FC Schalke 04
1
FC Porto
1
fine
(0-0)
Club Brugge
0
Borussia Dortmund
1
fine
(0-0)
Monaco
1
Atletico Madrid
2
fine
(1-2)
Liverpool
3
Paris Saint Germain
2
fine
(2-1)
Crvena Zvezda
0
Napoli
0
fine
(0-0)
Galatasaray
3
Lokomotiv Moscow
0
fine
(1-0)
Winterthur
1
Zugo
4
fine
(0-3 : 0-1 : 1-0)
EHC Basel Klh
0
Langnau
6
fine
(0-2 : 0-2 : 0-2)
FC Schalke 04
CHAMPIONS UEFA
1 - 1
fine
0-0
FC Porto
0-0
EMBOLO BREEL
27'
 
 
UTH MARK
53'
 
 
1-0 EMBOLO BREEL
64'
 
 
 
 
75'
1-1 OTAVIO MONTEIRO
 
 
78'
CORONA JESUS
 
 
86'
HERRERA HECTOR
27' EMBOLO BREEL
53' UTH MARK
64' 1-0 EMBOLO BREEL
OTAVIO MONTEIRO 1-1 75'
CORONA JESUS 78'
HERRERA HECTOR 86'
Missed penalty for FC PORTO at 13th min.
by TELLES ALEX.
Referee: Jesus Gil Manzano (ESP).
Assistant referees: Angel Nevado Rodriguez (ESP), Diego Barbero Sevilla (ESP).
Fourth official: Javier Martu00ednez Nicolas (ESP).
MATCH SUMMARY: Schalke record against Porto: W2 D1 L1.
Schalke beat Porto on penalties in 07/08.
Porto 8th successive GROUP stage.
Hosts in GROUP stage after 3 season absence.
Matchday 2: Lokomotiv v Schalke, Porto v Galatasaray.
Venue: Veltins Arena.
Turf: Natural.
Capacity: 62,27
Ultimo aggiornamento: 18.09.2018 23:12
Club Brugge
CHAMPIONS UEFA
0 - 1
fine
0-0
Borussia Dortmund
0-0
 
 
19'
WEIGL JULIAN
 
 
85'
0-1 PULISIC CHRISTIAN
 
 
90'
KAGAWA SHINJI
WEIGL JULIAN 19'
PULISIC CHRISTIAN 0-1 85'
KAGAWA SHINJI 90'
Referee: Danny Makkelie (NED).
Assistant referees: Mario Diks (NED), Hessel Steegstra (NED).
Fourth official: Jan de Vries (NED).
MATCH SUMMARY: Sides have 2 wins apiece in 4 past meetings.
Brugge won both previous home games v BVB.
Brugge have lost last 6 GROUP stage matches.
BVB failed to win GROUP game in 17/18: D2 L4.
Matchday 2: Atletico v Brugge, Dortmund v Monaco.
Venue: Jan Breydel Stadium.
Turf: Natural (Mixto Hybrid Grass Technology).
Capacity: 29,042.
Ultimo aggiornamento: 18.09.2018 23:12
Monaco
CHAMPIONS UEFA
1 - 2
fine
1-2
Atletico Madrid
1-2
FALCAO RADAMEL
11'
 
 
1-0 GRANDSIR SAMUEL
18'
 
 
 
 
31'
1-1 COSTA DIEGO
 
 
45'
1-2 GIMENEZ JOSE
 
 
48'
GIMENEZ JOSE
SIDIBE DJIBRIL
52'
 
 
TRAORE ADAMA
78'
 
 
 
 
90'
COSTA DIEGO
11' FALCAO RADAMEL
18' 1-0 GRANDSIR SAMUEL
COSTA DIEGO 1-1 31'
GIMENEZ JOSE 1-2 45'
GIMENEZ JOSE 48'
52' SIDIBE DJIBRIL
78' TRAORE ADAMA
COSTA DIEGO 90'
Referee: William Collum (SCO).
Assistant referees: David McGeachie (SCO), Graeme Stewart (SCO).
Fourth official: Douglas Potter (SCO).
MATCH SUMMARY: Monaco 6 GROUP games without win: D2 L4.
AtlEtico GROUP record in 2017/18: W1 D4 L1.
Atletico hold UEFA Europa League, UEFA Super Cup.
Matchday 2: Atletico v Club Brugge, Dortmund v Monaco.
Venue: Stade Louis II.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 18,500.
Ultimo aggiornamento: 18.09.2018 23:12
Liverpool
CHAMPIONS UEFA
3 - 2
fine
2-1
Paris Saint Germain
2-1
VAN DIJK VIRGIL
27'
 
 
1-0 STURRIDGE DANIEL
30'
 
 
2-0 MILNER JAMES
36'
 
 
 
 
40'
2-1 MEUNIER THOMAS
 
 
45'
MEUNIER THOMAS
 
 
83'
2-2 MBAPPE KYLIAN
3-2 FIRMINO ROBERTO
90'
 
 
27' VAN DIJK VIRGIL
30' 1-0 STURRIDGE DANIEL
36' 2-0 MILNER JAMES
MEUNIER THOMAS 2-1 40'
MEUNIER THOMAS 45'
MBAPPE KYLIAN 2-2 83'
90' 3-2 FIRMINO ROBERTO
Referee: Cuneyt Cakır (TUR).
Assistant referees: Bahattin Duran (TUR), Tarik Ongun (TUR).
Fourth official: Mustafa Eyisoy (TUR).
MATCH SUMMARY: Clubs meeting for 1st time in UEFA competition.
Reds 16 UEFA home games unbeaten: W11 D5.
Paris drew 3 previous GROUP games in England.
Matchday 2: Paris v Crvena zvezda, Napoli v Liverpool.
Venue: Anfield.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 54,074.
Ultimo aggiornamento: 18.09.2018 23:12
Crvena Zvezda
CHAMPIONS UEFA
0 - 0
fine
0-0
Napoli
0-0
 
 
17'
ALLAN MARQUES
KRSTICIC NENAD
37'
 
 
DEGENEK MILOS
55'
 
 
 
 
57'
ALBIOL RAUL
 
 
90'
RUI MARIO
 
 
90'
MILIK ARKADIUSZ
ALLAN MARQUES 17'
37' KRSTICIC NENAD
55' DEGENEK MILOS
ALBIOL RAUL 57'
RUI MARIO 90'
MILIK ARKADIUSZ 90'
Referee: Szymon Marciniak (POL).
Assistant referees: Paweł Sokolnicki (POL), Tomasz Listkiewicz (POL).
Fourth official: Radosław Siejka (POL).
MATCH SUMMARY: Teams meet for 1st time in UEFA competition.
Crvena zvezda making 1st GROUP stage debut.
Red Star won the European Cup in 1991.
Napoli in 3rd successive GROUP campaign.
Matchday 2: Paris v Crvena zvezda, Napoli v Liverpool.
Venue: Rajko Mitic Stadium.
Turf: Natural.
Capacity: 55,538.
Ultimo aggiornamento: 18.09.2018 23:12
Galatasaray
CHAMPIONS UEFA
3 - 0
fine
1-0
Lokomotiv Moscow
1-0
1-0 RODRIGUES GARRY
9'
 
 
 
 
23'
CORLUKA VEDRAN
NDIAYE BADOU
42'
 
 
 
 
60'
IDOWU BRIAN
2-0 DERDIYOK EREN
67'
 
 
FERNANDO REGES
72'
 
 
NDIAYE BADOU
87'
 
 
 
 
88'
DENISOV IGOR
 
 
90'
GUILHERME MARITANO
3-0 INAN SELCUK
90'
 
 
9' 1-0 RODRIGUES GARRY
CORLUKA VEDRAN 23'
42' NDIAYE BADOU
IDOWU BRIAN 60'
67' 2-0 DERDIYOK EREN
72' FERNANDO REGES
87' NDIAYE BADOU
DENISOV IGOR 88'
GUILHERME MARITANO 90'
90' 3-0 INAN SELCUK
Referee: Gianluca Rocchi (ITA).
Assistant referees: Mauro Tonolini (ITA), Filippo Meli (ITA).
Fourth official: Matteo Passeri (ITA).
MATCH SUMMARY: Sides 3rd meeting in UEFA competition.
2 away wins when they met in 2002/03.
Lokomotiv last GROUP stage was 2003/04.
Galatasaray in GROUP stage after 2 seasons out.
Matchday 2: Lokomotiv v Schalke, Porto v Galatasaray.
Venue: Turk Telekom Arena.
Turf: Natural.
Capacity: 52,223.
Ultimo aggiornamento: 18.09.2018 23:12
Winterthur
COPPA SVIZZERA
1 - 4
fine
0-3
0-1
1-0
Zugo
0-3
0-1
1-0
 
 
5'
0-1 ZRYD
 
 
6'
0-2 SCHNYDER
 
 
20'
0-3 OEJDEMARK
 
 
39'
0-4 SCHNYDER
1-4 ALLEVI
45'
 
 
ZRYD 0-1 5'
SCHNYDER 0-2 6'
OEJDEMARK 0-3 20'
SCHNYDER 0-4 39'
45' 1-4 ALLEVI
Ultimo aggiornamento: 18.09.2018 23:12
EHC Basel Klh
COPPA SVIZZERA
0 - 6
fine
0-2
0-2
0-2
Langnau
0-2
0-2
0-2
 
 
6'
0-1 KUONEN
 
 
13'
0-2 LARDI
 
 
22'
0-3 DIDOMENICO
 
 
26'
0-4 DIDOMENICO
 
 
44'
0-5 ELO
 
 
47'
0-6 BERGER
KUONEN 0-1 6'
LARDI 0-2 13'
DIDOMENICO 0-3 22'
DIDOMENICO 0-4 26'
ELO 0-5 44'
BERGER 0-6 47'
Ultimo aggiornamento: 18.09.2018 23:12
Dominique Rondez nell’archivio di suo padre Armand
Culture
01.09.2018 - 07:000
Aggiornamento 06.09.2018 - 15:46

L’arte, gli artisti

L’umanesimo quotidiano di uno spazio d’incontro, prima che d’arte: incontriamo Dominique Rondez, per anni alla guida della galleria Stellanove di Mendrisio

In uno dei tanti passaggi rivelatori, veri squarci di luce che entrano nei nostri occhi, Gaston Bachelard, filosofo aperto ai temi dell’arte e della natura, sfiora il contrasto tra sguardo e sogno. E così, “colui che troppo liberamente sogna, perde lo sguardo; e chi disegna troppo bene ciò che vede perde i sogni della profondità”. Questa meditazione accompagna il mio incontro con Dominique Rondez, che da poco ha presentato al Museo d’arte di Mendrisio il progetto d’archivio dedicato al padre. “Armand Rondez. La stagione dell’utopia”, è un volume curato da Maria Will, con uno scritto di Loredana Müller Donadini, edizioni Topik, 2017, che traccia molto bene l’esperienza umana e culturale dell’artista zurighese. La sua originalità. Credo che Dominique tenga in un certo senso una giusta misura tra sguardo, realtà e sogno e quando si parla con lei si ha l’impressione che proprio questo orizzonte le abbia permesso di vivere l’arte frequentando gli artisti; i loro atelier. La galleria, spazio d’arte Stellanove, a Mendrisio – la sua una conduzione decennale – chiusa nel 2016, è stata punto di riferimento per una comunità allargata; luogo dove osservare, dialogare, dar vita a quell’umanesimo quotidiano che si va perdendo e che proprio tra strade, stradine, piazze, trova ancora il suo mondo.

Dalla Provenza al Ticino

Parleremo di lei, dei ricordi e degli interessi. «Il Ticino è stato un sogno, fin da piccola. Prima abitavamo nella Francia del sud dove mio padre aveva ereditato una casa. L’idea si concretizza quando Manuel, mio figlio, inizia la scuola; nel nostro sguardo di allora il paesaggio ricordava un po’ la Provence. Era il 1983». Il Ticino, il sud. «Corrispondeva a un certo sguardo, il modo di vivere che si avvicinava a quello di prima. È stata una sfida a tanti livelli, personali e culturali: apprezzo il Ticino e allo stesso tempo, lo critico». Zurigo, altro polo che ti appartiene. «Ci sono nata e anche mio padre lavorava là, prima di trasferirsi in Provence. Ho sempre sentito una tensione tra le due realtà, ma proprio per questo la cosa andava bene. Due parti di me». A livello professionale? «Mi occupavo di contabilità alla Pro Helvetia, assumendo poi altri ruoli con la possibilità di un part time. Una bella esperienza; mia mamma Hannelore lavorava da trentacinque anni nell’area della letteratura svizzera. A Zurigo vivevo un intenso rapporto con il mondo della cultura». Stellanove? «Facendo un passo indietro, arrivata a Mendrisio avevo aperto una boutique, dove ora c’è l’archivio dedicato a mio padre. Nel 2005, decido di riattare la galleria sotto casa, lo studio d’arte Gulminelli che stava cessando l’attività. Inizialmente, l’idea era uno showroom per le opere di mio padre, che conservavo dopo la sua morte, nell’86. Le dinamiche seguenti, veloci, portano invece a pensare a una galleria. Ricordo l’entusiasmo e la voglia di fare. Gli artisti che arrivavano, un progetto dopo l’altro. Nel primo anno di attività, otto esposizioni. Un’effervescenza diffusa». Hai preso molti contatti? «Sì. Ma in realtà se ti metti in una certa posizione le persone vengono autonomamente». La prima mostra? «Su mio padre, un omaggio a vent’anni dalla scomparsa. Da principio, in questo spazio lui voleva aprire uno studio d’incisione e stampa». Figlia di artista, ne hai sentito l’influenza? «Si è sviluppata strada facendo; nella mia vita ho sempre colto le chance, le occasioni che si presentavano». La programmazione? «Sono passata a un ritmo piu’ ponderato; quattro esposizioni all’anno. Prima era un flusso eccezionale, ma un po’ folle…». Anche una presenza su fronti diversi. «Ho partecipato alla ‘Biennale dell’immagine’ con due mostre e la performance in via Stella di Nunzia Tirelli, insieme a un’installazione di Marisa Casellini, trasformando la strada. Nasce anche una collaborazione con l’archivio Franco Beltrametti e con Loredana Müller. Insomma, un periodo movimentato. Si mettevano le basi per l’orientamento della galleria». Stimoli importanti. «Erano le premesse. Ho fatto videoproiezioni, sculture, la fotografia. Mentre negli anni a seguire è cresciuto l’amore per la stampa. Per i lavori su carta. Non una parte esclusiva, ma principale». Gli artisti? «Ne sono passati molti. Tra i primi Daniela Carrara, Paolo Blendinger, Gabriela Carbognani Hess, gli inchiostri di Marco Mucha; Gabi Fluck, PAM Mazzucchelli. Fino a Paolo Selmoni, Giulia Napoleone». Entrando in galleria, si sentiva un clima accogliente. «Le mostre nascevano tutte da incontri personali. Comincio a fare delle foto negli atelier, un momento importante tra me e l’artista, tra me e l’opera; tra l’artista e l’opera». Un luogo denso di implicazioni. «Intimo. La culla dell’artista, delle opere iniziate o terminate. Vedi gli strumenti. Quando lavoravano era un momento quasi sacro. Ho iniziato con PAM nell’atelier di Ligornetto, una concentrazione da parte sua che mi portava a essere quasi invisibile».

Un filtro sul presente confuso

Non è, penso, un accesso facile. «Per niente. Con la fotografia sei un po’ invasivo. L’artista stesso ha di solito un certo pudore». Questo percorso ti rafforzava? «Senz’altro. Nel mio sguardo tanti elementi devono raccordarsi; i progetti, brevi o lunghi, sono tenuti da un filo rosso capace di parlare alle persone. Un’armonia tra le opere, nata da un dialogo. A volte, pensavi di metterle in un posto, poi scoprivi che stavano meglio in un altro». Una cura. «Giulia Napoleone, che come sai stimo molto, una volta mi ha detto una cosa che tengo dentro di me. ‘Sai, noi artisti abbiamo bisogno di qualcuno che ci curi’. È quello che mio padre non ha avuto, un gallerista che si occupasse di lui. Provava una certa solitudine. Per questo soffrivo, quando ho deciso mio malgrado di chiudere la galleria». Il pubblico? «Discorsi belli, illuminanti: persone che sentivo vicine, con affetto». L’arte ci spinge a riflettere in un momento difficile, violento. Cosa ne pensi? «L’arte è un filtro su questo presente confuso, spiazzante. L’artista può aprire la strada per una nuova visione». L’archivio? «Non è stato facile lasciare la galleria, il flusso di eventi e pensare all’archivio. Una nuova direzione nella mia vita. La mostra di mio padre a Camorino, presso Pangeart, in questo senso mi ha aiutato. Là, con Maria Will e un gruppo di lavoro è nata l’idea di una monografia. Tutto si è legato, incoraggiandomi». Per questo, sogno e sguardo hanno accompagnato Dominique nella risalire le tante opere e gli scritti del padre. Come lei dice, «i suoi segni di vita su tela e su carta».

Potrebbe interessarti anche
Tags
artisti
artista
arte
padre
galleria
sguardo
archivio
dominique
ticino
opere
© Regiopress, All rights reserved