Basilea
0
Losanna
0
2. tempo
(0-0)
Spezia
0
Sassuolo
0
1. tempo
(0-0)
Venezia
2
Verona
0
1. tempo
(2-0)
Davos
Ambrì
15:45
 
GCK Lions
Winterthur
15:45
 
leo-pusterla-di-28-ce-n-e-uno-ed-e-only-to-be-there
Leo Pusterla, Collettivo Terry Blue (foto: Andrea Cosentino)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
39 min

Happy Days, Fonzie mette all’asta memorabilia serie tv

L’appuntamento è per mercoledì 8 dicembre nelle sale della casa d’aste Bonhams di Los Angeles
Spettacoli
2 ore

È morto Toni Santagata

A renderlo noto la moglie del cantante, Giovanna, tramite l’agenzia stampa italiana Ansa. Santagata, all’anagrafe Antonio Morese, aveva 85 anni
Spettacoli
6 ore

Morandi, Ranieri, Zanicchi: ok, Sanremo è giusto (più o meno)

Non si può dire che non ve ne sia per tutti i gusti: Elisa, Emma, Noemi, trapper quanto basta, ex vincitori quanto basta. E Achille Lauro, ovviamente
Musica
1 gior

Il Duo Kirsch sul ponte del tempo

Martedì 7 dicembre al Teatro Foce, Stefano Moccetti (chitarra) e Anton Jablokov (violino), progetto nato tra il Csi e il lockdown
Spettacoli
1 gior

Pignotta-Incontrada, impegnatissimi in ‘Scusa sono in riunione’

I quarantenni di oggi tra reality, social e un ‘Ti posso richiamare?’. A Chiasso, Cinema Teatro, giovedì 9 dicembre. A colloquio con Gabriele Pignotta
Arte
1 gior

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste
Spettacoli
1 gior

80VogliaDiMina nella sua Cremona (aspettando Lugano?)

Nek, Audio 2 e Frankie hi-nrg mc e 8 voci femminili per una festa di compleanno rinviata dal lockdown. Al Teatro Ponchielli di Cremona (per ora...)
Culture
1 gior

TaM, anche in Ticino ci si incontra al museo

Cinque appuntamenti a dicembre per l’iniziativa che vuole favorire la conoscenza delle opere esposte e di nuove persone
Spettacoli
1 gior

L’Incontro del teatro svizzero fa tappa al Lac

Dall’8 al 15 dicembre la ‘wandermobil’ con gli spettacoli selezionati dall’appuntamento teatrale sarà a Lugano
Spettacoli
2 gior

Finalmente Max Frisch, finalmente ‘Olocene’

Al Teatro Sociale uno spettacolo atteso tre anni, per la regia di Flavio Stroppini, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Dal 7 al 12 dicembre.
Spettacoli
2 gior

Alle radici della musica con ‘Gospel & Spirituals 2021’

I sei concerti di Free Green Music dall’8 al 30 dicembre tra Losone, Bellinzona, Locarno, Airolo e San Bernardino. Il programma.
Galleria foto
Arte
2 gior

Alla Stazione Centrale di Milano, immersi nel mondo di Banksy

Una performance artistica immersiva riproduce le opere dell’ignoto artista britannico che sono state rubate, distrutte o vendute
Spettacoli
2 gior

Saliamo in Paradiso con ‘Il cosmonauta Dante’

Conferenza-spettacolo di Anna Pegoretti e Laura Anzani, scritta in collaborazione con Leonardo Ricci. Il 13 dicembre alla Scuola cantonale di commercio
Spettacoli
2 gior

È morto Alvin Lucier, genio dell’avanguardia musicale

Il compositore statunitense che aveva messo i Beatles in una teiera è morto all’età di novant’anni. La svolta sperimentale avvenuta in Europa
Scienze
2 gior

Scoperto vicino a Trieste il primo sito di dinosauri in Italia

Venuti alla luce almeno 7 nuovi esemplari di dinosauri vissuti 80 milioni di anni fa. Il più completo è stato ribattezzato Bruno
Spettacoli
2 gior

Sweet Soul Gospel Revue, viaggio nel gospel al Lac

Sul palco una formazione di all star guidata da Michael Webb, martedì 21 dicembre e mercoledì 22 dicembre alle 20.30
Musica
2 gior

Moltiplicato per venti, Marco Santilli Rossi goes Shakespeare

Aspettando un ricco 2022, ‘Love all, trust a few, do wrong to none’ è la nuova canzone, per una versione ‘new prog’ del musicista
Social Media
3 gior

Twitter rimuoverà foto e video online se contro la privacy

Chiunque potrà richiederlo, non solo quelli con ‘la spunta blu’. È il primo atto dell’era Parag Agrawal, Ceo subentrato a Jack Dorsey, fresco d’addio.
Musica
 
04.04.2021 - 10:590

Leo Pusterla: di 28 ce n'è uno, ed è 'Only To Be There'

Quasi 30 tracce nell'album edito da Areasonica Records. Solo parzialmente una follia, quella del Collettivo Terry Blue. L'abbiamo ascoltato insieme all'autore

Chi, in epoca di mordi e fuggi, farebbe mai un album con dentro 28 brani inediti o quasi tutti? In epoca, poi, in cui “la gente ascolta le canzoni per una decina di secondi durante i quali decide se comperare il disco oppure no” (il Maestro). E chi, nel 2021, all’etichetta che ti sta porgendo il contratto, risponderebbe: «Sappiate che abbiamo un disco pronto, sono 28 brani e non lo pubblicheremo diversamente»? Chi oserebbe tanto? Forse solo Leo Pusterla.

Esce per Areasonica Records ‘Only To Be There’, il nuovo album del Collettivo Terry Blue, ivi rappresentato da Leo Pusterla, subito oggetto di domanda necessaria: come diavolo si spiegano 28 brani per i quali servirebbero, a occhio, tre vinili? «In realtà non si spiegano», risponde Leo. «Nel senso che sono 28 brani che non potevano uscire diversamente. Siamo consapevoli di quanto questa scelta possa essere limitante e di come la soglia dell’attenzione sia scesa nel tempo». Pusterla parla di 6 secondi, 4 in meno di Morricone, e al netto del tempo trascorso tra le due affermazioni ci sta (Come dovremo stupire l’ascoltatore tra dieci anni? Coi petardi?). «Sì, siamo nell'era dell’immediatezza ma, paradossalmente, una trentina di brani sono una novità».

Resistenza, non resilienza

Il contratto discografico ha sancito l’inizio di una seconda vita per Leo e il Collettivo, Andrea Zinzi (chitarre), Giuliano Ros (basso), Matteo Mazza (batteria), Eleonora Gioveni (backing vocals & poetry) e, non di meno, Andrea Cosentino (sound design). «Senza questa firma – spiega il band leader – tutto questo non sarebbe stato possibile. Areasonica ci ha colpiti sin dall’inizio per l’impegno artistico e per la totale libertà concessaci a livello sonoro». Suono che è diventato la vita di Leo, che oggi vive a Milano e, lasciata la professione precedente, studia da sound engineer «Ancora dopo mesi, questa città che pur immobilizzata non smette di muoversi rimane impressionante per la facilità con la quale si entra in contatto con personaggi anche di un certo spessore. Non ci ero abituato. Milano è la mia metropoli a misura d’uomo».

A proposito di canzoni che dopo 6 secondi o resti o te ne vai. Con ‘Only To Be There’, la canzone, resti: ipnotico arpeggiato di acustica, attesa ritmica da ‘Shout To The Top’ (Style Council, cose per vecchi) e un riff che chiama un altro ascolto, e un altro: «Dopo il primo mix ci siamo detti: “O piacerà un sacco, oppure non lo ascolterà nessuno”». Non si spiegano le canzoni, ma Pusterla è cortese e soddisfa la nostra curiosità: «‘Only To Be There’ racchiude l’idea che ho di ‘resistenza’, contrapposto a un vocabolo che non amo, ‘resilienza’. Ora: la resilienza è una proprietà dei metalli, non degli umani. Gli umani sono resistenti, non resilienti. Se io ti tiro un pugno, non tornerai come prima...». Resilienza a parte: «Cercavo un distacco da quanto di molto cupo, disturbante e disturbato si era prodotto in precedenza». Non che ‘Only To Be There’, l’album, non contenga episodi bui – ‘Safe And Clean’, l’invito a restare sulla barca che sta affondando invece di buttarsi prima che sia successo – ma i due della title-track non sono il mero resoconto di una vicenda amorosa che si spegne nel giro di una notte. La storia si ferma un attimo prima. Per proseguire altrove.

Tra le cose belle

“Me ne vado da questa città, la tragedia è finita e la poesia è solo creazione”. A chi mancasse la cupezza, tra le 28 tracce di ‘Only To Be There’ c’è molto ‘leaving’, molto partire. Come in ‘Leaving that town’, riuscito valzerone dell’addio: «Sì, parla di Losanna, del mio andarmene da lì con tutto ciò che questo è significato. Abbandonare un luogo significa abbandonare persone, vissuti, esperienze». E poi c’è il ‘leaving’ di ‘Away From You’, un “lontano da te“ da leggersi come “lontano da me”: «È ispirata dalla serie tv ‘Fringe’, puro entertainment americano con dentro un concetto interessante: due dimensioni separate all’interno delle quali la stessa persona ha due personalità opposte. Partendo da qui, ho pensato a un ‘Away From You’ come un abbandonare una versione di me stesso cui non posso fare più fare affidamento, un me stesso di divertimento, esagerazioni, vite spericolate. ‘Away From You’ è una sorta di lettera a un me stesso che non c’è più e che non voglio più vedere, nonostante mi mancherà».

Tra le cose che ci sono tanto piaciute c’è pure – con urlo liberatorio annesso, «l’uscita dalla mia comfort zone», la chiama Pusterla – ‘Get Bored With You’, dove l’annoiarsi è anche il bello dello stare insieme: «È molto semplice essere innamorati e felici finché non ci si annoia. C’è invece qualcosa di magico nella capacità di annoiarsi insieme, consapevoli che quella noia sia una parte fondamentale della vita». ‘Get Bored With You’ fa il pari, per ‘ciccia’ e per una certa poesia di fondo, con ‘Isabelle & The Lockdown’, il trovarsi bloccato a Lugano per disposizioni federali senza potersene andare a Losanna a salutare l’amico che non se la passa bene. «In quarantena, dalla mia finestra, vedevo ogni mattina una lucertola che prendeva il sole. L’ho chiamata Isabelle, lei lì immobile sotto il sole, senza preoccupazioni, e io a pensare di dover essere da un’altra parte, a spendere il tempo con qualcuno che non avrei potuto più vedere».

Leo Pusterla si dice felice, e cosi anche il Collettivo. «Cercheremo di ampliare il nostro pubblico a livello italiano, ma tra un anno ti scriverò che siamo tornati in studio, perché è la mia esigenza. Vorrei esplorare il jazz. In ‘Leaving That Town’ non ho suonato e si è creato qualcosa di nuovo...». Un futuro senza chitarra? Si, bello, ma poi chi le scrive le canzoni?

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved