se-e-new-york-allora-e-woody-allen
'Miss Simpatia' Elle Fanning (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
JazzAscona
3 ore

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
4 ore

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
5 ore

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Culture
5 ore

‘Brahms, il progressista’ al Montebello Festival

Una conferenza in onore del 125° anniversario dalla morte di Johannes Brahms, alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 5 luglio alle 18.30
Scienze
7 ore

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
8 ore

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spettacoli
8 ore

Violoncello solo: concerto di Mattia Zappa

L’appuntamento è per domenica 3 luglio nella chiesa di Santo Stefano a Miglieglia. Il musicista locarnese proporrà fra le altre pagine di Bach
Spettacoli
10 ore

Al JazzAscona un omaggio alle tastiere di Joe Zawinul

Martedì 28 e mercoledì 29 giugno, il festival musicale propone oltre 30 appuntamenti, fra cui un concerto gospel e laboratori di burlesque
la recensione
27.11.2019 - 21:00
Aggiornamento: 28.11.2019 - 13:09

Se è New York, allora è Woody Allen

In 'Un giorno di pioggia a New York', i consueti novanta minuti di buona nevrosi, scorci tanto cari, pensiline degli hotel e una carrozza di ‘Manhattan’ memoria

Lui è Gatsby (Timothée Chalamet), universitario amante del poker e dei cavalli; indossa, ovviamente, giacca e pantaloni alla Woody Allen e, ovviamente, soffre di alcune insicurezze nei confronti del genere femminile; lei invece è Ashleigh (una strepitosa Elle Fanning), ventenne di Tucson Arizona, già ‘Miss Simpatia’ al liceo di Scottsdale; ci è o ci fa, ma forse è proprio così, svampita ergo seducente. I due salgono sul bus che dal college di Yardley va nella Grande Mela dove li attende una suite al Pierre con vista, ovviamente, su Central Park. Lì, a Manhattan, i giovani hanno in programma un tour cultural-turistico, perché stanno insieme; o forse no, o almeno non troppo.

Prima, però, Ashleigh deve intervistare il grande Roland Pollard (Liev Schreiber), regista ovviamente in crisi creativa e ovviamente colpito dall’aspirante reporter ed esperta di cinema (“Ho visto tutti i classici americani, soprattutto quelli europei”); Gatsby teme i rischi insiti nell’intellettuale adulto di successo (“Che c’è di sexy nella perdita della memoria a breve termine?”) e mentre l’intervista si protrae più del dovuto, nella New York in cui ad ogni isolato c’è, ovviamente, un set cinematografico, il ragazzo finisce nel film di un vecchio amico. Mentre Ashleigh s’infila negli isterismi hollywoodiani che la porteranno fino al sex symbol Francisco Vega (Diego Luna), “La cosa più meravigliosa dopo la pillola del giorno dopo”, sul set, Gatsby bacia, per esigenze di copione, Shannon (la monoespressiva Selena Gomez, e l’espressione è “sbattimi”); sorella minore della ex di Gatsby e da lui, ovviamente, ignorata per tutta l’adolescenza, Shannon non ama girare le scene d’amore (“Devi fingere passione con ogni tipo di disagiato”); ma il dado, il bacio, è ovvio, è tratto.

Nelle sale svizzere da domani, dopo la pace con Amazon studios e malgrado le mai sopite accuse dalle quali, al contrario di Polanski (e comunque la pensi Colin Firth ), Woody Allen è stato scagionato, la New York del regista è lì da vedere in tutto quel si può chiedere quando la storia passa per la città che non dorme mai, accettando il prevedibile come si porta pazienza col nonno che ripete cose già dette e facendosi piacere il finale un po’ affrettato, affidato a una madre redenta. ‘Un giorno di pioggia a New York’ sta nei consueti 90 minuti di nevrosi, scorci tanto cari, pensiline degli hotel e una carrozza di ‘Manhattan’ memoria, che porta a una decisione che non è proprio “Tu sei la risposta di Dio a Giobbe”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved