ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
5 ore

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
6 ore

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
6 ore

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
7 ore

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
Classica
8 ore

Michele Mariotti e Marc Bouchkov aprono il ciclo Osi al Lac

Il direttore d’orchestra italiano e il violinista franco-belga si esibiranno su pagine di Brahms e Prokof’ev giovedì 29 settembre alle 20.30
Classica
9 ore

Skrjabin, Chopin e Beethoven suonati da Beatrice Rana

Il debutto alla 77esima edizione delle Settimane musicali della pianista salentina si svolgerà nella chiesa del Collegio Papio il 28 settembre, alle 19.30
Spettacoli
9 ore

Miss Behave al Murrayfield Pub di Chiasso

È il trio formato da Paola Caridi (batteria), Silvia Wakte (chitarra e voce), Camilla Missio (basso elettrico), venerdì 30 settembre dalle 22
Crisi energetica
10 ore

Misure di risparmio energetico alla Ssr

L’azienda al fine di garantire il mandato di servizio pubblico attuerà gli accorgimenti da subito per risparmiare il 13-15 per cento
Spettacoli
10 ore

I 50 anni? ‘Uno straordinario aggiornamento di software’

L’attrice Gwyneth Paltrow il 27 settembre spegnerà le candeline felice di essere così com’è e accettando tutti gli effetti che l’invecchiamento comporta
Conferenza
12 ore

Crisi energetica, progetti concreti e sostenibili per superarla

Il Comune di Morcote propone un dibattito pubblico con esperti del settore, venerdì 30 settembre, dalle 19.30, nella sala Maspoli
Teatro
13 ore

Connessioni fra poesia e musica con Piscazzi e Godard

‘Ferma l’ali’ è lo spettacolo inaugurale della stagione del San Materno di Ascona, domenica 2 ottobre alle 17
Spettacoli
13 ore

Robbie Williams torna a Zurigo dopo oltre cinque anni

Il tour dell’album che celebra i 25 anni di carriera toccherà anche la Svizzera
Musica
16 ore

Abul Mogard nella cattedrale del suono

Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
1 gior

Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura

Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Culture
1 gior

‘Il Sentiero della Gioia’ di Thomas Morelli, anteprima Ticino

Alla presenza del regista, il film sarà proiettato sabato primo ottobre a Locarno-Muralto, il giorno dopo a Lugano-Paradiso
Arte
1 gior

Louise Nevelson al Museo d’Arte Moderna di Ascona

Dal 2 ottobre all’8 gennaio 2023, ‘Assembling Thoughts’, un’ottantina di opere che ripercorrono la poetica dell’artista ucraina, naturalizzata americana
Video
Netflix
1 gior

‘The Crown 5’ il 9 novembre, c’è il trailer

Con Imelda Staunton a interpretare la Regina Elisabetta arriva il quinto capitolo. Un’anticipazione di 40 secondi durante Tudum, evento Netflix per i fan
Cinema
1 gior

Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’

È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Culture
1 gior

Poletti e le marionette, ‘dall’antico Egitto a Elvis Presley’

Michel Poletti e Lucia Bassetti protagonisti della conferenza in programma alla Biblioteca cantonale di Lugano il prossimo 29 settembre
laR
 
25.02.2021 - 10:45

'To Fabio Andina, Peace and Love, Lawrence Ferlinghetti'

Gli incontri del romanziere ticinese con l''ultimo esponente della Beat Generation. Era il 1998, gli anni degli studi in California. Ecco come andò...

to-fabio-andina-peace-and-love-lawrence-ferlinghetti
‘All’improvviso, la Beat in persona’

Potremmo scrivere questo articolo senza punteggiatura in omaggio ai due protagonisti ma non siamo Jack Kerouac e se c’è uno che sa fare questo molto bene quello è Fabio Andina. È di Fabio Andina, infatti, che parliamo – riprendendo l’uso di punti e virgole – e dei suoi incontri con Lawrence Ferlinghetti, l’ultimo grande nome della Beat Generation, vivente sino a due giorni fa, in quanto spentosi alla veneranda età di 101 anni nella sua casa di San Francisco. Giusto il tempo di affidare il racconto in prima persona della sua vita a ‘Little Boy’, libro uscito in occasione del suo centesimo compleanno. «Ha fatto una vita pazzesca, compresa la guerra», ci dice Andina da Leontica, «dove fa un caldo boia e due settimane fa faceva un freddo becco. Le stagioni sono strane». Andina lo ha conosciuto bene Lawrence Ferlinghetti, dal cognome bresciano dal padre morto prima che lui nascesse; il Ferlinghetti dall’infanzia trascorsa tra Strasburgo e New York, dalla madre rinchiusa in un manicomio e una zia a farne le veci; il Ferlinghetti arruolato nella Marina degli Stati Uniti d’America durante la Seconda guerra mondiale, poi laureato alla Sorbona, poi tornato a Ovest a vivere la San Francisco della Summer of love e della rivoluzione hippy, a fare il critico letterario e ad aprire la sua casa editrice, la City Lights che pubblicò Kerouac, Ginsberg, Burroughs e O’Hara. Sì, ha fatto una vita pazzesca, «eppure è riuscito a campare cent’anni».

‘All’improvviso, la Beat in persona’

Fabio Andina, che la Beat l’ha applicata anche al racconto di montagna – ‘La pozza del Felice’, è noto, è romanzo on the road con la sola differenza che le road sono quelle della Val di Blenio – ha vissuto in California tre anni per laurearsi in (testuale) “Cinema con l’enfasi in scrittura della sceneggiatura”. «Tutto della mia scrittura e della mia passione per la letteratura è nato con la Beat Generation. Fino al mio arrivo a San Diego, nel marzo del 1995, la mia prima tappa americana, non avevo mai letto un romanzo». Merito, nel primo semestre di studi californiani, di un insegnante che puntava proprio sulla Beat «facendomela amare, come letteratura ma anche come musica, da Jim Morrison a Lennon, da Dylan a Charlie Parker, a pittori come Jackson Pollock, tutto quello che poteva definirsi spontaneità, improvvisazione. Proprio stamattina – aggiunge Fabio – pensavo che personaggi così mostruosamente importanti sono entrati nello stesso ufficio in cui io incontravo Ferlinghetti, un posto polveroso, sommerso da libri. E il solo pensiero, oggi, mi fa accapponare la pelle».

L’incontro con Ferlinghetti, appunto. «Trascorsi il capodanno del 1998 in un motel per camionisti; l’affitto a San Diego scadeva, la scuola a San Francisco sarebbe iniziata di lì a venti giorni, così, dal giorno dopo, mi feci andare bene una stanzaccia di un ostello di Chinatown, a un tiro di schioppo dal City Light Bookstore», libreria poi casa editirice fondata nel 1953 da Ferlinghetti e Peter Martin, ritrovo della Beat Generation. «Mi svegliavo la mattina, scendevo al Vesuvio Cafe – altro luogo di storia Beat – e me ne stavo al City Lights. E alla fine l’ho incontrato». Nel giugno dello scorso anno, Andina aveva affidato alla Neue Zürcher Zeitung (Nzz) il suo ricordo di Lawrence Ferlinghetti per i cent’anni dalla nascita. Attingiamo da lì per dire di quando, il terzo lunedì di gennaio, nel Martin Luther King Jr. Day, nel bel mezzo della lettura, Ferlinghetti scende da una rumorosa scala e “all’improvviso, la Beat in persona – allora 79enne, ndr – mi si siede di fianco”, scrive Andina. Andina che si presenta, e il giorno dopo, al Vesuvio Cafe con Ferlinghetti ci prende un caffè, «o altro che non ricordo»; gli chiede di Jack Kerouac, del suo scrivere a flusso, e Ferlinghetti gli risponde che “basta scrivere quel che detta la mente senza mai fermarsi per rileggere” e che, a questo proposito, la leggenda sul rotolo di carta infilato nella macchina da scrivere per restare seduto a schiacciar tasti il più a lungo possibile non era leggenda, ma verità.

E poi Ferlinghetti che s’interessa agli scritti del ticinese, e il ticinese che gli consegna cento fogli con dentro trecento poesie: «Come voltava le pagine, la mia testa iniziò a girare. Immaginai le persone passate proprio da quell’ufficio. Vidi Jack Kerouac, Allen Ginsberg, William Borroughs e compagnia”. E tutta l’arte varia annessa e connessa. I ricordi sono tanti e includono il non ancora trentenne studente di cinema seduto a un tavolo con lo stesso Ferlinghetti e l’allora 64enne Diane Di Prima, morta lo scorso ottobre.

Prima delle stregonerie

Tornando a oggi. «La posizione del City Lights e del Vesuvio Cafe – ci dice Andina – quei sì e no dieci passi tra porte d’ingresso, quel mondo racchiuso in quei trenta metri quadrati, era una bomba. Da lì transitò parte della storia del mondo. Qualcuno è ancora in vita come Dylan, altri non ci sono più. E tutto è ancora com’era al tempo, edifici spartani, interni con le sedie spaiate, tante fotografie appese ai muri con le foto di tutti. Un museo, più che un caffè, e più che una libreria». A pensarci adesso, «oggi, probabilmente, sarebbe più facile incontrare qualcuno del suo calibro; si potrebbe cercare un indirizzo e-mail e scrivere due righe. Ai tempi dovevi andare alla ricerca della persona fisica, ma senza particolare frenesia: se ci penso, trascorsi i primi 15-16 giorni passando ore e ore a leggere libri al City Lights. Oggi ci si muoverebbe solo previa certezza dell’incontro». In quegli anni «senza Whatsapp, senza stregonerie, incontravo Ferlinghetti quando ci s’incontrava, cioè per caso. Se per caso andavo al Vesuvio e lui c’era, si chiacchierava; se andavo al City Lights e rimanevo una mezza giornata, si chiacchierava. Successe altre volte, anche in giro per la città, ma soprattutto in quei posti. Era bella l’attesa, quel sapere che, se proprio non sarebbe stato oggi, poteva essere domani».

Così termina il ricordo di Andina alla Nzz: “Una sera, alla chiusura, presi dalla dispensa girevole del City Lights una cartolina e gli chiesi di autografarmela. Ritraeva Allen Ginsberg, Peter Orlovsky, Jack Kerouac e William Burroghs in una spiaggia di Tangeri nel 1957. La guardò con occhi melancolici. Kerouac se n’era andato nel’69. Ginsberg e Burroghs erano morti da tre anni. Il solo Peter Orlovsky era, allora, in vita. Pescò dalla tasca dei pantaloni una matita e scrisse una dedica. To Fabio Andina, Peace and Love, Lawrence Ferlinghetti”.

Leggi anche:

'Sei tu, Ticino?': è lui, Andina

Nella pozza con l’Andina, parlando del Felice

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved