laRegione
mafalda-e-orfana-di-quino-morto-a-88-anni
Joaquin Salvador Lavado (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
25 min

Miley Cyrus torna con 'Plastic Heart'

Per il suo settimo album, la popstar si è fatta ritrarre in copertina dal guru delle copertine Mick Rock
Scienze
57 min

Ora solare: il benessere sessuale è a rischio

Sfasamento tra ritmo sonno-veglia e ‘orologio’ biologico, come il jet lag dei ritmi circadiani, che può favorire la disfunzione erettile
Arte
16 ore

Vincenzo Vela: 200 anni dopo è sempre 'Poesia del reale'

Con Gianna A. Mina in 'visita guidata' alla monografica che si apre domenica 25 ottobre, aperta sino al 5 dicembre 2021.
Spettacoli
20 ore

Il mio nome è Greta Thunberg

In sala 'I am Greta', ritratto di un'eroina suo malgrado, film che non cambierà il mondo ma fondamentale (per tutto il resto c'è 'Unposted' di Chiara Ferragni).
Figli delle stelle
23 ore

'Carla Bruni': piano piano, sottovoce (come piace a Marzullo)

★★✩✩✩ - Ben suonato e impeccabilmente prodotto, un sospiro dopo l'altro dell'ex Première Dame e si arriva (finalmente) alla fine
Spettacoli
1 gior

Teatro Sociale, annullato il concerto di Nadia Gabi

Il rimborso dei biglietti possibile entro il 31 ottobre al punto di acquisto. Il concerto sarà riprogrammato in una data successiva
Società
1 gior

Coronavirus, accordo Oms-Wikipedia per informazioni affidabili

Un passo nella lotta alla disinformazione: un accesso equo a informazioni sanitarie affidabili è fondamentale per mantenere le persone al sicuro
Culture
1 gior

Microcosmi. Di ruderi, natura e ponti

Sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone: dagli ‘scarti di territorio’ alla natura riletta dall’artista Al Fadhil
Spettacoli
1 gior

Frankenstein, una storia d’amore al Sociale

Applausi per il nuovo spettacolo di Margherita Saltamacchia dedicato a Mary Shelley e alla sua creatura
Società
1 gior

A Lugo di Romagna c'è Casa Rossini

Da domani, cinque sale nella dimora dei nonni del compositore, nella cittadina in cui l'autore del 'Barbiere di Siviglia' visse da adolescente
Fumetti
30.09.2020 - 18:220
Aggiornamento : 21:27

Mafalda è orfana di Quino, morto a 88 anni

La creatura di Joaquín Salvador Lavado, fumettista argentino figlio d'immigrati andalusi, apparì per la prima volta nel 1964 sulle pagine di Primera Plana

Ironica, arrabbiata, in continua polemica con gli adulti e la loro gestione del mondo, che lei avrebbe voluto curare. Mafalda piange il suo papà Quino, nome d'arte del fumettista argentino Joaquín Salvador Lavado Tejón, origini andaluse, che si è spento a 88 anni per le conseguenze di un ictus che lo aveva colpito la settimana scorsa.

Tradotto in 35 lingue, presente tra i libri di un argentino su due ma conosciuto in tutto il mondo per quelle sue strisce con protagonista quella bambina sveglia, ironica, a tratti irriverente ma sempre unica e indimenticabile.

'Tutte le brave persone lo ricorderanno'

"Quino è morto. Tutte le brave persone del paese e del mondo lo piangeranno" ha detto annunciando la scomparsa il suo editore storico Daniel Jorge Divinsky.

Quell'amore per le matite e i fumetti nacque quando era piccolissimo e il Clarin racconta come sopportò di andare alle elementari solo perché per realizzarli serviva saper scrivere e leggere e con la madre si accordò per poter disegnare ogni giorno tutto il tavolo di pioppo della cucina a patto che poi lo spazzolasse per bene.

Rimase orfano presto e, dopo aver studiato all'Accademia di belle arti della sua città natale Mendoza, esordì nel 1954 in Dibujantes e trovò posto con le sue creazioni nelle riviste Aguado, Rico Tipo e quindi in Tia Vicenta chiusa dai militari nel 1966.

Nel 1958 sbarcò sul quotidiano Democracia e poi in Vea e lea. Mafalda, inizialmente creata per una pubblicità di lavatrici che non piacque al committente, fu rimessa in un cassetto e rispuntò il 29 settembre del 1964 sulla rivista argentina Primera Plana e poi su El Mundo.

Fino al 1973 illuminò con il suo sarcasmo e la sua indimenticabile visione del mondo il suo pubblico circondata oltre al papà impiegato e alla mamma casalinga, da una serie di amichetti storici: il romantico Felipe (che è la caricatura di un amico di Quino, il poeta Jorge Timossi), la borghese Susanita, il capitalista Manolito.

A questi si sono poi aggiunti Guille (Nando per gli italofoni) il fratellino di Mafalda, per il quale Quino si è ispirato a un nipotino diventato flautista, il fantasioso Miguelito e la minuscola Libertad, disegnata piccolissima ''perché la libertà in Argentina è sempre stata poca''.

Il diritto di rimanere una bambina

"Mafalda - scrive Umberto Eco nel 1969 nella prefazione al volume Mafalda la contestataria (Bompiani) - è un'eroina arrabbiata che rifiuta il mondo così com'è. Vive in una continua dialettica col mondo adulto, che non stima, non rispetta, avversa, umilia e respinge, rivendicando il suo diritto a rimanere una bambina che non vuole gestire un universo adulterato dai genitori".

Arrivò anche sul grande schermo con un film argentino di 75 minuti, che non lasciò soddisfatto Quino, e fu protagonista di due serie d'animazione.

Al momento del golpe (1976), Quino si trasferì in Italia, tornando nel suo paese dal 1979 prima per brevi periodi, poi sempre più frequentemente.

Su quel periodo oscuro dell'Argentina non nascose le sue idee. "Se Mafalda fosse vissuta durante gli anni della dittatura militare sarebbe forse stata una 'desaparecida' in più. - disse in un'intervista all'ANSA - Non sarebbe sopravvissuta per il semplice fatto che aveva un cervello critico. Molta gente è scomparsa solo per questo e tra di loro moltissimi sono stati i giornalisti".

E tra le strisce di Quino ce n'è anche una in cui Susanita parlando con Mafalda cita l'ANSA assieme alla Associated Press e alla Reuter tra le maggiori agenzie mondiali.

© Regiopress, All rights reserved