laRegione
Nuovo abbonamento
menomale-che-neil-young-c-e
'La mia musica è usata per una campagna d’ignoranza e odio che nulla ha a che vedere coi valori della costituzione' (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
13 ore

Falsi Modigliani, processo rinviato a gennaio

Iniziato, e subito rinviato, il processo per i 20 dipinti sequestrati mentre era in corso una mostra, curata da Rudy Chiappini, a Palazzo Ducale a Genova
Arte
15 ore

Immersi nella Vienna di Gustav Klimt

Apre al Palacinema di Locarno Klimt Experience, mostra multimediale e immersiva dedicata all'artista viennese. Ma con qualche limite
Scienze
16 ore

I ghiacci dell'Artico ridotti ai minimi termini

Nell'estate 2020 registrata la seconda estensione minima dall'inizio delle misurazioni, nel 1979
Scienze
16 ore

Un nuovo fascio di luce potrebbe uccidere il Sars-Cov-2

A individuarlo è stato uno studio dei ricercatori dell'Università di Hiroshima sull'uso della luce ultravioletta C (Uvc)
Arte
17 ore

Oscar Andrea Braendli, singolarità di un artista

Alla Biblioteca cantonale di Bellinzona, il 24 settembre, una selezione di acquerelli dell'artista di origini elvetiche vissuto tra Milano, Zurigo e il Luganese
Fotografia
20 ore

Chiocciola Slow Food 2020 al fotografo Ely Riva

Per l'atteggiamento 'lontano anni luce dalle seduzioni della fretta e del facile risultato' e le molte altre qualità contenute nella motivazione.
Musica classica
22 ore

'Settimane Musicali' chiude con successo (e la formula tornerà)

Premiate da pubblico e critica. Il fine settimana con musica da camera e la partecipazione di un gruppo di rinomati solisti potrebbe riproporsi nel 2021.
Scienze
22 ore

Ghiaccio marino artico sotto i 4 milioni di chilometri quadrati

È la seconda volta dall'inizio delle registrazioni satellitari nel 1979. 'Andiamo verso un Oceano Artico stagionalmente senza ghiacci. Un chiodo nella bara'.
Cinema
23 ore

'Nomadland', dopo Venezia anche Toronto

La pllicola di Chloé Zhao, con Frances McDormand nel ruolo della nomade Fern, conquista la 45esima edizione del Festival canadese
Libri
23 ore

'Scritture di lago', Fazioli e Bernasconi finalisti

Il concorso letterario premierà i suoi vincitori sabato 28 novembre nella Sala Bianca del Teatro Sociale di Como
Società
1 gior

Twitter non è (ancora) un social per donne

Un rapporto di Amnesty denuncia i pochi sforzi fatti dal social network per gestire la violenza di genere
Teatro
1 gior

'Se la va la gh'a i röd': se ne riparla a primavera 2021

L'annuncio della Compagnia Flavio Sala. Nando, Federer, Sac a Poche 'e tutta la combriccola del garage Pistoni' danno appuntamento al prossimo anno.
Culture
1 gior

'Luna Park' Finzi Pasca, giri di giostra per 7'600 spettatori

'Ci auguriamo che questo sia un inizio di una nuova avventura', commentano i fondatori della Compagnia al termine di dodici giorni di spettacolo immersivo.
Cinema
1 gior

Addio a Michael Lonsdale, nemico di 007 in 'Moonraker'

Recitò per Steven Spielberg, Orson Welles, François Truffaut, Louis Malle, Luis Buñuel ed Ermanno Olmi. Aveva 89 anni.
Culture
1 gior

Il Lac da 'en plein air' diventa 'edu'

Dal ciclo d'incontri 'Arti liberali' alle letture nel parco, dagli atelier con nuove tecnologie alla pratica yoga che precede la visita al museo
Televisione
1 gior

Emmy: trionfo per 'Succession', 'Watchmen' e 'Schitt's Creek'

Assegnati i premi della 72esima edizione, condotta in forma virtuale dal comico Jimmy Kimmel coadiuvato da Jennifer Aniston e Jason Bateman.
Società
1 gior

Quanto a cultura, gli svizzeri ci vanno coi piedi di piombo

Un terzo dei confederati intervistati per un sondaggio commissionato da Ufc e Cdac non riprenderanno le visite culturali se non a crisi sanitaria superata.
Musica
1 gior

De Sfroos, reunion da 'Manicomi': 'Bello, come all'inizio'

Alla Rsi, estratti dall'album del '95 'rilucidato' e in uscita il 25 settembre. Intervista a Davide 'Van De Sfroos' Bernasconi e Alessandro 'Frode' Giana
Spettacoli
1 gior

Monsieur Pigeon, una storia d’amore e di solitudine

Al cinema il bel documentario di Antonio Prata dedicato a Giuseppe, senzatetto dal grande cuore
Scienze
1 gior

Interrotta la ricerca sulla memoria del ghiacciaio del Grand Combin

Gli scienziati abbandonano il campo in quota dopo un guasto al carotatore
Scienze
1 gior

Un nuovo elettrolita per le batterie al litio

Indidivuato dal Laboratorio federale di prova dei materiali un materiale più sicuro e performante
Scienze
1 gior

Ecuador, il vulcano Sangay è 'nervoso'

Attività eruttiva intensificatasi nelle ultime ore. Ceneri a chilometri di distanza, per ora non si segnalano vittime
Video
Musica
2 gior

'A case of you', e Joni Mitchell ha di nuovo diciassette anni

Tutti in piedi, anche i non amanti del talent show, per il talento di Casadilego, nome d’arte di Elisa Coclite, nel capolavoro tratto da 'Blue', 1971.
Babel 2020
2 gior

Dentro i deserti di Giorgio Vasta

Babel in versione 'Atlantica' ha incluso anche il punto di vista dello scrittore palermitano di 'Absolutely Nothing. Storie e sparizioni nei deserti americani'
Cinema
2 gior

I 70 di Bill Murray, da 'Polpette' a 'Ghostbusters: Legacy'

Stralunato, vincente, tra fantasmi e cartoon. I settantanni di un talento un po' autodistruttivo, ma ancora di culto, e capace di mille sorprese.
Culture
2 gior

'Maestra e icona': Rossana Rossanda per Franco Cavalli

Il ricordo della giornalista, scrittrice e co-fondatrice del Manifesto, morta nella notte a Roma, nelle parole del fondatore del Forum Alternativo.
Culture
2 gior

È morta Rossana Rossanda, fondatrice de 'Il Manifesto'

È deceduta la scorsa notte a Roma all'età di 96 anni. Partecipò alla Resistenza e fece parte del Partito comunista italiano, dal quale fu poi radiata
Babel Atlantica
3 gior

Ilide Carmignani, con parole sue

'Compañera del camino' di tutto Sepúlveda, ma anche traduttrice di Roberto Bolaño. Di 'Amuleto' parlerà al Sociale domenica 20 settembre. L'intervista.
Musica e politica
11.08.2020 - 06:000
Aggiornamento : 20:06

Menomale che Neil Young c'è

Il musicista porta in tribunale Trump per abuso propagandistico delle sue canzoni. Perché anche i cantautori, nel loro piccolo, s’incazzano...

Non è esattamente ‘Hey Hey, my my, Donald Trump will never die’, ma a Neil Young, cantautore di ‘Harvest’ e altro americano songwriting, proprio non va giù che il presidente utilizzi le sue canzoni per fare campagna elettorale. La scorsa settimana, all’ennesima appropriazione ideologica dei suoi fonogrammi, il cantautore si è rivolto a un tribunale federale accusando Trump di violazione del diritto d’autore. Nel massimo rispetto per le idee politiche di tutti, ma anche in difesa del proprio intelletto “usato per una campagna d’ignoranza e odio che nulla ha a che vedere coi valori della costituzione”. I legali dell’artista canadese si caleranno su di una legge degli anni ’40 che prevede l’acquisto da parte del politico di turno di una Political Entities Licence, una licenza che consente di scegliere tra milioni di brani, dalla quale però gli artisti possono anche togliersi. Riuscirà dunque Neil Young a vendicare la sua ‘Rockin’ In The Free World’ usata da Trump per annunciare la sua candidatura, e tutto il resto da allora sino alla piazzata biblica, con bibbia, nel post-George Floyd?

Il veterano del Vietnam

L'atteggiamento generale, quando ci si rivolge alla musica, è la totale assenza di chiedere permesso. E la politica, non chiedere il permesso, lo ha fatto ben prima di Napster, programmino di file sharing di fine Novecento cui si deve l'allucinazione “musica gratis per tutti”. Che è più o meno lo slogan degli ‘autoriduttori’, un movimento politico dei primi anni Settanta che in Italia pretendeva che i concerti fossero gratis, prendendo in ostaggio i cantautori (vedi ‘Processo a De Gregori’). Chiedere il permesso, comunque, prescinde dal fraintendimento. E il fraintendimento per eccellenza s’intitola ‘Born in the U.S.A.’, che Ronald Regan in piena guerra fredda pretendeva di utilizzare per accompagnare le presidenziali, confondendo però la storia del veterano del Vietnam di Spingsteen con il miglior inno patriottico in circolazione nel 1984, e ricevendo pertanto un ‘niet’ dal Boss in persona. Ma il brano più ideologicamente saccheggiato dai repubblicani resta probabilmente ‘I won’t back down’ di Tom Petty (qui in versione trumpiana) appuntatosi al gonfio petto tanto da George W. Bush nel Duemila, da cui la diffida del cantautore da vivo, quanto da Donald Trump nel raduno dello scorso giugno a Tulsa, da cui la diffida del cantautore da morto (tramite figlie ed ex-moglie, orfane e vedova dal 2017): “Tom Petty non avrebbe voluto che una sola canzone fosse usata per una campagna d’odio. Lui amava unire le persone”. Lo stesso era accaduto nel 2011 quando l’aspirante presidentessa Michelle Bachmann si era appropriata di ‘American Girl’.

Per abuso di canzonetta, tranne forse il Pulcino Pio® (sì, è un marchio registrato), Trump ha collezionato diffide da tutti: di Rihanna (‘Don’t stop the music’), Rem (‘It’s the end of the world’), Rolling Stones (‘You can’t always get what you want’), Guns N’ Roses (‘Sweet child of mine’), Pharrell Williams (‘Happy’). Men che meno è autorizzato a suonare ‘We are the champions’ dei Queen e ‘September’ degli Earth Wind & Fire. Gli eredi di George Harrison hanno posto il veto su ‘Here comes the sun’, quelli di Pavarotti sul ‘Nessun dorma’ che porti la voce di Big Luciano, quelli di Prince su ‘Purple rain. C’è poi il ‘giù le mani’ di Elton John da ‘Rocket man’ e ‘Tiny dancer’. Il pianoman, con l’eleganza che lo ha sempre contraddistinto, specifica: “Perché non chiedete a Ted Nugent? O a una di quelle country star del c****? Ve lo fanno gratis”.

L'Apicella di Renzi

In Italia, quanto a fraintendimenti, ha fatto storia quello di Walter Veltroni, fresco dimissionario da sindaco di Roma in vista delle politiche del 2008: “Gliel’avevo detto che era una canzone sul saper accettare le sconfitte”, dirà Jovanotti a sconfitta avvenuta. Ma Veltroni si era intestardito su ‘Mi fido di te’ ascoltando l’incipit, evidentemente senza mai arrivare a “Cosa sei disposto a perdere”. Jovanotti è legato ad altra vita politica della Penisola, con Matteo Renzi che nel 2011, più o meno nei giorni di “I nostri nonni hanno sconfitto il fascismo, i nostri padri il terrorismo e noi abbiamo sconfitto la mafia”, entrava alla Leopolda sulle note de ‘Il più grande spettacolo dopo il Big Bang’. Quando l’ex-sindaco imploderà, l’Apicella di Renzi, come qualcuno aveva definito Jovanotti, lo definirà “Un esempio della debolezza della politica”, e il politico gli preferirà Patty Smith (‘People have the power’) per accompagnare la campagna referendaria sulle riforme istituzionali. Ma la sete di citazioni cherubine da parte dell’ex Presidente del Consiglio non si placherà mai: nel giorno dell’addio al Pd, il futuro leader di Italia Viva posterà il link del video di ‘Sul lungomare del mondo’, sposando quel “Da oggi chiudo i conti col passato, i passi fatti e quelli che farò”, e i relativi “pessimisti”, “persuasori” e “disonesti” che non convincono tanto l’autore del testo quanto il redivivo aspirante statista.

Ci sarebbe anche la minaccia di causa intentata ai Cinque Stelle da Ludovico Einaudi per le (poche, come sempre) note di ‘Divenire’, utilizzate dal movimento per uno spot televisivo anti-euro. Citeremo la querelle più recente, datata dicembre 2018, quando la Lega riunita in Piazza del Popolo a Roma decide di scaldare gli animi dell’elettorato sulle note de ‘Il cielo è sempre più blu’, riciclando a proprio favore uno degli evergreen della sinistra, segno che la musica è senza confini e la politica è senza vergogna. A questo punto, il cielo da blu si fa plumbeo e la famiglia di Rino Gaetano ne ha abbastanza: “La politica non utilizzi più le sue canzoni. Rino non ha colori politici. Ha suonato alcune volte alla Festa dell’Unità, ma lui era solo a favore del popolo e contro chi tradiva i suoi ideali”. Tanto per essere precisi, e in risposta alla Sony cui si erano appellati per ottenere supporto (che risponde "Comunque, i partiti, i diritti d'autore li pagano"), la sorella e il nipote del cantautore morto a Roma nel giugno del 1981 poco più che trentenne (quarant'anni dopo, più moderno di Achille Lauro) dichiarano a Repubblica che la Siae non c’entra niente.

'Quella canzone ha distrutto la mia carriera'

Nel Ticino delle buone maniere c’è serenità tra Sebalter e le istituzioni, con la musica del cacciatore di stelle che echeggia nelle segreterie telefoniche dell’Amministrazione cantonale senza particolare distinzione partitica. A scanso di equivoci, in questi casi, meglio sarebbe per la politica scriversi le canzoni da sé. Che è quello che di norma ha fatto il sempre più rimpianto* Silvio Berlusconi, che le canzoni per scaldare i cuori degli elettori e delle elettrici se le faceva scrivere ex novo. A partire da ‘Forza Italia’ ("Forza, alziamoci. Il futuro è aperto, entriamoci"), l’inno dell omonimo partito composto un anno prima della discesa in campo dai maestri Renato Serio e Augusto Martelli (quest'ultimo già al lavoro su storiche sigle Mediaset come 'Il pranzo è servito' e 'Casa Vianello').

Ma gli amanti del ritornello che non va più via ricorderanno la celeberrima ‘Menomale che Silvio c’è’ (titolata anche nella variante ‘Meno male che Silvio c’è’, si rimanda eventualmente alla Treccani), l’inno che nel 2008 accompagnò il Cavaliere al trionfo elettorale non senza alcune perplessità nell’immediato sul fatto che si trattasse di tributo e non di presa in giro. “Quella canzone ha distrutto la mia carriera”, dichiarerà una decina d’anni dopo Andrea Vantini, l’autore dell’opera, denunciando alla stampa italiana l’essere stato emarginato: “Un’affermazione grave – dirà del titolo della sua canzone – che il mondo dello spettacolo, foraggiato economicamente dalla sinistra, mi sta ancora facendo pagare”. Chissà come l’avrebbe presa il mondo della poesia (al momento di andare in stampa non siamo in grado di dire chi foraggia il mondo della poesia) se Vantini avesse mantenuto il titolo originario, ‘A Silvio’.

*Da intendersi come eufemismo

 

© Regiopress, All rights reserved