laRegione
Nuovo abbonamento
Cent'anni di libri (www.bibliomedia.ch)
ULTIME NOTIZIE Culture
L'intervista
1 ora
Morricone e la morte: 'Consapevole, come tutti i grandi'
L'autonecrologio, 'ulteriore segno di genialità'. Il ricordo di Alessandro De Rosa, con lui a quattro mani in 'Inseguendo quel suono', l'autobiografia
Culture
12 ore
Non devi dimenticare! E non ti dimenticheremo Maestro Morricone
È importante ricordarlo anche per il suo impegno per il mondo, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Dalla Shoah fino a Genova.
Musica
16 ore
Ennio Morricone, musica delle immagini
Non solo musica giustapposta alle immagini, ma temi e sviluppi la cui sonorità inglobi le immagini. È l’uso metaforico del suono che Morricone ha inventato
Scienze
17 ore
Il campo magnetico terrestre cambia più in fretta del previsto
Simulazioni condotte in Inghilterra gettano nuova luce sulla velocità dei suoi cambiamenti di direzione
Libri
17 ore
'Ragnatele nella...': l'ufficio stampa insulta la blogger
Anche la Gabriele Capelli Editore di Mendrisio prende le distanze dai post sessisti del Taccuino, furioso per una recensione negativa.
Culture
20 ore
Chiasso, il cartellone del Cinema Teatro arriverà a settembre
Il direttore Armando Calvia scrive agli abbonati. Ancora troppe le incognite per molte compagnie teatrali, di danza e agenzie soprattutto italiane
Culture
23 ore
Addio a Ennio Morricone: la sua musica per il cinema
Premio Oscar, autore di alcune tra le più belle colonne sonore, qualche giorno fa era caduto e s'era rotto il femore. Aveva 91 anni. Nel 2018 l'intervista a laRegione
Arte
1 gior
Quando poesia e arte si incrociano e lasciano un segno
Samuele Gabai racconta il suo progetto‘“Quaderni in Ottavo’, con incisioni che si alternano a testi inediti di poeti contemporanei
Arte
1 gior
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
Culture
1 gior
Claudio Marazzini rieletto alla guida della Crusca
Il linguista è stato nominato presidene dell’accademia per il suo terzo e ultimo mandato che avrà termine nella primavera 2023
Culture
1 gior
Pro Helvetia sostiene 21 autrici e autori
Tra i vincitori delle borse letterarie della fondazione per la cultura, anche i ticinesi Vanni Bianconi, Andrea Fazioli e Giorgio Genetelli
Ritratti
2 gior
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
2 gior
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
3 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
3 gior
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
3 gior
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Libri
24.05.2020 - 21:080
Aggiornamento : 25.05.2020 - 16:42

Era ed è ‘per tutti’: Bibliomedia nel centenario

Un fondo di oltre seicentomila volumi che coprono differenti fasce d'età e un totale di dodici lingue. Ne parliamo con la direttrice Franziska Baetcke

La storia di una realtà legata alla parola è oggi raccontata per immagini in occasione del suo centenario. Bibliomedia, al momento della sua fondazione ‘Biblioteca per tutti’, e ancora oggi la definizione è valida, ha festeggiato cent’anni lo scorso 6 maggio. Un secolo dalla sua costituzione, cent’anni di accesso alla lettura che l’hanno portata a sostenere, oggi, circa seicento biblioteche di lettura pubblica, duecento biblioteche scolastiche e diecimila insegnanti. I primi passi mossi grazie ai 30mila libri provenienti dalla Biblioteca del soldato gestita dall’esercito svizzero durante la prima guerra mondiale, per un’impostazione al maschile mutata nel 1928 con l’assunzione delle prime due donne e la reggenza tutta al femminile di Suzanne Guex, responsabile della sede di Losanna nel 1938.

I circa 610mila libri di Bibliomedia, un fondo costantemente aggiornato e che tocca aree di interesse delle differenti fasce d’età della popolazione, coprono un totale di dodici lingue, ben al di là di quelle nazionali; il progetto ‘Willkommen! Ihre Bibliothek’, sviluppato quattro anni fa, è rivolto ai rifugiati, con la messa a disposizione di libri utili all’apprendimento del tedesco, del francese e dell’italiano. Del significato storico, della sfida rappresentata dalla digitalizzazione, dell’emergenza Covid che di Bibliomedia ha ridimensionato i festeggiamenti ma non l’impegno della sede centrale di Soletta e delle tre altre sedi regionali (Losanna, Biasca e ancora Soletta), abbiamo parlato con la direttrice.


Franziska Baetcke, direttrice di Bibliomedia (www.bibliomedia.ch)

Franziska Baetcke, qual’è l’importanza di Bibliomedia a un secolo dalla sua nascita?

Bibliomedia esiste da 100 anni; un lungo periodo durante il quale la fondazione ha saputo continuamente reinventarsi. Molte cose sono cambiate ma, con nostra grande soddisfazione, l’efficace sostegno che Bibliomedia offre a supporto del lavoro di insegnanti e bibliotecari in tutta la Svizzera, è rimasto immutato nel tempo. Bibliomedia, oggi, è più importante che mai in quanto in quest’era digitale niente può funzionare senza la lettura. La promozione della lettura è una preoccupazione sociale di grande attualità. L’obiettivo è di dare la possibilità al maggior numero possibile di persone in Svizzera di condurre una vita in piena autonomia, sia nel campo lavorativo che personale. La formazione continua e l’apprendimento costante nel corso di un’intera vita sono concetti chiave per una società volta alla conoscenza. Per essere partecipi di questa società saper leggere con competenza risulta basilare.

Ci sono progetti, iniziative particolari per questo centenario?

In primavera avevamo previsto una grande festa con molti invitati ma, a causa dell’attuale emergenza sanitaria, anche noi, come molti altri, abbiamo dovuto annullare questo progetto. Il virus, però, non ci impedirà di raccontare la nostra storia! Prendendo come modello l’alfabeto, abbiamo suddiviso i 100 anni della nostra storia in 26 episodi trasposti in un breve filmato d’animazione che si può trovare su www.bibliomedia.ch. Dai primi passi, con il nome di Biblioteca per tutti - nata dalla biblioteca del soldato - fino agli attualissimi Makerspace Toolbox. L’alfabeto esiste anche in forma di manifesto. L’immagine simbolo è caratterizzata da un mulo che, in tempi remoti, veniva usato per consegnare alle biblioteche più discoste i nostri libri. Inoltre, Bibliomedia, festeggia il suo anniversario con i propri utenti. Grazie ad un legato abbiamo potuto lanciare un concorso per la creazione di progetti innovativi nelle biblioteche di lettura pubblica. A fine aprile abbiamo ricevuto 27 idee da tutte le regioni svizzere. La giuria le sta esaminando e siamo curiosi di capire quali progetti potremo sostenere.

Bibliomedia e l’urgenza Covid-19: cos’è cambiato e come?

Durante il periodo di chiusura totale delle attività, la richiesta di libri in formato numerico è notevolmente accresciuta. Bibliomedia gestisce la piattaforma e-bibliomedia con libri in francese e inglese. Le cifre di prestito per questo servizio sono fortemente aumentate, come pure il numero delle biblioteche aderenti.

La sua esperienza personale quale direttrice di Bibliomedia? Sentimenti, riflessioni, auspici…

Bibliomedia è un’invenzione straordinaria e, in senso positivo, tipicamente svizzera! Sviluppa i suoi servizi in collaborazione con i suoi utenti, risponde alle diverse esigenze delle regioni linguistiche ed è molto apprezzata per il prestito dei suoi fondi alle biblioteche e alle scuole di tutto il paese. Amo il modo in cui la fondazione realizza e propone con continuità nuovi progetti e servizi offrendo alle biblioteche di lettura pubblica un sostegno fondamentale per renderle sempre più attrattive agli occhi degli utenti. Bibliomedia le incita ad adattarsi al costante mutamento dei tempi e ai nuovi bisogni.

© Regiopress, All rights reserved