sorellanza-e-storia-nel-tempo-di-silvia-ricci-lempen
Silvia Ricci Lempen (BAK / Julien Chavaillaz)
ULTIME NOTIZIE Culture
Sogno o son Festival
5 ore

A lezione di musica dalla signora Berti

L'anno scorso fu Rita Pavone, quest'anno l'Orietta: ‘E senza i microfoni che t’intonano, perché io sono all’antica’
Sogno o son Festival
16 ore

Il londinese Davide Shorty, ‘Regina’ per diventare re

Si è guadagnato la finale di venerdì tra le Nuove Proposte. Ed è fresco di Premio Lunezia: 'Lusingato, premio battezzato da Fabrizio De André, tra i miei idoli'
Culture
16 ore

Giornate letterarie, gli ospiti del festival di Soletta

La 43ª edizione si terrà, in streaming e forse anche in presenza, dal 14 al 16 maggio. Tra gli ospiti di lingua italiana Alberto Nessi, Fabio Andina, Flavio Stroppini
Spettacoli
17 ore

Premiato il film svizzero ‘La Mif’ di Frédéric Baillif

Al Festival di Berlino la giuria internazionale ha premiato l’opera del regista ginevrino nel concorso “Generation 14plus”
Spettacoli
17 ore

A Berlino sboccia il cult movie 2021

Nella sezione Panorama spunta ‘Le monde après nous’ di Louda Ben Salah-Cazanas. E ancora le opere di George Peter Barbari e Salomé Jashi
Spettacoli
17 ore

Un racconto anarchico e poetico tra teatro e musica

Arianna Scommegna dal Cinema Teatro di Chiasso proporrà in streaming il suo spettacolo dedicato al cantautore Piero Ciampi. Il giorno della finale di Sanremo…
Sogno o son Festival
21 ore

A Sanremo i Beatles avrebbero cantato ‘Yesterday’

E se lo dice Rolando Giambelli dei Beatlesiani d'Italia Associati, qualche certezza l'abbiamo. ‘Ma il Festival deve un premio alla carriera a Peppino Di Capri’
Sogno o son Festival
1 gior

'Vai col lissio!': Sanremo, le pagelle della seconda serata

La ballad con pianoforte non tradisce, comanda Ermal Meta. Era la notte del punk da balera, di Bugo dov'è e di Orietta Berti (chapeau, Orietta)
Sogno o son Festival
1 gior

Sanremo: 'Commedia dell’arte, all’italiana e opera buffa'

Pillole di colta ironia musicale da Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Festival interrogato su altra kermesse
Spettacoli
1 gior

Un mondo violento alla Berlinale

Al festival di Berlino troviamo ‘As I Want’ della palestinese Samaher Alqadi e ‘Azor’ dello svizzero Andreas Fontana
Società
1 gior

Google ferma la vendita di pubblicità su base navigazione web

Alphabet, riporta il Wall Street Journal, non userà più e non investirà più in tecnologie di tracking che identificano utenti che si muovono da un sito all'altro
Spettacoli
1 gior

2 teatri in salotto: sarà online la rassegna di Chiasso e Locarno

Cinque spettacoli in streaming: si inizia sabato 6 marzo con Arianna Scommegna che, il giorno della finale di Sanremo, ricorda il cantautore maledetto Piero Ciampi
Sanremo
1 gior

Sanremo: Måneskin come Anthony Lazlo, accuse di plagio

‘Fuori di testa’ sarebbe uguale a ‘F.D.T.’ È il produttore degli Anthony Lazlo a postare le similarità. Che, a partire dall'acronimo, non sono poche...
Sanremo
1 gior

Sanremo: esordio con dati in calo, ma è boom di giovani

La fascia 14-24 premia il festival coraggioso. Il Covid nel suo staff squalificherebbe Irama, ma l'accordo tra case discografiche potrebbe recuperarlo 'differito'
Sogno o son Festival
2 gior

La nobile arte dell'arrangiarsi (Sanremo, prima serata)

Fatelo voi il Festival senza nessuno in sala. Chapeau a Fiorello, l'improvvisazione jazzistica che fu di Arbore, Vianello e pochi grandi. E Amadeus degna spalla
Sogno o son Festival
2 gior

Sanremo, le pagelle: è tutta 'Musica leggerissima’...

...ma la dobbiamo cantare, lo dice Fossati. E pure Colapesce Dimartino. I Måneskin spaccano, ma in testa c'è Annalisa, poi Noemi e Fasma (Fasma chi?)
Sogno o son Festival
2 gior

Sanremo: Fulminacci, l'amore a Roma, città di mare

In gara con ‘Santa Marinella’, canzone d'amore via terzi. Dal Tenco all'Ariston, il palco quello è. ‘Ma qui la scenografia ti travolge’. Intervista esclusiva
Spettacoli
2 gior

È morto Bunny Wailer, con Marley e Tosh fondò i Wailers

Aveva 73 anni la leggenda giamaicana del reggae. Con lui, dopo Bob Marley e Peter Tosh, scompare l'ultimo della band che portò il reggae sotto i riflettori
Società
2 gior

Philip Johnson razzista espulso dal MoMA

Un’opera collettiva di artisti afroamericani coprirà il nome dell’architetto di cui si sono scoperte le simpatie per le teorie del Terzo Reich
Spettacoli
2 gior

Locarno riflette sulla cultura online con Nicola Lagioia

Lo scrittore, e direttore del Salone del libro di Torino, sarà ospite il 27 marzo di L'immagine e la parola
Culture
16.01.2021 - 17:250
Aggiornamento : 18:22

Sorellanza e Storia nel tempo di Silvia Ricci Lempen

Intervista con la vincitrice, con il romanzo in italiano e in francese ‘I sogni di Anna’/‘Les rêves d’Anna’, di uno dei Premi svizzeri di letteratura

Il 14 gennaio scorso sono stati annunciati i Premi svizzeri di Letteratura 2021 da parte dell’Ufficio federale di cultura. Tra i laureati, per la parte italofona, la scrittrice Silvia Ricci Lempen è stata scelta per il suo romanzo ‘I sogni di Anna’, uscito da Vita Activa Edizioni nel mese di novembre del 2019.
Nata a Roma nel 1951, Ricci Lempen, dottoressa in filosofia, vive dal 1975 nella Svizzera romanda, e ha scritto diverse opere letterarie e saggi (il primo ‘Un homme tragique’ è stato pubblicato nel 1991 per L’Aire e insignito del Premio Michel-Dentan). Giornalista, Silvia Ricci Lempen si è sempre impegnata – accanto alla sua fervente attività artistica spesso premiata – a favore del femminismo e degli studi di genere. Ciò che incuriosisce maggiormente però della sua biografia è l’assoluta dimestichezza, dichiaratamente fondamentale, nel passare dall’italiano al francese con facilità disarmante. Colpisce in particolare l’aver scritto contemporaneamente la stessa storia – questa premiata – in due lingue diverse. ‘Les rêves d’Anna’ è infatti stato pubblicato anche dalle Editions d’en bas nello stesso anno.

Sono cinque – una sesta è in divenire – le protagoniste di questo splendido romanzo che racconta il secolo scorso in un viaggio a ritroso nel tempo. Cinque ragazze confrontate con il tempo e il luogo in cui vivono, partendo dalla Grecia di Roxani nel 2030 – una storia non ancora scritta ma che sarà – sino alla Roma di Anna nel 1911. Destini alla continua ricerca della felicità, quale essa sia per loro e per l’epoca in cui stanno vivendo.
Ne ‘I sogni di Anna’ assistiamo allo svolgersi e all’intrecciarsi di molti sottili fili. La parola trama, anzi trame, non mi è mai sembrata più appropriata. I fili si sintrecciano, si incastrano, a volte si spezzano, a volte invece sembrano infiniti e noi possiamo scorgerne solo un segmento. Ma la trama che compongono è sempre estremamente viva e realistica.
Abbiamo il privilegio di assistere a dei frammenti, a volte qualche mese, a volte anni, di queste vite, legate tra loro – perché un legame c’è sempre – per un motivo di volta in volta specifico: amicizia, affetto, solidarietà, amore, dolore condiviso.
Luoghi diversi, tra la Svizzera romanda, italiana, la Francia, Roma, personalità e storie differenti in questi lunghi cinque capitoli che con generosità dipingono vite e raccontano la Storia, con estrema attenzione circa l’esattezza degli eventi e una lingua articolata e cesellata e modellata sui contorni di ogni personaggio. C’è qualcosa però che accomuna i destini di Federica (Glasgow, 2012), Sabine (Losanna, 1988), Gabrielle (Niort, 1961), Clara (Ticino e Ginevra, 1928) e Anna (Carpineto e Roma 1911), e ha il nome di sorellanza. Questa è di capitolo in capitolo più forte e testimonia un legame sotteso a tutte le donne che sarà fondamentale per la loro ricerca continua della felicità e la propria affermazione. Una sorellanza intergenerazionale che non è mai però, ne ‘I sogni di Anna’, famigliare, anzi. Ma va detto che non si tratta di un romanzo incentrato unicamente sulle donne: i personaggi che lo compongono sono buoni e cattivi, indipendentemente dal genere. Abbiamo madri crudeli e uomini estremamente buoni, tutti ugualmente indimenticabili.
Alla fine i fili vengono avvolti e la conclusione ci riporta al titolo di questo romanzo che seppur non autobiografico, tanto racconta della sua autrice. Una generosa posftazione intercetta infatti poi i legami tra Silvia Ricci Lempen e le storie che racconta.

La scrittrice chiarisce per noi alcune tra le particolarità dei ‘Sogni di Anna’, iniziando dal spiegarci perché ha scritto lo stesso romanzo contemporaneamente in francese e in italiano… «Le cinque giovani donne sono due italofone e tre francofone e io ho le ho fatte parlare nella loro lingua. Volevo cercare di restituire la loro intimità linguistica, che corrisponde naturalmente anche ai luoghi dove vivono e dove si muovono. Scavare fino in fondo questo mio bilinguismo: sfruttare la mia intimità con due universi che non sono solo linguistici ma anche culturali». 

Nel romanzo di parla di storie di donne Silvia Ricci Lempen, anche di femminismo qua e là…

Il femminismo mi sta molto a cuore, ma allo stesso tempo le mie perosnagge non sono campioni di femminismo, affatto! A parte una, Sabine. Le altre non hanno una coscienza del Movimento. Queste giovani donne si comportano a volte in modo femminista senza aver necessariamente fatto una riflessione politica. È un movimento che viene dall’interno, dalla trasmissione di altre donne,  non necessariamente da una teoria.

Perché il libro ripercorre a ritroso il tempo e la Storia?

In realtà è stata una scelta abbastanza istintiva, ciò che volevo raccontare avrebbe avuto più energia scrivendolo in modo diverso dalla temporalità. Poi naturalmente a cose fatte ho visto molti altri aspetti interessanti di questo andare a ritroso. Il presente è contenuto nel passato e viceversa, un movimento di va e vieni che ho cercato di restituire.

Nel romanzo, scritto in cinque anni e frutto di ricerche storiche approfondite, storia pubblica e privata si fondono continuamente, è così anche nella realtà?

Assolutamente! Questo è un aspetto importante nella mia scrittura. Ho sempre cercato di mettere in realzione storia pubblica e storia privata. Non solo perché penso che queste si influenzino ma anche perché vedo un parallelismo tra la psiche collettiva e quella individuale. Ci sono tanti eventi storici che potrebbero venir spiegati e capiti in profondità se confrontati con il modo in cui viviamo i nostri traumi privati.

Il libro pare un’ode anche alla intergenerazionalità, che però non deve essere sempre famigliare, anzi, le famiglie in generale non ne escono sempre così bene…

Per me è importante dissociare la trasmissione tra una generazione e l’altra dalla trasmissione del ventre. Le donne sono sempre state racchiuse dall’idea della trasmissione biologica, madri carnali. Lasciando invece la trasmissione simbolica agli uomini. Qui invece io cerco di mostrare come questa sia importante anche tra donne. In letteratura se ne parla troppo poco.

Il titolo del suo libro contiene, oltre al nome di una delle protagoniste, anche la parola sogno. Che importanza ha il mondo onirico per Silvia Ricci Lempen?

Ho sempre tenuto in gran conto i miei sogni, me ne sono interessata dal punto di vista psicoanalitico. Nel libro c’è poi il riferimento anche all’inconscio e alla follia. In tutte le storie si ritrova il disegno di un’artista dell’art brut svizzera, Aloïse Corbaz, che rappresenta il personaggio di un sogno. Una donna imponente, una creazione dell’immaginazione dell’artista, che si presenta nelle diverse storie sotto varie forme, tra cui quella onirica.

Per scoprire l’universo de ‘I sogni di Anna’, l’Ufficio federale di cultura metterà a disposizione del pubblico un podcast dedicato a Silvia Ricci Lempen da giovedì 28 gennaio, sulla pagina dedicata ai Premi svizzeri di letteratura. 

© Regiopress, All rights reserved