voci-e-sguardi-femminili-tra-passato-e-presente
Capriasca, 1910–1915: Gina Maria Rossi in posa per il bozzetto fotografico per il dipinto "Il canto dell'aurora" di Luigi Rossi. Fotografia di Luigi Rossi. Provenienza: Casa Museo Luigi Rossi, Tesserete.
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
6 ore

L’originale riscrittura di Mattia Insolia

Il deserto affettivo dei fratelli Acquicella, protagonisti del romanzo d’esordio di Insolia, e il modello di Niccolò Ammaniti
Culture
7 ore

Premio svizzero del libro per bambini a Martin Panchaud

L’illustratore e autore ginevrino ha vinto con il romanzo a fumetti ‘Il colore delle cose’
Culture
7 ore

Microcosmi. Decorare, fare comunità (episodio 3)

Sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio nelle persone: un masso che ricorda Rocky, un centro culturale e artistico a Berna
Cinema
1 gior

'Padrenostro', anni di piombo e d'amicizia

Storia di Valerio, di papà Alfonso (il Favino Coppa Volpi a Venezia 77) e di un amico, forse, non immaginario: in sala dal 15 maggio il film di Claudio Noce
Spettacoli
1 gior

I settant'anni di Baglioni, in questa storia che è la nostra

Per Ennio Morricone, ‘Audio Bagliori’, soprannome di un cantastorie che domenica 16 maggio compie settant'anni, non necessariamente tutti d'amore
Rete Due
2 gior

Vallon-Michel-Rossy, un sabato 'Tra jazz e nuove musiche'

Per la rassegna di Rete Due, all'Auditorio Stelio Molo di Lugano-Besso, sabato 15 maggio alle 21, tra composizioni proprie, libere improvvisazioni e 'classici'
Spettacoli
2 gior

Al Sociale il teatro prende vita partendo da un libro

Da lunedì a Bellinzona la performance senza attore ‘Book is a book is a book’ di Trickster-p
Culture
2 gior

'Plume de paon' ad Anita Capaul di Chasa Editura Rumantscha

Lo ha deciso la XIX assemblea generale dell'associazione professionale svizzera delle autrici e dei traduttori editoriali. Il premio A*dS è alla nona edizione
Musica nel Mendrisiotto
2 gior

A Mendrisio il Trio des Alpes suona Smetana

Martedì 18 maggio alle 14 nella Sala Musica nel Mendrisiotto, ‘Dentro la musica’, il Trio in sol minore per pianoforte op. 15 del compositore boemo
Scienze
2 gior

Ricercatori dell'Eth scoprono il 'tallone d'Achille' del Covid

La scoperta potrebbe portare allo sviluppo di un farmaco in grado di attaccare tutte le varianti del virus
Arte
2 gior

'Donna seduta vicino a una finestra', Picasso da 103 milioni

Venduto da Christie's a New York dopo 19 minuti di battaglia tra collezionisti. Quasi raddoppiata la stima iniziale.
Musica
2 gior

Un anno dopo, a Minusio si ascolta la world-trance dei Lolomis

La band francese, attesa nella primavera del 2020 e fermata dalla pandemia, arriva all'Oratorio San Giovanni Bosco venerdì 21 maggio con l'album ‘Red Sonja’
Culture
2 gior

Il Teatro di Banco riparte con Giulia Fonti

Il 22 maggio, inaugurazione della Nicchia a cura della pittrice ticinese. In aggiunta, il duo Torre-Nartoni. A giugno Vasco Merciadri e Camilla Battaglia
Spettacoli
3 gior

‘Un altro giro’, al cinema arriva un po’ di alcol

Il film del danese Thomas Vinterberg, vincitore dell'Oscar per la miglior opera in lingua straniera, è nelle sale
Spettacoli
3 gior

David di Donatello, sette premi per ‘Volevo solo nascondermi’

Ai premi del cinema italiano Checco Zalone supera Laura Pausini per la statuetta per la miglior canzone originale
Spettacoli
3 gior

‘Sweat’, tre giorni nella vita di una influencer

Nei cinema il ritratto di una motivatrice del fitness e star di Instagram, ma il film del regista Magnus von Horn convince solo in parte
Cinema
3 gior

‘Rifkin’s Festival’, quell'europeo di Woody Allen

Uscito nel settembre del 2020, bloccato dalla pandemia, ironico omaggio a ‘quando il cinema era arte’: è nelle sale ticinesi ‘Rifkin's Festival'
Culture
5 gior

Pro Helvetia: sostenuti oltre 4mila progetti in 105 paesi nel 2020

Nonostante la pandemia, la fondazione svizzera per la cultura ha sostenuto numerosi progetti investendo oltre l'80% del budget
Società
5 gior

Il re degli Ottomila si sposa per la terza volta

L'alpinista italiano Reinhold Messner, 77 anni, convola a nozze a maggio con la compagna di 35 anni più giovane
Culture
16.12.2020 - 09:330
Aggiornamento : 16:59

Voci e sguardi femminili tra passato e presente

L’Archivio audiovisivo di Capriasca e Val Colla ha chiesto a 45 donne di commentare alcune immagini del proprio archivio

Le immagini parlano. Se sono in bianco e nero a volte ancora di più. Raccontano di tempi trascorsi, di vite vissute, di luoghi un po’ mitici un po’ riconoscibili. Storie insomma, che intersecate con la grande Storia si fanno portatrici di un discorso più ampio. Chi eravamo? Da dove discendiamo?

A me per esempio quelle fotografie seppia in vecchie cornici di legno scuro, testimonianze di un mondo apparentemente lontanissimo, hanno sempre affascinato. Sin da bambina guardavo e riguardavo le vecchie foto di bis e trisnonne appese alle pareti di casa. Nei visi cercavo di intercettare i miei tratti e quelli delle mie sorelle, nei fazzoletti legati in testa, nei campi dietro le spalle, nelle espressioni compunte e fiere intravedevo luoghi famigliari e al contempo sognavo avventure, con la fantasia dei miei sette anni. Ora che da bambina sono diventata donna, lo sguardo si è fatto più cosciente (conosco la Storia e le storie), e leggere quelle immagini è altra cosa. Sì, perché dietro quell’alone di mistero, dietro alla carta patinata dal tempo e al di là dalle rappresentazioni mitigate dal fascino dell’antico, riscopro protagoniste di un passato non poi così lontano, eppure dalla condizione a volte opposta rispetto alla mia odierna. A volte ritrovo compagne, a volte maestre, a volte semplici testimonianze.

Lo stesso capita sfogliando il bel volume ‘Uno sguardo al femminile’ a cura dell’Archivio audiovisivo di Capriasca e Val Colla (Acvc) nel quale 45 donne sono state chiamate a leggere e commentare una scelta di immagini provenienti dalla foltissima collezione. Il risultato è un multicolore mosaico di voci polifoniche al femminile che va a intercalare le fotografie in bianco e nero. Racconti, rêverie, riflessioni, recriminazioni, ricordi di protagoniste e non della scena attuale ticinese ispirati dalle immagini. Un’occasione ghiotta per commentare il tempo e la condizione della donna che cambia (a volte), e per ‘gettare lo sguardo’ anche su tematiche come l’emigrazione e la colonizzazione.

Il libro è in vendita da qualche settimana all’Archivio e Nicola Arigoni, presidente del comitato Acvc, ci parla dell’origine di questo interessante e curatissimo progetto editoriale, tutto al femminile anche nella creazione tra l’altro.

'Dalle fotografie, una riflessione personale'

«‘Uno sguardo al femminile’ nasce per diversi motivi. Innanzitutto era nostra intenzione mostrare come le immagini o gli oggetti di un museo – nel nostro caso si tratta di fotografie ovviamente – potessero parlare anche a un pubblico ‘estraneo’, quindi non necessariamente autoctono, non legato alla regione e che magari non ne conoscesse nemmeno la storia» ha spiegato Arigoni. «Abbiamo poi scoperto – e questo era un altro punto che volevamo far emergere – che le fotografie suscitavano una riflessione personale, a volte intima e a volte più storica (alcune autrici hanno fatto ricerche d’archivio per i loro contributi). Interessante è stato anche constatare come le fotografie del passato potessero intrecciare con il presente un dialogo continuo, avessero insomma ancora molte cose da dire, anche oggi. Non da ultimo, motore dei nostri progetti è sempre anche quello di valorizzare l’importante fondo fotografico del nostro archivio».

Il libro dà voce a diverse spettatrici di questa mostra fotografica, fruita da ognuna nella calma della propria casa, liberamente. Unico compito scegliere un’immagine e poi scriverne un breve testo di accompagnamento. La poesia dei contributi varia, così come le voci femminili che sono state interpellate nei più svariati ambiti. Tra le autrici è un piacere leggere i contributi di Anna Felder (scrittrice), Chiara Orelli Vassere (storica, coordinatrice istituzionale in ambito di violenza domestica del Cantone), Letizia Fontana (responsabile della biblioteca interculturale BiblioBaobab), Sara Rossi Guidicelli (giornalista), Lili Hinstin (ex direttrice del Locarno film festival), ma anche molti altri nomi, noti e meno noti. La scelta è stata casuale? «No, ma quello a cui tenevamo è che desse conto di tutta la società civile, ci sono vari profili di persone che hanno diverse cose da dire: storiche, psicologhe, filosofe, attrici, musicologhe, direttrici, antropologhe. Non si trattava di avere uno sguardo unitamente storico ma un ampio ventaglio di visioni sulle foto». E infatti l’aspetto interessante del volume è proprio questa varietà, che permette al lettore di immergersi a volte in un racconto sospeso (penso a quello di Maria Rosaria Valentini), a volte in una riflessione severa e giusta (Chiara Orelli Vassere), a volte in un’analisi sociologica condivisibile (Pepita Vera Conforti e Sarah Rusconi), a volte sciogliendosi in versi poetici (Carlotta Zarattini a proposito del bozzetto fotografico per il dipinto ‘Il canto dell'aurora’ di Luigi Rossi).

'Un dialogo con realtà anche distanti'

Ha destato curiosità in me soprattutto l’ultima sezione:  «Abbiamo chiesto alla responsabile della biblioteca interculturale Letizia Fontana di partecipare al progetto editoriale e lei ha proposto collaborare con le donne che stanno attorno a BiblioBaobab. Quindi sono state commentate le immagini del Ticino di un tempo anche da migranti, alle quali abbiamo presentato il nostro lavoro d’Archivio. È un valore aggiunto per il libro, l’aspetto più bello è proprio quello di riuscire a dialogare con realtà così distanti. Nei loro contributi Ksanet Alazar, Jouliette Arsinak, Woshuk Tso Gontser ci raccontano di una realtà quasi più vicina – cronologicamente – alle foto rispetto alla nostra».

E perché dare un genere allo sguardo? Perché è femminile? «Anche in questo caso il motivo non è uno solo. Innanzitutto per dare una linea editoriale al progetto. Avere uno sguardo femminile poi permette forse di contribuire con una sensibilità diversa. Per una volta era bello riuscire a dare voce unicamente alle donne. Devo dire la verità, il fatto di coinvolgere unicamente autrici, ha fatto loro particolarmente piacere. Non tanto per una questione di rivalsa, ma forse di unità, specificità del progetto».

E come dice bene Tatiana Crivelli (professoressa di Letteratura italiana all’Università di Zurigo) nel libro: “Del quadrato in bianco e nero, dagli orli ondulati come le fotografie della mia infanzia, mi ha colpita il fatto che sembri immortalare un momento qualsiasi, di vite qualsiasi su una piazzetta qualsiasi. Un'istantanea in ciabatte. Eppure, a ben guardare (e ciò vale per tutte le nostre ordinarie esistenze), questa fotografia è un archivio memoriale insospettabilmente ricco”.

Buona lettura quindi di queste belle visioni.

© Regiopress, All rights reserved