laRegione
dickinson-maillart-marturano-straordinaria-tu
Stefania Mariani (www.stagephotography.com)
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
8 ore

Da Jean Arp a Nesto Jacometti

Si chiama ‘Nesto Jacometti, editore’ ed è un insieme di piccole mostre di grandi autori aperto al Museo Casorella di Locarno
Arte
18 ore

Addio ad Alfiero Nena, scultore

Autore dell'unica opera contemporanea presente, nella basilica romana di Santa Maria del Popolo, donò un monumento ad Amatrice, colpita dal terremoto del 2016
Spettacoli
18 ore

Jazz (in Bess) e nuove musiche: Samuel Blaser

Il trombonista svizzero presenta 'Early in the morning', tributo al blues in programma mercoledì 28 ottobre alle 21.
Musica
18 ore

A dicembre 'Paul McCartney III', l'album del lockdown

Cinquant'anni dopo l'addio ai Beatles, il nuovo disco di Sir Paul in linea col minimalismo creativo imposto dal Covid-19.
Spettacoli
20 ore

Taskforce Culture: 'Ok restrizioni, ma gli aiuti siano chiari'

L'organismo che riunisce rappresentanti di diverse associazioni culturali svizzere chiede chiarezza e regole unitarie: 'In pericolo artisti e imprese'.
Fotografia
20 ore

Vincenzo Vicari dentro la cronaca, al Palacongressi

Mercoledì 28 ottobre, incontro pubblico sul fotografo del 'Ticino che cambia'
Spettacoli
20 ore

Adieu Jean-Claude Pasche, anche noto come Bernabé

È deceduto all'età di 80 anni il fondatore dell'omonimo e celebre Café-Théâtre di Servion, nel Canton Vaud.
Culture
21 ore

Al vignettista Chappatte il Premio Fondation pour Genève

Tra le motivazioni, 'la sua capacità di toccare le persone e di farle pensare, trascendendo i confini e le lingue'.
infodemia
23 ore

No, la Svizzera non nega la rianimazione agli anziani

Lo strano caso di una bufala circolata. E le vere direttive, non solo svizzere, per il triage in caso finiscano i letti in terapia intensiva
Società
23 ore

Gli informatici? Meno ricercati di quanto si creda

Il mercato del lavoro non si strappa i capelli per averli: posti online aumentati, ma competenze specifiche in calo
Società
1 gior

Aumentano i dipendenti dal gioco d'azzardo in Svizzera

La progressione registrata nel 2019 è superiore a quella osservata negli anni precedenti
Musica
1 gior

Miley Cyrus torna con 'Plastic Heart'

Per il suo settimo album, la popstar si è fatta ritrarre in copertina dal guru delle copertine Mick Rock
Scienze
1 gior

Ora solare: il benessere sessuale è a rischio

Sfasamento tra ritmo sonno-veglia e ‘orologio’ biologico, come il jet lag dei ritmi circadiani, che può favorire la disfunzione erettile
Arte
1 gior

Vincenzo Vela: 200 anni dopo è sempre 'Poesia del reale'

Con Gianna A. Mina in 'visita guidata' alla monografica che si apre domenica 25 ottobre, aperta sino al 5 dicembre 2021.
Spettacoli
2 gior

Il mio nome è Greta Thunberg

In sala 'I am Greta', ritratto di un'eroina suo malgrado, film che non cambierà il mondo ma fondamentale (per tutto il resto c'è 'Unposted' di Chiara Ferragni).
Figli delle stelle
2 gior

'Carla Bruni': piano piano, sottovoce (come piace a Marzullo)

★★✩✩✩ - Ben suonato e impeccabilmente prodotto, un sospiro dopo l'altro dell'ex Première Dame e si arriva (finalmente) alla fine
Teatro
15.10.2020 - 15:070
Aggiornamento : 16:34

Dickinson, Maillart, Marturano: 'Straordinaria tu!'

È il nuovo spettacolo di Stefania Mariani. La prima al Monte Verità questa sera è sold out. Da rivedere ad Ascona e Lugano a novembre e dicembre. L'intervista.

Scriviamo della prima di un sold-out, quello di questa sera ad Ascona nella Sala Balint al Monte Verità. Quello di ‘Straordinaria tu!’, il nuovo lavoro al femminile (ma nion proprio del tutto) di Stefania Mariani, che porta in scena tre donne straordinarie: Emily Dickinson (1830-1886, poetessa statunitense); Ella Maillart (1903-1997, scrittrice, fotografa, velista, hockeista su prato svizzera) e Filomena Marturano (prima metà del secolo scorso, non esattamente databile in quanto donna di fantasia partorita dalla fervida immaginazione di Eduardo De Filippo. Non per questo meno straordinaria). Stefania Mariani le porta in scena tra poche ore e in scena le riporterà giovedì 19 e venerdì 20 novembre al Teatro del Gatto di Ascona per la Rassegna Over60 (prenotazione necessaria: +41 91 792 21 21, info@ilgatto.ch), e venerdì 15 e sabato 16 gennaio 2021 al Teatro Foce di Lugano, per la Rassegna Home (prenotazione su www.biglietteria.ch). «Abbiamo scelto queste tre figure – racconta Stefania Mariani a laRegione – innanzitutto perché ci piacciono». Che non è poco. Sorride Stefania, e il plurale della scelta è riferito a Laura Mella, con la quale lo spettacolo è stato scritto. «Il fatto che queste tre donne abbiamo una biografia completamente diversa l’una dall’altra ci incuriosiva. E poi il filo che le lega, l’aver saputo tutte e tre rompere gli schemi, andare controcorrente nei vari modelli di società in cui si trovavano».

Due donne e un personaggio

Detto papale papale, nella vita artistica di Stefania Mariani, Emily Dickinson occupa un posto a sé: «Mi sento di definirla una compagna di viaggio, perché ho fatto su di lei il mio lavoro di diploma all’Accademia Dimitri. E questo spettacolo per me è anche un ritorno alla poesia, così importante per me nel lavoro teatrale degli ultimi anni», come testimoniato dal progetto ‘Poetica-mente Cuore’ di StagePhotography, realtà artistica nata nel 2002 con sede ad Ascona il cui nucleo è formato dalla stessa Mariani con Michele Montalbetti. Passando a Ella Maillart: «È rimasta in un cassetto per tredici anni, quando avevo letto tutti i suoi testi, ero stata nei suoi luoghi, a Chandolin, senza però riuscire a trovare una forma». E Filomena Marturano, invece: «L’avevo messa in scena insieme a ‘Medea’ in un monologo, quando avevo ventisei anni. M’interessava ritrovarla ora, vent’anni dopo, con un’altra maturità, con l’esperienza di essere madre». Il personaggio creato da Eduardo De Filippo, in una delle commedie più internazionalmente note del grande attore e drammaturgo napoletano, ha ‘funzioni’ aggiuntive: «Intanto, oltre a essere un personaggio di fantasia a fianco di due donne realmente esistite, Filomena Marturano è stata ‘scritta’ da un uomo. E in più c’è anche lo stimolo a capire come poter narrare la sua storia a teatro, trasformando l’opera in un contesto che non ha esattamente la scrittura della commedia di Eduardo». L’ordine di uscita è quello annunciato: Dickinson, Maillart, Marturano. Come sono portate in scena? «Sul palcoscenico diventano personaggi accanto a un’attrice che si trasforma spostando oggetti, pochi e che hanno un aggancio con le relative biografie. Abbiamo scelto di presentarle una dopo l’altra. Sebbene non parlino tra di loro, c’è un dialogo, non immediatamente percepibile e che spero si possa percepire».

'Oltre l'essere donna'

‘Straordinaria Tu!’ è spettacolo che, nonostante l’evidente connotazione al femminile del titolo, vuole andare – è dichiarato – oltre l’essere donna: «Dietro, in effetti, non c’è il pensiero “Parliamo alle donne, siamo noi le straordinarie!”. No. Non che non lo siamo (ride, ndr) ma l’attenzione che ci siamo prefissate io e Laura è stata quella di evitare quelle circostanze in cui, come donna parli, male degli uomini. Prendendo come esempio Filomena Marturano, è proprio Eduardo, in quest’ottica, che la riscatta e soprattutto apre gli occhi al personaggio maschile, Domenico Soriano, che alla fine sceglie». Concetto che sul palco avrà la sua forma visiva più appropriata. ‘Straordinaria tu!’ ha anche un intento di fondo in più: «Porto in scena il bisogno come artista di semplificare in questo momento complesso, di portare un lavoro per la gente in cui, in un modo o nell’altro, il pubblico possa tornare a casa con piccole prospettive diverse. A partire dal fatto che possiamo davvero essere straordinari, magari non partendo necessariamente sette mesi in viaggio tra l’India e l’Asia come fece Maillart, ma anche solo ricordandoci del particolare. Trovo che tutte e tre le donne consegnino caratteri e colori dell’essere umano molto attuali. Emily Dickinson è la solitudine, il contatto con la natura, il bisogno di ritirarsi, lei maestra della consapevolezza di sé senza aver seguito alcun corso di mindfullness (ride, ndr). Ella Maiilart è l’idea dell’avventura, dello scrivere per viaggiare. A lei affidiamo parole molto dirette. Avrà novant’anni nello spettacolo, è lo sguardo di un anziano che ha vissuto, strenua sostenitrice del superamento di ostacoli spesso solo mentali». Insieme alla grande forza di Filomena Marturano, un complessivo «desiderio di dare un segnale sugli impulsi e sulle prospettive, che non sono mai univoci» (info@stagephotograph.com, www.stagephotography.com).

© Regiopress, All rights reserved