laRegione
Nuovo abbonamento
bugo-la-notorieta-e-una-cosa-seria
'Cristian Bugatti', all'anagrafe e anche titolo dell'album
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
4 ore

Arnold Nesselrath, vi racconto 'Raffaello!'

All'interno della rassegna 'Metamorfosi', la voce più autorevole sull'artista urbinate nell'Aula Magna dell'Usi, lunedì 28 settembre.
Arte
4 ore

A Mendrisio l'onnivoro André Derin

'Sperimentatore controcorrente', padre dimenticato poi recuperato: dal 27 settembre al 31 gennaio 2021 il Museo dell'arte ne ospita la retrospettiva.
Società
15 ore

USA, il Covid toglie la maschera ad Halloween

Le autorità sanitarie statunitensi sconsigliano di coprirsi il viso durante la festa a causa del rischio pandemia
Spettacoli
20 ore

Addio al jazzista Hans Salomon, padre dell’Austropop

Scomparso all'età di 87 anni, veva suonato con Ella Fitzgerald, Art Farmer e Ray Charles
Culture
20 ore

Un convegno per digitalizzare la cultura

Aperte le iscrizioni alla giornata di studio del 27 ottobre “Digitalizza la cultura. Nuove mediazioni dei patrimoni audiovisivi” organizzato dal Decs
Scienze
21 ore

Progettate cellule mai viste in natura

Un laboratorio statunitense ha elaborato un algoritmo per l'ingegnerizzazione del vivente
Spettacoli
21 ore

Il Film Festival Diritti Umani svela tre film. E un ospite

L'edizione itinerante si aprirà con ‘Welcome to Chechnya’ e si concluderà con ‘I am Greta’. E accoglierà il regista iraniano Massoud Bakhshi
Teatro
22 ore

Teatro di Locarno: 'Sicuri e ottimisti', sul palco e in sala

Dapporto, Poretti, Sastri, Scommegna, Oblivion tra i protagonisti; Shakespeare, King e De Filippo tra gli autori; il Teatro dell'Elfo tra le compagnie
Cinema
1 gior

Pandemia vs Disney: saltano 'Black Widow' e 'West Side Story'

Al momento sembrano essere stati invece risparmiati 'Soul' e 'The Empty Man'.
Musica
1 gior

'What's Going On' di Marvin Gaye più in alto dei Beatles

Guida la classifica dei 500 migliori album di ogni tempo pubblicata dal Rolling Stone davanti a 'Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band'
Libri
1 gior

'Il lavoro, la fabbrica, la città' di Agustoni a LaFilanda

Domenica 27 settembre alle 16 a Mendrisio, promossa dalla Fondazione Sergio Agustoni, la presentazione del volume edito da Casagrande
Cinema
1 gior

Eugène Green senza mascherina: San Sebastian lo espelle

Il Festival, che ha in concorso il suo ultimo film 'Atarrabi et Mikelats', gli ha sospeso l'accredito per il rifiuto plurimo a indossarla.
Arte
1 gior

Premio Artista Bally 2019: 'Coeurs sacrés' a Palazzo Reali

Il MASI ospita l'opera della vincitrice Gabriela Maria Müller insieme a una selezione dei suoi lavori. Dal 25 settembre a Lugano fino al primo novembre.
Spettacoli
1 gior

Teatro e musica nel Locarnese: al via l'autunno di OSA!

In scena la 19esima edizione di 'La donna crea' (diretta da Santuzza Oberholzer) e la 17esima rassegna internazionale 'Voci audaci' di Oskar Boldre.
Teatro
1 gior

'Si riparte, si rinasce': riapre il sipario del Paravento

A Locarno 'la creatività non è andata in letargo'. Il 1° ottobre il palco del teatro locarnese torna a popolarsi di artisti dopo sette lunghi mesi di stop.
Culture
1 gior

Locarno Festival: le possibili cause del divorzio da Lili Hinstin

Bocche cucite al Festival, ma dietro le quinte si parla di allergia al glamour da parte della direttrice artistica e del suo scarso contatto con la città.
Società
1 gior

La coperta giusta per un sonno migliore

Una ricerca del'Università di Stoccolma spiega come coprirsi per dormire bene
Società
1 gior

Da homo sapiens a homo sedens

La ricerca di un etnologo francese paragona gli open space alle carceri
Culture
2 gior

Lili Hinstin e il Locarno Film Festival si separano

La decisione è consensuale. Il comunicato parla di 'divergenze strategiche'. Il Festival esprime 'gratitudine' e discuterà presto la successione
Spettacoli
2 gior

La chanson française piange Juliette Gréco

L'icona transalpina si è spenta oggi all'età di 93 anni. Era nata il 7 febbraio 1927 a Montpellier
Musica
2 gior

Daria Zappa e Jane Berthe, Duo Zéphyr a Minusio

Un viaggio nel repertorio francese per violino e arpa al teatro dell'oratorio S. Bosco, sabato 26 settembre alle 19
Musica
2 gior

Renaud Capucon, Artista dell'Unesco per la pace

L'Unesco sta lavorando con altri Artisti per la Pace come Valery Gergiev, Kudsi Erguner e N. Scott Momaday per favorire il suo lavoro per la cultura nel mondo.
Musica
2 gior

Cifre da capogiro per Georges Brassens all'asta

Ventidue manoscritti originali del gigante della canzone francese battuti da Arturial a cinque volte la cifra stimata
Musica
2 gior

Sophia Tomelleri- Roberto Pianca Quartet al LongLake Festival

Sabato 26 settembre in Piazza Manzoni a Lugano, insieme al chitarrista, la giovanissima sassofonista vincitrice del prestigioso Premio Massimo Urbani 2020.
Culture
2 gior

Chiasso: a proposito di confine, un convegno

'Il confine italo-svizzero in epoca globale. Spunti per una riflessione sul futuro delle aree di confine', venerdì 25 settembre dalle 15.30 alle 18 allo Spazio Officina.
Scienze
2 gior

Iss costretta a una manovra per evitare i rifiuti spaziali

Il rottame di un razzo giapponese del 2018, andato in pezzi l'anno scorso, sfiora la Stazione Spaziale Internazionale
L'intervista
05.08.2020 - 12:210
Aggiornamento : 13:06

Bugo: ‘La notorietà è una cosa seria’

Sabato 8 agosto al LongLake Festival Lugano. È all'apice della popolarità all'età di 47 anni (compiuti domenica), "ma mi sono goduto il successo già vent'anni fa".

Solo gli struzzi non conoscono la storia di ‘Sincero’, duetto che a Sanremo è finito in vacca, ultimo grande momento mediatico prima dell’avvento dei virologi. Se un lato positivo ha avuto la pandemia, è stato quello di avere abbassato i riflettori sulla tv spazzatura; solo allora si è tornati a parlare di ‘Cristian Bugatti’ inteso come Bugo e come titolo di un bell’album con dentro una canzone entrata, col suo carico di veleni, nella storia di Sanremo. Finita la polemica che aveva eclissato la storia di uno che voleva fare il cantante delle canzoni inglesi così nessuno capiva quello che diceva, si è tornati a parlare di musica, di Bugo in quanto artista, autore del brano del ‘fattaccio’ ma anche di ‘Mi manca’, duetto con Ermal Meta (e anche di ‘Fuori dal mondo’, che tanto ci piace). Bugo sarà a Lugano all'apice della popolarità, dopo vent’anni di carriera non convenzionale. È atteso al LongLake Festival sabato 8 agosto (Terrazze Foce, ore 21, entrata libera con iscrizione obbligatoria a www.prenota.lugano.ch). Quale migliore occasione per fare due chiacchiere. Sincere.

T'immaginiamo durante il lockdown davanti ai fornelli, come cantavi in ‘Casalingo’. Stare in casa è stato davvero “qualcosa di spettacolare”?

Con la capacità di adattamento si può stare dovunque. Noi artisti siamo fortunati, non è che dobbiamo alzarci la mattina presto per andare in ufficio. Francamente non ho capito chi di noi si è lamentato del lockdown, e preferisco non commentare. È lo spirito di sacrificio che doveva prevalere e molti hanno un po’ perso la testa. Posso anche capirlo in una situazione di tale restrizione, ma fino a un certo punto. Quindi, se mi chiedi se l’ho vissuta male, ti dico di no perché, per esempio, ho avuto tempo per stare con mio figlio. Ma nemmeno posso risponderti che è stato un momento di gioia, perché nessuno poteva restare immune a quel che accadeva nel mondo. C’è andato di mezzo anche un caro amico, che ho perso (Mirko de I Camillas, ndr).

Niente musica durante il lockdown. Così come Morricone, hai pensato che non fosse il caso.

Sì. Anche Ruggeri ha detto qualcosa di simile. In quella dichiarazione Morricone comprendeva la voglia di esorcizzare il dolore, ma sosteneva anche che con cinque-seicento morti al giorno potesse non essere il momento di fare musica. La pensavo così anche io. Mi chiedevano di suonare nelle dirette instagram e rispondevo che non me la sentivo. Mi dicevo che se anche avessi smesso per un mese di suonare non sarebbe stato grave, visto che nello stesso momento c’era gente impegnata a salvarci la vita. Quando ho letto la dichiarazione del Maestro mi sono sentito meno solo.

Che ‘Sincero’ fosse la più bella canzone del Festival l'avevamo già scritto a febbraio. Il 1° maggio è uscita ‘Mi manca’, con Ermal Meta. Che tanti anni fa fece il roadie per un tuo concerto pugliese…

Era il 2006. Sì, questa cosa me l’ha ricordata lui, ovviamente. Me lo immagino giovanissimo che già sogna la musica, che fa la sua strada mentre io faccio la mia, me l'immagino che va a Sanremo e lo vince, e io che ci arrivo anni dopo e poi ci ritroviamo. Scherzando gli ho detto: “Ti devo una giornata da roadie”. Ecco, se un giorno mi vedrete a un concerto di Ermal mentre gli passo una chitarra, vorrà dire che gli ho reso il favore…

“Ah che noia essere grandi. Andare ai compleanni e parlare dei soldi o dei figli degli altri”. E quanta nostalgia “delle porte fatte con le magliette, di giocare “a chi sputa più lontano”, “del tuo primo pallone che finiva sotto le macchine” e di “pagare qualcosa con le figurine”. In ‘Mi manca’ parla il bimbo che è in noi o, citando la tua ‘Fuori dal mondo’, “si può essere adolescenti anche a quarant’anni”…

La vita è un continuo recuperare. ‘Mi manca’ non è una canzone nostalgica, ma una canzone dedicata alla nostalgia. Non è un “era meglio prima e adesso è tutto brutto”, perché io vivo i miei anni con grande gioia. Però quegli anni lì, quelli dell’infanzia, tra elementari e medie, hanno un sapore che da adulti può far bene recuperare. Sia chiaro, ci sono cinquantenni che sono ancora bambini e questo è un altro argomento, magari buono per farci una canzone. Ma la potenza, l’ingenuità dei sogni può essere utile. Non significa rimettersi a giocare coi Puffi, ma avere voglia di stupore. È chiaro che io parlo da artista, che sembra un discorso da illusi, ma questo è il mio ruolo: infondere desideri, sogni, ambizioni. Non sono un politico e la gente, nel mio caso, deve poter dire “Che bello, voglio farlo anch’io”.

A parte forse il Bugo che abbandona il palco dell’Ariston, dall'album esce un tizio misurato e consapevole. Non il pazzo che si ama citare.

Sono uno che ha imparato a gestire il suo lato folle e gli altri aspetti di sé. La follia creativa, non quella malata ed egoriferita, è simile alla nostalgia, scopre cose che altri non vedono. Per aver gestito vent’anni di carriera, per com’è andato Sanremo, a mio parere i folli sono altri. Sono i cantanti che si atteggiano a politici, che fanno i sermoni e magari crollano al primo contraddittorio. Comunque coltivo sempre il mio lato folle, e dal vivo si vede.

Tipo cucinare la pasta al burro sul palco?

Quella cosa è irripetibile. In quel posto avevano un fornelletto da campeggio, fu vera follia. Ecco, chi mi ha visto vent’anni fa, non mi ha più seguito e mi ritrova adesso, può restare spiazzato. Ti faccio un paragone con Lennon, senza la minima intenzione di paragonarmi a lui: non è che in ‘Love me do’ lui era uguale a quello di ‘Woman’ dell’81. È che la gente cambia, matura, e ben venga che Lennon abbia cantato ‘Woman’, perché bisogna crescere.

Nella sincerità dell’album metto anche ‘Che ci vuole’: “Che ci vuole a tirarsela un po’, basta dire che Sanremo fa cagare”…

Nell’ambiente alternativo da cui provengo io è la frase fatta per eccellenza. Ma anche tra la gente comune che ascolta solo i Dream Theater e tutto il resto è merda. Io sono uno di quelli che prima di giudicare affronta le cose, e Sanremo è stata un’avventura che ho voluto. Già due anni fa, quando scrissi quella canzone, immaginavo le reazioni…

“Ah eccolo lì, Bugo che va a Sanremo”…

Sì, e tu stai a casa a guardarlo. Viviamo in un paese in cui la critica a volte è fine a sé stessa. Io guardo il bicchiere pieno e quello vuoto non m’interessa. Se avessi guardato solo quello vuoto, la mia carriera sarebbe durata cinque anni e non venti. Lo dico non perché mi ritenga meglio degli altri, ma per quegli artisti, e mi fanno tanta tenerezza, che dopo le critiche hanno abbandonato. Sono tanti e anche di talento. Li ho avuti pure io i momenti di sconforto. Il mio è un invito a non mollare, è stata dura ma ce l’ho fatta a 46 anni… (46 al tempo di 'Sincero'. Da domenica scorsa Bugo ne ha 47, ndr).

È vero, raggiungi il massimo della notorietà decisamente adulto…

Sì, ma mi sono goduto il successo già vent’anni fa. Firmare con la Universal, per me che venivo da un paese di 5mila abitanti, è stato come firmare con la Apple Records. Nella mia vita è accaduto tutto in modo graduale. Sanremo ha portato la notorietà e va benissimo, mi è sempre interessata e negli ultimi anni segue il mio sviluppo umano. Mi piace, mi diverte, è una parte importante del mio lavoro, da prendersi molto seriamente. Guarda Vasco come tratta bene in suoi fan: la cosa ripaga. Ovviamente coinvolge il tuo privato, quando passa il paparazzo e ti fotografa con la moglie e il bambino. Ma per il momento va bene così. D’altra parte, se non mi stava bene andavo a fare l’operaio.

© Regiopress, All rights reserved