laRegione
salvate-gli-studenti-del-conservatorio-c-e-il-fondo
Carlo Ciceri, delegato della Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
15 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
16 ore

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
1 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
1 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
1 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
2 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
2 gior

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
3 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Culture
21.04.2020 - 17:010
Aggiornamento : 17:55

Salvate gli studenti del Conservatorio, c'è il Fondo

Intervista con Carlo Ciceri, delegato della Fondazione Csi. Già evase 30 richieste su 40. Diego Fasolis annuncia via social il suo apporto alla causa

Non ce la fanno da soli, e molto spesso nemmeno con l’aiuto delle famiglie, colpite dal blocco delle attività produttive e confrontate alle conseguenze economiche per ora, in parte, solo immaginabili. La Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana ha così istituito un Fondo di solidarietà per un supporto diretto e concreto dei suoi studenti, alle prese con l'emergenza sanitaria. Un Fondo già attivo dal primo aprile che ha raccolto finora 64.360 franchi. «Le prime donazioni sono arrivate nel giro di pochi giorni da fondazioni private, ticinesi e non solo, che sostengono la musica e da donatori privati», spiega Carlo Ciceri, delegato della Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana. «Tale somma ci ha permesso fin da subito di rispondere con tempismo alle richieste degli studenti: ad oggi siamo già riusciti ad evadere circa 30 delle più di 40 richieste pervenuteci e ne aspettiamo diverse altre nel medio-lungo periodo».

Procedura rapida e trasparente

All'annullamento della totalità degli eventi musicali, che rappresentavano fino a poco tempo fa la fonte (spesso unica) di sostentamento degli studenti, viene in soccorso «una procedura snella e trasparente che ci consente di erogare una borsa di studio di emergenza in tempi molto rapidi nei confronti di chi è chiaramente in emergenza», continua Ciceri. «Chiediamo di riempire un formulario, e successivamente chiamiamo telefonicamente ogni studente per un approfondimento anche delle questioni più delicate di carattere economico». Non sono infatti valutate soltanto le perdite personali di guadagno, ma viene presa in considerazione anche la situazione familiare, «visto il peso decisivo che il contributo delle famiglie ha sovente per gli studi musicali. Una volta che il quadro dello studente è chiaro, la decisione di sostegno è presa dalla Direzione attraverso una procedura rapida e, ovviamente, trasparente».

'Una sola richiesta ticinese, ma ne arriveranno'

Si tratta quindi di una Borsa di studio di emergenza, per la quale non sono previste valutazioni sul talento artistico e neanche altre su prerequisiti particolari personali, come ad esempio la provenienza dei richiedenti: al momento le domande arrivano dagli studenti della Scuola universitaria, «iberici, italiani, russi, ucraini, australiani e sudamericani che avevano in programma concerti, poi annullati, sul territorio, in Svizzera interna, o nei Paesi confinanti». Vivono qui, pagano l'affitto qui. Solo un ticinese per il momento, forse perché «la Scuola universitaria di Musica ha una forte vocazione internazionale, mentre sono il Pre-College e soprattutto la Scuola di Musica ad avere una presenza molto forte sul territorio di allievi che vivono ancora nel nucleo famigliare, con la possibilità, ove previsto, di beneficiare di forme di compensazioni cantonali e federali». Ma alla luce dei dati sulla recessione in Svizzera, «considerando che la crisi non avrà tempi brevi, mi aspetto che le richieste ticinesi potranno iniziare ad arrivare. Auspico dunque che il Fondo cresca considerevolmente nel prossimo futuro, in modo da poter sostenere il più possibile gli studenti del Conservatorio anche nel lungo termine» [www.conservatorio.ch/it/fondazione/sostienici. Tel: +41 (0)91 960 23 67]

Fasolis c'è

Ai più di 64mila franchi raccolti dal Fondo qui comunicati da Ciceri vanno ad aggiungersi i 10mila franchi annunciati da Diego Fasolis. Il direttore d’orchestra ha affidato la notizia ai social: “Cari Amici – scrive dalla sua pagina facebook – gli studenti di musica in questo momento, forse ancor più dei professionisti, soffrono con le loro entrate ridotte a zero. Molti studenti stranieri a Lugano non hanno mezzi di sostentamento e nemmeno possono varcare il confine svizzero per rientrare a casa. Oggi ho donato personalmente 10mila franchi al Conservatorio”. La Fondazione Adriana, intitolata alla moglie di Fasolis, deceduta nel 2013 e per anni amministratrice dei Barocchisti, vuole “ampliare il più possibile” il supporto, aggiunge il direttore d’orchestra, invitando al sostegno finanziario e morale, “seguendoci con il pensiero e con la propria energia spirituale”.

© Regiopress, All rights reserved