ULTIME NOTIZIE Culture
Società
2 ore

Divorzio Kardashian-West: lui sborserà 200mila dollari al mese

Kim e Kanye si erano sposati nel 2014. La crisi è arrivata nel 2020, quando West annunciò la sua candidatura alla presidenza Usa.
Società
14 ore

Chiude il fast food, là dove nacquero i ‘paninari’

Si tratta del McDonald’s di piazza San Babila, culla negli anni Ottanta del fenomeno modaiolo ossessionato da griffe e linguaggio in codice
Scienze
17 ore

Morto Bernard Crettaz, etnologo specializzato in riti mortuari

Anche sociologo, il vallesano insieme alla moglie Yvonne Preiswerk aveva creato i ‘Café mortels’, ritrovi per parlare del fine-vita. Aveva 84 anni
Spettacoli
18 ore

Il Sociale diventa una ‘Funeral Home’ con Giacomo Poretti

Il Teatro di Bellinzona propone la commedia per la sezione ‘Com.x’. Per la rassegna ‘Narrazioni’ salirà sul palco ‘52’ della Compagnia Finzi Pasca
Culture
22 ore

Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel

Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
1 gior

Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’

Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
1 gior

‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano

È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
1 gior

‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour

Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
21.02.2021 - 18:43

Suisseculture: 'Tagli cultura imprevedibili a lungo termine'

'Ancor più ora, col settore fermo per pandemia – si legge in una lettera aperta alla Ssr – si deve investire per un servizio pubblico forte'.

suisseculture-tagli-cultura-imprevedibili-a-lungo-termine
Lettera aperta (Keystone)

“I programmi (culturali) dei canali SSR possono mantenere la loro diversità solo se sono progettati insieme”. È l'incipit della lettera aperta di Suisseculture in merito alle trasformazioni in essere nell'azienda. “Le nuove strategie adottate dalla SSR, oltre ai ripetuti tagli alla produzione culturale – si legge nel comunicato – costituiscono un completo cambio di paradigmi i cui effetti sul settore della cultura a rimangono imprevedibili a lungo tempo”. Da un lato, "il processo di sviluppo di queste strategie manca di trasparenza”; dall'altro, “i rappresentanti delle associazioni culturali, e in particolare Suisseculture, che rappresenta gli attori culturali e le società che gestiscono i relativi diritti d'autore, non sono coinvolti attivamente in questo processo”. Suisseculture vede “grandi opportunità nella digitalizzazione”, ma sostiene che ciò non dovrebbe portare a un declino della qualità e che “è importante coinvolgere attivamente gli attori culturali in questo processo”. Anche in nome della popolazione svizzera, “che finanzia il servizio pubblico radiofonico e televisivo e che contribuisce in larga misura anche al finanziamento di emittenti locali private”, e che ha dunque “il diritto che il mandato culturale sancito dalla Costituzione sia adempiuto e che (...) attori qualificati nel campo della cultura, della formazione e della scienza ne facciano parte”. Per questo motivo, Suisseculture si aspetta in futuro di essere «non solo informata o consultata, ma anche coinvolta nella pianificazione strategica come partner attivo, viste le conoscenze riconosciute e necessarie”.

Oggetto di contestazione è anche «il trasferimento di parti di programma dal servizio pubblico senza pubblicità a piattaforme commerciali private”, che solleva questioni fondamentali, «in particolare nel campo del diritto d'autore», e relativa remunerazione degli attori culturali, oltre al dubbio che “il trasferimento di parti del programma a piattaforme private finanziate dalla pubblicità non sia in contraddizione con la concessione”. In ogni caso, scrive Suisseculture, “le riduzioni dei tempi di trasmissione rappresentano una perdita che si traduce anche in un calo della qualità dei programmi”, una falla nel mantenimento della diversità culturale del Paese.

“È passato ormai un anno da quando il settore della cultura si è praticamente arrestato a causa della pandemia”, chiude Suisseculture, che ritiene “indispensabile ancor più ora, che non si perda nemmeno un franco investito nella produzione culturale, alimentando il diritto d'autore”. Da leggersi come: “È giunto il momento, anche se i budget si stanno restringendo, d'investire in cultura per un servizio pubblico forte, offrendo un programma culturale di qualità per tutte le generazioni”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved