laRegione
il-lac-da-en-plein-air-diventa-edu
Più open air possibile (Ti-Press)
Culture
21.09.2020 - 18:440

Il Lac da 'en plein air' diventa 'edu'

Dal ciclo d'incontri 'Arti liberali' alle letture nel parco, dagli atelier con nuove tecnologie alla pratica yoga che precede la visita al museo

Conclusa l'estate 'en plein air', la mediazione culturale presenta il nuovo programma LAC edu, l'arte aperta e accessibile attraverso attività e progetti in presenza e online. Tra le proposte, il direttore artistico Carmelo Rifici cura 'Arti liberali', con ospiti delle serate, a cadenza mensile, grandi nomi della cultura e della scienza di fama mondiale, tra cui Fabiola Gianotti, direttrice del Cern, con Paolo Giordano, Premio Strega 2018; l'autore e regista Romeo Castellucci; David Quammen, autore del bestseller mondiale Spillover, e altri nomi ancora da confermare. Il programma per il pubblico sarà incentivato all'aperto, con le letture al parco, gli atelier con nuove tecnologie, la pratica yoga che precede la visita al museo. Sempre Carmelo Rifici sarà protagonista di un’appassionante incursione nel
mondo del teatro dall'Antica Grecia verso quello elisabettiano, fino alla contemporaneità. Vi sono poi il programma per le scuole di Antonio Catalano e i progetti online legati alla danza.

Il Lac 'en plain air', coi suoi oltre trenta eventi serali gratuiti in collaborazione con LuganoMusica, Orchestra della Svizzera italiana e Museo d'arte della Svizzera italiana, ha accolto 4'500 spettatori, registrando un tasso di occupazione superiore al 95%. "Un’affezione straordinaria al LAC – afferma Michel Gagnon, direttore generale –fondamentale per affrontare una nuova stagione artistica e per ritrovare il di comunità che la nostra attività offre". L'arte quale "motore vitale" è anche nelle parole di Isabella Lenzo Massei, responsabile mediazione culturale. Alcune proposte (come l'atelier per l'infanzia 'Primi passi nell'arte' sono state riorientate per questioni sanitarie e riapriranno una volta trovati linguaggi e soluzioni attuabili senza snaturare il senso della mediazione.

© Regiopress, All rights reserved