Percorrendo Issy
Culture
02.03.2019 - 00:160

Nic Gyalson, escursione visiva su corpo umano

Un video ambientato interamente sul corpo dell’attrice Issy McCallum Stewart. 'Una delle esperienze più psichedeliche mai vissute'

Il nuovo ‘End of wine’ è il lato A (con relativo video); ‘Still afraid of pain’ è il lato B. Il concetto del 45 giri è vintage come il marchio del polistrumentista ticinese Nic Gyalson, un suono vintage bello “non perché è vintage, ma perché di qualità” (applicando la Legge di Stephan Schertler sul vintage). Il giovane Gyalson, che rientra nella categoria di quelli per i quali “sei vecchio” è un complimento, lancia in acqua un altro amo dopo i tre brani pubblicati nell’ottobre del 2018; un ulteriore amo sarà calato nei prossimi mesi con la pubblicazione del video di ‘Still afraid of pain’ e del terzo capitolo di un album intitolato ‘You could almost’ che è il pesce intero, da cucinarsi in autunno.

Nic lo psichedelico, i due nuovi brani li ha liberati mentre si trovava in Patagonia a fianco del padre Fulvio Mariani, per le riprese di un documentario del quale curerà anche la colonna sonora; entrambi i pezzi puntano ancor più dei precedenti tre sul suo organo Hammond. ‘End of wine’, suonato insieme al nucleo storico Serena Maggini-più-Dario Pedrazzi, è un piacevole tuffo nel tempo accompagnato da un video – guarda caso diretto e montato dallo stesso songwriter – ambientato interamente sul corpo dell’attrice Issy McCallum Stewart. «Serena e Scott Lipman (attore e sceneggiatore, ndr) hanno tirato fuori la singolare idea di utilizzare il corpo di una donna come un paesaggio – racconta Gyalson – così un paio di mesi dopo io e Serena ce ne siamo andati a Praga, dove Indiana Caudillo Martinez (direttrice della fotografia, ndr), armata di un faro e due obiettivi macro, ci ha portati a spasso sul corpo di Issy».

Nata in collaborazione con 4 studenti della scuola di cinema di Praga (Scott, Indiana, Issy e Jacopo Giulini, art director), la “passeggiata” sull’attrice nasce da uno scorcio di Praga sottosopra, per passare a quelle che potrebbero essere colline, boschi e radure e invece sono capelli, peli, peluria ed epidermide della protagonista, ritratta a un palmo di naso. Cosa che per Gyalson è «una delle esperienze più psichedeliche mai vissute nella realizzazione di un video». Un cenno al lato B del “45 giri”, che non guasterebbe come lato A: s’intitola ‘Still afraid of pain’, ha un incedere da british invasion, un finale armonicamente prog e celebra l’istinto di sopravvivenza che salva dalla furia cieca delle relazioni effimere. Furia ben canalizzata (www.nicgyalson.com).

Tags
corpo
gyalson
video
issy
lato
of pain
still afraid of
afraid of pain
nic gyalson
still afraid
© Regiopress, All rights reserved