luigi-snozzi-una-vita-contro-corrente-bella-e-coraggiosa
Luigi Snozzi nel 2011 (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 sec

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
3 ore

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
4 ore

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
10 ore

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Arte
20 ore

Thomas Hoepker, protagonista di una mostra e un film

La Bildhalle di Zurigo dedica al fotografo Magnum una retrospettiva. E domani esce nelle sale svizzerotedesche il documentario di Nahuel Lopez.
Spettacoli
20 ore

James Bond, il prossimo film può attendere

La produttrice dei film dell’agente 007, Barbara Broccoli, ha annunciato che nessun nuovo lungometraggio verrà girato prima di due anni
Arte
20 ore

È morto Sam Gilliam, famoso per le sue tele drappeggiate

L’artista 88enne era nato in Mississippi, partecipò ad Art Basel e fu il primo afroamericano a rappresentare gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia
Culture
21 ore

Alborghetti racconta i suoi ‘Corpuscoli di Krause’ al Ciani

L’incontro dedicato alla raccolta poetica del Premio svizzero di letteratura si svolgerà venerdì 1° luglio, alle 18, nell’ambito di Chilometro Zero
Spettacoli
21 ore

Osi Brass sull’alpe Foppa per la prima data di ‘be connected’

L’Orchestra della Svizzera italiana lancia una nuova rassegna in luoghi e modalità inediti. Domenica 3 luglio è la data inaugurale.
Arte
22 ore

La presidenza dell’Associazione dei musei svizzeri ad Haensler

La direttrice del Museo Villa dei Cedri di Bellinzona è stata nominata all’unanimità dall’assemblea generale. Entrerà in carica il prossimo 1° agosto.
Società
23 ore

I dimenticati della pandemia al centro del Premio Carla Agustoni

Il concorso di quest’anno è aperto ai lavori dei giornalisti della stampa scritta. Il termine di consegna è il 31 agosto 2022.
Spettacoli
1 gior

Johannes ‘il progressista’ Brahms al Montebello Festival

La 16esima edizione della manifestazione internazionale della musica da camera omaggia il compositore a 125 anni dalla sua morte. Dal 5 al 15 luglio.
Spettacoli
1 gior

Bo Dollis, Nojo e Falls nella notte di JazzAscona

Il programma di domani, giovedì 30 giugno, propone l’esibizione di alcune stelle della musica di New Orleans e alcuni debutti (dalle 20)
Musica
1 gior

Coro Clairière ed Edvard Grieg Youth Choir, il Lac è posticipato

Causa disagi del traffico areo internazionale, salta il concerto previsto questa sera nella Hall. Confermato quello norvegese del 6 agosto
29.12.2020 - 17:06
Aggiornamento: 19:37
di Pietro Martinelli

Luigi Snozzi, ‘una vita contro (corrente), bella e coraggiosa’

Pietro Martinelli ricorda l'architetto e urbanista ticinese appena scomparso

Luigi Snozzi  voleva fare il pittore, ma apparteneva a una famiglia numerosa che avrebbe avuto bisogno anche del suo aiuto, e allora scelse una professione   più “tradizionale” di quella di pittore, ma comunque legata in modo imprescindibile al disegno, e ha fatto l’architetto. Lo ha detto lui stesso in occasione di uno dei numerosi premi ricevuti (2 premi “ BETON”, un premio “Principe di Galles” dell’Università di Harvard, un premio “Wakker” e il “gran premio svizzero d’arte” due anni fa nel 2018).
Ha studiato all’ETH negli anni Cinquanta ed è a Zurigo che io l’ho conosciuto. Lo vedevo raramente perché frequentavamo amicizie diverse, ma già allora i suoi discorsi, il suo modo di esporli mi colpivano e affascinavano. Luigi Snozzi era anche un grande affabulatore che sapeva trasmettere emozioni, calore umano, voglia di vivere e di agire.
Luigi Snozzi non mirava tanto a realizzare più opere possibili (sono poche quelle realizzate e tante quelle progettate, ma non realizzate) quanto a mantenere la coerenza tra la sua attività e il suo pensiero. Pensiero che sapeva trasmettere con efficacia affascinando con parole apparentemente semplici folle di giovani studenti come di architetti affermati a Zurigo, Losanna, Alghero e a Monte Carasso.  Parole che coinvolgevano anche chi non si era mai occupato di architetture. Il suo pensiero era un pensiero radicale dove per radicalità intendeva la necessità fissare i punti essenziali di un progetto (i suoi valori) e rispettarli. Una radicalità che ha caratterizzato non solo i suoi progetti, ma anche la sua vita.
Luigi Snozzi  non annoiava mai  il suo pubblico e neppure i suoi interlocutori negli incontri privati. Era brillante e sintetico. L’importanza della sintesi l’ha espressa nei numerosi aforismi che ci ha lasciato in un libro. Ne cito due che mi sembrano significativi: uno per la sua professione, l’altr  per il suo impegno come cittadino: “Ogni intervento presuppone una distruzione, distruggi con senno” e “Quando penso all’uomo penso allo sfruttato”

Luigi Snozzi non si è occupato solo di architetture, ma, oltre alla pesca nei fiumi, alla ricerca dei funghi nei boschi e al nuoto dove era fortissimo, si è occupato seriamente anche di politica. Lo ha fatto in un partito di contestazione, il PSA (1969-1992), nato dopo il Sessantotto. Lo fece senza mai apparire in primo piano, ma portando il contributo della sua intelligenza nei gruppi di lavoro, negli articoli su Politica Nuova, nei brevi interventi ai Congressi, nei disegni satirici su Politica Nuova. Nel libro di Pompeo Macaluso sulla storia del PSA è citato ben 24 volte: la prima relativa al 1962 come membro di un gruppo di studio che doveva “approfondire la conoscenza della realtà del paese”, poi come membro della redazione di PN (1968), come iscritto al MOP (1968), come membro di diversi gruppi di lavoro, membro dell’UP del PSA per “i rapporti internazionali” (1969), membro di CC dal 1972. Fu membro critico del PSA e lottò contro i pericoli di appiattimento su posizioni che potevano essere sospettate di opportunismo. Attaccato sui giornali ha pagato con altri a livello professionale questo suo impegno politico, ma non si è mai lamentato. Era un generoso e non l’ho mai sentito  esprimere critiche nei confronti di colleghi di successo.

L’amicizia con Luigi Snozzi andava oltre la politica. Era una amicizia a livello personale e di famiglia. Con Luigi, Mario Botta e le rispettive mogli, ricordo un affascinante viaggio a Londra negli anni Sessanta e, negli anni Settanta, tre vacanze al mare: una in Corsica ancora con Mario Botta (Mario sostiene che fu l’unica vacanza della sua vita), una in Italia e una in Grecia. Durante 4 anni (68-72) affittammo assieme una casa a Molare dove i nostri figli e le sue figlie impararono a conoscersi e dove passammo assieme  momenti indimenticabili. Poi, quando nel 1972 quella casa venne occupata da residenti, mi aiutò gratuitamente a progettare  il mio rifugio, sempre a Molare. Tre o quattro anni fa mi invitò a incontrarci a Locarno vicino al suo studio che era traslocato dal centro storico in piazzetta Franzoni. In quella occasione mi illustrò ancora un progetto per una Esposizione nazionale che avesse come riferimento i tre fiumi Rodano, Reno, Ticino. Poco dopo venne fatto andare “obtorto collo” in una residenza per anziani, casa Rea a Minusio, dove, prima del Covid, andai a visitarlo più volte passando con lui alcune ore in un ristorante in riva a quel lago che tanto amava o in un grotto sulla Maggia che aveva contribuito a progettare. Dopo momenti di allegria sul suo volto appariva la tristezza. Era alloggiato in una stanza doppia, inizialmente con una persona ammalata di Alzheimer. Una sistemazione che avrebbe dovuto essere provvisoria, ma che si mantenne negli anni, Incredibile che una persona che aveva fatto onore al Ticino con la sua attività riconosciuta a livello nazionale e internazionale non avesse avuto la possibilità negli ultimi anni di vita di uno spazio suo, piccolo, ma privato. Ho cercato di parlarne con il direttore considerato che la camera singola oggi è la regola nelle residenze per persone anziane, ma non sono mai riuscito a incontrarlo. La sua resta comunque una vita contro (corrente), bella e coraggiosa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
architettura luigi snozzi pietro martinelli politica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved