marco-santilli-rossi-essere-o-umano-e-l-anno-che-verra
Occhio al cognome
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

‘Quando suoni in un’orchestra, senti la musica che ti abbraccia’

Incontro con Sara Capone e Jonas Morkunas, due dei quattro giovani che saranno accompagnati dall’Osi nel Concerto dei Solisti del Conservatorio
JazzAscona
11 ore

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
12 ore

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
13 ore

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Culture
13 ore

‘Brahms, il progressista’ al Montebello Festival

Una conferenza in onore del 125° anniversario dalla morte di Johannes Brahms, alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 5 luglio alle 18.30
Scienze
15 ore

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
16 ore

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spettacoli
16 ore

Violoncello solo: concerto di Mattia Zappa

L’appuntamento è per domenica 3 luglio nella chiesa di Santo Stefano a Miglieglia. Il musicista locarnese proporrà fra le altre pagine di Bach
Spettacoli
18 ore

Al JazzAscona un omaggio alle tastiere di Joe Zawinul

Martedì 28 e mercoledì 29 giugno, il festival musicale propone oltre 30 appuntamenti, fra cui un concerto gospel e laboratori di burlesque
Video
Musica
22 ore

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito
Culture
1 gior

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
1 gior

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
1 gior

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
1 gior

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
2 gior

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Musica
25.07.2020 - 11:20

Marco Santilli Rossi, 'Essere o umano' e l'anno che verrà

A colloquio con il clarinettista e compositore, che col doppio cognome diventa cantautore. Storie di animali con dignità e d'indipendenti che non mollano.

«Teniamo duro, teniamo duro». Raggiungiamo Marco Santilli poco prima che inizi il suo concerto di Arosa, un ritorno alla musica suonata col suo nonetto Che Roba & Il Fiato delle Alpi. Ne avevamo scritto nel settembre 2017, raccontando la bellezza dei cd ‘La Stüa’ e ‘L’occhio della betulla’. Il ritorno a quella che per Marco Santilli è sempre stata la normalità, il concerto dal vivo, coincide con l’uscita di una canzone intitolata ‘Essere o umano’. Singolo che presuppone il completamento del cognome. Lo abbiamo imparato, Marco Santilli è una cosa e Marco Santilli Rossi, cantautore, un’altra; il doppio cognome distingue le canzoni da tutto il resto prodotto dal clarinettista, compositore e arrangiatore con trascorsi d’infanzia a Giornico, di casa nella Svizzera interna.

Con un’idea degli animali e degli uomini molto vicina a quella di Mark Twain – “In Paradiso si entra per favoritismo. Se si entrasse per merito, tu resteresti fuori ed il tuo cane entrerebbe al posto tuo” – Santilli Rossi scrive e canta dal punto di vista della bestiola, aprendo all’uomo gli occhi su di una storia, quella umana, della quale il ‘padrone’ non ha mai fatto tesoro. «Non ho animali. L’idea è nata osservando le cose, e l’osservazione produce idee, concetti, testi. Come la convinzione che l’animale si goda il presente, lontano dalle macchinazioni umane. L’idea di una più alta dignità animale e il concetto, arcinoto, che non sono certo gli animali a distruggere il pianeta». Con Urs Wiesendanger co-produttore (piano e belle tastiere), in nome di una lunga e anche professionale amicizia tra i due, le chitarre elettriche sono di Claudio Cervino, il basso di Mario Guarini (già con Baglioni, Bersani, Ranieri, Paoli, Vanoni) e la batteria di Chris Brush, da Nashville. Il singolo, leggero e discreto quanto basta per trasportare con efficacia il concetto, è uno dei passi di avvicinamento al nuovo album di canzoni, «più rockeggiante, più chitarre elettriche, melodie più pregnanti e passaggi mini-prog».

Indipendenza

Un passo indietro per mettere una toppa alla mancanza di Santilli e di Santilli Rossi tra gli ‘Ognuno a casa sua’ raccontati durante il lockdown su queste pagine. Parlando del suo songbook, una specie di Santilli Real Book, «soltanto che il Real Book di pezzi ne contiene trecento, e il mio ventidue», specifica con autoironia il musicista. Un songbook rientra nella conduzione ‘indie’ della sua musica, prodotto da indipendente così come i suoi album: «Si potrà comperare da me, un po’ come i contadini vendono le uova dove vivo io, qui nel Canton Zurigo. ‘Ab Hof’, dal cortile». Non fosse arrivata la pandemia, è probabile che nel 2021 avremmo festeggiato anche l’uscita del Santilli con un cognome solo: «In marzo abbiamo dovuto forzatamente rimandare le registrazioni del nuovo album del mio nonetto, una coproduzione con SRF2 da registrarsi negli attrezzatissimi studi di Winterthur. Ora stiamo cercando di trovare una nuova collocazione. Per questioni logistiche e di formazione, il cd arriverà dopo i concerti. Registreremo, realisticamente parlando, nel marzo del prossimo anno, in modo più ponderato, lasciando maturare ancor più la musica e confidando nel non verificarsi di quella seconda ondata di cui spesso si parla». ‘Sujazzstiva’, questo il nome dell’album, si rifarà  a fiabe e leggende della Svizzera italiana, attingendo dai quattro volumi editi da Armando Dadò ‘Il Meraviglioso. Leggende, fiabe e favole ticinesi’. «Storie di draghi, streghe, gnomi, che mi sono divertito a musicare».

Stagionalità

Il lockdown, a proposito: «All’inizio non ho realizzato cosa stesse accadendo, e la musica è stata la mia ancora. Ho ragionato al futuro, completando cose in sospeso, ragionando già sull’anno successivo. Cosa che faccio anche adesso. Più che attendere supporti dalla Confederazione, cerco di seminare, a partire da concerti come questo di Arosa. Dopo due mesi a guardare il mio strumento, le mie partiture, essere qui è una situazione un po’ surreale. Ma ho voglia di ricominciare». Con tutte le incognite del caso: «Non sono un orchestrale, ma un indipendente, e non posso dire di sentirmi tutelato. Mi aiutano realtà come Sonart (Associazione svizzera di musica, ndr), che si sta adoperando per la nostra situazione specifica. Ma come sempre ho fatto, penso per me, cerco di condizionare io la mia vita più che posso. Il mio lavoro è dare concerti e lavoro in questo senso».

Chiudiamo col doppio cognome. Testi e musiche del nuovo album di canzoni sono pronti, così come il prossimo singolo, stagionale come da progetto e come da titolo (niente di meglio che l’autunno per pubblicare ‘All’ombra dei vigneti’). È ipotizzabile anche che sarà l’andare verso le festività a chiamare l’uscita di un ulteriore singolo, la sua ‘Ave Maria, con testo in latino: «Qualcosa che non mi sarei mai immaginato di fare. Questa volta sono state le parole a venirmi a cercare. La cosa migliore che potesse capitarmi» (segue…).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved