laRegione
lorena-dozio-audiodanza-immateriale-una-prima-online
‘Audiodanza (Immateriale)’, quattro episodi gratuiti. Questa sera alle 20, poi il 26 gennaio e il 9 e 23 febbraio, su www.luganolac.ch.
ULTIME NOTIZIE Culture
Rsi
3 ore

Molestie: il sindacato parla a Le Temps, la Rsi 'deplora'

Maria Chiara Fornari, giornalista Rsi, dallo scorso 9 dicembre alla testa della sezione ticinese del Sindacato Svizzero dei Media: 'Donne umiliate e screditate'
Spettacoli
4 ore

Addio a Roberto Brivio, con Nanni Svampa membro dei Gufi

Il ricordo di Cochi Ponzoni, Flavio Oreglio, Enrico Beruschi e molti altri, orfani di ‘un vero pilastro del cabaret italiano da lui fondato’.
Musica
5 ore

Tra Londra e il Ticino, Leti torna con 'Oltre’

A Eurosong 2012 era Laetitia (‘The Big Picture’). Ora un nuovo singolo con videoclip annesso, un viaggio ‘verso me stessa’.
Culture
5 ore

Addio a Jean Graton, papà di Michel Vaillant

Il creatore dell'intrepido pilota è morto a Bruxelles all'età di 97 anni. La lunga storia a fumetti era iniziata nel 1957 sulla rivista Tintin
Covid e Cultura
7 ore

Arti sceniche, il Consiglio di Stato risponde al Comitato

E la Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale scrive al Consiglio federale: ‘Sostegno immediato e poco burocratico'
Spettacoli
7 ore

Soletta, cinque confuse storie sul cervello

In corsa per il Prix de Soleure, abbiamo visto il documentario di Jean-Stéphane Bron sull’intelligenza artificiale
Spettacoli
9 ore

Castellinaria, Cristiana Giaccardi è la nuova direttrice operativa

Giaccardi, già responsabile della programmazione del Festival del cinema giovane di Bellinzona, affiancherà il direttore artistico Giancarlo Zappoli
Culture
12 ore

Plantu, storico disegnatore, lascia Le Monde

Dopo cinquant'anni di collaborazione in prima pagina. Il caso della vignetta sull'incesto del collega Gorce 'non c'entra'
Spettacoli
15 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
1 gior

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
1 gior

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
2 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
2 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
2 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
2 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
3 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
3 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
3 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Culture
11.01.2021 - 18:390
Aggiornamento : 19:05

Lorena Dozio, ‘Audiodanza (Immateriale)’, una prima online

In contemporanea dal Lac di Lugano e da Ginevra e Parigi, il nuovo progetto della performer ticinese. Quattro episodi: si comincia martedì 12 gennaio alle 20.

Quattro episodi ‘immateriali’ presentati tra il mese di gennaio e febbraio in tre città virtuali, Lugano, Ginevra e Parigi, rappresentate rispettivamente dal Lac Lugano Arte e Cultura, dall’Association pour la danse contemporaine e dal Centre culturel suisse. Immateriali perché, forzatamente, si tratta dei siti web delle tre realtà culturali dentro e fuori il confine svizzero; immateriali da ‘Audiodanza (Immateriale)’, il nuovo progetto della performer ticinese Lorena Dozio, che si divide tra Lugano e Parigi e con questo lavoro suggerisce un inedito approccio al movimento e alla danza, un interrogarsi sull’immaterialità della stessa e sulla fisicità del suono.

Realizzato in collaborazione con il danzatore Kerem Gelebek e con suoni e musiche di Kerwin Rolland, ‘Audiodanza (Immateriale)’ è un’anteprima assoluta e fa seguito al debutto di ‘Rame’, presentato lo scorso settembre all’interno del FIT Festival Internazionale di Teatro. Il primo appuntamento è per questa sera alle 20 su www.luganolac.ch, in perfetta sincronia mitteleuropea.

Lorena Dozio, pare un’immaterialità inevitabile data dalle circostanze storiche e invece il suo nuovo lavoro non è figlio del lockdown…

In effetti ho iniziato a pensarlo a inizio anno come seguito del progetto precedente, ‘Danze invisibili’, un progetto di mediazione creato al Lac all’interno di LacEdu, nel quale avevo ideato un’installazione che permetteva di ascoltare, descritte, danze di spettacoli realizzati tra il XX e il XXI secolo. In quell’occasione mi ero interessata a come lo spettatore potesse diventare partecipante, potendo visualizzare egli stesso danze che sono semplicemente audiodescritte, a partire da spettacoli già esistenti. Ho trovato in questo rapporto tra la danza descritta e la danza visualizzata un grande potenziale e ho voluto continuare su questa strada, ma pensando a una forma che fosse più di creazione e meno di mediazione, dunque non utilizzando spettacoli già fatti, ma creandone di nuovi.

Cosa che ci porta ad ‘Audiodanza (Immateriale)’...

Sì. In questo progetto sviluppiamo diversi tipi di relazione tra la danza descritta e quella danzata (sia vista che ascoltata) pensati per il palco, per uno spettacolo dal vivo. Una volta arrivato il confinamento, mentre scrivevo, mi sono resa conto della parte sonora. Pensando al fatto che mi era stato chiesto di diffondere quella di ‘Danza invisibili’ sui siti dei teatri, mi sono detta che c’era una parte che poteva essere sviluppata su di un lato più immateriale, sonoro e anche visivo. Ho quindi risposto al concorso di Pro Helvetia, ‘Close distance’, indetto proprio per inventare nuovi sistemi di creazione e diffusione della danza. Ho pensato di realizzare il mio progetto in due momenti, il primo dei quali è appunto ‘Audiodanza (Immateriale)’, che si sviluppa su quattro episodi pubblicati sui siti dei teatri e poi una versione per il palco, una ricreazione comunque legata all’interrogarsi tra quello che pensiamo e quello che vediamo, lo scarto tra la visione e l’ascolto creatore di senso, immaginazione, associazioni da parte dell’uditore o dello spettatore.

Quattro episodi, due in forma audio e altri due in forma video, ognuno a sviluppare un differente punto di vista, dalla descrizione alla composizione coreografica e sonora. Possiamo entrare nei dettagli?

Certamente. Il primo episodio, video (‘Une ligne de bras croisées torune rapide dans la pénombre’, ndr) è basato su uno spettacolo esistente intitolato ‘D’après une histoire vraie’ di Christian Rizzo, uno spettacolo corale con otto danzatori, che includono Kerem Gelebek. Ciò che voglio rilevare in questo episodio è il suo danzare da solo mentre audiodescriviamo tutto gli otto danzatori, potendoli immaginare, anche se a tutti gli effetti sono nulla di più che esseri immaginari, invisibili, quasi fantasmi, cosa che risponde al mio lavoro sul concetto di come rendere visibile l’invisibile, come possiamo fare apparire della invisibilità attraverso il suono e la danza. Per il secondo episodio, audio (‘Comme s’ils étaient ralenti dans la descente’, ndr), l’idea di partenza era quella di lavorare sull’invenzione di una pièce immaginaria tramite la quale, a poco a poco, utilizzare il potere della parola per portare i corpi a fare cose che normalmente non possono fare, soprattutto astrarsi dalla realtà. Vedremo corpi che rimangono sospesi, spazi che si moltiplicano, vedremo come ancorare una danza sul palco per poi aprire lo spazio e aumentare le potenzialità immaginarie del corpo. La creazione sonora per questo episodio è affidata a Kerwin Rolland.

Il terzo episodio è video e s’intitola ‘Avant c’était bien, je m’amusais’. Mi lasci dire che ha un che di profetico. ’Una volta era bello, mi divertivo’…

In un certo senso sì, in questo momento può risuonare attuale, anche se non era voluto. In questo episodio abbiamo posto un altro punto di vistra tra il testo e la danza ed è un interrogarsi su cosa accade quando si danza, sul danzatore, i suoi limiti e fino a che punto può andare il corpo. La parola non è centrale, è interrogativa, concettuale. Siamo partiti da un film che si chiama ‘Control’ e da un gruppo musicale (Joy Division, ndr) nel quale il cantante ha una particolare movenza interpretativa. Ci siamo ispirati da questa sua danza anche per interrogare il rapporto tra musica e danza. Per concludere, nel quarto episodio, ‘Je regarde l’espace comme si j’étais dans le public’, volevamo analizzare come la parola potesse venire da parte del danzatore, cosa succede nella sua testa quando il danzatore si esibisce, cosa pensa, cosa guarda, su cosa si concentra, dunque descrivere uno spettacolo in soggettiva. Per questo siamo partiti dal bagaglio d’esperienza di Kerem Gelebek, una narrazione inevitabilmente autobiografica ma anche rielaborata. Kerwin Rolland ha creato musica nuova appositamente per questo episodio. La narrazione sarà con la voce di Kerem Gelebek per la versione francese e per la versione italiana, che sarà diffusa sul sito del Lac, sarà con la mia voce.

Anche ‘Io guardo lo spazio come se mi trovassi tra il pubblico’ ha qualcosa di anticipatore. Nessuno di noi può ancora essere pubblico, nessuno di voi artisti può viverlo, il pubblico. Inevitabile, alla luce delle restrizioni che sono ulteriormente prolungate, chiederle come vive il momento...

È un periodo pesante, difficile, questa ulteriore fase lo rende ulteriormente faticoso, per tante ragioni, per noi e per tutti. Quello che cerchiamo di fare è trovare altri modi di creare, e uno spazio anche interessante c’è. Per fortuna che questo progetto esiste, per fortuna che in questo periodo mi sono interessata al suono, all’audio, alla descrizione di danze e non solo di lavoro sul palco, altrimenti sarebbe stato ancor più difficile. Certamente, al di là di coltivare l’inventiva, speriamo di ritornare tutti a modi di fruizione collettiva di cui tutti abbiamo bisogno. Noi e, allo stesso modo, il pubblico.

© Regiopress, All rights reserved