laRegione
Nuovo abbonamento
Jamie Foxx a Minneapolis (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
L'intervista
1 ora
Morricone e la morte: 'Consapevole, come tutti i grandi'
L'autonecrologio, 'ulteriore segno di genialità'. Il ricordo di Alessandro De Rosa, con lui a quattro mani in 'Inseguendo quel suono', l'autobiografia
Culture
12 ore
Non devi dimenticare! E non ti dimenticheremo Maestro Morricone
È importante ricordarlo anche per il suo impegno per il mondo, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Dalla Shoah fino a Genova.
Musica
16 ore
Ennio Morricone, musica delle immagini
Non solo musica giustapposta alle immagini, ma temi e sviluppi la cui sonorità inglobi le immagini. È l’uso metaforico del suono che Morricone ha inventato
Scienze
17 ore
Il campo magnetico terrestre cambia più in fretta del previsto
Simulazioni condotte in Inghilterra gettano nuova luce sulla velocità dei suoi cambiamenti di direzione
Libri
17 ore
'Ragnatele nella...': l'ufficio stampa insulta la blogger
Anche la Gabriele Capelli Editore di Mendrisio prende le distanze dai post sessisti del Taccuino, furioso per una recensione negativa.
Culture
20 ore
Chiasso, il cartellone del Cinema Teatro arriverà a settembre
Il direttore Armando Calvia scrive agli abbonati. Ancora troppe le incognite per molte compagnie teatrali, di danza e agenzie soprattutto italiane
Culture
23 ore
Addio a Ennio Morricone: la sua musica per il cinema
Premio Oscar, autore di alcune tra le più belle colonne sonore, qualche giorno fa era caduto e s'era rotto il femore. Aveva 91 anni. Nel 2018 l'intervista a laRegione
Arte
1 gior
Quando poesia e arte si incrociano e lasciano un segno
Samuele Gabai racconta il suo progetto‘“Quaderni in Ottavo’, con incisioni che si alternano a testi inediti di poeti contemporanei
Arte
1 gior
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
Culture
1 gior
Claudio Marazzini rieletto alla guida della Crusca
Il linguista è stato nominato presidene dell’accademia per il suo terzo e ultimo mandato che avrà termine nella primavera 2023
Culture
1 gior
Pro Helvetia sostiene 21 autrici e autori
Tra i vincitori delle borse letterarie della fondazione per la cultura, anche i ticinesi Vanni Bianconi, Andrea Fazioli e Giorgio Genetelli
Ritratti
2 gior
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
2 gior
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
3 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
3 gior
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
3 gior
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Scienze
3 gior
L'eccezione diventa la regola
Le estati ritenute 'estreme' sino a trent'anni fa sono ormai la norma
Scienze
3 gior
Un buco nero insaziabile
Il 'cannibale cosmico' scoperto nel 2018 al centro della galassia J2157 è più grande e vorace del previsto
Culture
4 gior
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Spettacoli
4 gior
Due produzioni del Lac alla Biennale
‘Bye Bye…’ di Alessio Maria Romano e ‘I Cenci’ di Giorgio Battistelli in scena a Venezia a settembre
Spettacoli
4 gior
Amanda Sandrelli a Chiasso sabato anziché venerdì
Rinviato di un giorno a causa del maltempo ‘Alfonsina y el mar: storia di tango e passioni’, a Chiasso per la rassegna Voci e Not(t)e
Spettacoli
4 gior
Festival, una Locarno 2020 non solo virtuale
Edizione ibrida: oltre all'online vi saranno proiezioni in tre sale, con tanto di "appuntamento al buio" con la direttrice Lili Hinstin
Culture
03.06.2020 - 08:030

'A novembre ti cacceremo via': Walk of fame vs Donald Trump

Stelle del cinema e della musica a colpi di tweet. Taylor Swift e George Clooney confidano nel voto. Spike Lee: 'Questo paese è costruito sui corpi dei neri uccisi'

di B.D.

Donald Trump, un uomo che non ha mai preso le distanze dal Ku Klux Klan, con in mano la Bibbia e in faccia il broncio è fotografia che fa da perfetto contraltare agli Stati Uniti in fiamme per tutto il lungo e irrisolto pre-George Floyd. Dalla Manhattan in frantumi alla Washington blindata dove, per far sfilare il presidente fino alla St. John Episcopal Church affinché sventolasse le sacre scritture di fronte ai fotografi, è stato fatto ampio uso di lacrimoegni e proiettili di gomma; dalla Casa Bianca fino alla Walk of fame, lungo la Hollywood Boulevard, dove cittadini virtuosi della Città degli Angeli armati di ali, scopa e paletta hanno ripulito volontariamente i marciapiedi delle stelle dal day after delle proteste. 

Con spintarella della Cnn, che si è chiesta il perché del silenzio di Hollywood così come Lewis Hamilton si era interrogato su quello del circo della Formula Uno, la risposta della gente di spettacolo ha avuto eco più grande di quella delle auto veloci ma silenziose. A partire da Minneapolis, dove l’attore Jamie Foxx si è unito alle marce cittadine in ricordo della 46enne vittima; da lì indietro a Los Angeles, dove lo stesso ha fatto Kendrick Sampson (‘The Vampire Diaries’, ‘Le regole del delitto perfetto’), tornando a casa con i postumi di un proiettile di gomma e colpi di manganello, postati su Instagram.


Jamie Foxx a Minneapolis (Keystone)

Tre fratelli

Se si parla di cinema, la lotta per i diritti delle minoranze è identificata con il nome di Spike Lee. ‘3 Brothers-Radio Raheem, Eric Garner And George Floyd’ è il titolo del corto (meno di due minuti) realizzato dal regista alternando immagini dell’esecuzione di George Floyd con quelle di Eric Garner nel 2014 a Staten Island, New York, a quella di Radio Raheem nel suo film ‘Fa’ la cosa giusta’. “La storia smetterà mai di ripetersi?”, recita l’interrogativo nell’incipit del corto; “Quello che vediamo in questi giorni – risponde idealmente il regista alla Cnn – lo abbiamo visto nelle rivolte degli anni '60, con l'assassinio di Dr King (...) La gente reagisce in questo modo perché vuole essere ascoltata”. A suggello del concetto: “Il punto è uno: questo Paese è costruito sui corpi dei neri uccisi".

“Ci sono pochi dubbi sul fatto che George Floyd sia stato assassinato”, scrive George Clooney affidando il suo pensiero al Daily Beast. "Questa è la nostra vera pandemia. Ci infetta tutti, e in 400 anni non siamo ancora riusciti a trovare un vaccino. Anzi, pare che abbiamo smesso di cercarlo”. Clooney si affida alle parole di Sarah Koenig, giornalista statunitense calatasi per un anno nei processi a carico di cittadini di afroamericani nel palazzo di giustizia di Cleveland e uscita con quella che è più di una sensazione, ovvero che “a confronto con crimini di pari gravità commessi dai bianchi, per la gente di colore gli arresti sono più frequenti, le offerte di patteggiamento sono peggiori, le cauzioni sono più elevate, le pene sono più lunghe, e la libertà vigilata è più frequentemente revocata”. Clooney conclude così: “C’è un solo modo in questa nazione per apportare cambiamenti duraturi: votare”.

‘A novembre ti cacceremo via’

Se qualche major della musica si è fermata per 24 ore di protesta, Spotify lo ha fatto per 8 minuti e 49 secondi, il tempo trascorso dall'agente Derek Chauvin sul collo di Floyd, lungo quanto il silenzio inserito in alcune playlist del colosso on demand. La musica è anche lo sconcerto di David Crosby e le accuse di “razzismo sistematico” lanciate da Michael McDonald, il soul bianco in persona con un’infanzia a Ferguson nel Missouri delle disuguaglianze che un bel giorno gli ha chiamato l’inno pacifista ‘Takin’it to the streets’; McDonald che invita gli americani a parlare, affinché il silenzio non sfoci in odio e violenza casuali.

“Questo è il ritratto preciso di un regime totalitario” scrive Benmont Tench, session man in pianta stabile nella band di Tom Petty nel retwittare l’azione della polizia militare che spara proiettili di vernice contro le abitazioni, invitando (è un eufemismo) i cittadini di Minneapolis a starsene in casa. “Dopo aver alimentato il fuoco con la supremazia bianca e il razzismo per tutta la durata della tua presidenza hai pure la faccia tosta di fingere superiorità morale e minacciare violenza?” scrive la già stella del country ora del pop Taylor Swift commentando la minaccia del presidente (“Se iniziano i saccheggi, si spara”. “A novembre ti cacceremo via”, risponde la cantante.

Con toni più in linea con il suo repertorio, James Taylor, il “vecchio tizio bianco che ama Barak Obama” (estratto da una vecchia campagna presidenziale) per il quale “vedere quel che accade soltanto, o in particolare, come un fallimento della polizia è avere uno sguardo tragicamente miope”. Scrive Taylor: “Ci siamo già passati, è quel momento in cui la gente scende in strada spontaneamente per un comune senso d’indignazione”. E “ciò che affrontiamo”, conclude, “non è altro che The Great American Mission: un impegno nazionale a porre fine all'ingiustizia della schiavitù e un rifiuto nazionale del razzismo”.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved