laRegione
Nuovo abbonamento
le-turbolenze-di-david-szalay-a-un-passo-dal-precipizio
Maestro nell'arte del racconto
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

Ecuador, il vulcano Sangay è 'nervoso'

Attività eruttiva intensificatasi nelle ultime ore. Ceneri a chilometri di distanza, per ora non si segnalano vittime
Video
Musica
11 ore

'A case of you', e Joni Mitchell ha di nuovo diciassette anni

Tutti in piedi, anche i non amanti del talent show, per il talento di Casadilego, nome d’arte di Elisa Coclite, nel capolavoro tratto da 'Blue', 1971.
Babel 2020
14 ore

Dentro i deserti di Giorgio Vasta

Babel in versione 'Atlantica' ha incluso anche il punto di vista dello scrittore palermitano di 'Absolutely Nothing. Storie e sparizioni nei deserti americani'
Cinema
15 ore

I 70 di Bill Murray, da 'Polpette' a 'Ghostbusters: Legacy'

Stralunato, vincente, tra fantasmi e cartoon. I settantanni di un talento un po' autodistruttivo, ma ancora di culto, e capace di mille sorprese.
Culture
18 ore

'Maestra e icona': Rossana Rossanda per Franco Cavalli

Il ricordo della giornalista, scrittrice e co-fondatrice del Manifesto, morta nella notte a Roma, nelle parole del fondatore del Forum Alternativo.
Culture
23 ore

È morta Rossana Rossanda, fondatrice de 'Il Manifesto'

È deceduta la scorsa notte a Roma all'età di 96 anni. Partecipò alla Resistenza e fece parte del Partito comunista italiano, dal quale fu poi radiata
Babel Atlantica
1 gior

Ilide Carmignani, con parole sue

'Compañera del camino' di tutto Sepúlveda, ma anche traduttrice di Roberto Bolaño. Di 'Amuleto' parlerà al Sociale domenica 20 settembre. L'intervista.
Arte
1 gior

L’Art nouveau di Le Corbusier al Teatro dell’architettura

In mostra Mendrisio i disegni giovanili dell'architetto e urbanista svizzero
Spettacoli
1 gior

‘Madame’, la ribellione di una donna e di un nipote

Contro la società maschilista, il regista Stéphane Riethauser racconta la battaglia di sua nonna, sposa forzata. E la sua, omosessuale in un mondo machista
Arte
1 gior

Jawlensky-Werefkin ad Ascona: amore e arte, amore dell’arte

Due percorsi esistenziali e artistici ricchi e tormentati in mostra al Museo comunale d'arte moderna di Ascona da domenica 20 settembre al 10 gennaio 2021.
Culture
2 gior

Fellini e la letteratura al Boschetto Parco Ciani

Sabato 26 settembre, giornata per il centenario della nascita del grande regista organizzata dall'Istituto di studi italiani e dalla Città di Lugano.
Culture
2 gior

Forrest Gump è orfano: addio allo scrittore Winston Groom

Dall'iconico romanzo, sei premi Oscar. L'autore del personaggio reso immortale da Tom Hanks è morto in Alabama all'età di 77 anni.
Arte
2 gior

‘What’s New?’ e Josephsohn, al Masi si torna a vedere l’arte

Il nuovo allestimento della Collezione Olgiati e le sculture dell’artista svizzero Hans Josephsohn completano l'offerta del Museo d’arte della Svizzera italiana
Libri
12.09.2020 - 17:400

Le 'Turbolenze' di David Szalay, a un passo dal precipizio

Dodici racconti fulminanti compongono l'ultimo libro del canadese di Budapest, ora anche in lingua italiana, edito da Adelphi.

Una donna torna a Madrid, dove vive, dopo avere trascorso più di un mese nell’appartamento londinese del figlio, costretto a un ciclo di radioterapia per curare un tumore alla prostata. Ora non resta che attendere qualche settimana, sottoporsi a nuovi esami e sperare che la cura sia stata efficace. Mentre è in volo, la donna scambia qualche battuta insignificante col suo vicino di posto. L’aereo ha una prima turbolenza; poi altre, più violente. La donna perde i sensi. Quando si risveglia, sopra di lei c’è un viso che la rassicura: “Soffre di diabete? Sono un medico, stia tranquilla”. All’arrivo, sull’ambulanza che la porterà in ospedale per accertamenti, è raggiunta da un pensiero: suo figlio guarirà. Nel racconto seguente, un uomo d’affari atterra a Dakar. Durante il tragitto che lo porta a casa, nota il silenzio preoccupato del suo autista. Gliene chiede il motivo. Silenzio. Insiste. Nessuna risposta. Prima di riprovarci, gli torna in mente la turbolenza dell’aereo tra Londra e Madrid e il malore che ha còlto la sua vicina. Arrivato a casa, incalza di nuovo l’autista: “Che è successo?”, chiede sempre più inquieto. “Glielo dirà Madame”, si limita a rispondere l’altro, tremando. Solo nel pezzo seguente si saprà (forse) che cosa è successo.

Gradi di separazione

Molti esperimenti empirici e la teoria dei grafi ci dicono che per mettere in contatto due persone che non si conoscono tra loro ne bastano solo altre cinque. Ciò significa che se io desiderassi far recapitare, ignorandone l’indirizzo, una lettera a un falegname norvegese, a un cuoco cileno, a una dirigente d’azienda neozelandese o al presidente degli Stati Uniti, sarebbe sufficiente che la inviassi a qualcuno che ritengo possa conoscere meglio di me il recapito di destinazione; questi farà lo stesso con una persona della sua cerchia, fino, appunto, alla cassetta delle lettere finale. Sorprende un numero così basso di gradi di separazione (sei), sintomo dell’interconnessione tra gli abitanti del nostro pianeta: non a caso, tutta la faccenda è spiegabile con la cosiddetta “teoria del mondo piccolo”.

Non so se ci abbia pensato David Szalay, scrittore canadese accasatosi a Budapest dopo una serie di peregrinazioni, nella pianificazione di 'Turbolenza', ora disponibile anche in traduzione italiana presso Adelphi. Si tratta di una raccolta di dodici (il doppio di sei!) racconti fulminanti (inizialmente commissionati dalla BBC Radio e poi sistemati nella forma libro) che permette la chiusura del cerchio, dato che a uno dei personaggi del primo frammento (l’uomo che ha seguito la radioterapia) si torna nel pezzo che chiude la silloge. Ogni racconto reca come titolo le sigle di due aeroporti, quello di partenza e quello di arrivo, da cui si riparte nel brano seguente.

Il protagonista di ciascun racconto è sempre un personaggio secondario di quello precedente, il cui senso viene pertanto retroilluminato da quanto segue. Ogni frammento ha che vedere con un volo, la cui centralità è variamente declinata; sempre, però, i personaggi sono confrontati con una turbolenza, a volte marginale (una giornalista brasiliana si reca in Canada per intervistare una nota scrittrice, ma questa deve partire d’urgenza per gli Stati Uniti per assistere alla nascita del nipotino), a volte profondamente destabilizzante (nel pezzo seguente, la scrittrice scopre che il piccolo è nato cieco).

Microtesti e macrotesto

Il libro trae gran parte della sua forza dalla dialettica tra i microtesti e il macrotesto che fa da cornice, peraltro già fissata dal titolo al singolare che sintetizza la pluralità di turbolenze su cui sono costruiti i singoli brani. L’interconnessione tra i racconti non gioca mai su uno scontato “effetto palla di neve”: ciò che accade in un frammento non influenza più di tanto quanto accade in quello seguente. Il che mi pare alludere alla concezione per cui i vari personaggi, pur connessi tra loro nel villaggio globale che è il nostro pianeta, sono sostanzialmente soli, ciascuno alle prese con la propria personalissima 'Turbolenza'.

Szalay si conferma maestro nell’arte del racconto: nella capacità di fissare icasticamente un’intera esistenza attraverso pochissimi tratti; nella capacità, soprattutto, di relegare fuori dal quadro, lasciandolo tuttavia intuire, il precipizio che sta accanto a ogni personaggio. E a tutti noi.

© Regiopress, All rights reserved