laRegione
rsi-il-progetto-lyra-va-avanti-con-le-linee-editoriali
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Culture
Covid e Cultura
47 min

Arti sceniche, il Consiglio di Stato risponde al Comitato

E la Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale scrive al Consiglio federale: ‘Sostegno immediato e poco burocratico'
Spettacoli
58 min

Soletta, cinque confuse storie sul cervello

In corsa per il Prix de Soleure, abbiamo visto il documentario di Jean-Stéphane Bron sull’intelligenza artificiale
Spettacoli
3 ore

Castellinaria, Cristiana Giaccardi è la nuova direttrice operativa

Giaccardi, già responsabile della programmazione del Festival del cinema giovane di Bellinzona, affiancherà il direttore artistico Giancarlo Zappoli
Culture
6 ore

Plantu, storico disegnatore, lascia Le Monde

Dopo cinquant'anni di collaborazione in prima pagina. Il caso della vignetta sull'incesto del collega Gorce 'non c'entra'
Spettacoli
9 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
1 gior

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
1 gior

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
2 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
2 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
2 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Culture
14.01.2021 - 18:510
Aggiornamento : 20:40

Rsi, il progetto Lyra va avanti. Con le linee editoriali

Prosegue la revisione dell'offerta audio su cui comunque deciderà il nuovo direttore. Sparisce il rapporto 90/10 tra musica e parlato di Rete Due

Il progetto Lyra di revisione dell’offerta audio prosegue, nonostante la richiesta del Comitato del Consiglio regionale della Corsi di sospendere questo e altri progetti strategici in attesa dell'entrata in servizio del nuovo direttore della Rsi Mario Timbal. Si tratta infatti di “un lavoro preparatorio, che la nuova direzione valuterà, proseguirà e condividerà prima di prendere una decisione” ha spiegato il direttore uscente Maurizio Canetta che, insieme al direttore generale Ssr Gilles Marchand, ha incontrato il comitato della Corsi per spiegare l'avanzamento dei lavori, garantendo alla Corsi la possibilità di esprimersi per le parti di sua competenza, ovvero l’elaborazione dei concetti di programma.

Il progetto Lyra prosegue ed entra in una nuova fase: le linee editoriali delle tre reti radiofoniche. “Esse definiscono in linea di principio gli obiettivi di ogni rete, le tipologie di contenuti parlati e la colonna sonora proposti” si legge in un comunicato stampa. Un documento di lavoro che sarà oggetto di una discussione interna con tutte le collaboratrici e tutti i collaboratori Rsi che vi vorranno partecipare.

Nel comunicat si fa anche riferimento a uno degli aspetti più dolenti del progetto, la forte riduzione del parlato a favore della musica, con un rapporto di 10% parlato e 90% musica (in pratica sei minuti ogni ora). “Tali percentuali erano state indicate in termini generali al gruppo di progetto, ma non compaiono all’interno del rapporto del gruppo di lavoro presentato e discusso con il Comitato direttivo e il Comitato dei programmi e presentato oggi all’incontro con tutte le collaboratrici e i collaboratori” si legge nel comunicato.

Di seguito le linee editoriali come presentate:

Rete Uno rappresenta il Paese nella sua complessità e ne racconta l’evoluzione; contribuisce alla comprensione dei nostri tempi e dei loro fenomeni; sa collegare storia e tradizione con la modernità. Rete Uno è il Paese. Informazione, cultura, approfondimenti, sport. Temi di società, vita quotidiana, territorio, dibattiti. Cultura divulgativa, di prossimità e cultura popolare. La musica non è la protagonista di Rete Uno, ma un suo elemento importante: “pop” in senso tradizionale e moderno, successi e classici di ogni tempo con una leggera prevalenza di brani in lingua italiana.

Rete Due accompagna un pubblico interessato e curioso nella sua ricerca di significato e profondità. Valorizza la creazione e l’attualità culturale e promuove un’idea moderna e aperta di cultura. Rifugge la convenzionalità e il conformismo; ha un ritmo proprio riconoscibile; è posata e seria; propone un’esperienza di ascolto significativa e fuori dal comune; cura il dettaglio, la parola, le scelte musicali, che sono preponderanti. Si occupa di cultura in spazi ben definiti; offre sonorità originali e autoriali presentate con grande competenza: dalla classica (in senso lato) al jazz, con uno sguardo attento all’etnologia musicale e pronta ad accogliere le produzioni del territorio e nazionali.

Rete Tre parla a un Paese in movimento, attivo, attento. Diverte, intrattiene e stimola, andando oltre l’ovvio. Dal costume alla tecnologia alle tendenze, dà spazio anche allo sport in forma di racconto. Comicità e satira sono strumenti che aiutano a interpretare la realtà e ad esorcizzarne gli aspetti più sconcertanti e difficili. Le scelte musicali sono curate: comprendono una buona panoramica sulla musica in lingua italiana e riservano un occhio di riguardo ai protagonisti emergenti della scena musicale svizzera e svizzero italiana.

© Regiopress, All rights reserved