BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
3. tempo
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
3. tempo
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
overtime
(0-3 : 2-0 : 1-0 : 0-0)
DAL Stars
2
CAR Hurricanes
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
il-ritorno-di-delia-fischer-intervista-a-monica-piffaretti
La detective è tornata (per SalvioniNarrativa)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
8 ore

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
9 ore

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
10 ore

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
10 ore

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
10 ore

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
11 ore

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
11 ore

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
14 ore

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
17 ore

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
1 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
1 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
1 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Culture
17.09.2019 - 16:150

Il ritorno di Delia Fischer (intervista a Monica Piffaretti)

‘Nere foglie d’autunno’ è la seconda indagine della sua detective. La presentazione domani alle 20 alla Cà Rossa di Grono; a Mendrisio il 28 settembre

a cura de laRegione

L’aveva promesso, due anni fa, che Delia Fischer sarebbe tornata. E così è stato: Monica Piffaretti ha scritto ‘Nere foglie d’autunno’, seguito di ‘Rossa è la neve’ (entrambi pubblicati da Salvioni), nuovo romanzo con protagonista l’ex commissaria ticinese. Il libro sarà presentato domani alle 20 alla Cà Rossa di Grono e poi il 28 settembre alla Cantina Agustoni-Stoppa a Mendrisio.

Monica Piffaretti, Delia Fischer è tornata: com’è affrontare un romanzo sapendo che c’è un capitolo precedente – e magari anche uno successivo?

Speriamo: mi impegnerò affinché Delia Fischer torni in ufficio e ci dia dentro con il suo lavoro di detective. Per me è una bella soddisfazione: Delia è tornata perché il primo libro è andato molto bene. Dai riscontri che ho avuto il personaggio è piaciuto, e a me è piaciuto metterla al mondo, per cui ho deciso di riprovarci con lo stesso personaggio, la stessa squadra. Chiaramente l’intrigo è diverso, ‘Nere foglie d’autunno’ ha un’altra fattispecie alle spalle, parte da altri fatti storici.

Infatti si inizia con i Fatti di Chiasso nell’aprile del 1945.

Esatto. Nel primo romanzo era il caso dei bambini collocati: prendo qualcosa che mi colpisce nella storia del nostro Paese e da lì cerco di sviluppare qualcos’altro. Perché credo che il romanzo giallo non debba essere fine a sé stesso ma debba avere un tessuto legato al territorio. È un giallo territoriale, un giallo elvetico perché la società che compare nelle mie pagine è la nostra società, con degli affondi nel passato, nel nostro passato.

Un passato che ritorna.

Il libro è un dialogo tra passato e presente: il titolo stesso, ‘Nere foglie d’autunno’, indica le stagioni che si avvicendano: le foglie del passato, nere, legate alla Seconda guerra mondiale, che non sono scomparse ma sedimentano nel presente. E Delia, nei panni della giardiniera del tempo, le raccoglie prima che l’oblio le cancelli del tutto, spiegando che cosa accadde. C’è questa arma, questa P38, che compare nelle prime pagine e ci accompagna per tutto il romanzo.

Il titolo rimanda anche ad altro?

Come nel primo romanzo, il titolo ne contiene in nuce il significato profondo: ‘Rossa è la neve’ conteneva tutto, del romanzo, un concentrato del primo libro. E lo stesso con ‘Nere foglie d’autunno’, con questa dimensione cromatica che mi è cara – là era il rosso, qui il nero – e anche un po’ stagionale, con la neve invernale e le foglie d’autunno… Mi piace che il titolo lo si capisce solo dopo aver letto il libro. Anche se in apertura c’è questa poesia di Verlaine, ‘Chanson d’automne’, che già dice molto – e i primi versi sono quelli che hanno dato il via allo Sbarco di Normandia.

Si ritorna alla Seconda guerra mondiale.

È un ulteriore rimando. Ed è un messaggio di resistenza: nel romanzo si arriva al nostro oggi, e si arriva a certi rigurgiti di ideologie perverse che già ci sono costate milioni di morti. Ma questo arriva nel finale.

Tornando al passato: nel romanzo troviamo diverse note a piè di pagina, per contestualizzare alcuni eventi.

Per contestualizzare per bene: ci tuffiamo in questo passato, ma come è questo passato? Non è soltanto il piccolo puntino ticinese, apriamo un po’ il grandangolo. Perché il romanzo parte da questo puntino nella storia, ma questo puntino fa parte di un grande quadro.

Si sottolinea la realtà di questi eventi.

Sì, c’è un dialogo tra i fatti storici e il romanzo. Un intreccio che mi interessa molto, perché il tema di fondo è la trasmissione della memoria. La mia memoria personale, che ho ricevuto in dono, un dono familiare. Ma anche una memoria collettiva e il nocciolo della trama è proprio una trasmissione della memoria “fatta male”. Che cosa può causare una trasmissione malfatta della memoria?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved