laRegione
Nuovo abbonamento
maestra-e-donna-franca
Febbraio 2014, Teatro Ariston: 'Pronto, mammà... sei te?' (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 ore

L’Osi riparte con Poschner e Mönkemeyer

Giuseppe Verdi e il concerto per viola di William Walton per il primo concerto della stagione dell’Orchestra della Svizzera italiana
Arte
10 ore

Gianni Miraglia l’Iиstaиt Shamaи alla Rada di Locarno

L’artista come cavia da laboratorio, anzi da palcoscenico: sabato 3 ottobre, insolito vernissage con il pubblico invitato a indossare una maschera dell'artista
Società
10 ore

Ogni 9 minuti un morto per la rabbia. E il vaccino c’è

Il 28 settembre è la giornata mondiale dedicata alla malattia prevenibile con campagne di vaccinazioni. Difficili da organizzare
Società
10 ore

Le regole per una spiaggia in buono stato

Meno di venti rifiuti marini per cento metro lineari, ha stabilito l'Unione europea
Scienze
11 ore

Scoperti i laghi salati di Marte

Sotto i ghiacci del Polo sud del pianeta una rete di bacini idrici
Società
12 ore

Guariscono più donne che uomini dal tumore

In Europa, la media è di 51% di guarigioni femminili, contro 40% maschili
Arte
12 ore

La Biennale Bregaglia ha un nuovo duo curatoriale

Archiviata con soddisfazione la orimaedizione, gli organizzatori guardano al 2022 con la curatela di Bigna Guyer e Anna Vetsch
Cinema
16 ore

Storie di Seid e Miguel (Shakespeare incluso)

‘Un palco per la vita’ è il documentario di Davide Martinoni (& Friends) sul teatro come occasione d’integrazione. L'intervista.
Spettacoli
17 ore

Il Fit inizia con Lorena Dozio e Trickster-p

Il Festival internazionale del teatro e della scena contemporanea si apre con le anteprime due produzioni ticinesi
Spettacoli
18 ore

Tra informazione e intrattenimento, la nuova Radio Ticino

Oggi arriva il nuovo palinsesto. Non più rubriche e contenitori, ma “un prodotto più ricco di contenuti e più dinamico” spiega il caporedattore Angelo Chiello
Società
1 gior

Morta suicida l’attrice giapponese Yuko Takeuchi

Inquirenti preoccupati per i crescenti casi di suicidio che riguardano celebrità
Culture
1 gior

Mazzucco e Cucchi vincitori del Premio Dessì

Premi Speciali a Luciano Canfora, Renata Colorni e Andrea Kerbaker
Società
1 gior

Due premi Nobel propongono il ‘lockdown d'Avvento’

La soluzione dei due economisti per non cancellare il Natale e lo shopping natalizio in tempo di pandemia
Scienze
1 gior

Dalla cattura del CO2 agli antivirali, cosa cambierà il futuro

Le cinque previsioni di Ibm Research in chiave di sostenibilità e salute, così la tecnologia migliorerà le nostre vite
Società
1 gior

Coronavirus: i francesi bocciano i media, 'sono ansiogeni'

Per 6 intervistati su dieci si dedica 'troppo spazio' al Covid su giornali, radio e tv; il 25% pensa invece che sia equilibrato lo spazio
Musica
2 gior

Dori Ghezzi: 'Il jazz? Fabrizio la musica l'amava tutta'

A colloquio con Dori Ghezzi aspettando il jazzistico ‘VIVA#DE ANDRÉ, al PalaCinema di Locarno il 9 ottobre.
Arte
2 gior

Arnold Nesselrath, vi racconto 'Raffaello!'

All'interno della rassegna 'Metamorfosi', la voce più autorevole sull'artista urbinate nell'Aula Magna dell'Usi, lunedì 28 settembre.
Arte
2 gior

A Mendrisio l'onnivoro André Derin

'Sperimentatore controcorrente', padre dimenticato poi recuperato: dal 27 settembre al 31 gennaio 2021 il Museo dell'arte ne ospita la retrospettiva.
Società
3 gior

USA, il Covid toglie la maschera ad Halloween

Le autorità sanitarie statunitensi sconsigliano di coprirsi il viso durante la festa a causa del rischio pandemia
Spettacoli
09.08.2020 - 21:080
Aggiornamento : 11.08.2020 - 20:06

'Maestra e donna franca'

Un ritratto di Franca Valeri, spentasi oggi all'età di cent'anni. E il ricordo di Ippolita Baldini, che è anche un po' figlia sua.

Nel 2014, vestita di rosso, in punta di poltrona come da postura che nel 1966 era in bianco e nero, alza la cornetta e in tutto il tremore essenziale dal quale è da tempo afflitta torna la sora Cecioni sul palco di Sanremo; senza troppa riverenza verso il mondo della canzone che l’ha invitata in Riviera, e specificando il suo ricordarsi il primo Festival e pochi altri, l’attrice confessa che non ha mai avuto una canzone del cuore “perché per me la musica è l’opera”. E cita ‘Grazie dei fior’ forse perché è la prima che le viene in mente; forse perché di fiori gliene hanno appena consegnato un mazzo; forse perché il giorno in cui Lucio Dalla le si prostra ai piedi, Franca Valeri, spentasi oggi a Roma a pochi giorni dai suoi cent’anni, proprio non sa chi sia “quel tipo in pigiama”.

Un pallone o una zucca

Secondogenita di una famiglia della borghesia milanese di origine ebraica, l’attrice, sceneggiatrice e drammaturga italiana si era raccontata ad Aldo Cazzullo del Corriere nei pressi dei suoi cent’anni, festeggiati senza alcun clamore lo scorso 31 luglio. Intervista che, Dalla in ginocchio a parte, ha momenti toccanti nel ricordo dell’emanazione delle leggi razziali: “Quando mio padre lesse la notizia, pianse. Fu il momento più brutto della mia vita”. Privata a 18 anni dei diritti fondamentali e sopravvissuta grazie a un escamotage anagrafico, con l’ironica spietatezza che l’aveva sempre contraddistinta l’attrice ricordava così Piazza Loreto: “Volevo vedere se il Duce era davvero morto”. E ancora: “Vuol sapere se ho provato pietà? No. Ora è comodo giudicare a distanza. Bisogna averle vissute, le cose. E noi avevamo sofferto troppo”.

Di quei giorni, nel ruolo di scrittrice che alla fine avrebbe definitivamente retto a quello di caratterista, l’artista aveva già raccontato in ‘Bugiarda no, reticente’ (Einaudi, 2010), autobiografia che ha i ricordi delle estati trascorse a Riccione, nel cui mare, “molto raramente per fortuna (…) un po’ lontano dalla riva, galleggiava un pallone o una zucca: era la testa di Mussolini, detto il Duce”. Nel libro sono raccolti anche degli uomini della sua vita, l’attore Vittorio Caprioli e il direttore d’orchestra Maurizio Rinaldi, due “traditori” uniti da un’unica considerazione: “Il mio guaio con gli uomini – racconterà a Repubblica anni dopo – è stato sempre quello di rendermi indispensabile. Una specie di roccia, un sostegno nella vita e nel lavoro. Intanto loro facevano un po’ quello che volevano”.

'Elvira? Dov'è la mia Elvira?'

“Non rido spesso, ma sono contenta di avere sempre fatto ridere gli altri”. Autonoma, colta, anche icona gay – “Non ne conosco il motivo, ma mi fa piacere” – Franca Valeri possedeva la prerogativa di pochi, quella di poter ironizzare sulla classe sociale d’appartenenza, tanto come Signorina snob (anche in libreria nell’omonimo ‘Diario’ del '51) quanto come Cesira la manicurista del centro estetico, due donne i cui monologhi saranno incisi su vinili Emi prima di divenire tv di culto in ‘Studio Uno’ (1966). Le suddette due, con la Sora Cecioni, saranno le prime, popolarissime maschere femminili comiche e, insieme, la consacrazione dopo gli esordi con Fellini e Lattuada nel co-diretto ’Luci del varietà’ (1950) e le commedie con Totò e soprattutto Alberto Sordi, il ‘cretinetti’ de ‘Il vedovo’ (1959), film in cui l’attrice è la ricca Elvira creduta morta, capolavoro di black humor. Parallelamente alla commedia all’italiana e tv, viaggiano la Valeri regista per la lirica e l’autrice di commedie, da ‘Le catacombe’ (Cappelli, 1963) a ‘Il cambio dei cavalli’ (Einaudi, 2015), riflessione sull’età avanzata che fa il pari con ‘Non tutto è risolto’ (2011). A chiudere la vita d’artista, ‘Il secolo della noia’ (Einaudi, 2019), i pensieri di una 99enne nel nuovo millennio, tra i giovani del nuovo millennio: “È molto bello essere amati da questi nuovi appassionati che non giudicano il teatro qualcosa di passato: ci credono fortemente, perciò penso che non morirà mai”.


Ippolita Baldini

Il ricordo / Ippolita Baldini: ’Maestra e donna franca’

Sta ricordando la sua Franca Valeri – «Maestra e donna franca» – al Castello Sforzesco di Milano nello Zelig Show estivo di questa sera: «Una serata programmata da tanto tempo. Poterla ricordare è per me una carezza dovuta, una piccola missione che accade in tempo di vacanza, in una Milano deserta e in un contesto per me inedito. Vedo in tutto questo un grande valore simbolico». Milanese come la sua maestra, Ippolita Baldini portò al Paravento di Locarno, poco più di tre anni fa, ‘Mia mamma è una marchesa’, one-woman-show sui ‘parvenu’ milanesi al quale si arriva passando (anche) da Franca Valeri. Nell’intervista del luglio 2017, Ippolita citava Cesira la manicure, suo personaggio preferito, oggetto del suo tributo. 

«La scoprii ancor prima che mi appassionassi al teatro», racconta l'attrice. «Ai tempi delle medie, io e un'amica trovammo un vecchio vinile di suo padre che conteneva gli sketch radiofonici di Franca Valeri. Passammo pomeriggi interi ad ascoltare la Signorina snob, Cesira, o la mamma bolognese che cerca di confortare la figlia complessata da un naso enorme. Personaggi meravigliosi, raccontati in punta di fioretto, con ironia raffinatissima. Io, dal vinile, passai tutto su cassetta per ascoltarla in auto. Quel disco lo conoscevo a memoria, i suoi monologhi li avevo imparati come canzoni. È da lì che ho imparato il tempo comico». Tempo che un giorno le verrà riconosciuto dalla stessa Valeri: «A Roma, in Accademia, si verificò l’immensa occasione che il destino mi aveva riservato: mi esibii in Cesira davanti a lei, che rimase colpita da come io rispettassi i tempi, le accelerazioni, le pause. Venendo lei dalla musica classica, dava alla partitura del suo testo una grande importanza». Rapido scambio di telefoni e, tempo dopo, le due Cesire mangeranno pasticcini insieme nella casa romana dell’artista scomparsa: «Sì, nei miei anni romani sono andata a trovarla un paio di volte. Una donna incredibile».

 

© Regiopress, All rights reserved