BOS Bruins
4
WAS Capitals
3
fine
(1-1 : 1-1 : 2-1)
PHI Flyers
1
COB Jackets
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
BUF Sabres
4
DAL Stars
5
3. tempo
(2-1 : 2-2 : 0-2)
PIT Penguins
6
OTT Senators
4
3. tempo
(3-1 : 2-0 : 1-3)
NAS Predators
4
WIN Jets
1
2. tempo
(3-0 : 1-1)
LA Kings
COL Avalanche
03:30
 
Seattle Kraken
SJ Sharks
04:00
 
VEGAS Knights
MON Canadiens
04:00
 
il-segreto-di-montalbano-e-nei-dettagli
Duccio Giordano
+3
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
3 ore

Addio a Elza Soares, cantante brasiliana del millennio

Così la definì la Bbc nel 1999. Per il Rolling Stone, fu tra le cento più grandi voci della storia della musica brasiliana.
Festival di Sanremo
6 ore

Sanremo: i duetti del venerdì, da De André a... Britney Spears

In un range che va da ‘Nella mia ora di libertà’ (ospite Capossela) a ‘Baby One More Time’ (sic), a tema ’60, ’70, ’80 e ’90
Culture
8 ore

A ‘Storie’ le ragioni del respingimento di Liliana Segre

La vicenda è al centro del documentario di Ruben Rossello prodotto dalla Rsi, in programma domenica 23 gennaio
Culture
8 ore

Referendum Lex Netflix, ‘una pugnalata alle spalle’

Lo sostiene cinésuisse, secondo cui combattere la revisione della legge sul cinema è un attacco alla cultura e all’economia della Svizzera
Cinema
10 ore

Addio Camillo Milli, presidente della Longobarda e Megadirettore

Formatosi con Strehler, poi a fianco di Fo, è stato uno dei protagonisti della commedia italiana. Recitò ne ‘Il marchese del Grillo’ di Monicelli
Culture
11 ore

La cultura ticinese nel cinema svizzero ha un nuovo alleato

Presentato alle Giornate di Soletta un fondo nazionale per sostenere i film legati al Sud delle Alpi. Ne abbiamo parlato col regista Niccolò Castelli.
Locarno Film Festival
15 ore

Locarno75, la Retrospettiva è dedicata a Douglas Sirk

Una rilettura del regista tedesco a 35 anni dalla sua scomparsa avvenuta in Ticino. A colloquio con Roberto Turigliatto, co-curatore della retrospettiva
Scienze
19 ore

La resistenza agli antibiotici uccide 1,2 mln di persone l’anno

Il rapporto è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet
Culture
19 ore

Usi, una storia lunga tre secoli

Intervista a Pietro Montorfani, autore con Mauro Baranzini di un libro sulla storia dell’Università della Svizzera italiana
Teatro Sociale
20 ore

‘Volar cantando’, Rossana Taddei alle radici del suo folklore

Sabato 22 gennaio il nuovo spettacolo, celebrazione dei 15 anni di sodalizio con Gustavo Etchenique e momento di riscoperta di nuovi classici
Spettacoli
20 ore

La Santippe di Lella Costa, una santa vedova Socrate

Al Teatro Sociale l’attrice italiana ha ripreso il monologo di Franca Valeri dedicato “alla moglie più insopportabile dell’Antichità”
Spettacoli
1 gior

Sfogliando ‘Se questo è un uomo’ a teatro

Magnifica prova di Valter Malosti, martedì scorso al Lac, nel portare in scena il testo di Primo Levi
Spettacoli
1 gior

L’attore francese Gaspard Ulliel è morto in un incidente di sci

Aveva 37 anni. Noto per aver interpretato Yves Saint Laurent e lo psichiatra cannibale di ‘ Hannibal Lecter - Le origini del male’ e
Società
1 gior

Addio a André Leon Talley, gigante nero della moda

A lungo direttore creativo di ‘Vogue’, Leon Talley aveva 73 anni. Suo il servizio che reinterpretava Via col vento con Naomi Campbell
Conservatorio
1 gior

Scuola di Musica del Csi, Concerto di Gala è in presenza

Nell’Aula Magna del Conservatorio della Svizzera italiana venerdì 28 gennaio alle 19, anche in streaming
Culture
1 gior

Eventi letterari, Premio Filippini alla casa editrice Diogenes

Nel suo settantesimo anniversario, l’editore zurighese indipendente riceverà il riconoscimento intitolato a Enrico Filippini
Società
1 gior

Addio a André Leon Talley, ‘gigante nero’ della moda

A lungo direttore creativo di Vogue, aveva avuto un ruolo chiave nell’aprire il mondo della moda a stilisti e modelle di colore
Cinema
1 gior

Festival ticinese del film non commerciale, concorso aperto

In attesa del 27 marzo, data del festival, il termine per l’invio dei filmati è martedì primo febbraio. La partecipazione è gratuita
Cinema
1 gior

Anche Totò e ‘Star Wars’ tra i 42 film preferiti da Fellini

Accanto ad Antonioni, Kurosawa, Bergman, Rossellini, Kubrick e Hitchcock. La ‘playlist’ del maestro in un documento originale custodito da Cineteca Rimini
05.02.2019 - 06:000

Il segreto di Montalbano? È nei dettagli

A vent'anni dal primo episodio, mentre ne stanno per arrivare altri due, indaghiamo le ragioni di un successo enorme e inaspettato con il suo regista

a cura de laRegione

«I turni di lavoro sono incessanti e Montalbano e i suoi uomini si prodigano davanti a un compito nuovo e particolare. Raccontare in un film quello che il pubblico ha già visto nei telegiornali di questi ultimi anni...». Questo il problema del regista, quando la realtà cerca spazio nel perimetro protetto di una serie di successo, e richiede corpo e sostanza, sfuggendo le superficialità. Dunque, come scrive nelle note di regia, Alberto Sironi ha passato le sue notti in attesa degli sbarchi, per documentare che cosa comporta l’accoglienza verso chi attraversa il mare in cerca di riparo o di un futuro. Il risultato lo si potrà vedere fra una settimana su Rai Uno nel primo dei due nuovi episodi del Commissario Montalbano, ‘L’altro capo del filo’, dal romanzo omonimo di Andrea Camilleri. Un tema spinoso, nell’Italia dei porti chiusi, che forse solo un personaggio come Montalbano può permettersi di portare in prima serata alla tv pubblica. Ma il regista precisa, con un filo d’ironia: «Quando Camilleri ha scritto il romanzo la Lega non aveva ancora vinto le elezioni. Lui ha cercato di spiegare che la cultura araba ha regalato alla Sicilia, all’Italia e all’Europa delle cose che sarebbe giusto ricordare... Parla di porti aperti, anche in senso culturale».

Vent’anni e 34 episodi dopo, Sironi torna a riflettere con noi sulle ragioni di un successo inaspettato, che ha contribuito a veicolare nel mondo l’immagine di una regione splendida come il Sud-est della Sicilia. E dire che nel 1999 ci si aspettava una produzione di nicchia...

Come si spiega ciò che è accaduto?
«Ci sono tante ragioni che si uniscono e concorrono al risultato finale. Noi, tanto per cominciare, abbiamo un vantaggio: dietro di noi c’è uno scrittore. Generalmente, in tv, questo è raro: uno scrittore solo all’origine di un prodotto. Dopodiché, c’è stato lo sforzo di mantenere le persone con cui avevo deciso di lavorare: il direttore della fotografia, lo scenografo, il musicista, l’operatore... A differenza di tanti altri casi, abbiamo fatto in modo che il prodotto rimanesse nostro; ed è stata una bella guerra, non era facile»...

Peraltro Montalbano incarna una serialità anomala, il filo orizzontale è tenue: ogni episodio è un film...
«Quella è stata una battaglia fin dall’inizio. Mentre in tv tutti usavano il 16 mm, noi abbiamo girato sempre in 35 mm, a parte gli ultimi episodi in cui siamo per forza passati all’elettronica. Era una scelta precisa, volevamo un’immagine molto più profonda, soprattutto nei campi lunghi. Fin dall’inizio abbiamo chiesto cose un po’ più da cinema e il produttore ci ha ascoltati. Per dire, lo scenografo, Luciano Ricceri, viene da Fellini e Scola. Abbiamo puntato sulla qualità, il più possibile. Ed è andata bene a tutti».

Montalbano conferma che per restituire il valore di un testo sullo schermo bisogna prenderne le distanze?
«Bisogna proprio tradirlo, devi capire ciò che sta sotto le parole. Se prendi le parole come tali e poi le trasferisci in cinema, fai semplicemente un’illustrazione. Se invece provi a capire quello che cerca di dire lo scrittore con tutto il suo meccanismo, allora forse riesci a beccare qualche cosa».

Ecco, Camilleri in quanto ex uomo di tv ha colto questo sforzo?
«È stato sempre corretto e molto rispettoso. Solo all’inizio, siccome lui conosceva Zingaretti come suo ex allievo all’Accademia di teatro, mi ha chiesto: “Perché hai scelto proprio un pelato e così giovane?”. E io gli confessai che, scegliendo i personaggi, avevo scelto di ringiovanirli un po’... Pensavo che così la storia potesse prendere un po’ più di movimento. In ogni caso, quando vide il primo film, disse: “Mi sono piaciute pure le comparse”. Poi, nelle sceneggiature, è sempre stato molto attento a capire da un lato se restavamo coerenti con il suo linguaggio – che è anche un’invenzione – dall’altro se mantenevamo una certa attenzione al plot delle storie, spesso complesso».

Perché Zingaretti, romano, era l’attore giusto per Montalbano?
«Ha fatto un provino eccezionale. Si è presentato con un monologo da uno dei romanzi, molto lungo e molto difficile, e devo dire che era nettamente il più bravo. Io vengo dal teatro di Strehler e in Montalbano c’è un senso del teatro, Camilleri racconta oggi un mondo i cui punti di riferimento sono nella sua giovinezza: lui è venuto via dalla Sicilia a 20 anni e non è più tornato. Noi avevamo difficoltà a rendere le storie in questo modo magico, per cui i nostri film non sono naturalistici, ma ci sono cose che non hanno senso: le strade e le piazze vuote, l’auto strana del commissario, poche comparse quando servono e magari tante quando non servono, un tipo di struttura nel racconto e nel modo di recitare molto teatrale. Scegliere Luca è stato importante: ha capito subito che c’era questo tipo di materiale».

Appunto, la sua formazione teatrale l’ha guidata nella cura per i personaggi secondari? In ogni film, volti e caratteri s’impongono...
«Su questo aspetto ho dovuto combattere, all’inizio i funzionari tv non capivano. Senza i siciliani autentici al di sotto, i protagonisti non sarebbero stati in piedi: quel tipo di linguaggio necessitava di qualcuno che lo usava quotidianamente. Questo l’ho capito grazie al lavoro su Goldoni: senza i siciliani nei ruoli piccoli avrei perso lo zoccolo duro che permette ai protagonisti di recitare».

Visto che i luoghi immaginati da Camilleri sono nella zona di Agrigento, che cosa l’ha guidata verso Sud-est?
«All’inizio siamo andati nei luoghi della giovinezza di Camilleri, ma lì quella Sicilia e quello che lui raccontava non c’erano più. Allora ci siamo spostati verso Ragusa, in una zona ancora molto agricola. Adesso anche lì iniziano a costruire un po’ troppo, ma resistono quei luoghi che riportano a una Sicilia più lontana, magica, con quelle piazze barocche da cui anche i sindaci hanno poi iniziato a togliere le auto. Camilleri è molto preciso nel raccontare atmosfere e personaggi, mentre il paesaggio lo abbiamo inventato noi».

Forse è servito l’occhio del regista di Busto Arsizio?
«Questo l’ho detto anche a Camilleri: siete stati fortunati, perché noi del Nord abbiamo un’attenzione verso le immagini del vostro mondo che voi non potete più avere, perché siete cresciuti lì dentro e certe cose non le vedete più. Anche i romani, quando passano davanti al Colosseo, non lo guardano più».

Duccio Giordano
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved