se-e-new-york-allora-e-woody-allen
'Miss Simpatia' Elle Fanning (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
4 ore

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Culture
5 ore

A Biasca il primo Festival di letteratura per l’infanzia

Quarantotto eventi spalmati su tre giorni: al via martedì 16 agosto, per proseguire venerdì 14 e sabato 15 ottobre
Culture
5 ore

Pier Paolo Pasolini ad Airolo, una rassegna

A cent’anni dalla nascita dell’intellettuale italiano, dal 16 al 19 agosto una rassegna cinematografica a lui dedicata, curata da Nina Altoni
L’intervista
6 ore

Martin Suter, triviale come una libellula

Documentario atipico, ‘Alles über Martin Suter. Ausser die Wahrheit’ ha chiuso il Festival. Lo scrittore svizzero parla di sé (e risponde alla NZZ...)
Musica
10 ore

Rimini chiede che il ballo liscio sia patrimonio dell’Unesco

‘È una rappresentazione della vita e dei sentimenti’, dice il sindaco. Di recente si è espresso in questo senso anche Morgan, col plauso di Renzo Arbore
Culture
10 ore

Torna ‘Io sono vivo, voi siete morti’, Dick visto da Carrère

Apparso per la prima volta nel ’93, è un viaggio nella mente di Philip K. Dick, l’autore del ‘Cacciatore di androidi’ da cui è tratto il film Blade Runner
Scienze
12 ore

Roche lancia un test per la risposta immunitaria

Dovrebbe permettere di capire meglio le infezioni da coronavirus. Farà la sua apparizione sui mercati che riconoscono le marcature Ce
Spettacoli
12 ore

Trovati i riceventi per gli organi di Anne Heche

Staccati i macchinari a cui era attaccata l’attrice, cerebralmente morta dopo il grave incidente stradale
la recensione
27.11.2019 - 21:00
Aggiornamento: 28.11.2019 - 13:09

Se è New York, allora è Woody Allen

In 'Un giorno di pioggia a New York', i consueti novanta minuti di buona nevrosi, scorci tanto cari, pensiline degli hotel e una carrozza di ‘Manhattan’ memoria

Lui è Gatsby (Timothée Chalamet), universitario amante del poker e dei cavalli; indossa, ovviamente, giacca e pantaloni alla Woody Allen e, ovviamente, soffre di alcune insicurezze nei confronti del genere femminile; lei invece è Ashleigh (una strepitosa Elle Fanning), ventenne di Tucson Arizona, già ‘Miss Simpatia’ al liceo di Scottsdale; ci è o ci fa, ma forse è proprio così, svampita ergo seducente. I due salgono sul bus che dal college di Yardley va nella Grande Mela dove li attende una suite al Pierre con vista, ovviamente, su Central Park. Lì, a Manhattan, i giovani hanno in programma un tour cultural-turistico, perché stanno insieme; o forse no, o almeno non troppo.

Prima, però, Ashleigh deve intervistare il grande Roland Pollard (Liev Schreiber), regista ovviamente in crisi creativa e ovviamente colpito dall’aspirante reporter ed esperta di cinema (“Ho visto tutti i classici americani, soprattutto quelli europei”); Gatsby teme i rischi insiti nell’intellettuale adulto di successo (“Che c’è di sexy nella perdita della memoria a breve termine?”) e mentre l’intervista si protrae più del dovuto, nella New York in cui ad ogni isolato c’è, ovviamente, un set cinematografico, il ragazzo finisce nel film di un vecchio amico. Mentre Ashleigh s’infila negli isterismi hollywoodiani che la porteranno fino al sex symbol Francisco Vega (Diego Luna), “La cosa più meravigliosa dopo la pillola del giorno dopo”, sul set, Gatsby bacia, per esigenze di copione, Shannon (la monoespressiva Selena Gomez, e l’espressione è “sbattimi”); sorella minore della ex di Gatsby e da lui, ovviamente, ignorata per tutta l’adolescenza, Shannon non ama girare le scene d’amore (“Devi fingere passione con ogni tipo di disagiato”); ma il dado, il bacio, è ovvio, è tratto.

Nelle sale svizzere da domani, dopo la pace con Amazon studios e malgrado le mai sopite accuse dalle quali, al contrario di Polanski (e comunque la pensi Colin Firth ), Woody Allen è stato scagionato, la New York del regista è lì da vedere in tutto quel si può chiedere quando la storia passa per la città che non dorme mai, accettando il prevedibile come si porta pazienza col nonno che ripete cose già dette e facendosi piacere il finale un po’ affrettato, affidato a una madre redenta. ‘Un giorno di pioggia a New York’ sta nei consueti 90 minuti di nevrosi, scorci tanto cari, pensiline degli hotel e una carrozza di ‘Manhattan’ memoria, che porta a una decisione che non è proprio “Tu sei la risposta di Dio a Giobbe”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved