laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
24 min
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
Culture
4 ore
Claudio Marazzini rieletto alla guida della Crusca
Il linguista è stato nominato presidene dell’accademia per il suo terzo e ultimo mandato che avrà termine nella primavera 2023
Culture
4 ore
Pro Helvetia sostiene 21 autrici e autori
Tra i vincitori delle borse letterarie della fondazione per la cultura, anche i ticinesi Vanni Bianconi, Andrea Fazioli e Giorgio Genetelli
Ritratti
1 gior
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
1 gior
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
1 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
2 gior
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
2 gior
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Scienze
2 gior
L'eccezione diventa la regola
Le estati ritenute 'estreme' sino a trent'anni fa sono ormai la norma
Scienze
2 gior
Un buco nero insaziabile
Il 'cannibale cosmico' scoperto nel 2018 al centro della galassia J2157 è più grande e vorace del previsto
Culture
2 gior
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Spettacoli
2 gior
Due produzioni del Lac alla Biennale
‘Bye Bye…’ di Alessio Maria Romano e ‘I Cenci’ di Giorgio Battistelli in scena a Venezia a settembre
Spettacoli
2 gior
Amanda Sandrelli a Chiasso sabato anziché venerdì
Rinviato di un giorno a causa del maltempo ‘Alfonsina y el mar: storia di tango e passioni’, a Chiasso per la rassegna Voci e Not(t)e
Culture
25.06.2020 - 14:520

Locarno 2020, ecco i film per il futuro dei film

Annunciati i titoli del concorso The Films After Tomorrow, dedicato alle produzioni interrotte a causa della pandemia. Con anche un nuovo sponsor

È una belle selezione, quella presentata poco fa dalla direttrice del festival Lili Hinstin. E infatti il rammarico è non poterli vedere, quei film, tra i quali troviamo – giusto per citarne qualcuno, gli altri sono elencati alla fine – ‘L’Afrique des femmes’, il documentario di Mohammed Soudani, produzione postuma di Tiziana Soudani, ‘When The Waves Are Gone’ di Lav Diaz, il pluripremiato regista filippino Pardo d’oro nel 2014, o ancora i lavori di Lucrecia Martel, Wang Bing e Éric Baudelaire.
Non li vedremo perché il progetto ‘The Films After Tomorrow’ guarda al futuro del cinema. “For the Future of Films”, come recita il titolo di questa edizione speciale del festival: e infatti le venti produzioni selezionate – dieci internazionali e dieci svizzere – sono film la cui realizzazione è stata interrotta a causa dell’emergenza sanitaria, film sospesi che il festival ha voluto sostenere in un momento difficile per il mondo del cinema. Ma se non li si potrà vedere, nei giorni del festival (5-15 agosto) li si potrà comunque scoprire grazie a presentazioni e masterclass aperte al pubblico.

“Il nostro ruolo come Festival consiste nel fare da ponte tra i film, l'industria e il pubblico, e quindi abbiamo cercato modi alternativi per portare avanti questa missione in un anno complesso per tutta la filiera cinematografica” ha spiegato la direttrice Lili Hinstin. La selezione “racconta anche le difficoltà che tutte le produzioni indipendenti stanno incontrando in aree geografiche molto diverse”.

La storia del festival. I premi e l'arrivo di Campari

Locarno 2020 non guarda solo al futuro: è infatti prevista una speciale retrospettiva affidata ai venti registi selezionati, Ognuno di loro sceglierà un film delle precedenti edizioni di Locarno, così da comporre un variegato viaggio nella storia del cinema e del festival. I titoli di questa sezione saranno annunciato a luglio.

The Films After Tomorrow, come detto, è un concorso e come tale ci saranno delle giurie e dei premi: due Pardi 2020, del valore di 70mila franchi, per il miglior progetto internazionale e svizzero, ai quali si aggiungono i riconoscimenti dei partner del festival tra i quali si aggiunge Campari, nuovo sponsor che si presenta con un premio speciale della giuria del valore 50mila franchi assegnato a un progetto internazionale. Seguono lo Swatch Award, 30mila franchi al progetto internazionale più innovativo, e il premio della Ssr per un progetto svizzero che potrà contare su una campagna televisiva del valore di 100mila franchi.

I magnifici 20 di Locarno 2020

Ecco i 10 progetti internazionali selezionati:

  • ‘Chocobar’ di Lucrecia Martel – Argentina/Stati Uniti/Paesi Bassi
  • ‘Cidade;Campo’ di Juliana Rojas – Brasile
  • ‘De Humani Corporis Fabrica’ (The Fabric of the Human Body) di Verena Paravel e Lucien Castaing-Taylor – Francia/Stati Uniti
  • ‘Eureka’ di Lisandro Alonso – Francia/Germania/Portogallo/Messico/Argentina
  • ‘Human Flowers of Flesh’ di Helena Wittmann – Germania/Francia
  • ‘I Come From Ikotun’ di WANG Bing – Francia/Cina
  • ‘Kapag Wala Nang Mga Alon’ (When The Waves Are Gone) di Lav Diaz – Filippine/Francia/Portogallo/Danimarca
  • ‘Nowhere Near’ di Miko Revereza – Filippine/Messico/Stati Uniti
  • ‘Petite Solange’ (Little Solange) di Axelle Ropert – Francia
  • ‘Selvajaria’ (Savagery) di Miguel Gomes – Portogallo/Francia/Brasile/Cina/Grecia

E i 10 progetti dalla Svizzera:

  • ‘Azor’ di Andreas Fontana – Svizzera/Argentina/Francia
  • ‘Ein Stück Himmel’ (A Piece of Sky) di Michael Koch – Svizzera/Germania
  • ‘Far West’ di Pierre-François Sauter – Svizzera/Portogallo/Italia
  • ‘A Flower in the Mouth’ di Eric Baudelaire
  • ‘L’Afrique des femmes’ di Mohammed Soudani – Svizzera/Costa d’Avorio
  • ‘Les Histoires d’amour de Liv S.’ di Anna Luif – Svizzera
  • ‘LUX’ di Raphaël Dubach e Mateo Ybarra – Svizzera
  • ‘Olga’ di Elie Grappe – Svizzera/Francia
  • ‘Unrueh’ (Unrest) di Cyril Schäublin – Svizzera
  • ‘Zahorí’ di Marí Alessandrini – Svizzera/Argentina/Cile/Francia
© Regiopress, All rights reserved