leo-pusterla-di-28-ce-n-e-uno-ed-e-only-to-be-there
Leo Pusterla, Collettivo Terry Blue (foto: Andrea Cosentino)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

Morto l’attore statunitense Bo Hopkins

Recitò in classici come ‘American Graffiti‘, ’Fuga di mezzanotte’ e ’Il mucchio selvaggio’. Aveva 80 anni
Cannes 75
13 ore

Palma d’oro a ‘Triangle of sadness’ di Ruben Östlund

Il regista svedese bissa il successo del 2017. La migliore interpretazione femminile è quella di Zar Amir Ebrahimi. Il miglior attore Song Kang-Ho
Ritratti
1 gior

Stefano Raimondi. La città, il mare

Anni di quartieri popolari, giochi, sfide. Poi le scelte. A Milano, partendo dall’inizio, con il poeta, critico letterario e autore di saggi.
Pagine scelte
1 gior

Mariella Cerutti Marocco, storia di un ‘dono inatteso’

Personalità multiforme, capace di passare nella sua scrittura dal verso al romanzo e da questo al racconto
Sulla Croisette
1 gior

Quello che il cinema può raccontare

‘Rebel’ dei belgi Adil El Arbi e Bilall Fallah sconvolge. Chiudono ‘Showing up’ di Kelly Reichardt  e ‘Un petit frère’ di Leonor Serraille, convincendo.
Spettacoli
1 gior

‘Sbalorditivo’ il concerto virtuale degli Abbatar

Promossa dai media britannici la reunion londinese Abba Voyage della band svedese
Danza contemporanea
1 gior

Il weekend del Lugano Dance Project

Nella Lugano città della danza, è tempo per ‘A space for all our tomorrows’ di Annie Hanauer, una delle tre prime assolute, di Lorena Dozio e molti altri
Culture
1 gior

Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’

Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Culture
2 gior

Ultimi giorni di ‘Villi Hermann: in viaggio con la fotografia’

Gli inediti scatti del cineasta ticinese sono esposti fino al 29 maggio alla Casa Rotonda di Casserio, sede dell’Archivio Donetta in Valle di Blenio
Culture
2 gior

Compagnia Finzi Pasca, il laboratorio poi l’incontro

Con Maria Bonzanigo, dal 6 al 10 luglio un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica; il 16 luglio l’incontro-conferenza
Culture
2 gior

Bob Dylan ha registrato una nuova ‘Blowing in The Wind’

Sarà incisa su di un unico esemplare in alluminio ricoperto di lacca, all’asta da Christie’s a Londra il 7 luglio. La stima: 600mila dollari/1 milione
Spettacoli
2 gior

È morto il batterista degli Yes Alan White

Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
2 gior

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
2 gior

Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
2 gior

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
2 gior

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
2 gior

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
2 gior

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Musica
laR
 
04.04.2021 - 10:59

Leo Pusterla: di 28 ce n'è uno, ed è 'Only To Be There'

Quasi 30 tracce nell'album edito da Areasonica Records. Solo parzialmente una follia, quella del Collettivo Terry Blue. L'abbiamo ascoltato insieme all'autore

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Chi, in epoca di mordi e fuggi, farebbe mai un album con dentro 28 brani inediti o quasi tutti? In epoca, poi, in cui “la gente ascolta le canzoni per una decina di secondi durante i quali decide se comperare il disco oppure no” (il Maestro). E chi, nel 2021, all’etichetta che ti sta porgendo il contratto, risponderebbe: «Sappiate che abbiamo un disco pronto, sono 28 brani e non lo pubblicheremo diversamente»? Chi oserebbe tanto? Forse solo Leo Pusterla.

Esce per Areasonica Records ‘Only To Be There’, il nuovo album del Collettivo Terry Blue, ivi rappresentato da Leo Pusterla, subito oggetto di domanda necessaria: come diavolo si spiegano 28 brani per i quali servirebbero, a occhio, tre vinili? «In realtà non si spiegano», risponde Leo. «Nel senso che sono 28 brani che non potevano uscire diversamente. Siamo consapevoli di quanto questa scelta possa essere limitante e di come la soglia dell’attenzione sia scesa nel tempo». Pusterla parla di 6 secondi, 4 in meno di Morricone, e al netto del tempo trascorso tra le due affermazioni ci sta (Come dovremo stupire l’ascoltatore tra dieci anni? Coi petardi?). «Sì, siamo nell'era dell’immediatezza ma, paradossalmente, una trentina di brani sono una novità».

Resistenza, non resilienza

Il contratto discografico ha sancito l’inizio di una seconda vita per Leo e il Collettivo, Andrea Zinzi (chitarre), Giuliano Ros (basso), Matteo Mazza (batteria), Eleonora Gioveni (backing vocals & poetry) e, non di meno, Andrea Cosentino (sound design). «Senza questa firma – spiega il band leader – tutto questo non sarebbe stato possibile. Areasonica ci ha colpiti sin dall’inizio per l’impegno artistico e per la totale libertà concessaci a livello sonoro». Suono che è diventato la vita di Leo, che oggi vive a Milano e, lasciata la professione precedente, studia da sound engineer «Ancora dopo mesi, questa città che pur immobilizzata non smette di muoversi rimane impressionante per la facilità con la quale si entra in contatto con personaggi anche di un certo spessore. Non ci ero abituato. Milano è la mia metropoli a misura d’uomo».

A proposito di canzoni che dopo 6 secondi o resti o te ne vai. Con ‘Only To Be There’, la canzone, resti: ipnotico arpeggiato di acustica, attesa ritmica da ‘Shout To The Top’ (Style Council, cose per vecchi) e un riff che chiama un altro ascolto, e un altro: «Dopo il primo mix ci siamo detti: “O piacerà un sacco, oppure non lo ascolterà nessuno”». Non si spiegano le canzoni, ma Pusterla è cortese e soddisfa la nostra curiosità: «‘Only To Be There’ racchiude l’idea che ho di ‘resistenza’, contrapposto a un vocabolo che non amo, ‘resilienza’. Ora: la resilienza è una proprietà dei metalli, non degli umani. Gli umani sono resistenti, non resilienti. Se io ti tiro un pugno, non tornerai come prima...». Resilienza a parte: «Cercavo un distacco da quanto di molto cupo, disturbante e disturbato si era prodotto in precedenza». Non che ‘Only To Be There’, l’album, non contenga episodi bui – ‘Safe And Clean’, l’invito a restare sulla barca che sta affondando invece di buttarsi prima che sia successo – ma i due della title-track non sono il mero resoconto di una vicenda amorosa che si spegne nel giro di una notte. La storia si ferma un attimo prima. Per proseguire altrove.

Tra le cose belle

“Me ne vado da questa città, la tragedia è finita e la poesia è solo creazione”. A chi mancasse la cupezza, tra le 28 tracce di ‘Only To Be There’ c’è molto ‘leaving’, molto partire. Come in ‘Leaving that town’, riuscito valzerone dell’addio: «Sì, parla di Losanna, del mio andarmene da lì con tutto ciò che questo è significato. Abbandonare un luogo significa abbandonare persone, vissuti, esperienze». E poi c’è il ‘leaving’ di ‘Away From You’, un “lontano da te“ da leggersi come “lontano da me”: «È ispirata dalla serie tv ‘Fringe’, puro entertainment americano con dentro un concetto interessante: due dimensioni separate all’interno delle quali la stessa persona ha due personalità opposte. Partendo da qui, ho pensato a un ‘Away From You’ come un abbandonare una versione di me stesso cui non posso fare più fare affidamento, un me stesso di divertimento, esagerazioni, vite spericolate. ‘Away From You’ è una sorta di lettera a un me stesso che non c’è più e che non voglio più vedere, nonostante mi mancherà».

Tra le cose che ci sono tanto piaciute c’è pure – con urlo liberatorio annesso, «l’uscita dalla mia comfort zone», la chiama Pusterla – ‘Get Bored With You’, dove l’annoiarsi è anche il bello dello stare insieme: «È molto semplice essere innamorati e felici finché non ci si annoia. C’è invece qualcosa di magico nella capacità di annoiarsi insieme, consapevoli che quella noia sia una parte fondamentale della vita». ‘Get Bored With You’ fa il pari, per ‘ciccia’ e per una certa poesia di fondo, con ‘Isabelle & The Lockdown’, il trovarsi bloccato a Lugano per disposizioni federali senza potersene andare a Losanna a salutare l’amico che non se la passa bene. «In quarantena, dalla mia finestra, vedevo ogni mattina una lucertola che prendeva il sole. L’ho chiamata Isabelle, lei lì immobile sotto il sole, senza preoccupazioni, e io a pensare di dover essere da un’altra parte, a spendere il tempo con qualcuno che non avrei potuto più vedere».

Leo Pusterla si dice felice, e cosi anche il Collettivo. «Cercheremo di ampliare il nostro pubblico a livello italiano, ma tra un anno ti scriverò che siamo tornati in studio, perché è la mia esigenza. Vorrei esplorare il jazz. In ‘Leaving That Town’ non ho suonato e si è creato qualcosa di nuovo...». Un futuro senza chitarra? Si, bello, ma poi chi le scrive le canzoni?

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
areasonica records collettivo leo pusterla milano terry blue
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved