cent-anni-fa-nasceva-friedrich-d-rrenmatt
Friedrich Dürrenmatt (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
2 ore

Non sapeva di sognare, Piazza Grande è un sogno che s’avvera

La regista Caterina Mona ci parla di ‘Semret’, suo primo lungometraggio proiettato mercoledì sera a Locarno. ‘Sentivo che era un film necessario.’
Locarno 75
3 ore

La normalità non binaria dell’adolescente Robin

A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
L'intervista
5 ore

Suoni e visioni di Laurie Anderson

Così è motivato il Vision Award ritirato ieri in Piazza: ‘Niente nella musica, nel teatro, nel cinema, nella danza e nella videoarte sarà più lo stesso’
Locarno 75
12 ore

‘Semret’, in Piazza il peso dello stupro

Caterina Mona merita un applauso tutto suo per un film sincero, capace di dire dell’oggi, dei migranti che fatichiamo a vedere, apprezzare, custodire.
Moda
13 ore

Addio a Issey Miyake, il ‘sarto del vento’

Aveva 84 anni. Era anche conosciuto per aver disegnato il dolcevita nero indossato dal fondatore di Apple, Steve Jobs
Spettacoli
14 ore

I Golden Globes tornano su Nbc nel 2023

Dopo lo scandalo sulla diversità e lo stop della messa in onda quest’anno
Locarno 75
16 ore

Per finire, tutti i film premiati nelle sale del Festival

In speciali proiezioni ad accesso gratuito, domenica 14 agosto il palmarès ‘in omaggio’
Culture
19 ore

È morto l’illustratore Raymond Briggs

Fra i più amati dai bimbi, celebre il suo Pupazzo di neve. Tra le sue opere, anche la denuncia alla guerra
Culture
19 ore

Myanmar e Ucraina: Film Festival diritti umani, i primi titoli

Dal 19 al 23 ottobre a Lugano, i primi titoli: il pluripremiato ‘Myanmar Diaries’, di un collettivo birmano, e ‘Klondike’ di Maryna El Gorbach
Locarno 75
1 gior

‘Sermone ai pesci’ è il canto di un’umanità sconfitta

Il film di Baydarov è fra le proposte di oggi in Concorso insieme a ‘Serviam - Ich will dienen’, dove si calpestano i sentimenti dei personaggi
Culture
1 gior

A proposito di Robert Walser

Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
1 gior

Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’

Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Locarno 75
1 gior

Fuori concorso una ‘Candy Land’ senza sconti

Crudele e spietato, diversi spettatori hanno lasciato la sala durante la proiezione. Ma il limite è la poca originalità registica
Letteratura
04.01.2021 - 17:58
di Ats/Red

Cent'anni fa nasceva Friedrich Dürrenmatt

Lo smascheramento delle meschinità nascoste dalla facciata perbenista della società elvetica: la sua cifra stilistica. Tutte le iniziative di Neuchâtel

Nasceva cento anni fa, il 5 gennaio del 1921 a Konolfingen nel Canton Berna, lo scrittore, drammaturgo e pittore Friedrich Dürrenmatt, insieme a Max Frisch uno dei protagonisti del rinnovamento della narrativa e del teatro svizzero di lingua tedesca. La chiave grottesca con la quale Dürrenmatt ha letto i problemi della società contemporanea, smascherando le meschinità nascoste dalla facciata perbenista della società elvetica, è stata la sua cifra stilistica. Divenuto noto al grande pubblico con i suoi romanzi polizieschi e i suoi racconti – dove il tema della giustizia è onnipresente – come ‘Il giudice e il suo boia’, ‘Il sospetto’, ‘La panne’ e ‘La promessa’, Dürrenmatt si affermò anche nell'ambito teatrale quale autore polemico, paradossale e iconoclasta, scettico e insieme eticamente rigoroso, procedendo poi sulla strada d'un anticonformismo sarcastico e ironico, manipolando virtuosamente gli strumenti del grottesco. Tra i primi lavori teatrali, ‘La visita della vecchia signora’ del 1956 gli diede fama internazionale. Nel 1962 seguirà l'altro suo grande successo teatrale, ‘I fisici’.

Gran premio della Fondazione Schiller svizzera nel 1960, premio dello Stato austriaco per la letteratura europea nel 1984, premio Georg Büchner nel 1986, l'opera in italiano di Dürrenmatt è ampiamente pubblicata (Einaudi e Adelphi in primis, ma pure Feltrinelli e Marcos y Marcos). La grande passione dello scrittore, al suo fianco per tutta la vita e alimentata fin dall'infanzia, fu la pittura, dai contenuti riconducibili a motivi mitologici o religiosi, riconducibili all'espressionismo tedesco, come anche a Francisco Goya. Anche con la pittura Dürrenmatt, grazie alle sue caricature feroci, colse l'occasione per sottolineare le ipocrisie della società borghese elvetica. La sua opera pittorica ha trovato una collocazione espositiva al Centro Dürrenmatt di Neuchâtel, inaugurato nel settembre del 2000. Proprio a Neuchâtel, Dürrenmatt morì il 14 dicembre del 1990.

Commemorazioni

Nel 2021, il Centro Dürrenmatt valorizzerà la residenza dell'autore, costruita nel Vallon de l'Ermitage e trasformata dall'architetto ticinese Mario Botta in museo di proprietà della Confederazione, il Cdn (nuovamente aperto non prima del 24 gennaio, causa pandemia), contenente l'opera pittorica fino ad allora poco conosciuta poiché tenuta nascosta da Dürrenmatt stesso. La mostra permanente ‘Friedrich Dürrenmatt - écrivain et peintre’ si ripresenterà al pubblico con disposizione rivisitata e postazioni interattive. Una delle novità riguarda un originale progetto museologico: un mobile per conservare le opere con alcuni cassetti apribili dal pubblico, che potrà così scoprire direttamente una parte dell'archivio.

Edificato intorno alla vecchia villa di Dürrenmatt, il Cdn aprirà alcune aree finora inaccessibili al pubblico, tra cui la splendida biblioteca, i giardini e lo studio dell'artista, situato in un secondo edificio a pochi metri di distanza e accessibile solo tramite visita guidata. La piscina sarà ristrutturata per ospitare spettacoli artistici e musicali. In un nuovo spazio ricavato all'interno della seconda villa saranno organizzati laboratori di mediazione culturale rivolti alle scolaresche del livello primario e secondario 1 e 2, in francese, tedesco e bilingui.

Mostre

Al Cdn per il centenario, pandemia permettendo, sono previste tre mostre: ‘Friedrich Dürrenmatt e la Svizzera - Finzioni e metafore’ (dal 24 gennaio al 2 maggio), per scoprire come lo scrittore percepiva, descriveva e disegnava la Svizzera della seconda metà del Novecento, ‘Friedrich Dürrenmatt e il mondo’ (dal 15 maggio al 5 settembre), che illustrerà il rapporto tra il gioco della messa in scena e gli interrogativi fondamentali dell'umanità e, infine, ‘Friedrich Dürrenmatt - Caricature’ (dal 18 settembre al 16 gennaio 2022), incentrata sulle caricature, ritenute dall'artista un'arma dello spirito umano. È prevista inoltre la pubblicazione di ‘Parcours et détours avec Friedrich Dürrenmatt. L'œuvre picturale et littéraire en dialogue’, volume che analizza la complementarità tra l'opera pittorica e letteraria (tre volumi, il primo da pubblicarsi nel 2021). Inoltre, i ricercatori svizzero-tedeschi Ulrich Weber e Rudolf Probst lavorano da anni su una nuova edizione di ‘Das Stoffe-Projekt’ di Dürrenmatt. L'opera uscirà in maggio in tedesco per i tipi Diogenes a Zurigo e online.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centenario cento anni friedrich dürrenmatt neuchâtel
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved