laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
4 ore
La settimana bellinzonese di 'Incontra uno scrittore al parco'
Lunedì 13 luglio Gabriele Alberto Quadri, martedì 14 Christian Paglia, giovedì 16 Matteo Beltrami. Sempre alle 19.15
Società
7 ore
Covid-19, Robert De Niro quasi sul lastrico
La pandemia ha inferto un grave colpo ai business dell'attore americano, la catena di ristoranti Nobu e il Greenwich Hotel
Arte
8 ore
A Michael Klein il 'Paul Boesch 2020'
Il più recente e trai più sostanziosi premi d'arte svizzeri. È accompagnato dall'acquisto di un'opera che sarà inclusa nella collezione del Kunstmuseum di Berna
Culture
8 ore
Task Force Culture: 'Un segnale forte e unanime'. Con risultati
Le associazioni culturali accolgono con soddisfazione l’apertura da parte del Consiglio federale (Cf) della consultazione sulla legge Covid-19
Scienze
10 ore
Lo spazzino dello spazio 'made' in Svizzera
ClearSpace, la sart-up del Politecnico federale di Losanna, vuole lanciare la sua navicella nel 2025
Musica
16 ore
La cantautrice ticinese Julie Meletta torna con 'Middle May'
Pubblicato oggi su tutte le piattaforme di streaming il nuovo singolo, in attesa del primo EP in uscita quest'inverno
Scienze
1 gior
Rimandato al 2021 il lancio di Ariane 6
Inizialmente prevista a fine 2020, la messa in orbita del nuovo razzo europeo (progetto al quale collabora anche la Svizzera) slitta a causa del Covid-19
Scienze
1 gior
Meno rischio di declino cognitivo col lavoro d'ufficio
Le professioni da scrivania proteggono di più la mente rispetto a quelle che richiedono sforzo fisico, affermano ricercatori inglesi
Culture
1 gior
Morricone: 'Musicare Jenatsch? No, ma vi ringrazio'
La proposta giunta dai Grigioni mentre componeva Mission. La risposta? 'Una gentilissima lettera autografata dal Maestro, in cui declina l'offerta'
Culture
1 gior
Lac, da sabato in poi l'estate è 'en plein air'
Talk, reading con artisti e autori, concerti di classica e world music. Gratuitamente fino ai primi di settembre. Si apre con la letteratura, l'11 luglio
Video
Locarno 2020
1 gior
I futuri registi studiano al Locarno Kids HomeMade Movies
Videopillole didattiche sul sito del Festival. In cattedra anche Claude Barras. Il corto che vincerà il contest sarà proiettato in sala nel 2021
Spettacoli
1 gior
Usa, l'attrice Naya Rivera sparita nelle acque di un lago
Famosa per la serie "Glee", la 33enne era uscita in barca con il figlio di 4 anni. Si teme possa essere annegata
Cinema all'aperto
2 gior
Chiasso, Proiezione Grande Velocità: la scelta di Marco Müller
Lo storico-critico ha scelto 'The Night of the Hunter' (La morte corre sul fiume) di Charles Laughton. Lo presenterà giovedì 9 luglio, in prima persona
Musica
2 gior
'L'Osi per me', perchè il concerto lo fate voi
L'Orchestra della Svizzera italiana invita il pubblico a scegliere i brani da suonarsi alla ripresa dei concerti, programmata per il 28 e 29 agosto a Lugano
Culture
2 gior
Stati Uniti, intellettuali liberal contro il clima d'intolleranza
'Nuove forme di censura' negli ambienti progressisti. Lo scrivono nomi come Margaret Atwood, Noam Chomsky, Salman Rushdie e J.K. Rowling su 'Harper's'
Gallery
Classica
2 gior
Ticino Musica, il Festival c'è ed è quasi un open air
Da sabato 18 luglio (Piazza Manzoni) a giovedì 30 (Boschetto Parco Ciani) e in giro per il cantone, in sicurezza. L'evento presentato oggi a Lugano
Culture
07.04.2019 - 19:550

Visioni, successi e debiti, gli 80 anni di Coppola

Francis Ford Coppola ha segnato il cinema degli ultimi 50 anni con la potenza dei successi e delle magnifiche catastrofi cui è andato incontro

"L’autunno del patriarca", il bel romanzo di Garcia Marquez, potrebbe essere un regalo appropriato per gli 80 anni del lucano d’origine Francis Ford Coppola che l’America celebra tra i suoi più grandi artisti del ’900.

Francis Ford Coppola nasce giusto 80 anni fa a Detroit, dove il padre Carmine era flautista e direttore d’orchestra nel programma radiofonico "The Ford Sunday Evening Hour", sponsorizzato da Henry Ford. Come segno di riconoscenza Carmine diede al secondogenito Francis anche il nome della macchina-simbolo del sogno americano. Anche la mamma, Italia Pennino, aveva nel sangue i cromosomi della musica e del cinema: il nonno era il compositore napoletano Francesco Pennino, il padre gestiva un celebre cinema di Brooklyn. E fu così che a due anni Coppola, gracile e affetto da poliomielite, si trasferisce a New York dove il padre suona nella NBC Symphony Orchestra.

Benché ami le materie tecniche, il ragazzo non è certo uno studente modello. Ma la famiglia, soprattutto il fratello maggiore August, crede nel suo talento e gli paga l’iscrizione alla UCLA di Los Angeles dove il suo estro cinematografico diviene occasione di incontri che segneranno la sua carriera, da Roger Corman a George Lucas. Nel ’62 debutta dietro la macchina da presa con la commedia western "Tonight for Sure" dai modesti esiti; più riuscito "Terrore alla 13esima ora" del 1963. A quegli anni risale anche il progetto del film "La conversazione" ispirato all’Antonioni di "Blow Up", che potrà dirigere solo nel 1974 e con cui conquisterà la prima Palma d’oro nel ’74.

In mezzo però c’è una carriera che ne fa già un monumento vivente: prima il trittico che lo fa notare ("Buttati Bernardo", "Sulle ali dell’arcobaleno", "Non torno a casa stasera" tra il ’67 e il ’69), poi un mazzetto di sceneggiature di successo ("Parigi brucia?", "Questa ragazza è di tutti", "Patton" con cui conquista il primo Oscar nel ’71) ma soprattutto il colossale successo de "Il padrino" dal romanzo di Mario Puzo. Prodotto dalla Paramount, il progetto è affidato a Coppola dopo il rifiuto di Sergio Leone, Elia Kazan, Arthur Penn.

L'epopea della mala nel Padrino

Ma proprio le controverse scelte del trentenne regista faranno la fortuna del film: prima la determinazione nel richiamare in servizio un declinante e rissoso Marlon Brando (vincerà l’Oscar e non andrà alla premiazione in polemica con il governo Usa), poi quella di affidare allo sconosciuto Al Pacino un ruolo che già volevano Dustin Hoffman e Robert Redford. Nel cast di questo epocale affresco sull’epopea mafiosa tra New York e Corleone alcuni degli amici più fedeli del regista: James Caan e Robert Duvall che si ritroveranno più di una volta nei suoi film. Nonostante un considerevole sforamento del budget, il film si rivela un trionfo: ad oggi ha incassato oltre un miliardo di dollari polverizzando il record di "Via col vento" e nel 1972 guadagna 10 nomination all’Oscar (vincendone tre), il Golden Globe e il secondo posto nella classifica dei migliori film americani di tutti i tempi.

Così Coppola accetta – sia pur controvoglia all’inizio – di metter mano a un sequel che consacra definitivamente il genio di Al Pacino e rivela Robert De Niro, il cui ruolo cresce molto dopo il rifiuto di Brando di prendere parte alla nuova impresa nel 1974. Il successo de "Il Padrino – parte II" surclassa perfino l’originale con 11 nomination, 6 Oscar (di cui 3 vinti dal regista, sceneggiatore e produttore, oltre all’indimenticabile colonna sonora di Nino Rota) e incassi stratosferici.

Tifoni, crisi, droga e infarti per una vera Apocalypse

Incoronato "re" di Hollywood, Francis Ford Coppola mette mano al progetto di una moderna rilettura del "Cuore di tenebra" di Joseph Conrad in cui la scena cambia dall’Africa coloniale al Vietnam in guerra. La storia di "Apocalypse Now" (1979) è di per sé un’epopea di gigantismo e dramma: tifoni sul set, follie divistiche (Brando torna a recitare solo per un milione di dollari alla settimana), drammi coniugali (la separazione dalla moglie che porterà Coppola sull’orlo del suicidio), crisi nervose, malattie (un infarto in piene riprese per Martin Sheen), eccessi per alcool e droga in tutta la troupe.

Nel cast ritornano vecchie conoscenze: Robert Duvall, Frederic Forrest, Dennis Hopper, l’omaggio al compagno di università Jim Morrison con "The End" dei Doors nei memorabili titoli di testa. Il successo con la seconda Palma d’oro, due Oscar e 3 Golden Globe non pareggia la catastrofe economica che segnerà tutta la vita del regista, costretto a lavorare per ripagare i debiti.

Debiti e visioni

Non funzionano le sue incursioni nei generi, vanno meglio alcune opere apprezzate però soprattutto dalla critica: "I ragazzi della 56a strada" del 1983; "Cotton Club" con Richard Gere del 1984; "Peggy Sue" del 1986; "Tucker" del 1987.

Irrequieto e perseguitato dai debiti, Coppola si piega a un terzo episodio de "Il Padrino", girato quasi tutto in Italia e concepito come un omaggio al cinema d’inchiesta nello stile di Francesco Rosi: nel 1990 il film raccoglie consensi e spettatori soprattutto grazie a un "brand" consacrato, ma ha soprattutto il merito di rimettere l’autore al centro della scena.

"Dracula" del 1992 con Gary Oldman e Anthony Hopkins ne lucida il blasone con una forza visionaria che sembrava smarrita. In qualche modo è il canto del cigno di un gigante e la promessa di nuove passioni. Nessuno dei film successivi (ben 6 fino a "Distant Vision" del 2015) passa alla storia, ma in tutti lampeggia a tratti l’estro dell’artista unito alla curiosità dello sperimentatore.

© Regiopress, All rights reserved