laRegione
Nuovo abbonamento
'Him', scultura anche detta 'L'Hitler di Cattelan', 2001 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
L'intervista
32 min
Morricone e la morte: 'Consapevole, come tutti i grandi'
L'autonecrologio, 'ulteriore segno di genialità'. Il ricordo di Alessandro De Rosa, con lui a quattro mani in 'Inseguendo quel suono', l'autobiografia
Culture
11 ore
Non devi dimenticare! E non ti dimenticheremo Maestro Morricone
È importante ricordarlo anche per il suo impegno per il mondo, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Dalla Shoah fino a Genova.
Musica
15 ore
Ennio Morricone, musica delle immagini
Non solo musica giustapposta alle immagini, ma temi e sviluppi la cui sonorità inglobi le immagini. È l’uso metaforico del suono che Morricone ha inventato
Scienze
16 ore
Il campo magnetico terrestre cambia più in fretta del previsto
Simulazioni condotte in Inghilterra gettano nuova luce sulla velocità dei suoi cambiamenti di direzione
Libri
16 ore
'Ragnatele nella...': l'ufficio stampa insulta la blogger
Anche la Gabriele Capelli Editore di Mendrisio prende le distanze dai post sessisti del Taccuino, furioso per una recensione negativa.
Culture
19 ore
Chiasso, il cartellone del Cinema Teatro arriverà a settembre
Il direttore Armando Calvia scrive agli abbonati. Ancora troppe le incognite per molte compagnie teatrali, di danza e agenzie soprattutto italiane
Culture
22 ore
Addio a Ennio Morricone: la sua musica per il cinema
Premio Oscar, autore di alcune tra le più belle colonne sonore, qualche giorno fa era caduto e s'era rotto il femore. Aveva 91 anni. Nel 2018 l'intervista a laRegione
Arte
1 gior
Quando poesia e arte si incrociano e lasciano un segno
Samuele Gabai racconta il suo progetto‘“Quaderni in Ottavo’, con incisioni che si alternano a testi inediti di poeti contemporanei
Arte
1 gior
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
Culture
1 gior
Claudio Marazzini rieletto alla guida della Crusca
Il linguista è stato nominato presidene dell’accademia per il suo terzo e ultimo mandato che avrà termine nella primavera 2023
Culture
1 gior
Pro Helvetia sostiene 21 autrici e autori
Tra i vincitori delle borse letterarie della fondazione per la cultura, anche i ticinesi Vanni Bianconi, Andrea Fazioli e Giorgio Genetelli
Ritratti
2 gior
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
2 gior
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
3 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
3 gior
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Culture
23.05.2020 - 17:300

La bambina, la Madonna, Hitler e una guerra

Adelaide Roncalli e l'incontro del maggio 1944 con 'la Signora, bella e maestosa' apparsale a Ghiaie di Bonate di Sopra (Bergamo), per l'interesse del Führer.

Ci sono storie che non appartengono a quella che viene definita la “Storia Ufficiale” e sono molte, molte più di quelle che finiscono sui manuali di chi la Storia la studia, e queste storie pur, spesso, non minori, corrono il rischio di diventare pericolose, perché in molti ne reclamano la verità. Il 13 maggio del 1944 è una data che racconta molte storie, siamo nel momento decisivo della Seconda Guerra Mondiale, viene affondato un sommergibile giapponese nell'Oceano Atlantico, in Italia vengono bombardate Trento, Imola e altre città del Nord; a Ravenna i 355 dipendenti dello jutificio Montecatini iniziano uno sciopero allo scopo di ottenere un aumento di salario, ma vicino a un villaggio, Torchio, sotto frazione delle Ghiaie di Bonate Sopra, non lontano da Bergamo una bambina di sette anni, nata il 23 aprile 1937, Adelaide Roncalli incontrava per la prima volta la Madonna: “Una bella Signora con Gesù Bambino in braccio e alla sua sinistra S. Giuseppe (…) La Signora, bella e maestosa, indossava un vestito bianco e un manto azzurro; sul braccio destro aveva la corona del Rosario composta da grani bianchi; sui piedi nudi aveva due rose bianche. Il vestito al collo aveva una finizione di perle tutte uguali legate in oro a forma di collana” scrisse nel suo diario.

Paurosa, non politica

Inizia così una serie di incontri tra la piccola Adelaide e la sacra Nostra Signora, di volta in volta accompagnata dalla Sacra Famiglia, da angeli e colombe, incontri che dal 13 di maggio continuano con appuntamento fisso fino  al 21 maggio, e poi in una seconda serie dal 28 al 31 dello stesso maggio. E se all’inizio insieme a lei c’erano pochi bambini, alla fine erano centinaia di migliaia. Qualcuno scrive che dal 13 maggio al 31 luglio 1944, giunsero nei luoghi delle apparizioni più di tre milioni di pellegrini, ed erano credenti, malati, soldati rientrati dal fronte, madri che avevano perso i figli… una marea che si era messa in moto a piedi o con ogni mezzo, sfidando bombardamenti e mitragliamenti. Perché non si deve dimenticare che siamo in pieno territorio della Repubblica Sociale Italiana, con le lotte partigiane, con i bombardamenti alleati, con i nazisti sospettosi. Fu subito battezzata la “Fatima della RSI” o la “Madonna dei repubblichini”. Non era però una Madonna politica come lo sono diventate la Madonna del manganello di Vibo Valentia, la Madonnina dei Martiri Fascisti di Girifalco o la Madonna del Fascio di Predappio. Anzi, era una Madonna che faceva paura perché invitava alla preghiera affinché finisse la guerra, e questo infastidì non poco i nazifascisti al punto che lo stesso Hitler sembra si fosse interessato al caso.

'Soffrirai, ma verrai con me in paradiso'

Di certo la Madonna si confidò alla piccola Adelaide durante la terza apparizione, quella del 15 maggio 1944. Erano le 18 e con la bambina c’erano due amiche e un centinaio di persone: “Dì loro che se vogliono i figli guariti devono fare penitenza, pregare molto ed evitare certi peccati. Se gli uomini faranno penitenza la guerra finirà fra due mesi, altrimenti in poco meno di due anni”. Due mesi dopo, il 20 luglio, ci fu l’attentato a Hitler; nell’estate del 1945 la guerra era finita, “poco meno di due anni“. Ma la stessa Madonna profetizzò alla bambina una vita dolorosa: “Soffrirai molto, ma non piangere perché dopo verrai con me in paradiso”. E fu subito così: dopo le apparizioni la bambina fu isolata, intimorita, spaventata, derisa e calunniata, costretta, suo malgrado, a un finto funerale, avvolta in un sudario e portata al cimitero. La Curia di Bergamo la fece seguire da sacerdoti che avevano lo scopo di farla ritrattare e il 15 settembre 1945 riuscirono a strapparle uno scritto di ritrattazione.

Alcuni saggi scrivono che tutto iniziò anche  su spinta anche delle autorità della RSI, non si dimentichi la situazione bellica. Di certo, questa storia in piena Repubblica di Salò ha in sé lo straordinario e insieme tutta la fragilità umana di fronte alla poesia dell’amore divino. Una bambina che diventata grande scriverà a Papa Giovanni XXIII: "Sballottata dalla mia infanzia ad ora, un po' da ogni parte, mi sono portata nel cuore, sotto nome diverso da quello del mio battesimo, il ricordo vivo dell'apparizione, il rimorso di averla negata e il desiderio di tornare ad essere Sacramentina (Ordine religioso in cui aveva trovato pace e da cui fu strappata dalla Curia bergamasca, ndr). Ma non me lo hanno più permesso. Da anni sono qui infermiera al Policlinico di Milano e aspetto ancora, aspetto sempre che si compia il desiderio della Madonna su me. O sarà un'attesa vana?”.

La prima 'partigiana d'Italia'

Adelaide Roncalli è morta il 24 agosto 2014, ha lasciato un marito, due figlie, una storia di dolore e di compiuta speranza. Avrà finalmente lei fatto visita alla Madonna? Questa è una storia che non può scrivere nel suo quaderno. Il più bel ricordo di lei è quello di Don Vittorio Bonomelli, bresciano, cappellano militare, paracadutista, radiotelegrafista, partigiano, nonché agente segreto dell’Intelligence service inglese che definirà la Madonna di Ghiaie come la “prima partigiana d’Italia”. Scrisse: “Quelle apparizioni contribuirono a deprimere il morale delle truppe repubblichine e tedesche, tanto che lo stesso Hitler, ne abbiamo prova, si interessò ai fatti di Ghiaie”.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved