sorellanza-e-storia-nel-tempo-di-silvia-ricci-lempen
Silvia Ricci Lempen (BAK / Julien Chavaillaz)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
11 ore

È morto Monsieur Pigeon, clochard dal grande cuore

Il senzatetto Giuseppe Belvedere, protagonsita del bel documentario di Antonio Prata, è stato trovato senza vita a Parigi
La recensione
13 ore

‘Una famiglia vincente’, Will Smith nel regno di King Richard

Alla ricerca dell’Oscar, imbolsito quel che serve, è il megapapà di Venus e Serena in un film in cui tutti (o quasi) sanno tenere in mano una racchetta
Spettacoli
15 ore

L’Osi, Kowalski e la musica dalla Polonia bigotta

Primo concerto della stagione in Auditorio dell’Orchestra della Svizzera italiana. Alla guida dell’Osi, il Konzertmeister Robert Kowalski
Culture
16 ore

È morto lo stilista italiano Nino Cerruti

Tra i protagonisti della moda del Novecento, negli anni Sessanta arruolò Armani
Musica
2 gior

La versione di Fiorella spiegata a Locarno

Sabato 2 aprile al Palaexpo Fevi, la tappa ticinese del tour di Fiorella Mannoia che prende il nome dal programma Rai.
Spettacoli
2 gior

Santoro SOLOinscena al Foce per ‘Edgar Allan Horror Poe’

Mercoledì 19 gennaio alle 19, con musiche dal vivo di Claudia Klinzing, Emanuele Santoro nel recital dedicato al grande autore statunitense
Culture
2 gior

‘Novecento’ di Baricco è la prima opera letteraria Nft

L’Nft (Non-Fungibile Token) è un certificato che attesta la proprietà e la provenienza di un asset digitale.
Scienze
2 gior

C’è vapore acqueo sul pianeta sosia di Nettuno

La scoperta, che porta la firma del celebre telescopio spaziale Hubble, potrebbe aiutare a ricostruire l’origine di TOI 674b, misterioso mondo alieno
Fumetti
2 gior

Tre milioni e 360mila dollari per una pagina di Spider-Man

Disegnata da Mike Zeck per il numero 8 di “Secret Wars” del 1984, presenta la prima apparizione dell’Uomo Ragno con il costume nero. Aggiudicata a Dallas.
Video
Musica
2 gior

La 97enne discepola di Rachmaninoff incide un album

Ruth Slenczynska fu enfant prodige. A 97 anni diventa una delle artiste più longeve: è in attività da oltre 90 anni.
Spettacoli
2 gior

Le canzoni di Sanremo: tanto amore, tanto ballo e una poesia

Le abbiamo ascoltate a Milano. Su ‘Lettera di là dal mare’ di Massimo Ranieri parte l’applauso; il resto (Morandi, Elisa, Mahmood) dignitosamente segue
Spettacoli
2 gior

Lella Costa al Sociale nel segno di Franca Valeri

Martedì 18 gennaio per la rassegna com.x ‘La vedova Socrate’ scritto dalla grande signora del teatro italiano scomparsa nel 2020
Spettacoli
2 gior

Morto il chitarrista e compositore Angelo Gilardino

Originario di Asigliano in provincia di Vercelli, aveva 80 anni
Spettacoli
2 gior

Grigioni, il lungo addio alla torre rossa di Origen

La struttura continuerà a ospitare eventi culturali fino al 2023. In programma uno spettacolo sull’imperatrice Irene di Bisanzio e il Requiem di Brahms
Scienze
2 gior

Archeologia, luce sulla preistoria dal Tibet

In un sito preistorico nella prefettura di Ngari ritrovati reperti risalenti a 8-10mila anni fa
Pensiero
3 gior

La storia delle pseudoscienze per conoscere la scienza

L’approccio storico è importante per restituire al discorso scientifico quella complessità che da sempre lo ha caratterizzato, scrive Marco Ciardi
Culture
3 gior

Premio urbanistico Wakker alla diversità di Meyrin

Il comune dell’agglomerato ginevrino ha vinto la 51ª edizione del premio assegnato da Patrimonio svizzero
Spettacoli
3 gior

Il 18esimo Steps è ‘un inno al mondo della danza svizzera’

Svelato il programma della 18a edizione del festival di danza del Percento culturale Migros. Tappe ticinesi in maggio al Lac e al Cinema Teatro di Chiasso
Culture
3 gior

Bari: è morta Chiara Samugheo, la fotografa delle dive

Nella sua lunga carriera, immortalò donne famose: da Liz Taylor a Monica Vitti, da Shirley MacLane a Sophia Loren, Claudia Cardinale, Gina Lollobrigida
Spettacoli
3 gior

Cocciante: ‘Non credevano in Notre Dame de Paris e sono 20 anni’

Presentata a Milano l’edizione del 20esimo, con l’autore delle musiche a raccontare la genesi di un’opera da 15 milioni di spettatori. A giugno al Lac
16.01.2021 - 17:250
Aggiornamento : 18:22

Sorellanza e Storia nel tempo di Silvia Ricci Lempen

Intervista con la vincitrice, con il romanzo in italiano e in francese ‘I sogni di Anna’/‘Les rêves d’Anna’, di uno dei Premi svizzeri di letteratura

Il 14 gennaio scorso sono stati annunciati i Premi svizzeri di Letteratura 2021 da parte dell’Ufficio federale di cultura. Tra i laureati, per la parte italofona, la scrittrice Silvia Ricci Lempen è stata scelta per il suo romanzo ‘I sogni di Anna’, uscito da Vita Activa Edizioni nel mese di novembre del 2019.
Nata a Roma nel 1951, Ricci Lempen, dottoressa in filosofia, vive dal 1975 nella Svizzera romanda, e ha scritto diverse opere letterarie e saggi (il primo ‘Un homme tragique’ è stato pubblicato nel 1991 per L’Aire e insignito del Premio Michel-Dentan). Giornalista, Silvia Ricci Lempen si è sempre impegnata – accanto alla sua fervente attività artistica spesso premiata – a favore del femminismo e degli studi di genere. Ciò che incuriosisce maggiormente però della sua biografia è l’assoluta dimestichezza, dichiaratamente fondamentale, nel passare dall’italiano al francese con facilità disarmante. Colpisce in particolare l’aver scritto contemporaneamente la stessa storia – questa premiata – in due lingue diverse. ‘Les rêves d’Anna’ è infatti stato pubblicato anche dalle Editions d’en bas nello stesso anno.

Sono cinque – una sesta è in divenire – le protagoniste di questo splendido romanzo che racconta il secolo scorso in un viaggio a ritroso nel tempo. Cinque ragazze confrontate con il tempo e il luogo in cui vivono, partendo dalla Grecia di Roxani nel 2030 – una storia non ancora scritta ma che sarà – sino alla Roma di Anna nel 1911. Destini alla continua ricerca della felicità, quale essa sia per loro e per l’epoca in cui stanno vivendo.
Ne ‘I sogni di Anna’ assistiamo allo svolgersi e all’intrecciarsi di molti sottili fili. La parola trama, anzi trame, non mi è mai sembrata più appropriata. I fili si sintrecciano, si incastrano, a volte si spezzano, a volte invece sembrano infiniti e noi possiamo scorgerne solo un segmento. Ma la trama che compongono è sempre estremamente viva e realistica.
Abbiamo il privilegio di assistere a dei frammenti, a volte qualche mese, a volte anni, di queste vite, legate tra loro – perché un legame c’è sempre – per un motivo di volta in volta specifico: amicizia, affetto, solidarietà, amore, dolore condiviso.
Luoghi diversi, tra la Svizzera romanda, italiana, la Francia, Roma, personalità e storie differenti in questi lunghi cinque capitoli che con generosità dipingono vite e raccontano la Storia, con estrema attenzione circa l’esattezza degli eventi e una lingua articolata e cesellata e modellata sui contorni di ogni personaggio. C’è qualcosa però che accomuna i destini di Federica (Glasgow, 2012), Sabine (Losanna, 1988), Gabrielle (Niort, 1961), Clara (Ticino e Ginevra, 1928) e Anna (Carpineto e Roma 1911), e ha il nome di sorellanza. Questa è di capitolo in capitolo più forte e testimonia un legame sotteso a tutte le donne che sarà fondamentale per la loro ricerca continua della felicità e la propria affermazione. Una sorellanza intergenerazionale che non è mai però, ne ‘I sogni di Anna’, famigliare, anzi. Ma va detto che non si tratta di un romanzo incentrato unicamente sulle donne: i personaggi che lo compongono sono buoni e cattivi, indipendentemente dal genere. Abbiamo madri crudeli e uomini estremamente buoni, tutti ugualmente indimenticabili.
Alla fine i fili vengono avvolti e la conclusione ci riporta al titolo di questo romanzo che seppur non autobiografico, tanto racconta della sua autrice. Una generosa posftazione intercetta infatti poi i legami tra Silvia Ricci Lempen e le storie che racconta.

La scrittrice chiarisce per noi alcune tra le particolarità dei ‘Sogni di Anna’, iniziando dal spiegarci perché ha scritto lo stesso romanzo contemporaneamente in francese e in italiano… «Le cinque giovani donne sono due italofone e tre francofone e io ho le ho fatte parlare nella loro lingua. Volevo cercare di restituire la loro intimità linguistica, che corrisponde naturalmente anche ai luoghi dove vivono e dove si muovono. Scavare fino in fondo questo mio bilinguismo: sfruttare la mia intimità con due universi che non sono solo linguistici ma anche culturali». 

Nel romanzo di parla di storie di donne Silvia Ricci Lempen, anche di femminismo qua e là…

Il femminismo mi sta molto a cuore, ma allo stesso tempo le mie perosnagge non sono campioni di femminismo, affatto! A parte una, Sabine. Le altre non hanno una coscienza del Movimento. Queste giovani donne si comportano a volte in modo femminista senza aver necessariamente fatto una riflessione politica. È un movimento che viene dall’interno, dalla trasmissione di altre donne,  non necessariamente da una teoria.

Perché il libro ripercorre a ritroso il tempo e la Storia?

In realtà è stata una scelta abbastanza istintiva, ciò che volevo raccontare avrebbe avuto più energia scrivendolo in modo diverso dalla temporalità. Poi naturalmente a cose fatte ho visto molti altri aspetti interessanti di questo andare a ritroso. Il presente è contenuto nel passato e viceversa, un movimento di va e vieni che ho cercato di restituire.

Nel romanzo, scritto in cinque anni e frutto di ricerche storiche approfondite, storia pubblica e privata si fondono continuamente, è così anche nella realtà?

Assolutamente! Questo è un aspetto importante nella mia scrittura. Ho sempre cercato di mettere in realzione storia pubblica e storia privata. Non solo perché penso che queste si influenzino ma anche perché vedo un parallelismo tra la psiche collettiva e quella individuale. Ci sono tanti eventi storici che potrebbero venir spiegati e capiti in profondità se confrontati con il modo in cui viviamo i nostri traumi privati.

Il libro pare un’ode anche alla intergenerazionalità, che però non deve essere sempre famigliare, anzi, le famiglie in generale non ne escono sempre così bene…

Per me è importante dissociare la trasmissione tra una generazione e l’altra dalla trasmissione del ventre. Le donne sono sempre state racchiuse dall’idea della trasmissione biologica, madri carnali. Lasciando invece la trasmissione simbolica agli uomini. Qui invece io cerco di mostrare come questa sia importante anche tra donne. In letteratura se ne parla troppo poco.

Il titolo del suo libro contiene, oltre al nome di una delle protagoniste, anche la parola sogno. Che importanza ha il mondo onirico per Silvia Ricci Lempen?

Ho sempre tenuto in gran conto i miei sogni, me ne sono interessata dal punto di vista psicoanalitico. Nel libro c’è poi il riferimento anche all’inconscio e alla follia. In tutte le storie si ritrova il disegno di un’artista dell’art brut svizzera, Aloïse Corbaz, che rappresenta il personaggio di un sogno. Una donna imponente, una creazione dell’immaginazione dell’artista, che si presenta nelle diverse storie sotto varie forme, tra cui quella onirica.

Per scoprire l’universo de ‘I sogni di Anna’, l’Ufficio federale di cultura metterà a disposizione del pubblico un podcast dedicato a Silvia Ricci Lempen da giovedì 28 gennaio, sulla pagina dedicata ai Premi svizzeri di letteratura. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved