laRegione
kiliradio-suono-senza-barriere-tra-losanna-e-il-ticino
Kiliradio. Da sinistra, Max Frapolli, Tiziana Ghiringhelli, Reto Brogli, Oliver Frey
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
18 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
19 ore

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
1 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
1 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
1 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
2 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
2 gior

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
3 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Culture
12.04.2018 - 05:000
Aggiornamento : 08:57

Kiliradio, suono senza barriere tra Losanna e il Ticino

Tiziana Ghiringhelli ci parla della band, del singolo 'Call me rock'n'roll' e di un nome ispirato dai nativi americani

Mettendo uno spazio tra Kili e radio, si ottiene l’identità di quello che ha ispirato il nome a questa band ticinese. Si tratta di una stazione no-profit indipendente che trasmette dalla riserva indiana Pine Ridge, nel South Dakota. È la prima stazione radiofonica degli Stati Uniti gestita da nativi americani, fondata nel 1983. “Kili” sta per “cool”, e Tiziana Ghiringhelli, voce e percussioni dei quasi omonimi Kiliradio, quartetto rock-funk che opera alle nostre latitudini, racconta di averla scoperta «da una regista tedesca che negli anni 80 ci fece un reportage. Io ero già molto sensibilizzata sulla fede e sulla cultura degli indiani d’America. Rimasi affascinata da quel reportage e mi dissi che per un eventuale progetto musicale avrei voluto veicolare questo nome, come omaggio che viene dal cuore».

C’è molta America nelle immagini dei Kiliradio, che a marzo hanno lanciato ‘Call me rock’n’roll’, highway song a presa rapida con videoclip annesso. «Il brano parla del diritto di sentirsi liberi, di vivere sino in fondo la propria essenza. Un diritto da trasmettere» dice Tiziana. Nel video, due forestieri cambiano gli equilibri della quotidianità di un villaggio; fanno da tramite i bimbi del posto, i cavalli, il fuoco, svelando la positività in ognuno. Musicalmente parlando, i forestieri sono quattro: Tiziana (originaria di Bellinzona) e Oliver Frey (di Locarno), nucleo «indissolubile» dei Kiliradio, a Losanna «da almeno vent’anni» e i più stabilmente ticinesi Max Frapolli (basso) e Reto Brogli (batteria). ‘Call me rock’n’roll’ arriva a un anno di distanza da ‘Beautiful thing (I miss you)’, bel singolo funky masterizzato negli Sterling Sound di New York, tempio della musica nel quale sono stati ‘lavorati’ più di 16mila dischi dal 1970 ad oggi (partendo da Jimi Hendrix per arrivare a Sam Smith, citando a caso). «Per le piccole produzioni è un costo non indifferente – racconta Tiziana – ma essendo un solo singolo, non avendo in programma un album intero, ci siamo voluti togliere lo sfizio. Soprattutto per le sonorità del pezzo, che abbiamo pensato meritassero un mastering particolare».

Verso il nuovo album (senza fretta...)

Il presente di Kiliradio doveva essere un album completo. Tra il singolo e l’opera intera ci si è messo di traverso un incidente domestico che sta ritardando i piani. «Da gennaio – spiega Tiziana – sono bloccata da questo imprevisto, così abbiamo annullato i concerti fino a maggio. Mi sto dando da fare per tornare operativa. Fortunatamente ‘Call me rock’n’roll’ l’avevamo già suonata e cantata per intero. Ci siamo detti di lavorare sul singolo, di finalizzarlo, e poi di affidarci un po’ alla buona stella. I brani ci sono, la pre-produzione è stata fatta. Ora bisogna cantare e suonare. Per il canto, non è un problema, per le percussioni, invece, la cosa è diversa…».

Testi rigorosamente in lingua inglese («Dal 2002 al 2007, con i Tamuera, abbiamo cantato in italiano. Ma si tratta della preistoria…»), la strada di Kiliradio si è incrociata con quella di Jonas Macullo, che ha già messo le mani su cose sanguigne come il più recente Andrea Bignasca. Un Macullo così riassunto: «Un incontro incredibile per me. Jonas non è un mero esecutore, come può succedere. Noi registriamo prevalentemente homemade, nel nostro locale. Per la fase finale, mix e mastering, ci rivolgiamo a lui, che aggiunge il suo estro». Per quel disco pronto per essere inciso non si può che affidarsi alle sensazioni e alle anticipazioni di chi lo ha scritto, del quale parla con una certa controllata impazienza. «Sarà abbastanza eclettico nello stile» conclude Tiziana. «Non ci siamo mai rinchiusi in un genere solo, sotto un’unica etichetta. Componiamo in due, io e Oliver, di primo getto il lavoro è sempre individuale e va con l’estro del giorno. Ma alla fine, il marchio di una band viene dal suonare insieme».

 

© Regiopress, All rights reserved