Napoli
2
Cagliari
0
fine
(1-0)
emilie-plateau-e-la-giustizia-in-un-fumetto
La copertina di ‘Nera’ (Einaudi ragazzi)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
2 ore

Vittime, arpie, snaturate? Le donne dopo il diritto di voto

In vista dell‘evento ’Il suffragio in scena’, il punto sulla presenza femminile nello spazio politico e pubblico in occasione del 50° anniversario
Arte
6 ore

Duecento anni di Antonio Ciseri

Prendono il via le mostre ad Ascona, Locarno, Lugano e Rancate per il bicentenario dell’artista nato a Ronco sopra Ascona
Società
7 ore

‘La Rsi che vorrei’, incontro pubblico con Mario Timbal

Trascorsi i primi 100 giorni, il direttore Rsi parlerà dei cambiamenti organizzativi, del ruolo del comitato direttivo e delle sfide per il futuro
Spettacoli
7 ore

Gemellaggio tra Ascona e New Orleans celebrato dal pubblico

‘Capiti quel che capiti, l’anno prossimo JazzAscona tornerà alla grande’ è stata la promessa del presidente Guido Casparis
Società
8 ore

Narcisi nella rete, conferenza di Antonio Nizzoli

Durante l’incontro verrà affrontata la complessa determinazione dell’immagine di sé come relazione sociale, tra conformismo e difformismo
Culture
9 ore

Incontro con Jacques Aumont, Premio Balzan per la filmologia

Il professore emerito dell’Università Sorbonne Nouvelle, insignito del riconoscimento nel 2019, indagherà il rapporto tra cinema e corpo umano
Arte
13 ore

Tutti i ‘Personnages’ della Fondazione Braglia

Dal 30 settembre al 18 dicembre 2021, la rappresentazione dell’essere umano ‘da Werefkin a Miró e da Warhol a Paladino’ (a Picasso, Nolde, Paul Klee...)
Spettacoli
1 gior

‘Space Jam: new legends’, divertente nonostante tutto

Storia scontata e scarse doti attoriali di LeBron James, ma il film tra animazione e live-action ha buon ritmo e la giusta ironia per non annoiarsi
Spettacoli
2 gior

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
2 gior

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
2 gior

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
2 gior

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
2 gior

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
2 gior

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
2 gior

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Spettacoli
2 gior

Leo Pusterla e Terry Blue, ‘Only to be there’ allo Studio 2 Rsi

Per MusicaViva targato Rete Tre, mercoledì 29 settembre il nuovo disco uscito in primavera per Areasonica Records
Spettacoli
2 gior

Un anno dopo, Parigi dedica una piazza a Juliette Gréco

Si trova a Saint-Germain-des-Près, sulla rive gauche fulcro della vita intellettuale del dopoguerra dove l’artista, morta nel 2020, cominciò la sua carriera
Cinema
3 gior

Addio a Roger Michell, regista di ‘Notting Hill’

Nel 1999 diresse la commedia romantica con Julia Roberts e Hugh Grant. ‘The Duke’, con Helen Mirren, il suo ultimo lavoro
Culture
16.09.2020 - 21:250

Émilie Plateau e la giustizia in un fumetto

Intervista all'autrice di ‘Nera. La vita dimenticata di Claudette Colvin’, ospite di Storie Controvento e Babel

Émilie Plateau, autrice di un meritevole fumetto che narra della discriminazione razziale, sarà presto ospite a Bellinzona. Le recenti violenze della polizia statunitense contro gli afroamericani rendono oggi il suo libro, scritto quando ancora la situazione negli Usa era meno tesa, drammaticamente attuale.

L’incontro, curato dal festival Storie Controvento, si svolgerà giovedì 17 settembre alle 18 a Palazzo Civico di Bellinzona nell’ambito di Atlantica, la 15ª edizione di Babel che prenderà avvio proprio con questo evento moderato da Juliane Roncoroni.

Un libro meritevole, dicevamo. ‘Nera. La vita dimenticata di Claudette Colvin’, pubblicato da Einaudi Ragazzi, ha recentemente vinto il Premio Andersen 2020 per la categoria libro a fumetti. Questa la motivazione della giuria: “Per la forza di una narrazione necessaria e urgente, volta a inquadrare vicende storiche sottolineandone però con uguale intensità l’attualità intorno al tema dei diritti civili; per la capacità di rendere accessibile a tutte e a tutti, anche in età evolutiva, una storia poco nota, pure attraverso l’adattamento in letteratura illustrata”. 

Protagonista del libro è la quindicenne di colore Claudette Colvin, arrestata e processata per essersi rifiutata di cedere il posto sul bus a un passeggero bianco. La sua azione di ribellione contro le leggi segregazioniste avvenne prima di quella di Rosa Parks, ma la Storia non fu altrettanto benevola nei suoi confronti.

Claudette, infatti, rimase nascosta e isolata anche all’interno della sua comunità perché – al contrario della Parks, donna onesta e distinta – venne considerata una ragazzina impresentabile e inadatta a rappresentare i movimenti di lotta contro la segregazione razziale. Eppure fu lei la prima, il 2 marzo del 1955 a Montgomery in Alabama, a rifiutarsi di cedere il posto sul bus a una donna bianca, a essere arrestata, a denunciare più tardi la città e a ottenere infine una vittoria giuridica di portata storica.

Una gioventù di coraggio e resistenza rimasta nell’ombra finché Tania de Montaigne ne raccontò la storia, ripresa poi in versione illustrata da Émilie Plateau per le Editions Dargaud e ora tradotta e pubblicata da Einaudi Ragazzi.

Nove mesi dopo, il gesto di Claudette Colvin fu ripetuto da Rosa Parks, e allora la comunità nera di Montgomery, guidata da Martin Luther King, sostenne la protesta boicottando gli autobus per oltre un anno. Finché, nel 1956, la Corte federale stabilì che la segregazione razziale era incostituzionale.

Claudette fu al contempo eroina e vittima. Subì molteplici ingiustizie: perché nera, donna, minorenne e perché, rimasta incinta di un uomo bianco sposato, fu emarginata dalla società per motivi morali, o meglio perché allora la sua condotta non era rientrava negli standard di rispettabilità. Quello scandalo, allora, le impedì di diventare l’icona dei movimenti di lotta antisegregazionisti. La storia attribuì la vittoria sulle leggi razziali a Rosa Parks e a Martin Luther King, personaggi noti e nel frattempo entrambi deceduti. Per Claudette, oggi 80enne, non c’è stato un riconoscimento pubblico, neppure tardivo. Ma ora ecco pagine che finalmente le rendono giustizia. Come ci spiega direttamente l’autrice Émilie Plateau.

Perché ha scelto di narrare la storia di Colette? C’è forse la volontà di riscattare un persona che rischiava d’essere dimenticata?

Quando ho letto il libro di Tania de Montaigne sono rimasta profondamente colpita dalla storia di Claudette, dalla profonda ingiustizia da lei vissuta e con questo fumetto ho voluto renderle omaggio.

Oggi purtroppo vediamo che negli Usa il problema razziale è tutt’altro che risolto. Cosa le suscitano gli episodi di violenza contro i neri avvenuti recentemente nelle strade americane? 

Sono estremamente scioccata e quel che accade negli Stati Uniti mi indegna. Anche l’Europa non è risparmiata dalle violenze della polizia, in continua crescita, e questo è molto inquietante. 

E le conseguenti proteste (Black Lives Matter)?

Le proteste contro la morte di George Floyd sono state mondiali: un segnale forte. In molte città ci sono state vere rivolte per dire stop alla violenza e al razzismo.

Veniamo al libro: lei è sia la disegnatrice che l’autrice dei testi? Lo definisce un fumetto? 

Sì, anche se si tratta dell’adattamento di un libro preesistente e sì, anche senza riquadri e bolle (che non mi piace disegnare) è un fumetto.

Il suo libro è stato pubblicato nel 2019 in francese: qual è stata la sua ricezione nell’area francofona?

 ‘Nera’ è stato accolto con molto favore in queste regioni, dove Claudette Colvin era una sconosciuta. Il libro ha permesso di scoprirla.

Il libro è destinato ai ragazzi. In Belgio, dove lei vive, li ha potuti incontrare? Anche nelle scuole?

Tengo dei laboratori di fumetti indirizzati sia a bambini e adolescenti nelle scuole che ad adulti nelle associazioni. Il libro ha avuto grande eco.

Al momento dei fatti, nel 1959, Colette aveva 15 anni. Ha voluto trasmettere un esempio di coraggio civile per i più giovani? Mostrare che anche una ragazzina può diventare la scintilla che cambia la Storia? Che spesso sono le donne le più coraggiose?

Nella storia di Claudette Colvin mi interessa il fatto che con un gesto così quotidiano, apparentemente blando eppure molto significativo si possa cambiare il corso della Storia. Ho voluto mostrare che le donne hanno avviato il movimento dei diritti civili e che senza di loro tutto sarebbe durato più a lungo. C’erano numerose associazioni di donne che lottavano contro la segregazione a Montgomery. Purtroppo nei libri di storia non se ne parla.

Infine il Premio Andersen 2020: cosa rappresenta?

È un onore e un bel riconoscimento per il mio lavoro. Ed è pure un bell’omaggio a Claudette Colvin. Spero che questo farà in modo che la sua storia sia resa nota.

 

Tutti i dettagli sul festival Babel e gli aggiornamenti riguardo alle normative di sicurezza sono reperibili sul sito www.babelfestival.com. Entrata libera fino a esaurimento posti, con tracciamento obbligatorio.

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved