ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
59 min

Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®

Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica.
Culture
10 ore

Manipolazione psicologica è la parola più diffusa nel 2022

Il termine inglese è gaslighting e si rifà a una pièce teatrale del 1938, dalla quale sono stati tratti due celebri film
Arte
11 ore

È record di vendita per la regina Elisabetta II in blu di Warhol

La serigrafia della defunta monarca è stata battuta all’asta a Toronto per 853mila dollari
Scienze
11 ore

Risuscitati virus zombie rimasti per millenni nel permafrost

Il cambiamento climatico agisce anche sul terreno tipico delle regioni fredde: il più antico agente patogeno risale a 50mila anni fa ed è tuttora infetto
Culture
11 ore

Laurea non più essenziale per posizioni da top manager

Per diverse grandi aziende come Google o Ibm i criteri principali per le assunzioni diventano ora esperienza e capacità
Musica
12 ore

L’Osi ‘Back to school’ tra gli studenti della Commercio

Nella Biblioteca cantonale di Bellinzona il secondo pomeriggio-concerto per avvicinare i giovani alla classica
Musica
12 ore

Lettere d’amore vendute all’asta, firmato Robert Zimmermann

Oltre quaranta messaggi sono stati battuti per 670mila dollari. Bob Dylan, intanto, si scusa per le firme apposte da una macchina sul suo recente libro
Scienze
13 ore

La Grande barriera corallina continua a degradarsi

Canberra chiamata a ‘fare di più’ dopo aver messo in campo sforzi ‘senza precedenti’ come evidenziato dall’Unesco
Arte
14 ore

L’opera di Alberto Giacometti trova una nuova casa a Parigi

Il Musée & École custodirà la più grande collezione al mondo, aprirà nel 2026 e sorgerà nell’edificio di Air France, situato nell’Esplanade des Invalides
Classica
14 ore

Beethoven, Mozart, Franck e Schubert con il flauto di Pahud

Il concerto del flautista Emmanuel Pahud accompagnato al pianoforte da Alexander Melnikov si svolgerà lunedì 5 dicembre, alle 20.30, al Lac di Lugano
Culture
15 ore

‘La nave dei folli’ di Brant è tornata a Friburgo

L’incunabolo di fine Quattrocento sottratto ai frati cappuccini dagli Stati Uniti è tornato alla Biblioteca universitaria cantonale, grazie all’Ambasciata
Cinema
17 ore

Castellinaria porta ‘Europa’ al PalaCinema di Locarno

Il quarto appuntamento della rassegna ‘10 Film Festival @ PalaCinema’ ospita il Festival del cinema giovane, giovedì 1° dicembre, alle 18
La recensione
17 ore

Vivian, Edward e Pretty Bryan

Doppio sold out al Lac per l’ottimo ‘Pretty Woman - Il musical’, due ore di buon umore con musiche di Bryan Adams (ti piace vincere facile)
Culture
18 ore

Il settore culturale ha sofferto il Covid, nonostante gli aiuti

I dati pubblicati dall’Ufficio di statistica rilevano come nel 2020 siano diminuiti impieghi e imprese attivi nell’ambito nella Svizzera tedesca e romanda
Conferenza
18 ore

Incontro su tabù e lo stigma per le vittime di violenza sessuale

La Biblioteca cantonale di Bellinzona ospita la serata con ospiti Valentina Mira e Angela Andolfo Filippini, venerdì 2 dicembre, alle 18
Culture
21 ore

Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona

Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
Castellinaria
1 gior

Per tutte le Anna Frank del mondo

Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
Culture
1 gior

Scienza, violenza, arpa elettrica, Ayo: al via il dicembre Lac

Primo atto il primo dicembre, con ‘Feeling Science’, fusione tra teatro e scienza
Sanremo
1 gior

Ecco gli ultimi quattro nomi, ora Sanremo Giovani è al completo

Amadeus ha annunciato i cantanti provenienti da Area Sanremo che si aggiungono agli otto finalisti: Colla Zio, Fiat 131, Noor, Romeo & Drill
La recensione
1 gior

Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi

Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
laR
 
11.01.2021 - 18:39
Aggiornamento: 19:05

Lorena Dozio, ‘Audiodanza (Immateriale)’, una prima online

In contemporanea dal Lac di Lugano e da Ginevra e Parigi, il nuovo progetto della performer ticinese. Quattro episodi: si comincia martedì 12 gennaio alle 20.

lorena-dozio-audiodanza-immateriale-una-prima-online
‘Audiodanza (Immateriale)’, quattro episodi gratuiti. Questa sera alle 20, poi il 26 gennaio e il 9 e 23 febbraio, su www.luganolac.ch.

Quattro episodi ‘immateriali’ presentati tra il mese di gennaio e febbraio in tre città virtuali, Lugano, Ginevra e Parigi, rappresentate rispettivamente dal Lac Lugano Arte e Cultura, dall’Association pour la danse contemporaine e dal Centre culturel suisse. Immateriali perché, forzatamente, si tratta dei siti web delle tre realtà culturali dentro e fuori il confine svizzero; immateriali da ‘Audiodanza (Immateriale)’, il nuovo progetto della performer ticinese Lorena Dozio, che si divide tra Lugano e Parigi e con questo lavoro suggerisce un inedito approccio al movimento e alla danza, un interrogarsi sull’immaterialità della stessa e sulla fisicità del suono.

Realizzato in collaborazione con il danzatore Kerem Gelebek e con suoni e musiche di Kerwin Rolland, ‘Audiodanza (Immateriale)’ è un’anteprima assoluta e fa seguito al debutto di ‘Rame’, presentato lo scorso settembre all’interno del FIT Festival Internazionale di Teatro. Il primo appuntamento è per questa sera alle 20 su www.luganolac.ch, in perfetta sincronia mitteleuropea.

Lorena Dozio, pare un’immaterialità inevitabile data dalle circostanze storiche e invece il suo nuovo lavoro non è figlio del lockdown…

In effetti ho iniziato a pensarlo a inizio anno come seguito del progetto precedente, ‘Danze invisibili’, un progetto di mediazione creato al Lac all’interno di LacEdu, nel quale avevo ideato un’installazione che permetteva di ascoltare, descritte, danze di spettacoli realizzati tra il XX e il XXI secolo. In quell’occasione mi ero interessata a come lo spettatore potesse diventare partecipante, potendo visualizzare egli stesso danze che sono semplicemente audiodescritte, a partire da spettacoli già esistenti. Ho trovato in questo rapporto tra la danza descritta e la danza visualizzata un grande potenziale e ho voluto continuare su questa strada, ma pensando a una forma che fosse più di creazione e meno di mediazione, dunque non utilizzando spettacoli già fatti, ma creandone di nuovi.

Cosa che ci porta ad ‘Audiodanza (Immateriale)’...

Sì. In questo progetto sviluppiamo diversi tipi di relazione tra la danza descritta e quella danzata (sia vista che ascoltata) pensati per il palco, per uno spettacolo dal vivo. Una volta arrivato il confinamento, mentre scrivevo, mi sono resa conto della parte sonora. Pensando al fatto che mi era stato chiesto di diffondere quella di ‘Danza invisibili’ sui siti dei teatri, mi sono detta che c’era una parte che poteva essere sviluppata su di un lato più immateriale, sonoro e anche visivo. Ho quindi risposto al concorso di Pro Helvetia, ‘Close distance’, indetto proprio per inventare nuovi sistemi di creazione e diffusione della danza. Ho pensato di realizzare il mio progetto in due momenti, il primo dei quali è appunto ‘Audiodanza (Immateriale)’, che si sviluppa su quattro episodi pubblicati sui siti dei teatri e poi una versione per il palco, una ricreazione comunque legata all’interrogarsi tra quello che pensiamo e quello che vediamo, lo scarto tra la visione e l’ascolto creatore di senso, immaginazione, associazioni da parte dell’uditore o dello spettatore.

Quattro episodi, due in forma audio e altri due in forma video, ognuno a sviluppare un differente punto di vista, dalla descrizione alla composizione coreografica e sonora. Possiamo entrare nei dettagli?

Certamente. Il primo episodio, video (‘Une ligne de bras croisées torune rapide dans la pénombre’, ndr) è basato su uno spettacolo esistente intitolato ‘D’après une histoire vraie’ di Christian Rizzo, uno spettacolo corale con otto danzatori, che includono Kerem Gelebek. Ciò che voglio rilevare in questo episodio è il suo danzare da solo mentre audiodescriviamo tutto gli otto danzatori, potendoli immaginare, anche se a tutti gli effetti sono nulla di più che esseri immaginari, invisibili, quasi fantasmi, cosa che risponde al mio lavoro sul concetto di come rendere visibile l’invisibile, come possiamo fare apparire della invisibilità attraverso il suono e la danza. Per il secondo episodio, audio (‘Comme s’ils étaient ralenti dans la descente’, ndr), l’idea di partenza era quella di lavorare sull’invenzione di una pièce immaginaria tramite la quale, a poco a poco, utilizzare il potere della parola per portare i corpi a fare cose che normalmente non possono fare, soprattutto astrarsi dalla realtà. Vedremo corpi che rimangono sospesi, spazi che si moltiplicano, vedremo come ancorare una danza sul palco per poi aprire lo spazio e aumentare le potenzialità immaginarie del corpo. La creazione sonora per questo episodio è affidata a Kerwin Rolland.

Il terzo episodio è video e s’intitola ‘Avant c’était bien, je m’amusais’. Mi lasci dire che ha un che di profetico. ’Una volta era bello, mi divertivo’…

In un certo senso sì, in questo momento può risuonare attuale, anche se non era voluto. In questo episodio abbiamo posto un altro punto di vistra tra il testo e la danza ed è un interrogarsi su cosa accade quando si danza, sul danzatore, i suoi limiti e fino a che punto può andare il corpo. La parola non è centrale, è interrogativa, concettuale. Siamo partiti da un film che si chiama ‘Control’ e da un gruppo musicale (Joy Division, ndr) nel quale il cantante ha una particolare movenza interpretativa. Ci siamo ispirati da questa sua danza anche per interrogare il rapporto tra musica e danza. Per concludere, nel quarto episodio, ‘Je regarde l’espace comme si j’étais dans le public’, volevamo analizzare come la parola potesse venire da parte del danzatore, cosa succede nella sua testa quando il danzatore si esibisce, cosa pensa, cosa guarda, su cosa si concentra, dunque descrivere uno spettacolo in soggettiva. Per questo siamo partiti dal bagaglio d’esperienza di Kerem Gelebek, una narrazione inevitabilmente autobiografica ma anche rielaborata. Kerwin Rolland ha creato musica nuova appositamente per questo episodio. La narrazione sarà con la voce di Kerem Gelebek per la versione francese e per la versione italiana, che sarà diffusa sul sito del Lac, sarà con la mia voce.

Anche ‘Io guardo lo spazio come se mi trovassi tra il pubblico’ ha qualcosa di anticipatore. Nessuno di noi può ancora essere pubblico, nessuno di voi artisti può viverlo, il pubblico. Inevitabile, alla luce delle restrizioni che sono ulteriormente prolungate, chiederle come vive il momento...

È un periodo pesante, difficile, questa ulteriore fase lo rende ulteriormente faticoso, per tante ragioni, per noi e per tutti. Quello che cerchiamo di fare è trovare altri modi di creare, e uno spazio anche interessante c’è. Per fortuna che questo progetto esiste, per fortuna che in questo periodo mi sono interessata al suono, all’audio, alla descrizione di danze e non solo di lavoro sul palco, altrimenti sarebbe stato ancor più difficile. Certamente, al di là di coltivare l’inventiva, speriamo di ritornare tutti a modi di fruizione collettiva di cui tutti abbiamo bisogno. Noi e, allo stesso modo, il pubblico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved