ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
10 ore

‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’

Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
12 ore

Pietro Sarto all’infinito

‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
ISTANBUL
1 gior

Al capolinea la storia d’amore fra Mauro Icardi e Wanda Nara

Dopo la fine della love story fra il calciatore Francesco Totti e la showgirl Hilary Blasi l’annuncio di una nuova rottura
Culture
1 gior

È morta la scrittrice Hilary Mantel, fu due volte Booker

Nota come autrice della trilogia su Thomas Cromwell e come polemista, si è spenta all’età di 70 anni
Spettacoli
1 gior

Nino D’Angelo, ‘Il Poeta che non sa parlare’ a Lugano il 5 marzo

Fa tappa al Palacongressi la serie di concerti dell’artista napoletano, tra grandi successi e le canzoni dell’ultimo album, finalista al Premio Tenco
Culture
1 gior

Come sbiancare una sirenetta

Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Musica
1 gior

I tre concerti dell’Orchestra Arcadia

Sabato primo ottobre a Lugano, il giorno dopo a Riva San Vitale, sabato 8 ottobre ad Ascona
Culture
1 gior

Le scritture femminili del FIT Festival

Con ‘Chasing a Ghost’ di Alexandra Bachzetsis si apre il 28 settembre il FIT Festival del Teatro e della scena contemporanea
Spettacoli
1 gior

Un Sociale dai temi sociali

Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Culture
2 gior

Museo in erba, la stagione 2022-2023

‘Arte, che passione!’ fino al 20 novembre; ‘Ritmi, forme, colori’ (Centre Pompidou Parigi), dal 26 novembre; ‘Da ün Giacometti e l’altar’ dal 1° aprile
Scienze
2 gior

Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno

Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
Settimane Musicali
2 gior

Iván Fischer, se nel bis l’orchestra diventa un grande coro

Il direttore magiaro è atteso lunedì 26 settembre alle 19.30 nella Chiesa di San Francesco. In programma Wagner, Ligeti e Beethoven
Scienze
2 gior

Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati

Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense
24.02.2021 - 20:14

Alla Casa della letteratura le parole tra cura e pandemia

Intervista a Guenda Bernegger, caporedattrice della Rivista per le Medical Humanities e ospite del primo incontro online ‘Fratture e frammenti’

di Ivo Silvestro
alla-casa-della-letteratura-le-parole-tra-cura-e-pandemia

Si parlerà di pandemia, o meglio si parla delle parole della pandemia, alla Casa della letteratura per la Svizzera italiana: il primo appuntamento della stagione – oggi alle 18.30 in diretta streaming su Facebook e YouTube, info: www.casadellaletteratura.ch – dal titolo ‘Fratture e frammenti’ vedrà come ospiti

Francesco M. Cataluccio, autore di ‘In occasione dell’epidemia’ (Edizioni Casagrande, 2020), la poetessa Laura Di Corcia, la traduttrice Ruth Gantert e Guenda Bernegger, caporedattrice della Rivista per le Medical Humanities (www.rivista-rmh.ch) pubblicata dall’Ente ospedaliero cantonale.

È a quest’ultima che si deve il titolo dell’incontro: ‘Fratture e frammenti’ è stato il tema del numero 45 della rivista, uscito un anno fa, «mentre tutto ancora scorreva» ci spiega Guenda Bernegger. «Ci siamo trovati confrontati con la pandemia, con la necessità di tematizzarla mentre eravamo nel mezzo, con il rischio di dire qualcosa  che, anche solo tra il momento della redazione e quello della stampa, rischiava di diventare inattuale». Da qui l’idea di «comporre una sorta di diario collettivo, riprendendo estratti, frammenti di testi, per costruire una narrazione polifonica dell’attualità che fornisse al contempo delle chiavi di lettura, andando oltre la semplice ripubblicazione di cose già scritte». Frammenti, appunto, ai quali è affidato il compito di ricostruire un’immagine parziale e temporanea della pandemia. «Una risposta plurale alla pluralità delle fratture che in questo anno sono avvenute su più livelli e rispetto alle quali non può esserci una lettura univoca». Il bisogno di parlare più linguaggi, «chiedendosi che cosa, in questa pandemia, si ripropone e che cosa invece è nuovo, quanto stiamo proiettando sulla situazione attuale eventi che ci sembrano simili, ma che forse non lo sono: pensiamo alle risonanze della ‘Peste’ di Camus, che in tanti in questo periodo hanno riletto, o della Spagnola».

Ci muoviamo in uno spazio all’intersezione tra scienze umane e medicina e, più in generale, tra discipline che si occupano dell’umano e discipline della cura. «L’idea alla base delle ‘medical humanities’ è che per essere dei “buoni operatori della cura” non si possa trascurare di coltivare la cultura dell’umano, in un dialogo che si rivela fecondo per entrambe le parti» spiega Guenda Bernegger.

La letteratura che ruolo può avere in questo “umanesimo clinico”? In generale, risponde Bernegger, «la cura può trarre dal dialogo con le narrazioni maggiore profondità, rendendo i gesti di chi cura più densi, più consapevoli, più ricchi in quanto accompagnati da un'immagine più profonda dell’umano». Il confronto con la letteratura e con le arti «arricchisce il mio rapporto con l’altro, permette di vederlo con maggiore pienezza, di dare più spessore alla relazione, e anche consente di collocare il proprio agire nel contesto culturale in cui siamo e di capire quali valori stiamo intensificando o, al contrario, trascurando».

E nel caso specifico della pandemia, la letteratura come può essere di aiuto? «Il dialogo con la letteratura e con altre arti è stato, in questi mesi di isolamento, un modo per mantenere un contatto con l’altro: un contatto beninteso mediato, ma comunque una via per sentirsi meno soli». Tornando a rileggere classici come il già citato Camus, i testi «ridiventano occasione di discussione, terreno comune: a dimostrazione della necessità di trovare delle narrazioni condivise, più che mai in momenti di grande incertezza, come questi».

Possiamo pensare a delle narrazioni “giuste” e “sbagliate” della pandemia? «Chiaramente si possono dire cose false e cose vere, ma questo elemento di corrispondenza con la realtà, certo importante, non è determinante per il nostro discorso. Credo ci siano discorsi più produttivi – cioè in grado di produrre cose utili e arricchenti – e discorsi che invece fanno male, che non curano una collettività». E qui ritorna l’importanza della letteratura che «ci può insegnare come parlare anche di cose brutte in modo costruttivo: la lettura di un buon romanzo ci può lasciare un sentimento di serenità nonostante il finale tragico». Da qui, l’importanza di «dotarsi collettivamente di narrazioni che, per quanto singolari, riescano a dare senso a un accadere che – almeno all’inizio – ci ha lasciati senza parole».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved