la-musica-del-mondo
Domenica 21 marzo, Giornata mondiale della poesia (Pixinio)
ULTIME NOTIZIE Culture
L'intervista
3 ore

Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’

La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
Musica
15 ore

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Culture
15 ore

A Biasca il primo Festival di letteratura per l’infanzia

Quarantotto eventi spalmati su tre giorni: al via martedì 16 agosto, per proseguire venerdì 14 e sabato 15 ottobre
Culture
16 ore

Pier Paolo Pasolini ad Airolo, una rassegna

A cent’anni dalla nascita dell’intellettuale italiano, dal 16 al 19 agosto una rassegna cinematografica a lui dedicata, curata da Nina Altoni
L’intervista
16 ore

Martin Suter, triviale come una libellula

Documentario atipico, ‘Alles über Martin Suter. Ausser die Wahrheit’ ha chiuso il Festival. Lo scrittore svizzero parla di sé (e risponde alla NZZ...)
Musica
21 ore

Rimini chiede che il ballo liscio sia patrimonio dell’Unesco

‘È una rappresentazione della vita e dei sentimenti’, dice il sindaco. Di recente si è espresso in questo senso anche Morgan, col plauso di Renzo Arbore
Culture
21 ore

Torna ‘Io sono vivo, voi siete morti’, Dick visto da Carrère

Apparso per la prima volta nel ’93, è un viaggio nella mente di Philip K. Dick, l’autore del ‘Cacciatore di androidi’ da cui è tratto il film Blade Runner
Scienze
23 ore

Roche lancia un test per la risposta immunitaria

Dovrebbe permettere di capire meglio le infezioni da coronavirus. Farà la sua apparizione sui mercati che riconoscono le marcature Ce
Spettacoli
23 ore

Trovati i riceventi per gli organi di Anne Heche

Staccati i macchinari a cui era attaccata l’attrice, cerebralmente morta dopo il grave incidente stradale
Scienze
1 gior

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
1 gior

Pomeriggio valdostano

Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
1 gior

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
1 gior

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
laR
 
20.03.2021 - 13:12
di Alberto Nessi

La musica del mondo

È proprio ancora necessario, di questi tempi, scrivere poesia? Domanda retorica. Sarebbe come chiedersi: è ancora necessario fare l’amore?

“L’unico miracolo che si compie dai tempi di Omero e da prima ancora, e che non può essere dimenticato o messo in dubbio perché chiunque può farlo rivivere con la lettura, è quello delle parole che trattengono la vita. È la poesia”. Prendo questa dichiarazione da “Amore lontano” di Sebastiano Vassalli, dove lo scrittore scomparso cinque anni fa racconta, a modo suo, la vita di sette grandi poeti: Omero, Virgilio, l’autore del Qohélet – forse Salomone –, Jaufré Raudel,Villon, Leopardi, Rimbaud. “Amore lontano”, apparso nel 2005, è uno degli ultimi libri dello scrittore. Che trent’anni prima aveva stilato una feroce invettiva contro i poeti italiani contemporanei: il libello s’intitola “Arkadia” ed è forse la più violenta requisitoria contro gli “impoeti d’Italia”. L’amore di Vassalli per la poesia genera odio per quelli che l’autore chiama “gl’impiastricciatori di parole”, categoria nella quale infila quasi tutti gli autori di versi dagli anni Sessanta in poi; infierendo specialmente contro il Gruppo ’63, con il quale peraltro aveva simpatizzato in gioventù.

Non è l’unico, Vassalli, a prendersela con i poeti. Il primo nella storia è Platone, in un dialogo della “Repubblica”. Facendo un gran balzo fino all’Ottocento, l’anatema più noto contro la poesia moderna è dell’inglese Peacock, contrastato dalla “Difesa della poesia” di Shelley: che la definisce come espressione dell’immaginazione nata con l’umanità. Nel secolo scorso incappiamo in Gombrowicz, con il farneticante “Contro i poeti”. Un intervento recente molto efficace è “I poeti sono impossibili-Come fare il poeta senza diventare insopportabile” di Alessandro Carrera, insegnante in varie università degli Stati Uniti e del Canada. Questo libro, uscito nel 2005, permette di venire a conoscenza di una realtà mirabolante: i poeti in Italia, venuti alla luce attraverso una pubblicazione o Internet o una lettura pubblica ammontano a due milioni; e dei 125 titoli che si stampano ogni giorno la metà è di libri di poesia. Non mi sembra una buona notizia, dal punto di vista ecologico: che spreco di carta! Com’è mai possibile che l’Italia di oggi sia un popolo di poeti (in passato anche di santi e navigatori)? Due milioni di arpe eolie sparse sull’accidentato territorio italiano? Siamo di fronte a un fenomeno che meriterebbe un’analisi sociologica.

*

Allora ci si potrebbe chiedere: è proprio ancora necessario, di questi tempi, scrivere poesia? Domanda retorica. Sarebbe come chiedersi: è ancora necessario fare l’amore? Però Rainer Maria Rilke, nelle sue “Lettere a un giovane poeta” dice che si deve scrivere solo se si ha qualcosa da dire: sareste disposto a morire, quando vi si negasse di scrivere, chiede il grande poeta? Un testo poetico è una creatura vivente che bussa alla mente e al cuore. È sempre stato così, perché oggi dovrebbe cambiare? La nostra civiltà é forse al tramonto?

Per essere poeta ci vuole sensibilità, pazienza, coraggio di stare soli. Bisogna essere umili, prendere dagli altri. E queste virtù mi sembrano in contrasto con le tendenze dominanti nel nostro tempo che sono superficialità, fretta e voglia di farsi vedere. La musica della poesia parla sottovoce, quando parla. E dovrebbe parlare a tutti. Dice Orazio, nel primo secolo avanti Cristo: “Sarai detto egregio se un costrutto attento (“callida iunctura”) darà nuovo aspetto a parole comuni” . Il poeta antico, dunque, tocca un punto dolente, che duole tuttora: quello del linguaggio della poesia. Che è musica, immagini e pensieri insieme, ed ha la prerogativa di comunicarci qualcosa di unico.

***

Nel nuovo millennio, passata la sbornia degli anni sessanta-settanta del Novecento, tramontate le mode di ermetismo, neoavanguardia, parola innamorata, eclissatisi i trafficanti di letteratura, messi a tacere i tromboni, resta la parola nuda: la parola vera che pochi sanno dire. La poesia che procede in disparte, là dove è ignorata e respinta, e resiste e dura nel rumore proprio perché inutile ed eterna.

Ma l’uomo d’oggi oggi ha altro da fare. Ha da fare le cose importanti. Ha da lottare per la pagnotta; e, oltre tutto, è immerso in un universo di chiacchiere. E allora addio poesia! A meno che…

A meno che la vita, che oggi ha rallentato il suo ritmo e spento la nostra superbia a causa della pandemia, ci offra momenti di silenzio, durante i quali si può sentire la musica del mondo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amore musica poesia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved