stanze-dell-arte-elisa-netzer-tutta-colpa-di-walt-disney
Elisa Netzer, martedì 2 marzo alle 20.30 su www.centroculturalechiasso.ch (foto: MolinaVisuals)
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
3 ore

Bernasconi e Fazioli a Paradeplatz, tra narrazione e poesia

‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli), Yari Bernasconi e Andrea Fazioli nelle 'piazze delle banche'. Dal 12 aprile
Cinema
4 ore

‘Nomadland’ di Chloe Zhao premiato dai registi americani

L'opera della regista cinese vince anche i 73esimi Directors Guild of America, buon indicatore delle possibilità di un film di vincere l'Oscar per il miglior regista
Musica
18 ore

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
22 ore

La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi

Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
1 gior

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
1 gior

Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)

È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Rsi
1 gior

‘I colori della mia terra’, Weick racconta Loredana Müller

Il documentario di Werner Weick, ritratto professionale e artistico, va in onda domenica 11 aprile su La1 per Portrait, con inizio alle 9.30.
Arte
1 gior

‘Stanza con animali’, Sandra Snozzi alla Galleria Job

Nei locali di via Borgetto 10 a Giubiasco, le creature in carta dell'artista ticinese. Fino al 24 aprile.
Culture
1 gior

Locarno, l'abbigliamento dei romani in Biblioteca (virtuale)

Mercoledì 14 aprile alle 18, in streaming, all'interno di Realia: aspetti di vita pratica nel mondo greco-romano', l'indagine condotta da Elisabetta Gagetti
Spettacoli
1 gior

Morto il rapper DMX, era in coma per overdose

Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Scienze
1 gior

Un apparecchio fitness per malati di Alzheimer

Uno spin-off dell'Eth di Zurigo ha sviluppato uno speciale dispositivo la cui efficacia è stata dimostrata da uno studio.
Covid e Cultura
1 gior

'Freelance inclusi, una conquista. Ora si attende di ripartire'

A colloquio Cristina Galbiati, membro di t. (Professionisti dello spettacolo Svizzera) sulle modifiche all'Ordinanza Covid-19 Cultura e sulla 'Taskforce'
Spettacoli
1 gior

Prince, rivive il genio di Minneapolis: album di inediti a luglio

'Welcome 2 America' contiene 12 brani incisi nel 2010, parte del tesoretto contenuto nella cassaforte dello studio di Prince a Minneapolis
Culture
1 gior

Milena Folletti dice addio alla Rsi

Lascia l'azienda per affrontare nuove opportunità professionali, dopo 33 anni ininterrotti. Il ringraziamento congiunto di Rsi e Ssr
Gallery
Culture
1 gior

‘Queer’, la diversità di genere è in mostra a Berna

Sono molti gli esempi di fluidità di genere e il Museo di storia naturale vi dedica una eposizione lunga un anno
Video
Culture
2 gior

Gran Premio svizzero d’arte a Descombes, Eppstein e Suter

L'architetto, la curatrice e l'artista destinatari del riconoscimento, consegnato a Basilea il 20 settembre prossimo insieme ai Premi svizzeri d'arte
Lac
2 gior

Condemi, lavoro registico tra linguaggio, spazio e sguardo

Per Lingua Madre, le ‘capsule per il futuro’ del Lac, la terza parte sarà online sabato 10 aprile dalle 9. A colloquio con il regista.
Culture
2 gior

Orizzonti filosofici online con Massimo Reichlin

La coscienza, tra senso morale e ragion pratica nel secondo appuntamento di martedì 13 aprile alle 20 in Zoom
Covid e Cultura
2 gior

Taskforce Cultura: 'Miglioramenti, ma permangono problemi'

Modifiche all'Ordinanza Covid Cultura soddisfano per semplificazioni e retroattività, ma scudo protettivo senza risposte e timori per i tempi di attribuzione Ipg.
Società
2 gior

Pandemia? E torna di moda... l'Hula Hoop

Il popolare attrezzo-giocattolo è tornato alla ribalta negli ultimi mesi: combatte lo stress, fa bene all'umore ed è adatto per fare attività fisica
Culture
2 gior

Charles Baudelaire, duecento anni più tardi

I ‘Fiori del male’ da scandalo a perno su cui ruota la poesia per divenire moderna. Il poeta francese nasceva il 9 aprile del 1821
Musica
2 gior

‘London's 93 Feet East’, Radiohead ancora gratis su YouTube

Dal 9 aprile, una nuova serie di performance storiche dal vivo. Si comincia con uno show londinese assai raro, ora disponibile al grande pubblico.
Scienze
2 gior

Perseverance fa le previsioni del tempo su Marte

Giunto il primo rapporto meteo marziano realizzato dal rover della Nasa nel suo sito di sbarco, il cratere Jezero. I dati saranno utili per programmare le attività giornaliere.
Culture
3 gior

La Cina premia il vicepresidente Supsi Claudio Boër

Insignito del titolo Silver Age Talent per l'apporto nel risollevare nel Paese asiatico l'economia danneggiata dalla pandemia
Società
3 gior

I nuovi sticker per Whatsapp dedicati al coronavirus

Dall'abbraccio finalmente ritrovato dopo oltre un anno dall'inizio della pandemia allo scudo che protegge fra le immagini di "Vaccines for All"
Radio Morcote International
3 gior

Grant Benson e La Dany sulle onde di Morcote (un anno dopo)

La Radio Caroline del Ceresio, nata nell'aprile 2020 come ‘salvagente’ per il lockdown, oggi vanta 16mila contatti al dì. A colloquio coi fondatori.
Musica
3 gior

Julie Meletta: aspettando l'album, 'Can We Talk?'

Dalla pop-dance di 'Middle May', anno 2020, alle ritmiche trap-hip hop del nuovo singolo, in uscita venerdì 9 aprile.
Culture
3 gior

Premio grigionese per la letteratura 2021, uno per lingua

Suddiviso equamente su tre esponenti delle tre lingue cantonali, è stato consegnato oggi a Maienfeld.
Cinema Teatro Chiasso
28.02.2021 - 17:350
Aggiornamento : 18:03

Stanze dell'arte, Elisa Netzer: ‘Tutta colpa di Walt Disney’

‘Scoprii l'arpa a 5 anni in Fantasia: gli altri strumenti erano logici, io volevo fare la magia’. L'arpista ticinese live in streaming il 2 marzo alle 20.30

Tanto ci sa fare alla televisione che verrebbe da cederle il microfono e far sì che sia lei a farsi le domande. Ma prendere appunti e basta sarebbe un gesto poco elegante. Meglio tornare nei ruoli, con Elisa Netzer nella parte dell’intervistata a introdurre la sua personale quarta Stanza dell’arte, l’ultima della rassegna voluta dal Centro Culturale Chiasso, occupata da uno dei più limipidi talenti dell’arpa nazionale e internazionale. Prima arpista solista al Lucerne Festival, Elisa Netzer ha rappresentato la Svizzera al World Harp Congress di Hong Kong, ha tenuto recital in Europa, Russia, Brasile, Cina; solista con l’Orchestra della Svizzera Italiana (Osi), l’Orchestra città di Vigevano, l’Orchestra da Camera di Parma e l’Orchestra sinfonica Arturo Toscanini, una Bachelor con lode al conservatorio di Parma, un Master con distinction alla Royal Academy of Music di Londra. Vincitrice di concorsi nazionali e internazionali (tra cui il britannico Guy McGrath Harp Prize e il Concorso italiano dell’arpa, unica concorrente nella storia del concorso a essere premiata in tutte e tre le categorie), il suo primo lavoro discografico, ‘Toccata’ (Naxos International, 2018), ha raccolto consensi di critica e pubblico. Dal 2016 collabora con l’Osi, con la Tonhalle Orchester Zürich ed è conduttrice di ‘Paganini’, programma di divulgazione culturale e musica classica della Rsi.

Sopra un palco che resta storico anche senza pubblico davanti, ma con platea illimitata di tablet, smartphone e device digitali in genere, l'arpista ticinese porta il suo recital al Cinema Teatro di Chiasso, martedì 2 marzo alle 20.30, rilanciato in streaming su www.centroculturalechiasso.ch, aperto come d’abitudine dall’analisi musicologica di Francesco Bossaglia.

Elisa Netzer musicista, ma anche donna di televisione. Com’è nata la cosa?

Per caso. Me l’hanno detto gli altri che sarei stata donna di televisione. Lo sono diventata con un po’ di tempo. Parlare, come chi mi è vicino sa bene, mi piace. La musica mi piace. Unire le due cose, a un certo punto, mi è sembrata una cosa naturale.

A proposito di televisione: il tuo recital cade nella sera dell’esordio di Sanremo…

Esatto, sono in grande competizione! (ride, ndr). Il rifiuto di guardare Sanremo è un po’ un leitmotiv di molte persone, quindi mi attendo che tutti coloro che ogni anno tengono a esternare il fatto che Sanremo non lo guardano si sintonizzino sul mio concerto.

Quanto a Sanremo, è anche tuo quel letimotiv, o il Festival lo guardi?

In qualche modo, tranne che il 2 marzo, Sanremo va guardato. È pur sempre un momento culturale. Come dire: è un male necessario.

Immagino che tu non abbia scoperto la musica guardando Sanremo, ma in altro modo…

Sì. In casa mia si è sempre ascoltata molta musica, di ogni genere, perché i miei genitori, organizzando concerti soprattutto di world music avevano sempre in casa centinaia di dischi di generi e paesi diversi. Non saprei dire precisamente quando e come ho scoperto la musica, è stata una cosa naturale. Mentre l’arpa è stata puramente colpa di Walt Disney, che piazzandola in ‘Fantasia’, a 5 anni mi ha dannato l’anima, facendomi scoprire ciò che avrei voluto fare per il resto della mia vita...

Guardando il cartone animato ti sei detta “Quello è lo strumento che voglio suonare”?

Guardando il cartone animato un milione di volte, ci tengo a precisare, per ponderare bene la scelta. Ho guardato tutti gli strumenti, ho deciso che gli altri erano belli, ma erano troppo logici: il violino suona perché c’è l’archetto e perché ci son le corde, ed è fatta; nel flauto ci si soffia dentro, la percussione è così, il pianoforte cosà, l’unico strumento non possibile da spiegare, che aveva una dimensione che sfuggiva alla realtà, era l’arpa e io volevo imparare a fare la magia più speciale. Pestando i piedi per terra, annunciai la cosa urbi et orbi nell’ufficio di mia madre, ricordo ancora quel giorno...

Come l’hanno presa i tuoi genitori?

Sono stati i primi a offrirmi l’alternativa del flauto, ma quando l’Elisa si mette in testa qualcosa è piuttosto difficile ricondurla alla ragione. Capendo che si trattava della semplice invidia del compagno d’asilo, del voler suonare lo stesso strumento, hanno dato seguito. Sperando, credo, che la cosa sarebbe rientrata di lì a poco. E invece li ho delusi…

L’arpa non è esattamente lo strumento ideale da portarsi, per esempio, in riva alla spiaggia. Mai rimpianto una scelta più ‘light’?

Io dico sempre che potrei aprire una ditta di traslochi, sono abituata a guidare per chilometri e chilometri, porto cose pesanti e delicate e quindi se avete bisogno… (ride, ndr). Quello è il lato poco piacevole, ma devo dire che mi piace un po’ fare la figura dell’unna che trasporta l’armadio con il carrello. Essendo io particolarmente piccolina, poi, il metro e ottanta di arpa fa ancora più impressione e in fondo, segretamente, questa cosa mi piace.

Hai suonato in giro per il mondo. Raccontacene un pezzo...

È una delle parti più belle di questo mestiere, con le dovute, antipaticissime, precisazioni che fanno i business men, che dicono “Sì, va bene, viaggio tanto, ma non vedo mai niente”. Nel mio caso: bellissimo viaggio a Rio de Janeiro, quattro giorni con esame finale al mio ritorno, con la febbre a 39, perché allora si poteva ancora volare a queste condizioni; arrivata a Rio, ho dato fuoco all’asciugacapelli in un albergo sbagliando la presa elettrica, mi sono intossicata col fumo dell’incendio, ho suonato con la febbre e sono andata in cima al Corcovado con la nebbia. Non è sempre tutto glamour, insomma. La cosa più bella, in realtà, è avere amici in tutto il mondo. Posso essere abbastanza sicura che ovunque io vada, in una buona porzione di globo terracqueo ho qualcuno da incontrare.

È stato un anno di streaming, e speriamo non vada oltre. Com’è, se ne hai esperienza, suonare in questa modalità?

Potrò dirlo dopo il 2 marzo. Interamente in streaming, da sola, non ho esperienza. Dico la verità: problemi di nervosismo da palcoscenico non me ne sono mai posti. In questo caso sì, è una situazione un po’ nuova, non so come sarà. Sulla carta non mi piace, senza pubblico, pur essendo contentissima che ci sia questa alternativa, visto che al momento non si può fare altrimenti. Questa è la mia sensazione. Per il pubblico, invece, potrebbe essere diverso: è vero che dal vivo si ascolta il suono naturale, però anche portare la musica classica fuori del suo contesto un po’ ingessato, da quel doversi vestire in modo accurato, lo stare in silenzio, tutto ciò può avere il suo risvolto positivo. Di certo, mi auguro che il pubblico starà meglio di me. E prometto di non suonare in pigiama...

Possiamo entrare con te nel programma della serata?

Ho scelto un programma che ai più dirà ben poco, in quanto si tratta di compositori sconosciuti a chi non suona il mio strumento. L’arpa è, di suo, uno strumento abbastanza raro. Anche se le sue origini sono antichissime, l’arpa come strumento classico è invece molto moderna. Una volta inventata, con tutte le sue corde, i suoi pedali e le sue complicanze, ci è voluto del tempo prima che diventasse uno strumento comune, e in quel periodo si sono alternati artisti e compositori che hanno scritto la maggior parte dei brani. Molti di questi saranno presenti in questo programma, con l’eccezione di Händel, che ha scritto un concerto molto bello per un tipo di arpa barocca, che aprirà il programma. Sarà un recital vario, perché mi sembrava inutile fare qualcosa di troppo concettuale in un contesto del genere. Chiuderò con una chicca, un brano particolarmente struggente, una storia d’amore che verrà presentata prima del concerto, una storia d’amore finita male e che spinse la compositrice Henriette Renié a metterla in musica. Brano struggente per chi l’ascolta e anche per chi lo suona, trattandosi di un’insalata di note, non sempre facile da dominare.

Concludendo. Ti abbiamo incontrato a inizio pandemia, poi al tempo dei famosi 5 posti in sala, e ci sentiamo adesso, alla vigilia di quella che, almeno all’orizzonte, pare una riapertura. Come la vedi?

Penso che tutti i musicisti si rifiutino di fare qualsiasi tipo di pronostico, perché i pronostici disattesi sono stati la parte peggiore di questa pandemia. Noi musicisti siamo una razza piuttosto malleabile, abituata a reagire alle situazioni incerte. Però, qualsiasi cosa che ci siamo fatti venire in mente per poter continuare a lavorare in questo periodo veniva sconfessata dalle conseguenze portate dall'evoluzione della pandemia, anche inevitabili. Cerchiamo di mettere tutta la nostra energia nell’augurare al mondo l’uscita da essa, perché sarà l’unica soluzione. Nel frattempo, siamo ansiosi di tornare nelle sale da concerto a fare musica. La cosa bella, resa evidente a tutti, a chi suona e a chi ascolta, è che non esiste una tecnologia che possa mai sostituire la vera esperienza di un concerto. Spero vivamente che tutti si siano resi conto di quanto questo sia fondamentale per rendere la vita qualcosa da vivere, e non un elenco di cose che bisogna fare.

© Regiopress, All rights reserved