Langnau
3
Ambrì
4
fine
(1-2 : 0-0 : 2-1 : 0-0 : 0-1)
Olten
6
Winterthur
3
fine
(3-0 : 2-2 : 1-1)
GCK Lions
5
Ajoie
4
fine
(1-1 : 1-1 : 2-2 : 1-0)
Sierre
3
Ticino Rockets
1
fine
(1-1 : 1-0 : 1-0)
Langnau
LNA
3 - 4
fine
1-2
0-0
2-1
0-0
0-1
Ambrì
1-2
0-0
2-1
0-0
0-1
1-0 LEEGER
5'
 
 
 
 
15'
1-1 HOFER
 
 
16'
1-2 EGRI
2-2 EARL
43'
 
 
 
 
50'
2-3 DAGOSTINI
3-3 DIDOMENICO
59'
 
 
5' 1-0 LEEGER
HOFER 1-1 15'
EGRI 1-2 16'
43' 2-2 EARL
DAGOSTINI 2-3 50'
59' 3-3 DIDOMENICO
Ultimo aggiornamento: 18.10.2019 23:03
Olten
LNB
6 - 3
fine
3-0
2-2
1-1
Winterthur
3-0
2-2
1-1
1-0 KNELSEN
10'
 
 
2-0 REXHA
14'
 
 
3-0 WYSS
16'
 
 
 
 
32'
3-1 BLEIKER
4-1 WEDER
33'
 
 
5-1 WEIBEL
34'
 
 
 
 
35'
5-2 WIESER
 
 
48'
5-3 BRACE
6-3 WEIBEL
57'
 
 
10' 1-0 KNELSEN
14' 2-0 REXHA
16' 3-0 WYSS
BLEIKER 3-1 32'
33' 4-1 WEDER
34' 5-1 WEIBEL
WIESER 5-2 35'
BRACE 5-3 48'
57' 6-3 WEIBEL
Ultimo aggiornamento: 18.10.2019 23:03
GCK Lions
LNB
5 - 4
fine
1-1
1-1
2-2
1-0
Ajoie
1-1
1-1
2-2
1-0
 
 
3'
0-1 THIBAUDEAU
1-1 FUHRER
10'
 
 
2-1 RIEDI
24'
 
 
 
 
35'
2-2 HAZEN
3-2 CHIQUET
41'
 
 
 
 
51'
3-3 HAZEN
 
 
52'
3-4 DEVOS
4-4 RIZZELLO
56'
 
 
5-4 BRAUN
61'
 
 
THIBAUDEAU 0-1 3'
10' 1-1 FUHRER
24' 2-1 RIEDI
HAZEN 2-2 35'
41' 3-2 CHIQUET
HAZEN 3-3 51'
DEVOS 3-4 52'
56' 4-4 RIZZELLO
61' 5-4 BRAUN
Ultimo aggiornamento: 18.10.2019 23:03
Sierre
LNB
3 - 1
fine
1-1
1-0
1-0
Ticino Rockets
1-1
1-0
1-0
 
 
9'
0-1 CAVALLERI
1-1 MONTANDON
19'
 
 
2-1 PRIVET
26'
 
 
3-1 CASTONGUAY
60'
 
 
CAVALLERI 0-1 9'
19' 1-1 MONTANDON
26' 2-1 PRIVET
60' 3-1 CASTONGUAY
Ultimo aggiornamento: 18.10.2019 23:03
'È meglio fingersi acrobati che sentirsi dei nani' - 'La tua idea', 1979 (Ti-Press)
Culture
16.09.2019 - 06:100
Aggiornamento : 07:50

Marco Travaglio, partendo da Zero

E se per parlare del direttore del Fatto, a Lugano per i premi Atg, per una volta si partisse da Renato Zero invece che da Montanelli?

«È volgarissima, ma rende perfettamente l’idea, perché io non ho mai visto nessuno farsi così tanto male». Salvini che gira intorno a un albero, la storiella sull’autogol del politico che Marco Travaglio ha preferito non raccontare, squassa di risate i presenti nel lift del centro culturale, che viaggia verso il piano terra. L’Atg non la sentirà, ma sull’autogol dell’ex Ministro, nel giorno dei premi di giornalismo della Svizzera italiana, dal direttore del ‘Fatto’ ne ha sentite a sufficienza (vince, anche se non nuovissima, «Ma quale Mussolini, al massimo Ridolini»; menzione per «Nessuno poteva liberarci da Salvini se non Salvini»). Ce n’è stato anche per gli italiani, che «sono come le cozze, assorbono il peggio che trovano in circolazione», l’Italia con “le regine, i suoi fanti, i suoi re”*, per dirla con Renato Zero, del quale il giornalista è fan al limite dell’idolatria (digitare in rete: “Marco Travaglio canta Renato Zero al ristorante” e “Marco Travaglio balla scatenato al concerto di Renato Zero”, vedi in fondo alla pagina).

«Seguimi, devo andare in albergo a scrivere. Quindi sei un sorcino?», chiede il direttore; rispondiamo che siamo stati svezzati da ‘Icaro’*»; da cui: «Grande disco. Ma sai che Renato riparte il 1° novembre in tour? Mi farò un po’ di date».

Non mancherò. A proposito. Credo che Renato sapesse già nel ’78 come andavano a finire le cose. “L’amore in fondo non è poi che un baratto, dai troviamo un riscatto”*...

Ah quella è la mia preferita, l’abbiamo fatta alla Versiliana, io la cantavo e lui faceva il corista. Cerca in YouTube...

“Baratto, distratto, sei tu che mi hai sedotto, facciamo un contratto”...

Sì, è vero, Renato ha anticipato il contratto gialloverde, e quello Pd-Cinquestelle.

Questa è un po’ scontata: “Lui chi è, come mai l’hai portato con te...”*. Parlo da politologo del bar sotto casa: non era scontato che poi un giorno si sarebbe arrivati a un governo Cinquestelle-Pd?

Sarebbe stata una soluzione più lineare e ci saremmo risparmiati un anno e mezzo del Capitano. Bisognerebbe chiedere a quella testa vuota di Renzi cosa gli è saltato in mente l’anno scorso...

Cinquestelle “dimmi da quale parte stai”*: tu ci vedi tutta questa destra?

I Cinquestelle non sono né di destra né di sinistra perché nascono dallo scontento del mondo del centrosinistra per un centrosinistra che con Berlusconi faceva gli inciuci invece di combatterlo. Poi sì, qualche voto di destra l’hanno preso, ma adesso quei voti sono già tutti rientrati.

‘Baratto’ è un pozzo di sentenze: “Prima di darti la mia verginità voglio la verità”. Anche i Cinquestelle l’hanno persa. E ora che tutti hanno sputtanato tutti, come la mettiamo?

Il fatto è che sono nati tutti nel sistema maggioritario e ora siamo ritornati nel proporzionale, per cui nel maggioritario bipolare la destra sparava sulla sinistra, la sinistra sparava sulla destra, poi sono arrivati i Cinquestelle che sparavano sulla destra e sulla sinistra; dopodiché c’è stata una legge proporzionale, non votata dai Cinquestelle, e con la legge proporzionale gli accordi si fanno dopo le elezioni, perché se non hai il 50 per cento non governi. Quindi, tutto quello che si erano detti con la testa da maggioritario, adesso gli si ritorce contro perché siamo nel proporzionale e si è costretti ad alleanze che sembreranno anche innaturali. L’importante è non aver fregato gli elettori, e devo dire che questo governo non lo ha fatto. I Cinquestelle in campagna elettorale hanno rotto i tabù delle alleanze dicendo “Noi proporremo dei contratti a chi ci sta”. L’anno scorso lo hanno proposto al Pd, che ha detto di no, poi alla Lega, che ha detto di sì. Stavolta il Pd ha cambiato idea. Dov’è la truffa?

‘Niente trucco stasera’?* Davvero?

Niente trucco. Il trasformismo è quando uno viene eletto in un partito e durante la legislatura passa dall’altra parte. Qui nessuno ha cambiato gruppo, non c’è la transumanza che c’era nella scorsa legislatura. Qui ciascuno resta nei propri gruppi, semplicemente si fanno alleanze per dare un governo, altrimenti se si aspetta di avere una maggioranza da soli, si vota a oltranza come in Spagna e non si riuscirà mai a fare un governo.

Un po’ di anni fa pubblicavate le intercettazioni di Berlusconi e Berlusconi, invece di sprofondare, qui in Svizzera continuava ad essere il sogno nemmeno troppo proibito di molte donne. “Ti scrivo, tu mi scrivi, poi torna tutto come prima”*. Cos’è mai successo? Forse non avete scritto abbastanza forte?

No, la scrittura ha ancora una grande forza. Sono un appassionato della scrittura, faccio solo quello, l’ho detto anche in sala («Mi fa più male il complimento “Grazie perché quando lei scrive si capisce”. E ci mancherebbe altro, siamo qua per questo. Ma non è scontato, molti scrivono perché non si capisca», ndr.). Ogni tanto vado in tv, e quando mi dicono “La vedo sempre in televisione!” un po’ mi dà fastidio perché vorrei tanto che mi dicessero “la leggo sempre sul giornale”. Io penso che la scrittura sia la cosa più importante, la più efficace che c’è. E infatti mi occupo soltanto di quella.

Un classicone: “L’amico è quel che resta mentre tutto va”*. Cito tue parole: “Questa è una categoria in cui se un giornalista si trova sul baratro e gli basta tanto così per finire di sotto, è più facile che trovi un collega che gli dà la spinta che non uno che gli salvi la pelle”. Hai amici in questo settore?

Nel mondo del giornalismo ho pochi amici. Stanno quasi tutti nel mio giornale, raramente in altri. Ma capisco perfettamente, perché me la prendo spesso con la nostra categoria. Non avessi questo giudizio critico, non avrei fatto un mio giornale, mi sarei accomodato in uno di quelli esistenti. Capisco benissimo che non mi amino, d’altra parte non faccio assolutamente nulla per essere amato e mi aspetto esattamente questa reazione. Se l’evento di oggi fosse stato organizzato dall’Ordine dei giornalisti italiani, non sarebbe venuto nessuno.

È Sindrome dell’epoca d’oro o ci sono dei ‘migliori anni della nostra vita’*?

I migliori anni della politica sono stati quelli che io non ho vissuto, quelli del Risorgimento, di Cavour, di Quintino Sella. Nel Novecento salvo qualcosa di Giolitti, e De Gasperi; poi, per quel che riguarda la Prima Repubblica, basta così. Della Seconda Repubblica salvo il primo governo Prodi, ‘96-’98, e come premier Conte che, devo dire, mi pare una brava persona e anche uno che ha imparato in fretta. Il resto è tutto da buttare.

‘Morire qui non è da me’*, cantava Renato. Però ci tocca: il ‘Fatto’ ha già il coccodrillo di Travaglio?

È lo stesso di Califano, “Non escludo il ritorno”...

Da chi vorresti fosse scritto il tuo?

Da Massimo Fini.

Per restare in tema: una strofa a scelta per il tuo epitaffio tra “Ogni giorno racconto la favola mia”* e “Non mollare, difendi la tua idea”*.

Oppure?

Dalla stessa canzone: “È meglio fingersi acrobati che sentirsi dei nani”...

Ecco, questa mi piace molto.

 

*Breve guida all’ascolto:


- “con le regine, i suoi fanti, i suoi re”, da ‘Il carrozzone’ (1979)
- ‘Icaro’ album dal vivo del 1981
- “L’amore in fondo non è poi che un baratto, dai troviamo un riscatto”; “Baratto, distratto, sei tu che mi hai sedotto, facciamo un contratto”, da ‘Baratto’ (1979)
- “Lui chi è, come mai l’hai portato con te...”, da ‘Triangolo’ (1978)
- "dimmi da quale parte stai", da ‘Viva la Rai’ (1982)
- ‘Niente trucco stasera’ (1980)
- "ti scrivo, tu mi scrivi, poi torna tutto come prima", da ‘Spiagge’ (1983)
- "l'amico è quel che resta mentre tutto va", da ‘Amico’ (1980)
- ‘I migliori anni della nostra vita’ (1995)
- "Morire qui non è da me ", da ‘Morire qui’ (1977)
- "ogni giorno racconto la favola mia", da ‘La favola mia’ (1978)
- "non mollare difendi la tua idea", da ‘La tua idea’ (1979)

Potrebbe interessarti anche
Tags
marco
renato
zero
travaglio
cinquestelle
marco travaglio
renato zero
baratto
direttore
governo
© Regiopress, All rights reserved