alla-casa-della-letteratura-le-parole-tra-cura-e-pandemia
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
30 min

(Scontata) Ironia sui cinesi: Michelle Hunziker chiede scusa

Le dita che simulano gli occhi a mandorla e la ‘L’ al posto della ‘R’: Striscia' accusata di razzismo per uno sketch sulla sede Rai di Pechino
Scienze
1 ora

L'asteroide caduto in Germania ha lasciato tracce a San Gallo

Un chiaro strato di polvere di quarzo scoperto nel 1945 dal geologo Franz Hofmann. È particolarmente visibile lungo le rive del Sitter, un affluente della Thur.
Spettacoli
1 ora

Jacky Marti: 'Niente Estival, appuntamento al 2022'

'Pur senza farci alcuna illusione, abbiamo voluto aspettare la conferenza stampa di oggi per capire. Ora le indicazioni parlano chiaro', dice Mister Estival
Scienze
6 ore

Ibsa Foundation Fellowship 2020: ecco i cinque vincitori

Ospite d'onore della consegna delle borse di studio, Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’istituto clinico Humanitas.
Libri
6 ore

'Rosagarda', trittico inedito di Giorgio Orelli

Lo pubblica Edizioni Casagrande per il centenario della nascita del poeta. Il libro, curato da Pietro De Marchi e Matteo Terzaghi, sarà disponibile dal 15 aprile.
Streaming
6 ore

Osi al Lac: Markus Poschner tra Rossini, Sibelius e Britten

A cavallo fra due secoli di storia della musica per l'ultimo appuntamento della stagione: giovedì 15 aprile alle 20.30 in videostreaming Rsi e live su Rete Due
Scienze
7 ore

A Berna le misure igieniche proteggono i bebè dalla meningite

Lo afferma un gruppo di ricercatori dell'Inselspital, l'ospedale universitario. Indagini più vaste potranno estendere il dato oltre la città federale.
Culture
7 ore

Omaggio a Dante, Colazioni letterarie con Giulio Ferroni

Per la terza edizione dedicata al Sommo Poeta a 700 anni dalla morte, 'Dante e i confini d'Italia' è l'incontro in programma sabato 17 aprile alle 11 su Zoom
Video
Musica
9 ore

‘Eazy Sleazy’, metti insieme Mick Jagger con Dave Grohl

Sguardo ottimista verso il mondo al di là dell'isolamento e al 'giardino delle delizie terrene' che si trova oltre.
Scienze
14 ore

Alberto Mantovani e la scienza tra rispetto e responsabilità

Dalla distribuzione dei vaccini al dovere di comunicare in modo chiaro, intervista al direttore scientifico dell’istituto clinico Humanitas, ospite della Fondazione Ibsa per la consegna delle cinque fellowship
Scienze
2 gior

Nel giorno di Gagarin, un asteroide saluta la Terra

Transita a una distanza di 20mila chilometri dalla superficie terrestre, una distanza inferiore a quella dei satelliti geostazionari (36mila).
Culture
2 gior

L’esempio di Mario Timbal e la cultura aziendale della Rsi

Confrontato con la partenza improvvisa della responsabile Programmazione, il neodirettore della Rsi ha illustrato le sue linee editoriali, tra creatività e trasparenza
Lac
2 gior

'Sguardo sul teatro borghese' con Carmelo Rifici in streaming

Riprendono domani, martedì 13 aprile, le incursioni nel mondo del teatro con il direttore artistico del Lac
Culture
24.02.2021 - 20:140

Alla Casa della letteratura le parole tra cura e pandemia

Intervista a Guenda Bernegger, caporedattrice della Rivista per le Medical Humanities e ospite del primo incontro online ‘Fratture e frammenti’

Si parlerà di pandemia, o meglio si parla delle parole della pandemia, alla Casa della letteratura per la Svizzera italiana: il primo appuntamento della stagione – oggi alle 18.30 in diretta streaming su Facebook e YouTube, info: www.casadellaletteratura.ch – dal titolo ‘Fratture e frammenti’ vedrà come ospiti

Francesco M. Cataluccio, autore di ‘In occasione dell’epidemia’ (Edizioni Casagrande, 2020), la poetessa Laura Di Corcia, la traduttrice Ruth Gantert e Guenda Bernegger, caporedattrice della Rivista per le Medical Humanities (www.rivista-rmh.ch) pubblicata dall’Ente ospedaliero cantonale.

È a quest’ultima che si deve il titolo dell’incontro: ‘Fratture e frammenti’ è stato il tema del numero 45 della rivista, uscito un anno fa, «mentre tutto ancora scorreva» ci spiega Guenda Bernegger. «Ci siamo trovati confrontati con la pandemia, con la necessità di tematizzarla mentre eravamo nel mezzo, con il rischio di dire qualcosa  che, anche solo tra il momento della redazione e quello della stampa, rischiava di diventare inattuale». Da qui l’idea di «comporre una sorta di diario collettivo, riprendendo estratti, frammenti di testi, per costruire una narrazione polifonica dell’attualità che fornisse al contempo delle chiavi di lettura, andando oltre la semplice ripubblicazione di cose già scritte». Frammenti, appunto, ai quali è affidato il compito di ricostruire un’immagine parziale e temporanea della pandemia. «Una risposta plurale alla pluralità delle fratture che in questo anno sono avvenute su più livelli e rispetto alle quali non può esserci una lettura univoca». Il bisogno di parlare più linguaggi, «chiedendosi che cosa, in questa pandemia, si ripropone e che cosa invece è nuovo, quanto stiamo proiettando sulla situazione attuale eventi che ci sembrano simili, ma che forse non lo sono: pensiamo alle risonanze della ‘Peste’ di Camus, che in tanti in questo periodo hanno riletto, o della Spagnola».

Ci muoviamo in uno spazio all’intersezione tra scienze umane e medicina e, più in generale, tra discipline che si occupano dell’umano e discipline della cura. «L’idea alla base delle ‘medical humanities’ è che per essere dei “buoni operatori della cura” non si possa trascurare di coltivare la cultura dell’umano, in un dialogo che si rivela fecondo per entrambe le parti» spiega Guenda Bernegger.

La letteratura che ruolo può avere in questo “umanesimo clinico”? In generale, risponde Bernegger, «la cura può trarre dal dialogo con le narrazioni maggiore profondità, rendendo i gesti di chi cura più densi, più consapevoli, più ricchi in quanto accompagnati da un'immagine più profonda dell’umano». Il confronto con la letteratura e con le arti «arricchisce il mio rapporto con l’altro, permette di vederlo con maggiore pienezza, di dare più spessore alla relazione, e anche consente di collocare il proprio agire nel contesto culturale in cui siamo e di capire quali valori stiamo intensificando o, al contrario, trascurando».

E nel caso specifico della pandemia, la letteratura come può essere di aiuto? «Il dialogo con la letteratura e con altre arti è stato, in questi mesi di isolamento, un modo per mantenere un contatto con l’altro: un contatto beninteso mediato, ma comunque una via per sentirsi meno soli». Tornando a rileggere classici come il già citato Camus, i testi «ridiventano occasione di discussione, terreno comune: a dimostrazione della necessità di trovare delle narrazioni condivise, più che mai in momenti di grande incertezza, come questi».

Possiamo pensare a delle narrazioni “giuste” e “sbagliate” della pandemia? «Chiaramente si possono dire cose false e cose vere, ma questo elemento di corrispondenza con la realtà, certo importante, non è determinante per il nostro discorso. Credo ci siano discorsi più produttivi – cioè in grado di produrre cose utili e arricchenti – e discorsi che invece fanno male, che non curano una collettività». E qui ritorna l’importanza della letteratura che «ci può insegnare come parlare anche di cose brutte in modo costruttivo: la lettura di un buon romanzo ci può lasciare un sentimento di serenità nonostante il finale tragico». Da qui, l’importanza di «dotarsi collettivamente di narrazioni che, per quanto singolari, riescano a dare senso a un accadere che – almeno all’inizio – ci ha lasciati senza parole».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved