza funebre dell’ex Beatle morto ammazzato (John), morto ammalato (George), ancora in vita (Ringo e Paul), a ogni decennale di tutto, da ‘Please Please Me’ a ‘Let It Be’, a ogni rigurgito della Swingin’ London?

Mercuriadis, folgorato sulla via della musica nel 1975 da un concerto dei Kiss (capita), è il fondatore dell’Hipgnosis Songs Fund che sta acquistando i cataloghi di molti grandi della musica. E di annoverare tra i suoi – a oggi, giorno più giorno meno – attuali 57mila titoli anche ‘Yesterday’ con tutte le sue implicazioni avicole e tutto il resto scritto dai quattro di Liverpool, il co-founder di Hipgnosis andrebbe fiero. Come i fratelli Jake ed Elwood Blues, Mercuriadis vide la luce nel 2016 mentre si occupava di mantenere attraente la carriera di Nile Rodgers, l’uomo che ancora ci fa cantare “Freak out, le freak c’est Chic”, ma anche l’uomo capace di fondare un proprio suono, il suono Neil Rodgers, applicato a Bowie, Madonna, Duran Duran, Al Jarreau, Depeche Mode e Max Pezzali (o Pèzzali, l’uomo che cambia gli accenti). Mentre Mercuriadis lavorava nell’ombra, la luce illuminava Rodgers, il compositore “alla base del totem”, dice lui a MusicWeek, ultimo anello (il compositore) di una catena che non si chiude.

Il Mercuriadis pensiero, per punti essenziali: 1. “La musica ha più valore dell’oro e del petrolio”; 2. “Se prendiamo una canzone come ‘Sweet Dreams’ degli Eurythmics o ‘Livin’ On A Prayer’ dei Bon Jovi, stiamo parlando di quattro decadi d’introiti garantiti”; 3. “Le canzoni di successo sono un investimento stabile perché le loro entrate non sono influenzate dalle fluttuazioni dell’economia”; 4. “Se le persone vivono una bella vita, di norma ne fanno una colonna sonora”; (e, allo stesso modo) 5. “Confrontate a quello che stanno sperimentando in questi giorni, cercheranno rifugio o evasione nelle grandi canzoni”; 6. “La musica è sempre stata consumata, e ha sempre generato profitti”.

Da Cicciolina a David Crosby

Non è mai abbastanza noto, nemmeno a chi fa questo mestiere, quali e quanto fondamentali siano le implicazioni editoriali in campo musicale, quale sia il vantaggio rappresentato dal detenere (‘possedere’ è verbo che meglio ne definisce l’onnipotenza) le edizioni di una canzone, quali i pericoli per l’artista nell’affidare ad altre braccia le proprie creature (le canzoni, è noto, sono ‘piezz’e core’ come i figli, soprattutto se l’autore non ha figli). Con la giusta autostima, infatti, si può firmare un contratto editoriale per scrivere canzoni convinti che un giorno a cantarle sarà Barbra Streisand e invece, quando quel giorno arriverà, a cantarle potrebbe essere Cicciolina. Che non è certo il peggiore dei mali, visto che nell’album ‘Ilona Staller’, anno 1979, l’attrice ungherese canta ‘Cavallina a cavallo’ scritta addirittura da Ennio Morricone (è tutto vero). Non è nemmeno il peggiore dei mali, pensando agli incassi Siae, avere scritto ‘Muscolo rosso’, album di Cicciolina uscito nel 1988 e il cui autore è Jay Horus, pseudonimo di Paolo Rustichelli, uno che ha suonato con Miles Davis e Carlos Santana.


David Crosby: 'In un momento come questo in cui non possiamo lavorare, l’accordo con Iag è una benedizione per me e la mia famiglia' (Keystone)

Cicciolina – i cui vinili sono peraltro oggetto di quotazioni stratosferiche – compare in questo articolo per stemperare i toni sì, ma anche a dimostrazione di cosa significhi, in quanto autore, essere soggetto a un contratto editoriale. Cicciolina spiega anche la risposta di David Crosby a chi in rete si è lamentato con lui per le ultime scelte professionali: “E adesso mi tocca ascoltare la musica dei grandi di sottofondo alla pubblicità”, gli scrive il fan; e la risposta del membro di Crosby Stills Nash & Young (CSN&Y), fresco di vendita del proprio catalogo all’Iconic Artists Group (Iag) di Irving Azoff, è: “Se avessimo ancora la possibilità di essere retribuiti per i dischi e per suonare dal vivo, non avremmo mai venduto la nostra musica”. Dichiarazione realistica, quella di Crosby, ancor più se presa nel suo insieme: “In un momento come questo in cui non possiamo lavorare, l’accordo con Iag è una benedizione per me e la mia famiglia”. Quella di Crosby – due volte nella Rock and Roll Hall of Fame, con CSN&Y e con i Byrds – era una vendita annunciata. Nei giorni degli accordi multimilionari tra Bob Dylan e la Universal e tra Lindsey Buckingham e Hipgnosis, l’artista twittava: “Non lavoro e lo streaming mi ha rubato tutto quello che avevo. Ho un mutuo da pagare, non ho altre opzioni se non quella di vendere. Immagino che per gli altri sia lo stesso”. E in risposta a chi gli augurava di portare a casa quanto Dylan, l’artista rispondeva di non farsi illusioni (l’accordo di Crosby, così come per Dylan, è secretato).

‘Burger Of Gold’

Con un salto artistico che va da Cicciolina a Neil Young, a dimostrazione che la musica è un linguaggio davvero universale (a volte anche troppo), torniamo a Mercuriadis, che ha rassicurato i fan del rocker canadese: “Non ci sarà mai un ‘Burger Of Gold’”, dove ‘Burger Of Gold’ è un’ipotetica versione per fast food di ‘Heart Of Gold’, storia di cercatori d’oro contenuta su ‘Harvest’ che Hipgnosis potrebbe cedere alla multinazionale con la emme gialla per farci uno spot, per esempio, sui cercatori di gadget all’interno degli Happy Meal. E invece, “tutti continueremo ad ascoltare le canzoni di Neil negli stessi contesti in cui le abbiamo sempre ascoltate”, garantisce il magnate. “Ho comprato in mio primo album di Neil Young quando avevo sette anni, ‘Harvest’ mi ha fatto compagnia, conosco intimamente ogni nota, ogni parola, ogni pausa e ogni silenzio. La musica di Neil Young – che ora è sua, per metà – è stata la mia compagna di vita”.


Merck Mercuriadis: 'Continueremo ad ascoltare le canzoni di Neil Young negli stessi contesti in cui le abbiamo sempre ascoltate' (Nella foto Keystone, Neil Young)

Tra gli ultimi acquisti della Hipgnosis Songs Fund Limited c’è l’intero catalogo – 259 canzoni e le royalties derivanti dalla produzione dei film ‘8 Mile’ e ‘Get Rich Or Die Tryin’ – di Jimmy Iovine, con Lennon in ‘Walls And Bridges’ e ‘Rock & Roll’, con Springsteen in ‘Born To Run’ e ‘Darkness On The Edge Of Town’, con Patty Smith in ‘Easter’ (l’album di ‘Because The Night’), con Tom Petty & The Heartbreakers in ‘Damn The Torpedoes’, coi Dire Straits in ‘Making Movies’, con gli U2 in ‘Under A Blood Red Sky’ e dietro le carriere di Tupac, Dr Dre ed Eminem. Risale allo scorso 18 marzo, invece, l’acquisto per 10 milioni di dollari del catalogo di Carole Bayer Sager, autrice di ‘A Groovy Kind Of Love’ (simile ad ‘Agnese dolce Agnese’ di Ivan Graziani, causa poi vinta da Muzio Clementi, 1752-1832) e ‘Arthur’s Theme’.

‘You Can Call Me Mac’

Non ascolteremo ‘Burger Of Gold’, ed è un bene. Ma, insieme ai sandwich, potremmo ascoltare ‘You Can Call Me Mac’, parafrasando una delle hit dell’album ‘Graceland’: cosa succederà a Paul Simon – 79 anni, un discutibile lifting e un inarrivabile buon gusto nello scrivere canzoni – che ha appena venduto le sue canzoni a Sony Music Publishing? I presupposti per un utilizzo rispettoso di alcune delle pagine più nobili del canzoniere americano ci sono tutti: “Ho cominciato la mia carriera a Columbia/Sony Records – ha comunicato il singer songwriter congiuntamente all’annuncio di Sony – e mi sembra la naturale estensione lavorare con la divisione editoriale. Sono felice che siano i custodi delle mie canzoni per i decenni a venire”. Quelli in cui lui non ci sarà più, ma le sue canzoni sì. E per i milioni venuti (si parla di centinaia, come per Dylan, ma anche qui gli atti sono secretati), Sony Publishing per bocca del Ceo Jon Platt parla di “un incredibile onore”.

Rallegriamoci, dunque: ci sono buone probabilità che ‘The Boxer’ non accompagnerà mai lo spot di un cibo per cani, ‘The Sound Of Silence’ la nuova pubblicità di Amplifon e ‘Bridge Over Troubled Water’ quella del ponte sullo stretto di Messina.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved