laRegione
Nuovo abbonamento
vasi-comunicanti-ai-confini-della-realta-e-del-ceresio
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

È morta Franca Valeri, sora Cecioni e signorina snob

Aveva da poco compiuto cent'anni. È celebre per le sue caricature intelligenti e critiche, e fu tra le prime donne della commedia italiana
Culture
19 ore

Brevi cronache notturne, tra territori e poesia

Microcosmi: sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone, tra passato, presente e futuro
Spettacoli
19 ore

Da Brahms a Morricone, le musiche del sestetto Linz

Intervista a Nikolay Shugaev, violoncellista e fondatore dell’ensemble in concerto sabato a Gentilino
Locarno 2020
22 ore

Donne, voi siete il cinema

'Made in Bangladesh' della regista Rubaiyat Hossain, prodotto grazie agli Open Doors. E poi 'Aparisyon' di Isabel Sandoval. Peccato che online non fiocchino gli applausi.
Locarno 2020
22 ore

La malinconia della vita cavalca i pardi

Ci si alza con un ghiacciaio che frana nelle Alpi, con una pandemia senza spiragli, con la Beirut distrutta: cosa deve fare allora chi scrive con il cinema? 
Società
1 gior

Raccontò gli abusi su Netflix: Daisy Coleman si è uccisa

Nel 2016, in ‘Audrie & Daisy’, il destino oggi perfettamente identico di due vittime di stupro: “Mi credevo invincibile. Era un pensiero stupido”.
Classica
1 gior

Settimane Musicali, la tre giorni di 'Piemontesi & Friends'

Versione Covid-compatibile ricca di stelle, dal 18 al 20 settembre nella chiesa del Papio di Ascona
Spettacoli
1 gior

Una storia d’amore di fine regime ai Secret Screening

La seconda proiezione segreta della direttrice artistica è una prima mondiale: ‘Walden’ di Bojena Horackova
Culture
2 gior

Il giro del mondo dei Pardi di domani

CInque cortometraggi per trovare il cinema in questa insolita edizione del Festival di Locarno
Locarno 2020
2 gior

E Marcello Mastroianni chiese a Franco Piavoli...

A colloquio con l'attore Primo Gaburri, nella Locarno che l'applaudì nel 2002 in un film profetico: 'Sì, in anticipo sull'emergenza migranti offre una soluzione'.
Scienze
2 gior

Svelato mistero rettile con supercollo del Monte San Giorgio

Il tanistrofeo, trovato come fossile sul Monte San Giorgio, era un animale acquatico: è la conclusione cui giunge una ricerca dell'Università di Zurigo
Culture
2 gior

Covid-19, la crisi colpisce i musei statunitensi

Buchi milionari nei bilanci e forti tagli al personale per le più importanti istituzioni museali degli Usa
Scienze
2 gior

Il coronavirus si trasmetterebbe poco nelle scuole

La conferma arriva da una ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet Child and Adolescent Health. Lo studio è stato svolto in Australia
Scienze
2 gior

Nell'uomo moderno tracce di Dna di un ignoto progenitore

Lo affermano ricercatori americani. ‘Vari rami dell'albero genealogico umano si sono incrociati più volte, e prima di quanto ipotizzato finora’.....
Culture
13.07.2020 - 17:140

Vasi Comunicanti: ai confini della realtà (e del Ceresio)

Al via la seconda edizione. Piccoli eventi ripetuti piuttosto che grandi eventi, per creare un'unica, misteriosa e curativa 'Storia di lago' itinerante

Due i rimpianti: l’impossibilità di farsi un caffè insieme su Zoom, piattaforma per videoconferenze, e il dover rinunciare alla traversata del lago sulle barche dei pescatori (o ‘Performance itinerante per uomini e barche’), che lo scorso anno trasportarono fino a un centinaio di spettatori (escluso chi si organizzò con mezzi propri) per vivere la prima edizione di Vasi Comunicanti, festival di teatro, cultura e territorio a cavallo del confine tra Italia e Svizzera, progetto di Karakorum Teatro in collaborazione con la Fondazione Claudia Lombardi per il teatro.

I rimpianti (di cui sopra) di Stefano Beghi, direttore artistico di Karakorum Teatro, sono però compensati dalla seconda edizione partita domenica scorsa (per la parte di esperienza che riguarda i resident artist, vedi in seguito) e che si concluderà il prossima 26 luglio, sotto il motto di “Teatro, cultura e territorio tra ‘nuove’ frontiere”. Un’edizione “curativa”, la chiamano gli organizzatori, avente come palcoscenico il Ceresio, unito da sponda a sponda, alla maniera dei vasi comunicanti, da iniziative culturali e artistiche in linea con lo spirito iniziale dell’iniziativa, costruita sulle suggestioni e sui ricordi degli abitanti del territorio.

Piccoli eventi ripetuti, piuttosto che grandi eventi

«Siamo qui a presentare il tentativo di tenere alta la testa e di non mollare» annuncia Beghi all’inizio della conferenza di presentazione svoltasi ieri online, portatore dell’invito giunto dai piccoli comuni di frontiera italo-svizzera, e dalla città di Lugano, a continuare nel progetto. Con tutte le accortezze della mutata condizione sanitaria: «Piuttosto che grandi eventi – spiega il direttore artistico – piccoli eventi ma ripetuti. Sarà un abitare spazi pubblici dei paesi, non il convogliare persone in grandi spazi di aggregazione». Vasi Comunicanti si struttura dapprima con l’istituzione di una residenza artistica (dal 12 al 18 luglio) nella quale quattro artisti (lo stesso Beghi, Chiara Boscaro, Marco Di Stefano e Stefano Panzeri) abiteranno i comuni che aderiscono al Festival – Porto Ceresio e Ponte Tresa per l’Italia, Morcote e Lugano per la Svizzera – per una prima fase di raccolta del materiale che andrà a formare le ‘Storie di lago a cavallo della frontiera’.

«Stiamo già raccogliendo le memorie della comunità locale, tramite interviste, raccolta di testimonianze, biografie, quella che comunemente si definisce ‘memoria collettiva’, spiega Beghi. Da questo materiale scaturiranno «quattro racconti, scritti in settimana e resi pubblici a partire dalla prossima domenica», data d’inizio della quotidiana tournée (dal 19 al 26 luglio, con Beghi, Panzeri, Susanna Miotto e Alice Pavan) nei comuni aderenti, secondo elemento di una proposta artistica completata, giovedì 16 luglio alle 20 presso la Fondazione Claudia Lombardi per il Teatro (Lugano-Càsoro), dallo spettacolo teatrale ‘Pop Economix Live Show’, ovvero la storia del crack della banca Lehmann Brothers (anno 2008), sinonimo di ‘recessione’.

'Ai confini della realtà'

Le ‘Storie di lago a cavallo della frontiera’, che saranno ascoltate anche dagli spettatori del Long Lake Festival, che ospita Vasi Comunicanti anche quest’anno, hanno come scopo finale «una drammaturgia unica», spiega ancora Beghi, che parla di una «dimensione seriale» dei racconti, formato assai gradito, televisivamente parlando. «Non solo una raccolta», dunque, ma «un’unica tematica nella quale tutte le comunità possano vicendevolmente riconoscersi», da qualunque sponda del Ceresio le storie arrivino. Storie che Chiara Boscaro, artista in residenza a Lugano, riunisce sotto il simbolico titolo di ‘Ai confini della realtà’, da intedersi come mistero, il filo conduttore che di norma lega le storie di famiglie, le leggende locali.

E il mistero – tornando a Beghi – è anch’esso aspetto ‘curativo’ del post-Covid che si sta vivendo dall’una e dall’altra parte del Lago:  «È un modo per poter indagare la dimensione della ripartenza dall’isolamento. Distanziamento, quarantene, emergenza, hanno lasciato un segno difficilmente spiegabile. Cosa succederà? Il virus c’è ancora? Da dove è arrivato? Ci sembrava irrispettoso raccontare del coronavirus come qualcosa di finito. Più interessante e utile raccontare partendo da quegli episodi del passato in cui la comunità si è sentita persa. Episodi ‘misteriosi’, non siamo riusciti a capire. Questo ci permette di parlare del sentimento di smarrimento passato e di come affrontare lo smarrimento attuale». Il programma completo è consultabile su www.karakorumteatro.it.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved