accade-sempre-prima-a-hollywood-hill
Ora è più chiaro?
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
4 ore

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
13 ore

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Musica
14 ore

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
14 ore

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
Spettacoli
15 ore

Osi in Auditorio con il controtenore Bejun Mehta

Giovedì 27 gennaio per la serie ‘Play&Conduct’ appuntamento con il cantante statunitense di origine indiana e le arie di Händel
Società
16 ore

Scoperte due pericolose falle nell’app Zoom

Già adottati i provvedimenti del caso. Ma non è escluso che qualcuno non sia già riuscito a sfruttare le vulnerabilità
Spettacoli
17 ore

‘Il suono della bellezza’, Eurovision Torino è un po’ svizzero

Il tema dell’evento si richiama agli esperimenti scientifici sulle onde sonore dello scienziato e filosofo svizzero Hans Jenny
Spettacoli
17 ore

Giornate di Soletta, in attesa dei premi

Ultimi giorni del festival del cinema svizzero. Abbiamo visto il documentario del ticinese Tommaso Donati e ‘Une histoire provisoire’ di Romed Wyder
Spettacoli
18 ore

Tv, è morto lo studioso e autore Paolo Taggi

Da ‘Domenica In’ e il ‘Gioco del mondo’ a importanti lavori teorici sulla televisione. Il ricordo di Domenico Lucchini, direttore del Cisa
Musica
1 gior

Swiss Diagonales Jazz continua a Biasca e Olivone

MusiBiasca annuncia: sabato 29 gennaio, la Casa Cavalier Pellanda recupera Sauter&Schläppi e presenta Sc’ööf; domenica 30 all’Osteria Centrale, Tie Drei
Società
1 gior

Morto lo stilista Thierry Mugler

Autore, fra l’altro, dei corsetti di Madonna e degli abiti di Sharon Stone, è morto all’età di 73 anni per cause naturali
Cinema
1 gior

L’Africa delle donne arriva a Soletta

Tutti in piedi per ‘L’Afrique de femmes’, nove ritratti di donne di altrettanti Paesi africani. Incontro con il regista, Mohammed Soudani
Musica
1 gior

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta
La recensione
1 gior

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante
Culture
1 gior

‘Sulle vittime dell’Olocausto non si specula’

La fondazione si dice ‘profondamente delusa’ per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta riguardo al delatore che tradì la famiglia della ragazza
Cinema
2 gior

‘3/19’ di Silvio Soldini, al Lux l’anteprima col regista

Il film con Kasia Smutniak esce in Ticino il 27 gennaio. Anteprima aperta al pubblico martedì 25 gennaio alle 20 a Massagno
Spettacoli
2 gior

Christoph Marthaler, ‘Aucune idée’ al Lac

Martedì 25 e mercoledì 26 gennaio, il geniale regista zurighese torna a Lugano con il suo lavoro più recente
Culture
2 gior

Baricco dall‘ospedale: ’Ho la leucemia, farò il trapianto’

A darne l’annuncio lo stesso scrittore su social, la diagnosi 5 mesi fa
Arte
3 gior

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Innocenti evasioni
 
09.01.2021 - 06:000

Accade sempre prima a Hollywood (Hill)

Senza scomodare Jules Verne, da Hill Valley a Washington il cinema ci ha visto lungo. Nel bene e anche nel male (visioni, preveggenze, prese di posizione).

Conoscete la storia di Biff Tannen? Nel 1985 diventò uno degli uomini più ricchi d’America azzeccando una serie spaventosa di vincite al gioco, scommettendo cifre sempre più grosse sui principali avvenimenti sportivi della nazione. E prendendoci sempre. Lo smisurato quantitativo di denaro accumulato grazie al gioco d’azzardo gli consentì, da modesto tuttofare qual’era in origine, di trasformare la sua città natale in una specie di Las Vegas poco elegante (e già Las Vegas è poco elegante di suo), retta da un'unica legge: la legalità del gioco d’azzardo. Fu così che la città natale di Tannen venne soprannominata ‘La capitale del vizio’, controllata dallo stesso Tannen dall’attico della sua Tannen Tower (che in verità si chiamava ‘Pleasure Paradise’, ma per questioni di opportunismo giornalistico la chiameremo così). La Tannen Tower, è importante saperlo, fu costruita dopo avere raso al suolo il tribunale cittadino perché, in effetti, a che serve un tribunale cittadino se in città comanda una persona sola?.

Preveggenze

Biff Tannen non era nato ricco come Donald Trump ma, senza mandare in bancarotta catene di hotel, aveva fatto altrettanto grazie a un più moderato escamotage, rispettoso delle minoranze etniche, della dignità femminile e del movimento LGBT: per motivi spazio-temporali che non staremo qui a spiegare per intero, Biff venne in possesso (da sé stesso, si sorvoli anche su questo aspetto) di un almanacco sportivo riportante tutti i risultati delle competizioni svoltesi tra il lontano 1950 e l’anno Duemila, cioè quindici anni dopo (si aprirebbe qui un discorso prettamente scientifico sul 1985 alternativo creato involontariamente da Biff Tannen, ma le questioni scientifiche su questo giornale le segue Ivo Silvestro). Per la cronaca, quella città messa a ferro e fuoco da orde d’impresentabili che si scannavano ai piedi dell’hotel-casinò di Tannen si chiamava Hill Valley (se la si cerca su Google Map è impossibile da trovare. E non è un complotto della Cia). Tutto questo per dire che le scene di Washington di qualche giorno fa – che si parli di Capitol o di Valley, sempre di Hill si tratta – hanno un ulteriore e questa volta definitivo corrispettivo nella cinematografia leggera. Perché nel novembre del 2016, mentre Donald Trump, davanti al mondo incredulo, ringraziava i sudditi dal palco dell’Hilton Midtown Hotel di New York dopo avere screditato la categoria dei sondaggisti nello stesso modo in cui il 2020 ha screditato la categoria degli astrologi (eppure Paolo Fox ha scritto ‘L’oroscopo 2021’), mentre tutto questo accadeva, gli appassionati di ‘Ritorno al futuro’ si spendevano nell’attribuire al regista Robert Zemeckis e al co-sceneggiatore Bob Gale doti di preveggenza più cristalline di quelle di Paolo Fox. Biff Tannen come Donald Trump, ognuno nella propria torre. E quattro anni più tardi, a sancire la preveggenza, gli impresentabili a scannarsi nelle strade di Washington come in quelle di Hill Valley.

Insomma. Detto che anche Matt Groening coi Simpson ci aveva preso – in queste ore è virale la pacifica comunità di Springfield calata in diversi episodi di guerriglia urbana, con Donald Trump sullo sfondo – e detto che gli impresentabili di Washington sono peggio di quelli di Hill Valley (perché sono veri), la profezia di Zemeckis e Gale presa nel suo complesso è l’ennesima dimostrazione della teoria di Jules Verne secondo la quale tutto ciò che un uomo è in grado di concepire, altri uomini saranno in grado di realizzare. Vale anche sostituendo ‘un uomo’ con ‘la fantascienza’ oppure con ‘Ritorno al futuro’. E anche con ‘The Purge’ (La notte del giudizio), film di James DeMonaco in cui, nel consueto futuro distopico che va sempre più somigliando al nostro quotidiano, per mantenere i tassi di criminalità e disoccupazione contenuti il governo autorizza ‘Lo sfogo’, dodici ore notturne in cui tutto diventa legale come a Washington, Springfield e Hill Valley, incluso l’omicidio, e uomini e donne armati di ogni arma si riversano per le strade vestiti come Jake lo sciamano di Capitol Hill e altra sartoria da combattimento. D’altra parte, è Hollywood, dove tutto è possibile; dove “puoi venire da quasiasi posto, non hai bisogno di un diploma” (Quentin Tarantino). E da Hollywood, sempre in queste ore, parlano, scrivono, twittano, selfano (da ‘selfie’), videano (da ‘video’) le stelle più luminose e politicamente impegnate.

Wo-wo-wi-wuo-wa!

Spiluccando qua e là in Rete. Per George Clooney, Donald Trump è finito nella “pattumiera della storia”. Tra i divi di Hollywood più impegnati politicamente – George non ha una stella sulla Walk of Fame “perché ti chiedono soldi” (a Fabio Fazio nel presentare ‘The Midnight Sky’) – l’ex infermiere di pronto soccorso definisce "devastante" vedere “la casa del popolo profanata in questo modo”. Dice bene Mark Ruffalo (‘The Avengers’, ‘Il caso Spotlight’), dal cognome che tradisce la razza non ariana: “Fossimo stati noi, disarmati, al loro posto, il sangue sarebbe scorso a fiumi”. Invitando il Congresso a portare via la spazzatura al 1600 Pennsylvania Ave (con il presidente diventato un sacco), Michael Moore – ‘Fahrenheit 911’, ma soprattutto ‘Bowling a Columbine’, saggio visivo da Oscar sul potere della comunicazione – parla di “attacco terroristico", di "migliaia di reati commessi, praticamente senza arresti”. Chiede la rimozione di Trump per evitare "che questi 13 giorni” siano “pieni di violenza e paura”.

Tra James Mangold, regista di ‘The Wolverine’, che chiede ai colleghi di boicottare la Fox, e Stevie Wonder che invoca l’applicazione del 25esimo emendamento per “questo narcisista presidente di una nazione che ha ispirato le mie canzoni di speranza e amore”, Sacha Baron Cohen dichiara a Variety che lo ‘Studio culturale sull’America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan‘ del giornalista Borat Margaret Sagdiyev si è conclusa. “L’ho ritirato fuori – Borat – per Trump, non vedo il motivo per tornare a indossare i suoi panni in futuro”, dichiara l'attore. Accompagnando il suo cinguettio con l’immagine del confederato imbandierato che attraversa le sacre stanze, lo scorso 6 gennaio Borat twittava, con hollywoodiana preveggenza: “Hey Mark Zuckerberg, è abbastanza per voi perché facciate qualcosa?”.


Incrocio pericoloso (Keystone)

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved