laRegione
andrea-bignasca-vecchio-lupo-di-mare
Andrea Bignasca (foto: Vanni Gianinazzi)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
3 ore

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Libri
5 ore

'Mein Kampf' esce in Polonia, l'editore: 'Omaggio alle vittime'

La critica insorge. Per Zbigniew Czerwinski, invece, è 'un monito a quanto sia facile smantellare la democrazia e costruire una dittatura in modo invisibile'.
Culture
9 ore

Demo dei Radiohead all'asta a Londra

Con etichetta scritta a mano dal frontman Thom Yorke, conterrebbe tre inediti, risalenti ai tempi in cui la band si faceva chiamare On A Friday
Scienze
10 ore

Virgin Orbit, l'aereo che manda in orbita il razzo

Per la prima volta nella storia, il lancio avviene dall'ala di un velivolo, un Boeing 747, aprendo all'invio nello spazio 'low cost' dei satelliti
Video
Musica
23 ore

Wagner, revolver e muri del suono: è morto Phil Spector

In carcere per omicidio, inventò il 'Wall of Sound'. Dalle Crystals alle Ronettes, dai Beatles agli ex Beatles, da Cohen ai Ramones, influenzò Springsteen.
Scienze
1 gior

In Cina, boom dei servizi tramite droni nel 2020

Il Paese ha aumentato l'uso dei droni in vari campi come agricoltura e protezione dell'ambiente, anche per precipitazioni artificiali
Spettacoli
1 gior

I nuovi sguardi della critica cinematografica, oltre le stelline

Anita Hugi, direttrice delle Giornate cinematografiche di Soletta: “I critici non sono personal shopper”
Spettacoli
1 gior

Oscar, la short list per i film stranieri passa a 15

Record di candidature per il miglior film non in lingua inglese. Secondo Variety sono ben 93 e la lista che anticipa le candidatura passa da 10 a 15
Culture
2 gior

Sorellanza e Storia nel tempo di Silvia Ricci Lempen

Intervista con la vincitrice, con il romanzo in italiano e in francese ‘I sogni di Anna’/‘Les rêves d’Anna’, di uno dei Premi svizzeri di letteratura
Culture
2 gior

Giorgio Rosa e l'isola che non c'è... più

Nel marzo del 2016, prima della morte dell'ingegnere, prima che Elio Germano ne indossasse i panni per Netflix, laRegione lo aveva intervistato
Netflix
2 gior

Si chiama ‘SanPa’, ma poteva chiamarsi ‘VinCe’

È la storia di San Patrignano o solo quella del suo fondatore Vincenzo Muccioli? Tra sostenitori delle luci e scopritori di ombre, c'è un'Italia divisa
(Aspettando) Generi di conforto
3 gior

Tom Waits, canto primigenio del nostro essere uomini

Dall'archivio di un appassionato di musica: Tom Waits, 'Innocent When You Dream', 1995
Società
3 gior

La pandemia e la disparità tra luoghi di culto e luoghi di cultura

Con una lettera al consigliere federale Berset, i Liberi pensatori chiedono conto del trattamento differenziato di cui gode la chiesa, esentata dalle misure di protezione
Spettacoli
3 gior

Cinema, Bong Joon-ho nella giuria di Venezia

Il regista di ‘Parasite’ sarà il presidente della giuria internazionale della 78ª Mostra internazionale dell'arte cinematografica di Venezia
Cinema
3 gior

Cancellate Donald Trump da 'Mamma, ho riperso l'aereo'

Anche il protagonista Macaulay Culkin ha firmato la petizione. Per registrare nel suo Plaza Hotel, Trump aveva chiesto in cambio di apparire nel film.
Culture
3 gior

Non siamo soli, c'è Viola al suo primo singolo

Lei è la vincitrice di 'La mia banda suona il folk', canta ‘Not alone’, brano scritto da Iris Moné, arrivato dritto dritto dalla California
Musica
25.11.2020 - 17:320
Aggiornamento : 22:31

Andrea Bignasca, vecchio lupo di mare

Un altro singolo, ‘Most Times’ aspettando l'album, ‘Keep Me From Drowning’, in cui il songwriter è 'un po' marinaio e un po' naufrago' (tra il Ticino e l'Atlantico)

“Mi mancano i concerti, mi manca il pubblico, i miei musicisti, la mia direzione, il mio booker, i miei promotori, il mio tour management, i miei tecnici, chitarra-maker, mi manca incontrare nuove persone provenienti da locali, elettricisti, riparatori, giornalisti, radio ragazzi, fotografi, graphic-designer, persone di sicurezza, persone che puliscono dopo un concerto, persone che vendono biglietti, persone che incontro allo stand merch, altre band che suonano con me, persone che lavorano negli hotel in cui soggiorniamo, cassieri alle postazioni di servizio. Mi mancano le mie sorelle e i miei fratelli d’armi”.

È la seconda ondata per Andrea Bignasca, che aderisce alla campagna di sensibilizzazione di Sonart #cultureismyjob, carrellata delle comprensibilmente mogie espressioni di chi "la cultura è il mio lavoro". Lo spot lo chiude proprio Bignasca. «Non mi va di fare polemica – ci dice – perché di risposte io non ne ho, e al primo posto va la salute di tutti. Ciò non toglie che mi piacerebbe far capire che non siamo solo noi artisti a soffrire, ma anche molte altre persone che lavorano con la cultura». E nel suo entourage c’è «tristezza, e la rassegnazione che viene dal dover aspettare. Molti sono speranzosi, altri pessimisti. Difficile parlarne, non so nemmeno io quali parole usare».

Un po’ marinaio

Sui social di Andrea Bignasca ci sono anche le foto con Matteo Magni, che gli ha registrato, mixato e masterizzato ‘Keep Me From Drowning’ (Radicalis), l’album. «È chiuso, è pronto. Avevamo in programma di uscire a fine gennaio, ma l’abbiamo spostato al 19 marzo, proprio perché abbiamo deciso di spostare l’intero tour iniziale all’autunno del 2021, lasciando dove sono, per ora, i concerti di aprile. Fino ad allora uscirà un singolo al mese. Il prossimo sarà l’11 dicembre». E si chiamerà ‘Haven’.

Tornando all’album: «Rispetto a ‘Murder’ è meno arrabbiato. Uno dei topos è la navigazione, lo stare in mare». E tornando a ‘Haven’: «In quella canzone, per esempio, m’immagino il vecchio marinaio che fa avanti e indietro dal Ticino al Portogallo, dove ora vive la mia ragazza e dove ho scritto la maggior parte dei testi. Sentendomi un po’ marinaio, e sballotato, tra le parole c'è l’essere naufrago, l’avere un rifugio, una terra sotto i piedi. E poi c’è una parte iniziale di canzoni che guarda indietro, al passato». Ed è da questo filone che arriva ‘Most Times’, singolo dei primi di novembre, parte di quell’indietro che riguarda «snapshots, ricordi, sensazioni mie da piccolo». Quelli che nutrono anche il video, per parlare del quale ci è stato imposto un embargo abbastanza severo fino alla prossima settimana. Un video che, soprattutto in apertura, del Bignasca spiega tante cose (spoiler: c’è anche una mezza scena di nudo, ma non integrale).

Scintille

Il riff di ‘Most Times’, racconta Andrea, è stato ritrovato in una vecchia memo vocale speditasi via e-mail 7 anni fa. «È uno di queli riff che cerchi poi di rilavorare, ma non ci riesci e lo accantoni». Questo perché Bignasca è della categoria di autori che alle proprie idee musicali risparmia l’accanimento terapeutico, come impone la Prima Legge di Elton John (“Se non mi esce in mezz’ora lascio perdere”): «Ho imparato, piuttosto che accanirmi, come dici, ad aspettare. E se si tratta di una canzone che vale la pena di scrivere, allora verrà scritta».

Sempre rock, ma con dentro chitarre acustiche e classiche (‘Haven’), ‘Keep me from drowning’, l’album, offre una serie di prime assolute: 15 parole cantate in italiano, copertina non black & white (e niente faccia) e una sua traccia di batteria, la prima da quando, 17enne, mollò i tamburi per percuotere chitarre. «Dentro c’è di tutto, per chitarra e voce e full band. Tra l’altro, sono molto soddisfatto e per la prima volta riesco a dirlo». Che è una prima anche questa per chi, un disco fa, non vedeva l'ora di andarsene dallo studio: «Mentre scrivi un album ascolti le canzoni mille volte e alla fine c’è bisogno di un po’ di distacco. Poi inizi a riviverle, perché arriva il momento di portarle fuori». Insomma, Bignasca non è più Woody Allen che non ha mai visto ‘Manhattan’, e – al contrario del regista – non ha mai offerto somme affinché l'opera non uscisse: «Confesso, però, che faccio sempre fatica ad ascoltare vecchie registrazioni mie, perché viene da pensare a cosa avrei potuto fare di diverso. Ma resto riconoscente a quanto fatto in passato per ciò che le canzoni mi hanno portato. Comunque sì, è capitato di pensare agli attori che non si riguardano mai. Sarà che non sono un fan della mia voce».

Per finire col Boss

I fan della voce di Bignasca la pensano diversamente. A proposito di fan: ti è piaciuto ‘Letter to you’, l’ultimo di Springsteen? «Sì, devo ancora tuffarmici, ma mi è piaciuto. Ho anche visto il documentario insieme al mio babbo. Al contrario di cose di una decina di anni fa, un po’ troppo patinate per i miei gusti, ‘Letter to you’ a me sembra la telefonata di un vecchio amico». Quello che, di Bignasca, sembra poter essere ‘Keep Me From Drowning’. A proposito di annegamento, visto come stanno messe le cose oggi, come ci salveremo? «La mia risposta, per quel che mi riguarda, è cantare. Cantare vuol dire che hai aria da respirare, che non stai annegando, che sei vivo. Cantare per te o cantare per gli altri, il concetto è quello».

© Regiopress, All rights reserved