amanda-gorman-chi-deve-tradurre-il-sogno-americano
Incarnazione fin troppo perfetta dell’American Dream (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
5 ore

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
8 ore

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
8 ore

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Cinema
9 ore

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022
Società
11 ore

Linguaggio di genere: alla Srf segni speciali solo per giovani

Formulazioni quali "Parlamentarier:innen" e "Politiker:innen" saranno usate solo laddove ci si rivolga a un pubblico giovane, più abituato al linguaggio di genere
Musica
14 ore

Addio a Joey Jordison, co-fondatore degli Slipknot

Nel 2013, batterista e band presero strade diverse. Dopo la separazione, Jordison annunciò di avere un disturbo del sistema nervoso
Cinema
14 ore

Da Universal 400 milioni di dollari per un nuovo 'Esorcista'

Ellen Burstyn, candidata all'Oscar nel 1973, torna nel ruolo di Chris MacNeil. Non è un remake, piuttosto un seguito. E nessuno ha chiamato Linda Blair...
LongLake Festival
15 ore

Zappa Quartet, Through Sound, Broggini & Friends. E anche Dante

Da stasera con la BandaDante, spettacolo-omaggio al Sommo Poeta, fino a una domenica primo agosto di classica e musica irish
Ticino Musica
15 ore

Il 'Concerto al tramonto', la prima di Massagno (e il resto)

Venticinquesima edizione al rush finale: Animato Kwartet a Monte Carasso; a Massagno l'omaggio a Sofia Gubaidulina
Spettacoli
1 gior

Maybe a concert: Raissa Avilés aprirà la stagione del Sociale

Aperta la prevendita per il concerto che si terrà il prossimo 25 settembre a Bellinzona
Spettacoli
1 gior

Addio a Gianni Nazzaro, cantò l'amore negli anni 70

Tra le sue hit Quanto è bella lei. La rivalità con Ranieri
Scienze
1 gior

Clima, record di caldo dovuti alla velocità dei mutamenti

È quanto indica uno studio del Politecnico di Zurigo. La terra si riscalda molto rapidamente, i precedenti primati cadranno con maggior frequenza.
Culture
2 gior

Associazione Nel, una rassegna per rinascere

La nuova proposta si aprirà a fine agosto con la rassegna di videoarte Illuminating, poi incontri e attività in collaborazione con LongLake Festival e L’Ideatorio
Spettacoli
2 gior

Venezia: madri coraggio e tanta politica alla Mostra

Il cartellone di Venezia 78 presentato dal direttore artistico Alberto Barbera. Fuori concorso ‘Ariaferma’ di Leonardo Di Costanzo, coprodotto da Amka
Spettacoli
2 gior

Locarno74, il primo Kids Award a Mamoru Hosoda

Un nuovo premio al Festival: il Locarno Kids Award la Mobiliare sarà consegnato il 9 agosto al maestro dell'animazione giapponese
Teatro San Materno
2 gior

Leo Pusterla, là dove tutto è (ri)cominciato

Il 4 luglio 2020, con papà Fabio, la prima uscita dal lockdown. Il 28 luglio alle 18.30, nello stesso posto, Terry Blue in duo per un elettronico 'Only To Be There'
Cinema
3 gior

Omaggio a Villi Hermann al San Giò Verona Video Festival

Dopo le Giornale cinematografiche di Soletta, una selezione dei film della Imagofilm Lugano sarà proiettata anche durante la rassegna veronese
Ticino Musica
3 gior

Anna Talácková: 'Il flauto è la risposta a tutti i miei dubbi'

A colloquio con la flautista ceca. Il suo recital, martedì 27 luglio nell’Aula Magna del Conservatorio con la collaborazione della pianista Marta Cencini
Ceresio Estate
3 gior

Trio Torrello, un viaggio musicale con Hermann Hesse

Giovedì 29 luglio alle ore 20.30 a Montagnola, Valentina Londino alla voce, Tommaso Maria Maggiolini al flauto e Nicolas Mottini al pianoforte
Culture
 
22.03.2021 - 10:290

Amanda Gorman, chi deve tradurre il sogno americano?

Ma davvero per tradurre un’afroamericana serve una sua 'simile'? E poi cosa significherà mai 'simile', dato che parliamo di Paesi con storie diverse?

Ne avevamo scritto con gli occhi lucidi anche su queste pagine: l’apparizione della poetessa afroamericana Amanda Gorman all’insediamento di Joe Biden incarnava il cambiamento, la volontà di lasciarsi da parte Donald Trump per sognare un’America meno feroce e razzista. È stato da Kleenex sentire quella 23enne figlia di una madre single, incarnazione fin troppo perfetta dell’American Dream, scandire con piglio ritmato e deciso che l’America “non è rotta, ma semplicemente incompleta” e che “la quiete non è sempre pace, e le nozioni di quel che è giusto non sono sempre giustizia”. Poi le cose vanno come vanno, le lune di miele finiscono, il momento dell’idealismo lascia spazio a quello più prosaico della Realpolitik. Di Gorman però si continua a parlare. Usciranno a breve anche in italiano tre sue libri: ‘The Hill We Climb’, volumetto che riporta la poesia letta per Biden, ‘Change Sings’, un libro illustrato per bambini, e una più ampia raccolta poetica. Il problema è sorto al momento delle traduzioni: agli editori di Spagna e Paesi Bassi si è contestata la scelta di traduttori che non rifletterebbero abbastanza l’identità di Groman. Gente troppo bianca e uomini, insomma. Ma davvero per tradurre un’afroamericana serve una sua ‘simile’? E poi cosa significherà mai ‘simile’, dato che parliamo di Paesi con storie diverse? Lo chiediamo a Matteo Bordone, creatore su ilpost.it del podcast ‘Tienimi Bordone’ e attento osservatore delle dinamiche editoriali di derivazione anglosassone.

Cominciamo dall’inizio. Gorman è divenuta famosissima per un tipo di poesia che dalle nostre parti è poco conosciuta: quella del ‘poet laureate’, il poeta a nomina governativa che scrive per le occasioni cerimoniali. Detta così, verrebbe da pensare più all’Unione Sovietica che agli Stati Uniti.

Si tratta in effetti di una forma di poesia civile alla quale siamo poco abituati. D’altronde la radice greca del termine ‘poesia’ rimanda al fare, quindi il campo d’azione poetico è da sempre molto ampio. In questo caso ci siamo anche di fronte a una performance molto efficace, retorica certo, ma non trombona: elegante e decisa, con una gestualità quasi da teatro danza, Gorman ha subito rovesciato la visione trumpiana secondo la quale le minoranze sono solo decimali dopo la virgola. Si tratta di una rappresentazione che ha qualcosa di paradossale – la testimone degli esclusi così vicina al potere –, ma funzionale al messaggio di rinnovamento che Biden intendeva lanciare in una cerimonia composta quasi solo da rappresentanti delle minoranze.

Nel suo podcast, facendo il verso a Battiato, lei dice che “questo sentimento popolare nasce da meccaniche di Prada”. C’è qualcosa di fasullo in Gorman?

Non intendevo questo. Semmai c’è in atto un tentativo di tenerne in vita il caso editoriale ben oltre il termine e il contesto tipici della poesia civile su commissione. Un tentativo che ha a che fare, più che con la promozione letteraria in senso stretto, con la volontà di prolungare la vendibilità della poesia facendone una specie di lasciapassare, di tessera d’appartenenza a un movimento votato al cambiamento. Il che è legittimo, per carità, ma crea libri che non vai a cercare. Semmai li trovi accanto alla cassa e ti dici ‘ma sì, dai, prendiamo anche questo’.

Nel frattempo è scoppiata una polemica su alcuni traduttori, giudicati inadeguati al ruolo perché non condividono l’esperienza di vita e l’essere parte di una minoranza di Gorman. Il trionfo del politically correct? Dopo tutto una parte del mondo conservatore lo prende già come l’ennesimo segno del ‘dove andremo finire, signora mia’.

Attenzione, dal punto di vista della società nel suo complesso non c’è stata alcuna polemica degna di nota, nulla che faccia pensare a una ‘dittatura del politically correct’. C’è stata semmai un’operazione di promozione del dibattito sulla questione che mi pare, se non creata ad arte dagli editori, quantomeno assecondata dai loro interessi: si butta la questione dei traduttori sui social network, dove qualche impallinato lo trovi sempre, da lì si ottiene un’eco nei media e così si tiene alta l’attenzione del pubblico in attesa che i libri di Gorman arrivino nelle librerie. Di per sé, però, sono pochissimi soprattutto in Europa coloro che la ritengono davvero una questione importante. Anche perché pretendere che ad esempio debba essere un’olandese di origine surinamese a tradurre un’afroamericana in realtà ci porta a una visione coloniale e ‘colorista’, nella quale tutti i neri sono considerati alla stessa stregua. Tra l’altro parliamo di una poesia molto semplice, tutta allitterazioni e semplici scarti semantici, nulla di ostico per un traduttore esperto.

Se però è opinione abbastanza condivisa che per tradurre un poeta ci vuole un poeta, l’essere parte di una minoranza che ha vissuto qualche discriminazione simile a quelle degli afroamericani non potrebbe dare ai traduttori maggiore sensibilità?

Qui c’è un errore di fondo sul ruolo e le dinamiche di qualsiasi traduzione. Come notava la scrittrice Zadie Smith in un articolo di un paio di anni fa, la traduzione, come la narrativa, non nasce quando traduttore e autore tradotto sono uguali. Al contrario: tradurre è mettersi nei panni di qualcuno di diverso allontanandosi da sé, assumendo mille voci diverse nel corso della vita. Una pretesa di perfetta somiglianza invece è assurda, e rischia paradossalmente di ricadere in dinamiche identitarie che sono il contrario del multiculturalismo.

In effetti il traduttore catalano ha notato che seguendo la stessa logica “non avrei potuto tradurre Shakespeare perché non sono un inglese del Cinquecento”. Intanto le lacrime dell’inauguration si sono asciugate, Biden è già da qualche mese alla Casa Bianca. Gorman sopravviverà alla ‘normalizzazione’?

Siamo passati dal Biden dell’insediamento a quello che dà a Putin del criminale, e in effetti il tempo gioca contro l’operazione editoriale. Mi viene in mente un parallelo con ‘Cat Person’, il racconto che Kristen Roupenian pubblicò sul New Yorker nel 2017 e fu subito preso a manifesto del #metoo. L’entusiasmo durò un mese e mezzo, l’autrice ottenne un contratto milionario per il suo primo libro, ma quando il racconto uscì poi in antologia non se lo ricordava già più nessuno.

© Regiopress, All rights reserved