England
1
Croazia
0
fine
(0-0)
Austria
Macedonia del Nord
18:00
 
DJOKOVIC N. (SRB)
0
TSITSIPAS S. (GRE)
2
3 set
(6-7 : 2-6 : 5-3)
il-festival-ibrido-first-cow-tanto-per-cominciare
Dal film di Kelly Reichardt
ULTIME NOTIZIE Culture
Giornalismo
1 ora

Atg alle autorità: 'Organi di stampa sopportati più che aiutati'

'Accusare la stampa di alimentare sospetti, come fatto venerdì da Norman Gobbi - scrive l'Atg - significa non riconoscere ai media il loro ruolo: porre domande'
Scienze
4 ore

È morto Eiichi Negishi, Nobel per la Chimica nel 2010

Lo scienziato giapponese fu premiato per i suoi studi sul palladio, da cui una tecnica ancora oggi utilizzata in ambiti farmaceutici, agricoli ed elettronici.
Video
Musica
5 ore

L'inno degli europei è un plagio dei Pinguini Tattici Nucleari?

I fan dei bergamaschi segnalano che molto di 'Ringo Starr' starebbe in 'We Are The People' di Bono e The Edge degli U2 con Martin Garrix
L'intervista
Arte
6 ore

La creatività della tradizione, dall’antichità al design

Il m.a.x. museo di Chiasso ospita Fabio Novembre, autore delle poltrone Nemo che completano la mostra ‘La reinterpretazione del classico’
Culture
1 gior

Il viaggio di un giovane ticinese in Unione Sovietica

Lo scrittore Marco Fantuzzi ripercorre, partendo da un suo diario ritrovato, un soggiorno di gioventù nella Russia comunista
Culture
1 gior

I Pulitzer tra pandemia e Black Lives Matter

La morte di George Floyd, le rivolte degli afroamericani e il giornalismo sul coronavirus dominano questa edizione dei premi
Musica
1 gior

Il 'Ghettolimpo' di Mahmood, tra gli dei e la vita reale

Il nuovo album di un Narciso al contrario: 'In questi ultimi anni cercavo l'Alessandro di sempre, ma trovavo solo quello che vedevano gli altri'.
Arte
1 gior

Züst: micromosaici, tableau brodé, e di sfondo Rousseau

‘Le donne, l'arte e il Grand Tour’ è la mostra che si apre sabato 12 giugno alla Pinacoteca Züst di Rancate, aperta fino al 3 ottobre 2021.
Spettacoli
2 gior

Sai cosa ti dico Dante? Vai all'inferno!

Il Lussemburgo ospita una rivisitazione in chiave umoristica dell'Inferno dantesco nel 700esimo dalla morte del Sommo Poeta.
Animazione
2 gior

Winnie the Pooh con la Regina, un compleanno per due

'L'Avventura Reale' è l'animazione Disney con protagonisti l'orsetto 95 enne per rendere omaggio a Elisabetta II, anch'ella 95enne (dal 21 aprile scorso)
Musica
2 gior

'L'Allegria', Gianni Morandi canta Jovanotti

Il singolo, uscito dai Pinaxa Studios, è un gentile omaggio di Lorenzo: 'Ho scritto per uno dei migliori di sempre', scrive rispondendo alla felicità di Morandi
Videogames
2 gior

Hacker attaccano il gigante dei videogiochi Electronic Arts

Gli intrusi 'non hanno avuto accesso ai dati dei giocatori e 'non c'è ragione di ritenere che la privacy' di chi gioca 'sia a rischio', dice l'azienda
LongLake Festival Lugano
2 gior

Dante, le ruspe e il fanciullino Pelù

Il Sommo Poeta, Firenze, Greta e il Molino: il rocker-scrittore si è raccontato come in ‘Spacca l'infinito’. La musica non c'era, ma è stato come se ci fosse
Arte
2 gior

La materia dei sogni di Vincenzo Vela

Al museo di Ligornetto il progetto artistico di Adriano Kestenholz tra gessi, statue, musica e immagini di una realtà dislocata
Culture
2 gior

Arzo, il 21esimo Festival di narrazione torna 'diffuso'

Dal 19 al 22 agosto, dopo lo stop per pandemia, si allarga anche a Melide e Tremona, per allargare i confini e la poetica della manifestazione.
Letteratura
2 gior

Premio Strega Giovani a Edith Bruck per ‘Il pane perduto’

Nata in una povera e numerosa famiglia ebrea nel 1931, sopravvissuta ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen, ne 'Il pane perduto' ripercorre la sua vita.
Locarno 2020
29.07.2020 - 19:480
Aggiornamento : 20:19

Il Festival 'ibrido': First Cow', tanto per cominciare

Reso noto il programma di Locarno 2020 For the Future of Films, online e in sala, e anche i nomi dei giurati incaricati di attribuire pardi e pardini.

Sarà la talentosa regista e sceneggiatrice statunitense Kelly Reichardt ad aprire l’insolita edizione 2020 del Locarno film festival: mercoledì 5 agosto il suo western ‘First Cow’ sarà infatti proiettato al Gran Rex, in una cerimonia d’apertura orfana di Piazza Grande ma non del cinema d’autore. Quella di ‘First Cow’ non è una scelta casuale: Kelly Reichardt farà infatti parte della giuria internazionale dello speciale concorso dedicato ai film interrotti dalla pandemia; soprattutto, il suo film arriva dalla Berlinale, tra gli ultimi festival cinematografici ad essersi tenuto nella forma tradizionale. Quasi a voler riprendere il discorso interrotto da quarantene e assembramenti, Locarno 2020 For the Future of Films riparte da lì. E conclude parlando sempre di quarantena, tema delle proiezioni di chiusura: sabato 15 agosto avremo infatti i nove cortometraggi selezionati dei 33 che compongono il progetto Collection Lockdown by Swiss Filmmakers realizzato nel corso della quarantena, preceduti da un maestro del cinema: Jean-Marie Straub, già Pardo d’onore nel 2017, con il suo cortometraggio ‘La France contre les Robots’.

In mezzo, come già annunciato, un ricco programma online – a partire dal rinnovato sito www.locarnofestival.ch – e in presenza. Riassunto in numeri: 11 giorni, 6 sezioni e 121 film, 83 screening online e 103 proiezioni in sala, 49 lungometraggi e 72 cortometraggi, con 'The Films After Tomorrow' cuore dell'edizione, con i suoi 20 progetti sospesi causa lockdown, due dei quali saranno destinatari dei Pardi 2020 da 70mila franchi l'uno assegnati da due giurie internazionali, una somma con la quale far ripartire le opere stesse. 

Le novità

"Siamo orfani di Piazza Grande, la piazza risorgimentale di Locarno che è anima e simbolo del Festival. Niente può rimpiazzarla, perché Festival è sinonimo di incontro tra persone. Il Ticino, però, è abituato a guardare avanti". Sono parole del presidente Marco Solari che introducono il programma dell'edizione alle porte. E la Piazza Grande, sede per eccellenza, vivrà a suo modo il Festival anche quest’anno ospitando dal 5 al 15 agosto la mostra fotografica della manifestazione, visitabile anche in orario serale grazie all’illuminazione delle fotografie tramite supporti alimentati a energia solare. Tra le novità di quest’anno si aggiunge 'Secret Screenings', la serie di nove proiezioni segrete scelte dalla direttrice artistica Lili Hinstin, delle quali nulla si saprà se non il giorno, l’orario la lingua e la sala di proiezione. Dal 6 al 14 agosto, nelle sale locarnesi in prima serata e con replica il giorno seguente, questi cine-appuntamenti al buio saranno introdotti dalla stessa Hinstin.

C'è poi il 'Viaggio nella storia del Festival', una selezione di venti pellicole di questi 72 anni di cinema a Locarno scelte dai 22 autori di The Films After Tomorrow, fruibili online e in sala, occasione per rilanciare l'archivio storico del Festival. Rappresenta una novità anche 'In conversation with', ovvero le tre anime della Locarno Academy (Industry, Critics, Filmmakers) in masterclass online aperte al pubblico, tenute da alcuni dei protagonisti della sezione TheFilmsAfterTomorrow (dettagli di prossimo annuncio). E poi l’appendice televisiva di ‘Fuori orario. Cose (mai) viste’, contenitore cinematografico notturno di Rai 3 che ospita la prima televisiva italiana del Pardo d’oro ‘Vitalina Varela’ di Pedro Costa, un omaggio a Jean-Marie Straub e Danièle Huillet, con rari contributi tratti dagli archivi del Festival, e un tributo a Otar Iosseliani, Pardo alla carriera nel 2013.

Le giurie

In attesa di conoscere un'altra novità, il progetto 'Closer to life', ulteriore segno di solidarietà alla filiera cinematografica, Il Locarno Fil Festival comunica i nomi dei tre membri della giuria che valuterà i progetti internazionali di The Films After Tomorrow, assegnando il Pardo 2020 (70mila franchi), il premio Campari (50mila franchi) e il premio Swatch (30mila franchi). Si tratta di Kelly Reichardt, tra le figure del nuovo cinema d’autore statunitense, che con originalità ha affrontato i generi della narrativa americana in 'Night Moves' (2013) e 'Certain Women' (2016); con lei, il cineasta e sceneggiatore israeliano Nadav Lapid, Orso d'Oro a Berlino nel 2019 con 'Synonymes'. A completamento del terzetto, Lemohang Jeremiah Mosese, sceneggiatore, regista e direttore della fotografia del Lesotho, che nei recenti 'Mother, I Am Suffocating. This Is My Last Film About You' (2019) e 'This Is Not a Burial, It's a Resurrection' (2019, World Cinema Dramatic Special Jury Award for Visionary Filmmaking al Sundance) è una delle voci più originali della moderna cinematografia.

La Giuria della selezione svizzera cui spetta l'assegnazione del Pardo 2020 al miglior progetto nazionale (70mila franchi) e il premio SSR SRG (100mila franchi sotto forma di campagna promozionale televisiva), è composta da Alina Marazzi, regista italiana naturalizzata svizzera (suo 'Un’ora sola ti vorrei', menzione speciale della giuria del Locarno Film Festival nel 2002, uno dei perni del documentario contemporaneo); da Matías Piñeiro, regista, scrittore e artista argentino che a Locarno ha presentato 'Todos mienten' (2009), 'La princesa de Francia' (2014) e 'Hermia & Helena' (2016); da Mohsen Makhmalbaf, regista, produttore, montatore, sceneggiatore e attivista, uno dei maestri del cinema iraniano con 'Sokut' (Il silenzio, 1998), 'Safar-e Qandehar' (Viaggio a Kandahar, 2001) e 'Shaere zobale-ha' (Viaggio in India, 2006). Il suo 'Noon-O-Goldoon' (A Moment of Innocence), Menzione speciale a Locarno 1996, è tra i film che vanno a comporre la selezione di 'Un viaggio nella storia del Festival'.

© Regiopress, All rights reserved