laRegione
Nuovo abbonamento
gianrico-tedeschi-semplicemente-indimenticabile
Gianrico Tedeschi (1920-2020)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
34 sec

Più di mille: gli organizzatori di concerti non esultano

Con le nuove disposizioni "cambia poco": le forti preoccupazioni espresse da Jacky Marti, patron di Estival Jazz, e Michele Gatti di Horang Music
Spettacoli
10 ore

Locarno 2020, la perfezione del cinema a Open Doors

Al Festival due film suberbi: ‘Kairat’ di Omirbaev e ‘Engkwentro’ (Scontro) di Pepe Diokno
Spettacoli
21 ore

Locarno2020 e la follia del nostro ignorare il mondo

Ai Pardi di domani, vera rivelazione di questo festival anomalo, scopriamo l'interessante “Icemeltland Park” di Liliana Colombo
Musica
22 ore

Pietro Bianchi: 'Dimitri trasformava tutto in poesia'

Giovedì 13 agosto alle 20.30 a Verscio, il musicista e musicologo insieme a Roberto Maggini e Duilio Galfetti nell'omaggio al grande clown scomparso.
Teatro Sociale
1 gior

'Chi è di scena', dal 'Macbettu' a 'La menzogna'

Prosa in abbonamento, due le produzioni ticinesi: 'La bottega del caffè' e 'Olocene', Max Frisch per la prima volta in italiano
Società
1 gior

Lili Hinstin: 'Nei bar di Locarno la peggior musica del mondo'

Malumori tra i musicisti ticinesi dopo le affermazioni della direttrice artistica del Locarno Film Festival. 'Era una battuta, dispiace se qualcuno si è offeso'.
Spettacoli
1 gior

‘Condividere un'esperienza è ciò per cui val la pena vivere’

Denny Ilett, chitarrista e cantante, ospite del Jazz Cat club da mercoledì a sabato per quattro serate jazz nel giardino del Teatro del Gatto di Ascona
Spettacoli
1 gior

Locarno2020, incontro ravvicinato con Thomas Imbach

“Tutto è iniziato con la decisione di testimoniare la trasformazione della vecchia stazione ferroviaria in carcere” ci spiega il regista zurighese
Musica e politica
1 gior

Menomale che Neil Young c'è

Il musicista porta in tribunale Trump per abuso propagandistico delle sue canzoni. Perché anche i cantautori, nel loro piccolo, s’incazzano...
Il ricordo
28.07.2020 - 14:430

Gianrico Tedeschi: semplicemente indimenticabile!

Dal teatro nei lager nazisti a quello di Strehler, da quello leggero alla tv. In una sola parola: versatilità. E quella volta a Chiasso...

“Ho deciso di fare l’attore in un campo di concentramento. Fui rinchiuso per due anni in Germania e durante la prigionia, dalle povere cose che i miei compagni di sventura avevano portato con sé, saltarono fuori dei libri: dall’Enrico IV di Pirandello al Re Lear di Shakespeare. Tanto per passare il tempo, mettemmo in scena diversi spettacoli”.

Chissà se la regia di quegli spettacoli fu curata da Giovanni Guareschi, col quale si ritrovò nei lager di Sandbostel e Wietzendorf, in Bassa Sassonia. Scoperta questa inaspettata dote attoriale, Gianrico Tedeschi non esitò a trasferirsi dall’amatissima Milano (“Sono nato e cresciuto in una vera casa di ringhiera”) a Roma, per seguire i corsi dell’Accademia d’Arte Drammatica. Ancor prima di diplomarsi, nel 1947, fu ingaggiato da un altro teatrante allora di belle speranze, tale Giorgio Strehler, che lo volle quale Pantalone nell’Arlecchino servitore di due padroni. Fu l’inizio di una carriera conclusasi solo pochi anni or sono e durante la quale Tedeschi ha affiancato l’élite del teatro e del cinema italiano: da Anna Magnani a Salvo Randone, da Mastroianni a Romolo Valli.  

La sua versatilità, tuttavia, lo portò a esibirsi pure con alcuni eroi del teatro leggero: Renato Rascel, Domenico Modugno e, tra gli altri, Delia Scala, con cui ballò e cantò in una memorabile versione – firmata dalla celebre coppia Garinei&Giovanninini – del musical 'My fair lady'. Ottenne il suo ultimo grande successo interpretando Il Cardinale Lambertini (oltre 500 repliche!) con la regia di Luigi Squarzina. “Gianrico aveva una marcia in più – dice Moni Ovadia – qualcosa di altro e di oltre, e grazie a ciò riusciva a nobilitare anche la pubblicità”. E qui il pensiero corre al vecchio, carissimo Carosello, dove Tedeschi – alla commessa che gli chiede se deve incartargli la confezione di caramelle appena comprata – risponde fulminandola col suo sguardo sornione, arguto e inquisitore allo stesso tempo: “Nooo, un cofanetto Sperlari non s’incarta MAI!”.

L’abbiamo ammirato per l’ultima volta al Teatro di Chiasso, in quel divertissement ideato da Franco Branciaroli intitolato 'Dipartita finale' (ogni riferimento a Samuel Beckett era puramente voluto). A 96 anni suonati si esibì in salti e capriole tali da meritarsi uno dei più lunghi applausi mai sentiti dal vostro cronista! E a ulteriore testimonianza della sua verve che non faceva una grinza, nella sua ultima intervista televisiva, quando gli si chiede se ha qualche progetto per il futuro, risponde franco e sicuro: “Sto lavorando su un testo di Lope de Vega intitolato 'Il centenario'”. RIP, caro Gianrico, e grazie!

© Regiopress, All rights reserved