la-costellazione-chiara-dubey
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
15 min

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
4 ore

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
5 ore

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
7 ore

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
8 ore

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Spettacoli
10 ore

Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita

Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.
Culture
22 ore

Peter Sloterdijk, sulla fobocrazia nell’Aula Magna Usi

In presenza, giovedì 19 maggio alle 20.30 a Lugano, la conferenza ‘Paura di uscire dalla fobocrazia’
Spettacoli
23 ore

A Chiasso il Mullener-Hernandez-Giovanoli Trio

‘Le Stanze dell’arte’ vanno in archivio all’insegna del jazz giovedì 19 maggio alle 20.30 nel Cinema Teatro
Spettacoli
1 gior

‘Le robe di Adriano’, un libro sul Molleggiato

Per i 65 di carriera di Celentano, con prefazione di Vincenzo Mollica e interventi di Mogol e Teocoli
Spettacoli
1 gior

Newark sarà la nuova Hollywood, Lionsgate ci farà gli Studios

La città portuale del New Jersey diventerà presto un hub per produzioni televisive e cinematografiche
Spettacoli
1 gior

Il ticinese Nolan Quinn vince lo Swiss jazz award

Il premio gli verrà conferito il 25 giugno nell’ambito della 38esima edizione di JazzAscona
Spettacoli
1 gior

Cannes 75, il cinema torna in sala

Un Fuori concorso con ‘Top Gun’ e George Miller, un Concorso con i Dardenne, David Cronenberg, Kelly Reichardt, Ethan Coen
Culture
1 gior

Scuola di Musica Conservatorio, torna la ‘Passeggiata musicale’

A Riva San Vitale, Locarno, Lugano e Bellinzona, da giovedì 26 maggio a sabato 11 giugno.
Spettacoli
1 gior

Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs

Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
Spettacoli
2 gior

Giornata della lettura ad alta voce

Il 18 maggio si terrà la quinta edizione di questa popolare iniziativa
Spettacoli
2 gior

Eric Clapton ha il Covid: niente concerti a Zurigo e Milano

‘SlowHand’ è risultato positivo dopo l’esibizione alla Royal Albert Hall di Londra. I concerti dovrebbero essere recuperati entro l’anno
Scienze
2 gior

Astronomia, osservata la riaccensione di una stella

Rilevata per la prima volta una violenta esplosione di raggi X avvenuta sulla superficie di una nana bianca
Spettacoli
2 gior

Eurovision, provaci ancora Marius

Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi
Spettacoli
3 gior

Netflix prepara il suo ingresso nelle trasmissioni ‘live’

Diversi i progetti nel cassetto del colosso dello streaming, che dovrebbe iniziare con un reality show con comici dal vivo
Scienze
3 gior

Appuntamento con l’eclissi. Ma sarà una levataccia per vederla

Domani in cielo ci sarà la ‘Superluna’ rossa: il fenomeno inizierà alle 5.29 e raggiungerà il suo apice alle 6.14
Video
Spettacoli
3 gior

Eurovision, Kalush: ‘Ci vediamo nel 2023, nell’Ucraina libera’

All’alba, dopo la vittoria, la conferenza stampa. Oleh, il leader: ‘Pronto a tornare a combattere’. Zelensky su Telegram: ‘L’anno prossimo a Mariupol’
Spettacoli
3 gior

L’Ucraina ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022

Straripante il televoto per la Kalush Orchestra di ‘Stefania’. Gran Bretagna al secondo posto. Poi la Spagna
Video
Spettacoli
4 gior

Madonna dell’Eurovision pensaci tu (la scaletta della finale)

C’è Sanremo, ci sarà anche una santa protettrice dell’Eurosong. Che stasera ci faccia vincere Marius (attenzione: contiene video di Cristiano Malgioglio)
Società
4 gior

Carola Rackete è tornata, ed è a Chiasso

Il dopo-Salvini, l’attivismo ambientale al nord e il ‘no’ a Frontex al centro del dibattito prima di ChiassoLetteraria
Spettacoli
4 gior

Eurovision: al Museo della Rai, aspettando la finale

Dopo giorni e giorni di canzoni, pensieri divagatori e nostalgiche visioni da un luogo (interattivo) per audiofili e nostalgici del tubo catodico
Ognuno a casa sua
14.04.2020 - 19:32

La costellazione Chiara Dubey

Anteprime dall'album 'Constellations', classico e pop (nel senso più nobile del termine). Il concerto d’esordio è saltato, ma noi ci siamo andati lo stesso...

Nei giorni in cui la musica è ferma, ci siamo introdotti nella 'bolla del tempo' dell'artista ticinese ('Ognuno a casa sua', sesta puntata).

“Un quintetto d’archi, una pianista, l’elettronica, una voce e un violino davanti; e dietro, e insieme, un gruppo di giovani vicini al diploma o appena diplomati provenienti dai conservatori di Lugano e Zurigo. Un concerto anche visual, fatto di cieli stellati, di volte celesti che ruotano, di supporto a un album di rara bellezza intitolato ‘Constellations’. Alla fine, il lungo applauso di locarnesi e non locarnesi, e poi tutti a casa con la copia fisica di un album che vale la pena di toccare con mano”. Questo è quanto avremmo probabilmente scritto su laRegione di lunedì 13 aprile se sabato scorso si fosse tenuto il concerto di Chiara Dubey, saltato per i noti motivi che ci costringono a guardare la musica dalle nostre finestre virtuali, e che hanno costretto lei a riscriversi l’immediato futuro.

«Nei momenti immediatamente successivi a quello che è successo, la delusione è stata grande» ci racconta Chiara, tornata in Svizzera dopo un anno di studi (Master in canto) londinesi. «Preparavo da tempo il debutto, ero felice. Mi ero organizzata da sola una serie di concerti, la promozione e ho dovuto cancellare tutto. Ma ho provato a girare a mio favore la situazione approfittando del tempo concesso per approfondire certi argomenti».

‘Egregi signori’

Un passo indietro, per spiegare “certi argomenti”. “Egregi signori, mi chiamo Chiara Dubey e sono una cantante e compositrice ticinese”. In molti sanno chi è, ma nella sua e-mail in cui annuncia, in prima persona, l’esistenza di un disco – d’esordio – e di un tour, non si spendono nomi, rimandi e agganci tipici da ufficio stampa. “Per questi concerti mi sono messa in gioco come booking agent e sto gestendo tutto io” scrive Chiara, così che dall’e-mail non ci arriva il personaggio, ma la musicista. «Perché sono una musicista, non un personaggio. E sono ancora all’inizio di tutto. Mi sforzo, è importante, se devo costruire questa carriera devo farmi pubblicità, e non c’è nessuno che lo fa per me». Riuscendo nell’intento di farsi pubblicità senza realmente farsene. Semplicemente, informando.

Tornando alla quarantena, e tornando a “certi argomenti”: «Non essendo molto brava con social media e marketing, in questi giorni sto leggendo libri che possano essere utili alla mia attività. E poi ho scritto cose nuove, ho cercato di usare questa enorme bolla del tempo per migliorare cose che so di dover migliorare». E tra un argomento e l’altro, l’ascolto casalingo della musica: «Prevalentemente musica strumentale, soprattutto quella di artisti nordici come Ólafur Arnalds, Jóhann Jóhannsson, Max Richter, fredda, molto cinematica. Immagino si percepisca».

Non solo pop, non solo classica

‘Constellations’ viene quasi interamente dai Powerplay Studios di Zurigo; voce e pianoforte, invece, dall’Idee und Klang di Basilea, sede di mix e mastering; tutto quasi interamente svizzero, ad eccezione di ‘A quiet place’, primo estratto registrato a Londra e orchestra d’archi a Budapest. Dentro l'album, tutto quanto affascina Chiara Dubey, musicalmente parlando: «L’elettronica, la classica, il violino…». Ampio spazio si prendono – dilatati, senza ansie produttive ­– gli strumentali: lo splendido crescendo di ‘Aurora Borealis’ (chissà come sarà dal vivo), in cui è suono il rumore dei martelletti del pianoforte quasi prima della singola nota; la tensione in ‘Departure’ e ‘Light’; poco dopo l'inizio, un piccolo capolavoro chiamato ‘Age’ uscito dal tempo. ‘Age’ (Età), momento chiave di un ascolto come lo sarebbe di un film.

Perfettamente integrato è il pop, nell’accezione nobile del termine, anticipato dalla traccia uno ‘Find time’, uscita un mese fa. Venerdì sarà pubblico il video di ‘The Hunt’, terzo estratto da questo lavoro. Uno di quei prodotti di classe che all’Eurovision Song Contest spiccherebbero nella categoria “Ristretta cerchia di cose che non hanno bisogno del raggio laser”. Nell’’Egregi signori’ di cui scrivevamo sopra, nemmeno un cenno all’Eurovision Song Contest, tre tentativi e tanta visibilità. Assenza d’informazione da ricondurre al basso profilo, e non al rinnegare: «So di non essere il tipo da Eurovision, ma sono state per me tutte esperienze costruttive, insegnamenti. Un modo per imparare a stare sui palchi importanti, ad affrontare la tensione. L’ho presa come una formazione».

‘The Hunt’ sembra incarnare il progetto di Chiara, fondere tutti gli elementi di cui dispone, inclusa la voce – strumento a tutti gli affetti – per trovare un suo ingrediente personale. «La mia personalità musicale è fatta di molti lati. Sono musicista classica, che è un lato che non posso tralasciare, anche se spesso mi è stato detto di lasciar perdere, che è una nicchia, che non paga, invitandomi a concentrarmi sul pop commerciale. Ma mi sono resa conto che cercando di costruire un prodotto per il mercato, per le radio, non mi sento soddisfatta di me stessa».

Mal di Londra

Chiara Dubey è cresciuta in Ticino, dov'è rimasta fino alla fine del liceo; poi Zurigo, il Conservatorio, e dopo sei anni, prima di tornare a Zurigo, i dodici mesi a Londra, dove è restato il suo compagno. «Sarei rimasta più a lungo, ma ho deciso di prendermi il tempo per costruire mattone per mattone questo percorso legato al disco e ai concerti, e di tornare in Svizzera. Qui c’è la mia famiglia e ho anche qualche contatto in più. A Londra sono un granello di sabbia sopra una spiaggia». Ma, ammesso esista la versione alternativa a quello d'Africa, Chiara ha il mal di Londra: «È una città che ispira, è piena di cultura e vivacità. Lì ho imparato a capire come funziona l’industria musicale, cosa cercare, come proporsi in questo settore. È stata una lezione soprattutto dal punto di vista del business». Ci sarebbe anche il mal di Svizzera: «L’aria pulita, l’acqua e il latte buoni. La qualità di vita di Londra ha purtroppo poco a che vedere con la Svizzera e con il Ticino. Ma resta una città entusiasmante».

Cose più grandi

Insomma, Alla fine, quel concerto che a Locarno non c’è stato noi abbiamo provato a immaginarcelo. Ora si tratta di attendere l’11 settembre, nuova data di uscita dell’album, confidando in altre anticipazioni. Il 10 settembre, giorno del suo 27esimo compleanno, dovrebbe esserci per Chiara un primo concerto ticinese; poi Basilea, Londra e la Svizzera francese, in divenire. Se le condizioni lo permetteranno, la data dell’11 aprile sarà recuperata il 3 di ottobre. E quando il concerto ci sarà davvero, allora «sarà la rappresentazione dell’album. Suoneremo per invitare la gente a uscire dalla quotidianità. Succede, e a me in particolare, quando si guardano le stelle sdraiati sull’erba e la mente va oltre la ripetitività, la frenesia, la pressione. Verso cose più grandi».

p.s. Anche la grafica di ‘Constellations’ è di Chiara Dubey. «Volevo evitare di risultare la solita rompiscatole agli occhi del grafico, quella che vuole curare tutti gli aspetti. Così ho preferito fare da sola». E se in questo momento ci sta leggendo il grafico, avrà poco da dire.

'The Hunt', link per 'salvataggio' su Spotify: https://smarturl.it/chiaradubey-thehunt
Sito ufficiale: www.chiaradubey.com

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved