ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
27 min

È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’

Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
2 ore

Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?

A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Spettacoli
12 ore

Dalla corsa di Dix alla vita di Foer, con la musica di Savoretti

Tre appuntamenti con altrettanti ospiti d’eccezione per Lugano arte e cultura dal 13 al 17 dicembre prossimi, sempre alle 20.30
Arte
14 ore

Tradizione e sperimentazione nelle opere di Mattia Barbieri

L’artista lombardo sarà l’ultimo ospite dei Visarte Talks di quest’anno. L’appuntamento è per il 6 dicembre, dalle 18.30, allo Studio Foce di Lugano
Spettacoli
19 ore

Parigi conta i giorni per la riapertura del Grand Rex

Dopo un restauro durato tre anni torna a splendere lo storico cinema indipendente dalla facciata Art déco fondato l’8 dicembre 1932
Società
1 gior

Clooney, vittima di sessismo: ‘Mi davano schiaffi sul sedere’

L’attore americano sessantenne ha confessato di essere stato ‘oggettificato’ durante le riprese di una sitcom
Illustrazione
1 gior

Cesare Lombroso e la fissa per il cranio

La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
1 gior

Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre

Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
Società
1 gior

Gli italiani? Un terzo della vita lo passano online

Trent’anni (su una speranza media di 82 anni) vengono spesi in rete. Lo indica un’indagine del servizio virtuale NordVpn
Spettacoli
1 gior

Sanremo da Giorgia ai Cugini di campagna (avete letto bene)

Oxa, Mengoni, Grignani, Paola e Chiara, Elodie, Madame, Articolo 31, Ultimo. Amadeus annuncia i primi 22: presto altri 6 nomi da Sanremo Giovani.
la recensione
1 gior

Silvio Orlando torna bambino a Parigi-Belleville

L’attore e regista ha portato lo spettacolo tratto dal romanzo di Émile Ajar sul palco del Teatro di Locarno, sabato 3 dicembre. In replica domenica 4.
Libri
1 gior

‘L’autunno in cui tornarono i lupi’, storie di uomini e animali

Mario Ferraguti entra nelle teste di entrambi e dipana pensieri reconditi, elabora cause ed effetti, svela un legame arcaico e complesso.
Società
2 gior

A New York la palma di città più cara al mondo

La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
2 gior

A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok

Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
2 gior

Il cinema, la Valle, la Finlandia

Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
2 gior

Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole

La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Musica
3 gior

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
Culture
3 gior

‘Orizzonti filosofici’, è la volta di Eugenio Lecaldano

Martedì 6 dicembre alle 20 al Centro Leoni a Riazzino, il noto filosofo italiano tratterà la concezione dell’identità personale secondo David Hume
Culture
3 gior

Addio a Vittorio Barino

Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
3 gior

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Culture
3 gior

‘Musica come cura’, ultimo appuntamento

‘Musica e coesione sociale’ è il titolo dell’incontro conclusivo, lunedì 5 dicembre alle 18 al Campus Est dell’Usi a Lugano
Scienze
3 gior

Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli

I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
3 gior

Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar

Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
3 gior

È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’

L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
3 gior

La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret

Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
L’intervista
4 gior

Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle

Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, ‘La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi
Ticino7
4 gior

Michael Jackson, il ‘Thriller’ dei record a ‘Di tutto un pop’

Il 30 novembre di 40 anni fa usciva l’album più venduto di sempre. Sabato 3 dicembre, Sergio Mancinelli lo racconta (a parole e nel podcast)
Libri
4 gior

La letteratura per ragazzi interpretata da Olimpia De Girolamo

L’appuntamento di chiusura della stagione ’22 della Casa della letteratura di Lugano è in calendario sabato 3 dicembre, alle 16.30 a Villa Saroli
teatro
4 gior

Carmelo Rifici fra i finalisti del Premio Ivo Chiesa

Il regista e direttore artistico del Lac è stato nominato nella categoria Premio La Scuola. Il riconoscimento è promosso dal Teatro Nazionale di Genova
Culture
4 gior

Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi

Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese
Società
4 gior

Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage

Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Podcast
4 gior

The deep NEsT, Marco Coppola nel nido di Bandecchi e La Rosa

Ospite, in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids, il responsabile di Gayticino a Zonaprotetta. Su YouTube, Spotify e www.deepnest.com
Distopie
4 gior

‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse

Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
L'intervista
laR
 
03.10.2020 - 13:00

'Il cinema deve scuotere, non rassicurare'. Come in 'Favolacce'

Dall'8 ottobre nelle sale la splendida 'favola nera' di Fabio e Damiano D’Innocenzo, Orso d'Argento 2020 alla sceneggiatura. Abbiamo incontrato Fabio.

il-cinema-deve-scuotere-non-rassicurare-come-in-favolacce
Fabio (dx) e Damiano D'Innocenzo (Keystone)

“Che bel film, ho pianto tutto il tempo” (soprattutto alla fine). La frase è un po’ datata. Oggi che tutto è classificazione, ‘Favolacce’ dei gemelli Fabio e Damiano D’Innocenzo potrebbe andare sotto la categoria “Most disturbing film” insieme a un paio di storie del greco George Lanthimos e a tutti quei film per chi dal cinema vuol essere trattato male, perché solo così riesce a pronunciare la parola ‘capolavoro’. Quel che accade in ‘Favolacce’ è un lento, fastidioso, poetico, disperato, bellissimo, crudele avvicinarsi all’irreparabile ambientato nella Spinaceto dei ‘nuovi adulti’, non troppo ricchi e nemmeno troppo poveri, ritratti (e infine smascherati) in tutto il proprio vuoto esistenziale dai relativi figli. Spinaceto a sud di Roma; Spinaceto “pensavo peggio! Non è per niente male!”, nel caustico ritratto di Nanni Moretti in ‘Caro diario’. Nella calma apparente di quella che si è definita, correttamente, una ‘favola nera’, scorrono l’inadeguatezza, l’indifferenza, la passività degli adulti e, degli adolescenti, l’infelicità che muta in rabbia, composta e silenziosa. E dai personaggi, dopo cento minuti, torna difficile separarsi.

Incontrare uno solo dei gemelli D’Innocenzo risolve il serio problema di riportare le risposte di entrambi i registi ricordandosi chi dei due le ha date. C’è il solo Fabio al Grotto Valletta non lontano dal Lux, teatro (anzi, cinema) della prima ticinese di un film in sala a partire dall’8 ottobre. Film da ricordarsi intanto quale ultima co-produzione di Tiziana Soudani prima di lasciare il set della sua esistenza terrena; film da ricordarsi per l’Orso d’Argento a Berlino 2020 alla miglior sceneggiatura (si aggiungano anche cinque Nastri d’Argento e altre cose). A Berlino, i D’Innocenzo ci avevano già provato due anni prima con ‘La terra dell’abbastanza’, per poi collaborare alla stesura di ‘Dogman’ di Matteo Garrone e garantendosi per questo l'uscita dall’escape room della gavetta, o la conclusione di quella che i gemelli chiamavano ‘La sinfonia di no’, quella dei ‘le faremo sapere’.

Fabio D’Innocenzo, si può dire che i “Le faremo sapere” adesso sono solo un brutto sogno?

«Sì. Ce la siamo rimbalzata un po’ la ‘Sinfonia di no’, perché era una definizione che suonava bene. Adesso siamo noi quelli che, paradossalmente dicono, ‘Le faremo sapere’, ovviamente in maniera meno formale, meno distaccata. Tanti ragazzi ci chiedono la nostra opinione sui loro scritti e noi tentiamo in tutti i modi di fare il contrario di quello che è stato fatto con noi, ovvero garantire un confronto tra chi il cinema lo sogna e chi già riesce a realizzarlo. Che in fondo era quello chiedevamo anche noi: non soldi, non un aiuto concreto, ma un dialogo, un poter spiare dal buco della porta. È importante per i giovani che si apprestano a fare questo lavoro, ed è importante anche che ci si abitui a trovare il giusto equilibrio tra quella che è spesso la mancanza d’interesse da parte di chi i film li produce, perché magari lo sguardo è pigro, e chi le storie le scrive senza venirne venga condizionato. Ed è fondamentale che si punti sempre in alto, perché giocare al ribasso è molto facile ed è anche, purtroppo, molto redditizio.

I D’Innocenzo non sono il prodotto delle scuole di cinema e ne vanno molto fieri.

È esatto. Non proveniamo dal cinema, cosa che ci ha portato tanti svantaggi e qualche vantaggio, primo fra tutti il non dover frequentare quei terribili vizi e quegli improcrastinabili retaggi di quando si viene indottrinati verso il linguaggio cinematografico secondo le accademie. Per noi rasenta la blasfemia l’idea che si possa insegnare un’arte così peculiare e così soggettivistica. Ognuno ha il suo modo di vedere il mondo e quindi d’interfacciarsi poi con attori, collaboratori, produttori per realizzare le proprie storie. Non c’è una formula che funziona sempre. Credo che l’importante sia fare emergere la propria sensibilità anche a discapito di alcune asprezze, di certe fragilità che possano esserci, e che non ci si nasconda mai da ciò che si vorrebbe essere in quanto regista. Anch’io ho il mio modello di regista perfetto, che è Fassbinder, ma non posso dire “Faccio lui”, perché diventerei come i personaggi di ‘Favolacce’, che invece di ricoprire semplicemente, e bene, il ruolo genitore si limitano a recitare il ruolo del padre e della madre perfetta. La perfezione non va inseguita, bisogna abbandonarsi al fatto che, essendo umani, siamo destinati al fallimento, cosa mai soltanto negativa ma a volte molto affascinante, e che può produrre negli altri l’interesse, anche scambiabile per successo.

Spero di spiegarmi: ‘Favolacce’ mi ha fatto stare male, ma nel senso buono.

Quello di ‘Favolacce’ è un copione che nasce a 19 anni, applicando quel criterio che, nel tuo caso, ti ha coinvolto così emotivamente, ovvero la voglia di creare un’esperienza audiovisiva simile a uno scossone fisico. Per noi il cinema deve scuotere e non rassicurare, deve portare a farci domande, a farci sentire anche scomodi nel nostro ruolo di esseri umani. Quando avevamo 19 anni avevamo grande rabbia per quanto visto nella vita e volevamo trasmetterla con una ribellione simile a quella messa in atto dai bimbi nel film, in silenzio, con educazione e una sorta di grazia. Provenendo dalla strada, sarebbe potuto uscire ben altro. E invece abbiamo scelto la strada della cultura, strada preziosa.

L’hanno definito ‘perverso’. Avete raccontato la periferia ne ‘La terra dell’abbastanza’ e adesso la provincia, che per drammaticità, se differiscono, è soltanto nei particolari.

Siamo nati in periferia e poi siamo emigrati nella provincia, le conosciamo entrambe. Sono una trappola. Uguali da un certo punto di vista, con tonalità e un respiro differente dall’altra. La provincia è qualcosa di molto subdolo, che arriva sempre senza mai bussare alla porta. Le tragedie che si consumano in periferia sono diverse da quelle che si consumano in provincia, la periferia è più roboante, più dichiarata, più manifesta. La provincia, invece, è più silenziosa, più rarefatta e quindi più letale, come tutte le cose che non mostrano avvisaglie della minaccia. Il film, come hai riportato, è perverso nella misura in cui è l’espressione di tante contraddizioni che appartengono al nostro essere umani.

Questa periferia e questa provincia, quelle di oggi, spaventano anche chi le racconta?

La paura, per quanto riguarda me e mio fratello, deriva da altro. Nel mio caso, in quanto sociofobico, è andare a comperare il pane la mattina. La vita, in realtà, tento di affrontarla sempre con uno sguardo antropologico sul perché, seppur comprendendo alcuni errori, continuiamo a reiterarli. Mi affascina questo circolo vizioso dell’incapacità di riscattare i nostri fallimenti, e penso che la risposta stia nella pigrizia di pensiero, nell’impossibilità di possedere una reale emancipazione di sguardo. E per questo, quando giriamo un film passiamo molto tempo a ridere. La tragedia che mettiamo in scena, in fondo, è sempre goffa e imbarazzante, non si prende sul serio. Anche se può sembrare un paradosso.

‘Favolacce’ non è solo Bruno e Dalila, l’inadeguatezza degli adulti, ma anche la sensibilità di Viola, l’equilibrio di Geremia nella totale assenza d’equilibrio generale…

Provo empatia, mi sento molto vicino ai bambini perché riconosco dei tratti caratteriali simili ai miei e a quelli di mio fratello Damiano. Non nego però di riconoscermi anche in alcune storture degli adulti, perché a 32 anni non posso più definirmi un bambino. I personaggi che hai citato hanno un forte dialogo interiore e riescono a far fruttare la propria sensibilità a discapito dei genitori che, invece, quella sensibilità vorrebberlo sotterrarla, ridurla a brandelli, a modelli comportamentali derivati dal terribile ventennio berlusconiano vissuto in Italia, procrastinatosi con Salvini. Credo comunque di provare, anche verso i personaggi negativi, una compassione. Nel senso che comprendo i loro sbagli, riuscendo allo stesso tempo a trarre un giudizio ovviamente negativo. La compassione viene dal fatto che spesso siamo in grado di comprendere le trappole che ci vengono messi davanti, ci danno gli strumenti per eluderle, e invece ci finiamo dentro quasi per inerzia. Credo sia il destino dell’essere umano il non riuscire a trasformare gli errori degli altri in catarsi. Il film inzia e finisce con una tragedia, ma una tragedia che non porta a un riscatto morale, a una maggior consapevolezza. I personaggi restano ciechi anche alla più grande delle tragedie. Questo legittima il nostro personalissimo modo di vedere il mondo, con un pessimismo che definirei compassionevole, inclusivo. O meglio, giudichiamo i personaggi così come giudichiamo noi stessi, con la stessa forma di sana spietatezza.

Sia in ‘La terra dell’abbastanza’ che in ‘Favolacce’ c’è Max Tortora, che pare il vostro Mastroianni…

Non conoscevamo Max Tortora nemmeno come comico, in quanto non possediamo la televisione, avendo Max, noto in Italia per le imitazioni, un background più televisivo e radiofonico. L’abbiamo scoperto nella fase dei provini e ci siamo innamorati della sua vulnerabilità e del suo non nascondersi. In questo lo troviamo molto simile a quello che è il nostro modo di intercettare i lati più importanti della vita, non mascherarsi e non fingere ciò che non si è. Èestremamente abile. Spesso gli attori comici vengono confusi con professionisti delegati soltanto alla risata. Ma ridere scaturisce sempre da una lettura del mondo più articolata. Io non rido per la volgarità o la stupidità delle gag. A me la risata fa pensare a quanto in fondo siamo inadeguati al quieto vivere, e in questa inadeguatezza c’è un bacino d'idee molto profondo che Max sa navigare molto bene.

L’intervista dei miei sogni ve l’ha già fatta Francesco Alò, facendo incetta di aneddoti quali voi dietro a Sorrentino davanti a un bancomat. Possiamo avere un aneddoto anche noi, meglio se inedito?

Me ne vengono in mente tanti. Alcuni sono anche molto positivi. Tanti registi pensavano che noi non fossimo realmente gemelli, ma una persona che cambiava identità a seconda del momento o per avere una seconda chance.

Perché vi vedevano in due momenti diversi?

No, anche solo perché spesso il rapporto era meramente epistolare, ed essendo noi per molte persone soltanto due nomi scritti con uno stesso cognome, quelle persone pensavano che dietro ci fosse una persona sola, e quindi pretendevano la nostra foto assieme. So che è abbastanza ridicolo ma la gemellanza, oltre che profonda, è di per sé una cosa molto divertente. La domanda che ci fanno più di frequente è come si lavora in quanto gemelli, e non conoscendo come sia il contrario non saprei proprio dirlo. Però, rispetto a chi affronta questo lavoro singolarmente, e te ne parlo oggi che sono qui da solo a fare questa intervista, per me è tutto più divertente, c’è una complicità maggiore, qualcosa che travalica l’atto di fare cinema e raggiunge quella bellissima cosa che è la vita e le sue contraddizioni.

Quindi il fatto che su Wikipedia siate un’unica voce non vi disturba…

Va benissimo così.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved