Ti-Press
Culture
28.03.2019 - 16:570

Il premio della Fondazione Oertli a Marco Solari

Il 75enne presidente del Locarno Film Festival è stato omaggiato per “per il suo pluriennale impegno a favore della presenza della lingua e cultura italiane nella Confederazione”. 

È Marco Solari il vincitore del premio della Fondazione Oertli per il superamento delle barriere linguistiche e culturali all'interno della Svizzera. Il 75enne è stato omaggiato “per il suo pluriennale impegno a favore della presenza della lingua e cultura italiane nella Confederazione”. 

In veste di presidente del Locarno Film Festival dal 2000, di delegato del Consiglio federale per le celebrazioni dei 700 anni della Confederazione, di vicepresidente della direzione generale dell'editore Ringier, nonché di direttore e presidente dell'Ente ticinese per il turismo, Solari "si è sempre adoperato per il rispetto per le minoranze linguistiche del Paese, in particolare nei confronti della Svizzera di lingua tedesca. D'altro canto, egli ricorda alla minoranza della Svizzera italiana la necessità di aprirsi alle altre comunità sul piano linguistico, culturale e politico", indica in un comunicato diramato oggi la Fondazione con sede a Zurigo.

La cerimonia di conferimento del premio si terrà il 12 aprile al Monte Verità di Ascona, in presenza del presidente del consiglio di fondazione Marco Baschera, del consigliere di Stato Manuele Bertoli (direttore del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport), e del sindaco di Ascona Luca Pissoglio.

La Fondazione Oertli è stata creata nel 1967 dall'industriale zurighese Walter Oertli allo scopo di favorire i contatti fra le regioni linguistiche della Svizzera. Il premio omonimo viene assegnato dal 1976. Fra i precedenti laureati figurano il clown Dimitri e l'attore comico Emil, l'ex vicecancelliere della Confederazione Achille Casanova e l'ex direttore della SRG SSR Armin Walpen. 

Potrebbe interessarti anche
Tags
fondazione
oertli
premio
presidente
fondazione oertli
solari
confederazione
marco
svizzera
direttore
© Regiopress, All rights reserved