ULTIME NOTIZIE Culture
Società
3 ore

Pensi di leggere il giornale, ti trovi a far propaganda russa

Facebook blocca profili di una rete fra le più complesse mai individuata attivi soprattutto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina
cinema
3 ore

Ruggini per l’attore Alec Baldwin a rischio incriminazione

Possibili guai giudiziari per l’attore statunitense che sul set di ‘Rust’ esplose un colpo vero di pistola che uccise Halyna Hutchins
Spettacoli
4 ore

Riposo vocale per Anastacia, rinviato il concerto di Locarno

Imposizioni mediche impongono la riprogrammazione del live del 29 settembre al Fevi. I biglietti restano validi per la nuova data, di prossimo annuncio
Spettacoli
5 ore

Vita da pornostar: Rocco Siffredi diventa una serie tivù

Netflix annuncia ‘Supersex’, di cui sono iniziate le riprese a Roma: ‘È la storia di un uomo che ci mette 7 puntate e 350 minuti a dire ti amo’
Spettacoli
5 ore

I ‘Sogni’ dei Legnanesi a Locarno

Sabato 19 novembre al PalaExpo Fevi tornano Antonio Provasio, Enrico Dalceri, Lorenzo Cordare con uno spettacolo onirico
Culture
6 ore

‘Emergenza Terra’ a Mendrisio, al via con Marco Paolini

La minaccia climatica che incombe sul pianeta, aggravata dalla guerra in Ucraina, in un ciclo d’incontri che inizia mercoledì 28 settembre
Spettacoli
9 ore

Shakira va alla sbarra, chiesti otto anni e due mesi

La cantante colombiana rinviata a giudizio per frode ai danni del fisco iberico. Dovrà pagare anche una multa di oltre 23 milioni di euro.
Letteratura
12 ore

La continua ricerca di Siddhartha

L’opera di Hermann Hesse compie il secolo di vita e conta innumerevoli ripubblicazioni, merito del carattere universale della figura protagonista
Spettacoli
13 ore

Chiasso, Edoardo Bennato torna al Cinema Teatro

Sei anni dopo, il ritorno del cantautore napoletano. L’appuntamento è per venerdì 3 marzo 2023 alle 20.30.
Ascona
14 ore

Sotto le stelle del Jazz Cat Club (la nuova stagione)

Bill Charlap, il nuovo Frank Salis, Uros Peric che omaggia Ray Charles. Brillano i Take 6, 10 volte Grammy. Parla Nicolas Gilliet, direttore artistico
Cinema
1 gior

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
1 gior

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
1 gior

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
1 gior

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
Teatro
03.06.2020 - 21:07

Sociale non più (solo) social: ‘Il fondo del sacco’ per tornare

Da videolettura durante il lockdown, il testo di Plinio Martini torna sul palco, gratuitamente e in sicurezza sabato 6 giugno. Intervista a Margherita Saltamacchia

sociale-non-piu-solo-social-il-fondo-del-sacco-per-tornare
Adattamento e regia di (e con) Margherita Saltamacchia

“Oggi il Consiglio federale ha decretato la riapertura dei teatri in tutto il Paese a partire da sabato 6 giugno”. Si apriva così, con un comunicato a margine dei più recenti allentamenti disposti dal Consiglio federale, il ritorno alla vita del Teatro Sociale di Bellinzona. Un doppio annuncio: il riappropriarsi di una cosiddetta 'nuova normalità' in primis, e della rappresentazione scenica in loco.
Sabato 6 giugno alle 20.45 dunque, il Sociale riapre per una replica straordinaria e gratuita de ‘Il fondo del sacco’, il testo di Plinio Martini nell’adattamento di, e con, Margherita Saltamacchia in carne ed ossa, insieme al fisarmonicista Daniele Dell’Agnola, autore delle musiche originali. Anch'egli in carne ed ossa.

Margherita dalla videolettura al palco

L'opera di Martini riproposta al Sociale di questi tempi porta con sé un significato particolare, visto che durante i giorni del lockdown la sua versione teatrale – una produzione del Sociale stesso – è stata oggetto delle videoletture curate dai protagonisti, pubblicate in dodici puntate sulla pagina facebook del teatro e sul relativo canale YouTube regalando nuova luce al testo e inducendo Magherita Saltamacchia a una revisione di quanto portato in scena in epoca pre-Covid.
«Da domenica scorsa – racconta l'attrice – siamo tornati a provare uno spettacolo messo in scena più volte, ma per il quale le videoletture hanno rappresentato per me l’occasione di rileggere il testo e riscoprire piccole parti che nel primo adattamento avevo tagliato». E che ora trovano posto nel teatro che riapre, un'apertura che nelle parole di Helbling del 28 maggio scorso rappresentava “un momento importante per la società civile”. E così è ancora, una settimana dopo: «Più di tante altre arti – commenta l'attrice – il teatro ha la pretesa di fare interrogare una comunità, di riproporre storie che toccano tutti quanti. La scelta de ‘Il fondo del sacco’ è, detta in senso buono, una scelta obbligata per ciò che quello scritto rappresenta per la comunità ticinese».

Fatica da divano e nostalgia da foyer

«La prima cosa che mi viene in mente è la fatica fisica che non mi attendevo, e che mi ha colta di sorpresa», dice Saltamacchia del suo ritorno alla recitazione 'fisica'. «Quel tempo trascorso sul divano oggi mi provoca fiatone e una ripresa faticosissima, nonostante l’entusiasmo di ripartire. Mi sono scontrata con questa amara realtà – dice ridendo – che immagino non sia solo mia». Messo da parte un primo, condiviso capitolo “Tendini ed articolazioni varie” e un secondo più esclusivo dell’attrice (“Scarpe di scena”), la sensazione di tornare sul palco ha un nome: «Curiosità. Sarà tutto nuovo, a partire dal pubblico con la mascherina». Considerazione che apre a una manciata di regole: il Teatro Sociale torna allineandosi ‘al centimetro’, visti gli spazi ristretti, alle misure contenute nel Piano di protezione allestito dall’Unione dei Teatri Svizzeri (della quale Helbling è membro), concretizzando così le disposizioni di sicurezza raccomandate dalle autorità federali. Oltre all’obbligatorietà della mascherina e al rispetto del mantenimento di un posto libero tra il proprio – come singolo o famiglia, autorizzata a occuparne di contigui – e quello dello spettatore successivo, il pubblico troverà nuove modalità di accesso alla sala, con bar e guardaroba chiusi per alleggerire il normale ‘brulicare’ del foyer. 

Quel foyer che tanto mancherà a Saltamacchia: «Il teatro permette di respirare insieme al pubblico e credo che nonostante le mascherine continueremo a respirare insieme, senza distacco, nella coralità di sempre che non vedo l’ora di rivivere. È vero, farà effetto non potersi abbracciare nel foyer. Ma anche di questo, come di molte altre cose – conclude l'artista – ce ne faremo e già ce ne siamo fatta tutti, attori e spettatori, una ragione abbastanza chiara».
Solo poche note conclusive, di carattere prettamente tecnico. La prima: a tutti gli spettatori, il Teatro Sociale chiederà di registrare la propria presenza. La seconda: 'Il fondo del sacco' non è ancora sold out: al fine di evitare anche il minimo rischio di assembramento, gli organizzatori caldeggiano la prenotazione e il ritiro del biglietto con giusto anticipo (www.teatrosociale.ch)


Saltamacchia con Daniele Dell’Agnola, autore delle musiche originali

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved